Salsamania Magazine - Numero 6 - Giugno 2006

Comentarios

Transcripción

Salsamania Magazine - Numero 6 - Giugno 2006
N
°
6
0
6
/
2
0
0
6
I
n
t
e
r
v
i
s
t
a
c
o
n
Y
u
m
u
r
i
+
V
i
d
e
o
c
l
i
p
H
e
c
t
o
r
e
l
F
a
t
h
e
r
V
s
.
D
o
n
O
m
a
r
M
u
s
i
c
a
P
o
p
o
l
a
r
e
C
u
b
a
n
a
N
°
4
J
o
e
c
u
b
a
L
o
M
a
s
P
e
g
a
o
R
e
g
g
a
e
t
o
n
N
e
w
s
C
u
b
a
m
a
n
i
a
N
°
6
!
!
!
!
!
R
A
H
C
A
R
A
U
G
A
T
u
t
t
e
l
e
p
a
r
o
l
e
s
o
t
t
o
l
i
n
e
a
t
e
i
n
v
i
a
n
o
a
c
o
n
t
e
n
u
t
i
w
e
b
o
m
u
l
t
i
m
e
d
i
a
l
i
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
E
d
i
t
o
r
i
a
l
e
appassionati di musica cubana, di
salsa, di reggaeton e “innamorati di
Cuba”, ed è per questo che sul nostro
portale “si pensa” con la stessa
mentalità dei visitatori e non con
quella di chi fa un sito o un Magazine
per un puro scopo commerciale.
Senza accorgercene siamo già
arrivati al n° 6 del nostro Magazine..
Un buon traguardo per il nostro
portale, dato che quando abbiamo
iniziato nel mese di Gennaio 2006
non credevamo che il nostro
Magazine digitale avesse così tanti
downloads…( almeno 4.000 al
mese ). Ci scusiamo quindi se ci
sono alcuni errori di ortografia e di
lingua (in spagnolo) visto che
facciamo un notevole sforzo per
tradurre il Magazine, ma preferiamo
privilegiare i contenuti e offrirli
anche ai nostri visitatori che non
parlano italiano…
La scommessa di realizzare ogni
mese una rivista musicale
contenente notizie, contenuti
multimediali, foto, classifiche e
molto altro sul panorama musicale
cubano e latino, è stata difficile ed
azzardata, ma la abbiamo vinta e per
questo Vi ringraziamo per i molti
attestati di stima e Vi preghiamo di
inviarci eventuali suggerimenti o
richieste alla nostra casella di posta
elettronica [email protected]
I visitatori e “navigatori” di
salsamania sono persone che come
noi, in tutte le parti del mondo, sono
Lo staff di Salsamania quindi si fa
ogni giorno una domanda… “Cosa
vorresti vedere, ascoltare o leggere
?” Ed è per questo che tentiamo ogni
volta di accontentare i nostri
visitatori e lettori a 360°! Sapere
quali sono i locali alla moda a Cuba, i
brani ai primi posti nelle Hit Parades,
conoscere le novità sui nuovi Cd o
Dvd e tante altre notizie, permette ai
salsamaniaci di essere sempre
informati in anticipo…
Probabilmente la nostra scelta di non
essere un portale regionale o
italiano, ma un portale della salsa e
in particolare di quella cubana, ci ha
permesso di toglierci quella etichetta
che molti siti nel web hanno, e cioè
quella di un sito specializzato in un
singolo settore… Salsamania quindi
ha come obbiettivo quello di essere
un portale musicale a 360° su
Cuba e per fortuna, grazie a tutti Voi,
ci sta riuscendo.
Andare a Cuba a divertirsi e a ballare
non è più un problema..Prima di
partire i nostri visitatori possono
contare sulle nostre “guide” da
stampare e portare con sé, ed è certo
che arrivare alla Avana con una lista
dei locali della capitale, una lista dei
concerti della settimana, una lista
delle discoteche da frequentare e che
sono di moda al momento e una lista
dei brani da cercare, rendono la
vostra vacanza musicale più
agevole… E se volete viaggiare senza
sorprese a Cuba, Salsamania
Viaggi vi garantisce il suo appoggio
e vi offre i suoi servizi esclusivi ai
migliori prezzi.
Questo mese avremo nel nostro
numero le solite rubriche fisse
Cubamania, Reggaeton News e la
quarta parte della storia della
musica cubana e una speciale
intervista realizzata a Cuba al nostro
amico Yumuri , che con molta
cortesia ci è venuto a trovare nella
nostra
casa alla Avana e ci ha
parlato della sua carriera artistica.
Presenteremo inoltre un nuovo
artista cubano nello spazio che ormai
ogni mese dedichiamo a gruppi
emergenti e a agli artisti cubani
meno conosciuti .
Salsamania sarà presente a Cuba da
Luglio a Settembre in ogni concerto
importante che si terrà alla Avana,
per tenervi informati con i video, le
foto ed i brani su tutto ciò che
accadrà nell'Estate 2006 e con
nuove interviste agli artisti più
popolari a Cuba. Purtroppo a causa di
questo viaggio saremo costretti a
posticipare la pubblicazione del n° 7
del Magazine normalmente in
programma per fine Luglio , che
uscirà in un numero unico (7-8) a
fine Agosto con più pagine e più
informazioni.
Buone vacanze
salsamaniaci !
a
tutti
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
2
i
I
N
T
E
R
V
I
S
T
A
A
G
U
AR
R
A
C
H
A!!!!!!!
R
R
R
Maestro come ha formato la sua
orchestra?
La mia orchestra è nata il 1
settembre 1992. Prima io cantavo
nell'orchestra di Elio Revè dal 1988
al 1992.
La sua è una famiglia di
musicisti e tutti abbastanza
famosi. Yumurí e suo fratello
Orlando Valle(Maraca) hanno
stili diversi ma entrambi hanno
successo. Come se lo spiega e
cosa ci può raccontare in
proposito?
Noi siamo 5 fratelli e siamo i 5
musicisti. I miei genitori non sono
musicisti e chi ha iniziato insieme ai
miei fratelli più grandi era mio zio.
Ognuno faceva qualcosa, chi
suonava il pianoforte, chi suonava
un altro strumento ed io iniziai a
cantare. La maggior parte dei brani
che io ho cantato erano brani di altri
musicisti e decisi così di fare il
cantante iniziando questa carriera,
mentre mio fratello Maraca si è
perfezionato nel suonare il flauto
nell'orchestra Irakere di Chucho
Valdés, per questo che ha avuto
una carriera di impronta più
“jazzistica”. Io ho avuto una vita
artistica più "salsera" ed ascoltavo
artisti come Oscar D'Leon e Willie
Rosario e dopo loro hanno cantato
dei miei brani e questo per me è
stato un grande onore… A casa mia
si ascoltava molta musica cubana
tradizionale, ma si ascoltava anche
musica di altri artisti che non erano
di Cuba, come Willie Colon e Rubén
Blades e quindi ha avuto così
l'influenza di vari tipi di musica.
A parte la musica che si
ascoltava a casa sua, che
musica ascoltava Yumurí e che
musica ascolta oggi...
Quando io ero adolescente
ascoltavo molti gruppi come Kool &
Gang, Hearth Wind & Fire, i
Commodores visto che a Cuba si
incominciava in quegli anni ad
ascoltaree un suono diverso dalla
salsa. C'era un programma alla TV
molto famoso che si chiamava Para
Bailar dove ballavano coppie, così
come ora avviene ora con il
programma Para Bailar Casino ed
è così che si è riscattato il ballo a
Cuba e la gente ha incominciato a
ascoltare artisti che non erano
cubani, fino a quando nel 1983
arrivò Oscar D'Leon in un mitico
concerto a Varadero (io andai a
vederlo…), ed anche la Fania All
Star venne a Cuba e questa è una
cosa che
poche persone
conoscono. Ora io ascolto molto Los
Van Van, Gilberto Santarosa Oscar
D'Leon che ha cambiato molto il
suo stile.
Si…La musica è cambiata molto
ed ora c'è molta influenza di
Rap, Reggaetón a Cuba così
come negli altri paesi. Che
pensa Yumurí di questa
influenza e come si comporta?
Si, la musica si evolve così come la
natura, una pianta o un essere
umano. Io nella mia produzione
nuova ho incorporato per esempio
un rapper,(Coge La Bottella ndr) ma
senza cambiare il mio stile e sono
vicino ai nuovi ritmi ma alla mia
maniera.Non puoi mescolare il
reggaetón con flamenco o il
merengue solo per uno scopo
commerciale, le cose devono essere
naturali e non forzate. Quindi tutte
le “mescole” di stili sono i molto
salutari se sono naturali e
arricchiscono la gente ed i musicisti.
È certo che a Cuba è nato il son, la
rumba ed è necessario difendere
questi generi e questa cultura che
ancora oggi girano per il mondo
intero.
C
L
I
C
C
A
S
U
L
L
’
IA
M
M
G
I
N
E
P
E
R
V
E
D
E
R
E
I
L
V
I
D
E
O
!
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
3
C
O
N
Y
U
M
U
R
I
Maestro, Lei ha fatto molte
tournee internazionali e tra
quelle che ci ha entusiasmato
moltissimo vi è quella in
Giappone che ha una cultura così
diversa. Come è stato il suo
rapporto con il pubblico in queste
tournee in Giappone, in Europa e
negli altri Paesi?
Sempre i musicisti cubani provano a
portare la musica cubana negli altri
Paesi ed è molto bello vedere che
alcuni la recepiscono con molta
felicità, così come succede sempre in
Italia dove uno si sente a casa sua. In
Giappone era una cosa sorprendente
e non avrei mai creduto che una
cultura così diversa da quella nostra
era così interessata alla musica
cubana. Avevo già referenze sulla
Orquesta de La Luz che poi si sono
dedicati a fare una salsa con stile di
New York. Già era stata là NG La
Banda ma noi abbiamo fatto una
tournee con La Orquesta De La Luz e
l'indimenticabile maestro Tito
Puente in luoghi per cubani con cibo
cubano a Tokio. Successivamente il
nostro tour in Giappone ha poi fatto
nascere molte accademie di salsa
cubana
e la Televisione si è
interessata alla musica cubana, lo
stesso come in Europa, dove abbiamo
sempre ottenuto un discreto
successo. Peccato che la nostra
musica non abbia tutta la promozione
in TV che hanno gli artisti a PortoRico
ed è grazie a persone come voi di
salsamania.it che la musica cubana
ha promozione gratuita, senza alcun
interesse economico… grazie a
salsamania.it!
Può parlarci dei suoi progetti e
delle sue tournee?
Il mio ultimo CD è stato pubblicato
alla fine del mese di Dicembre 2004 e
si intitola Salsa y Candela con la
etichetta discografica Bis Music. Noi
già abbiamo la distribuzione a Cuba,
Europa e Paesi dell'America Latina e è
stato registrato anche un DVD così
che le persone possono vederci fuori
da Cuba e non solo ascoltare i nostri
brani. Arrivare alla gente con le
immagini è importante, a volte la
gente ti vede solo nelle copertine dei
CD. Con questo DVD le persone
possono vedere l'orchestra che
suona, divertirsi ed avere
un'immagine di Yumurí y sus
Hermanos mentre suonano e questo
è anche il mio primo DVD.
Noi abbiamo visto un spettacolo
tempo fa alla TV Cubana dove
Yumurí e molti musicisti hanno
realizzato un omaggio a Polo
Montañez. I musicisti cubani
sembrano molto solidali ed uniti
fra loro. Cosa ci può dire su
quell'evento?
Si. Sono d'accordo con te, quel giorno
mentre stavo salendo sul
palcoscenico avevo le lacrime agli
occhi. Già era stata fatta una
registrazione di un brano in omaggio
a Polo ma io non ero a Cuba e così per
la TV abbiamo arrangiato un'altra
volta il brano. Polo era un grande
amico, molto naturale ed umile e con
un grande talento, che era arrivato
rapidamente ai cuori della gente e
nello stesso modo se ne è andato cosi
presto dalle scene... Questo omaggio
è stato molto sentito da tutti i
musicisti invitati, che non avevano
alcun interesse ad avere successo
personale sul palco ma solo quello di
arrivare direttamente al pubblico, che
poi si è alzato tutto in piedi in onore di
Polo e poi dietro al palcoscenico c'è
stato un forte abbraccio fra noi
musicisti e con Paulo FG che io ho
conosciuto tempo fa, e addirittura
abbiamo cantato insieme una volta
prima di avere successo entrambi.
E che ci dice della sua esperienza
con la Orchestra Revè?
Questa esperienza è stata molto
importante per me. Visto che Elio fece
fin dal principio questo
genere(Changui) iniziando a
Guantanamo e nei miei 4 anni con
l'orchestra Revè notavo che lui aveva
un "olfatto" tremendo nel comporre
brani che arrivavano alle persone e
con Elio Revè ho imparato cose come
la disciplina, che è molto importante
per arrivare ad avere successo con la
gente e mantenerlo:è facile
raggiungerlo ma mantenerlo è
difficile, e bisogna essere originali
come artisti per essere sempre sulla
cresta dell'onda.
Maestro la ringraziamo per la
piacevole conversazione e se
vuole,
può fare un saluto ai
navigatori di salsamania.it…
grazie.!
Siamo qui alla Avana e mando un
saluto speciale a tutti i navigatori
della pagina web salsamania.it e
come io dico sempre nei miei
concerti. …A Guarachar!!!!!!!!
Interviste effettuata a Cuba da Enzo Bove
[email protected]
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
4
J
O
EA
-U
C
B
C
O
N
O
S
C
I
A
M
O
U
N
N
U
O
V
O
A
R
T
I
S
T
A
C
U
B
A
N
O
La sua carriera di studente è piena di successi ! E'
stato selezionato per entrare al miglior Centro di
Studi pre-universitario di Cuba specializzato in
chimica ma nonostante i suoi amici lo ritenessero un
vero portento, Joe si accorgeva giorno per giorno che
quello non era il suo mondo
Nel 1989 svolge il servizio militare alla base
aeronavale di Mariel a Cuba dove ha continuato il suo
interesse per la musica e sognava di diventare un
presentatore alla radio. Fu così che alla fine del
servizio militare, dopo aver studiato economia a
Pinar Del Rio, nel 1991 lascia la sua provincia natale
per andare alla Avana e realizzare i suoi sogni.
Joe è nato il 9 Maggio 1970 nel quartiere di Marianao
nella Città dell'Habana a Cuba. Quando aveva
appena cinque mesi, i suoi genitori si trasferiscono a
Bahia Honda, un piccolo paese nel nord-est della
provincia di Pinar del Rio a Cuba
Fin da piccolino Joe si è appassionato alla musica e
passava molto tempo ascoltando la radio. Molte volte
è stato rimproverato dai genitori perché cantava o
ballava di fronte alla radio russa della casa. In quei
periodi Joe amava ascoltare Farah María, Beatríz
Márquez, Michael Jackson e anche la nostra italiana
Raffaella Carrà.
Nel 1984 suo padre comprò una radio VEF con la
quale Joe ha scoperto la stazione radio Q 105 che
trasmetteva in AM dalla Baia di Tampa in Florida negli
Stati Uniti. Da questo istante Joe ha iniziato a
interessarsi della musica anglosassone cambiando
così i suoi gusti musicali ed ascoltando artisti come
Madonna, Prince, Wham!, Bon Jovi, Def Leppard y
Whitesnake.
Un altra delle cose che amava Joe nella sua
adolescenza era viaggiare verso la capitale cubana
approfittando dei turni che sua sorella, che era
medico, faceva alla Avana e alcune volte di piccole
vacanze. In uno di questi viaggi ebbe l'occasione di
ascoltare la banda FM ( per lui sconosciuta fino a quel
momento ) e di ascoltare suo cugino che trasmetteva
in una stazione radio da Key West. Fu così che il padre
si decise a comprare per la casa anche una radio FM..
Joe appena arriva nella capitale cubana conosce il
famoso cantautore cubano Amaury Perez che gli ha
aperto le porte artistiche nel suo programma radio
“Como en casa”. Joe viene poi chiamato dalla
popolare direttrice di programmi musicali delal Tv
cubana MartaPita ( Colorama, Orbita Musical, Recital
Internacional, Tele Música, Discograma 6, Video
Éxitos, etc). Marta Pita così gli propone di lavorare
come suo assistente e dal 1993 ad oggi Joe è stato
direttore di molti programmi Tv cubani (Colorama,
Recital Internacional, En Directo, el NTV, Videosol ) e
uno in particolare che ad aoggi è il suo miglior
progetto, il programma PISO 6. Fino ad aggi tutti i
programmi diretti da Joe sono stati sempre un
successo tra i giovani cubani e mantengono sempre
grossi ascolti
Negli ultimi anni, grazie a PISO 6 la sua conoscenza e
interesse per la musica sono cresciuti molto. Nel
2005 durante un progetto musicale con i conduttori
di PISO 6 che si chiama “los chicos de piso 6” stringe
una forte amicizia con il giovane cantante,
compositore e produttore Jeesee Suarez. Alla fine del
2005 Jesse gli propone di registrare un brano e così
nasce il brano “junto a ti” e la sua carriera come
cantante
[email protected]
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
5
J
o
e
c
u
b
a
.
c
o
m
K
N
O
C
K
O
U
T
e
o
j
i m
d
o
o
t
c
i a
.
s
l
b
i u
a
c
t
i
e
s
i
o
j
V
.
w
w
w
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
3
6
C
U
B
A
M
A
N
I
A
C
O
M
O
S
E
M
U
E
V
E
L
A
FD
A
RA
A
N
U
L
.
.
.
.
.
L'estate è ormai arrivata e quasi tutti i
musicisti cubani sono già in tournee in
Europa e nella nostra calda penisola
italiana. Abbiamo avuto modo di vedere
già alcuni concerti ed altri ci
accompagneranno in concomitanza con
le varie manifestazioni e festival latinoamericani nel nostro Paese.
Iniziamo subito con un gradito ritorno
nel panorama della salsa ed è quello di
Manolin el Medico de la Salsa. Manuel
Gonzales (suo vero nome ) è stato un
cantante che con i suoi brani e cori ha
fatto cantare tutta Cuba negli anni 90.
Brani come A Pagar Alla, Arriba de la
Bola (che è attualmente ancora il brano
che per più tempo è stato 1° in classifica
a Cuba , ben 35 settimane ) hanno fatto
storia e sono ancora ascoltati. Manolin
,dopo un problema avuto con una
tournee a Miami nella quale quasi tutti i
suoi musicisti non sono più tornati a
Cuba e problemi con un ritornello di una
sua canzone nel quale parlava di un
“ponte” tra Miami e La Habana , dovette
abbandonare il panorama del mondo
musicale cubano e passare la frontiera
tra Messico e Usa addirittura in forma
illegale… Come tutti i musicisti cubani
ormai residenti all'estero Manolin nel
suo nuovo brano Me Falta La Habana
(ascoltabile nella nostra Radio e
ciccando sul titolo in questa stessa
pagina) canta dei tempi in cui era a
Cuba e dei suoi cori e dei musicisti suoi
amici.. Che dire… un brano per
nostalgici e non appena avremo notizie
sull'uscita del suo cd che si intitolerà
probabilmente “Contando Estrellas”
ne daremo notizia sul nostro portale e
sul nostro Magazine.
In tema di novità discografiche e
musicali vi segnaliamo finalmente la
uscita del Cd ufficiale di Bamboleo
prevista per questa estate. Lazaro
Valdes e il suo gruppo ora si trovano in
Italia in tournee e dopo una serie di
brani promozionali che erano in giro
ormai da tempo e qualche cd non
ufficiale già in commercio, ha
annunciato che il cd si intitolerà Lo Que
Te Va Pa' Encima ed uscirà con
l'etichetta discografica Bis Music. Molti
dei brani sono inediti e non sono stati
mai suonati dal vivo, ma Lazaro
Valdes ha già annunciato che sarà
presente il brano Sueño de Cristal,
interpretato dalla splendida voce di
Tania Pantoja, dal quale sarà prodotto
un videoclip. Uscito invece questo mese
sempre per Labaro Valdes y Su
Bamboleo il DVD Knock-Out fatto con
Manolito Simonet al teatro Karl Marx
al quale abbiamo dedicato un ampio
special nel numero 4 del nostro
Magazine. Sempre nello stesso Teatro
a Giugno Los Van Van hanno
registrato in 2 giorni un concerto che
verrà poi messo in vendita su DVD e
che narra la storia dei Los Van Van
dalla loro nascita ad oggi. In anteprima
potete visionare nel nostro portale il
videoclip di presentazione del brano
Anda Ven y Quiereme.
Finalmente in commercio anche il DVD
della Charanga Habanera intitolato
Popular, nel quale si può ripercorrere il
cammino dell'orchestra di David
Calzado in questi 15 anni di storia
musicale. E sempre a proposito di
Charanga Habanera questo mese sono
stati pubblicati in esclusiva sul nostro
portale 2 brani di reggaetón cantati da
Leoni e Randy con il rapper cubano
Mr. Irè intitolati Me sirve Cualquiera
e En La disco e sempre in anteprima il
brano registrato dall'intera orchestra
con il gruppo Eddy-K intitolato
Llegaron Los Grandes.
Sempre in tema di reggaetón il gruppo
Gente D' Zona ha appena lanciato un
singolo intitolato La Campaña del
quale a breve vi presenteremo anche il
videoclip nell'aera dedicata al Cubatón
. Segue il successo Del gruppo Clan
537 con la hit Habia una vez (La
Caperucita ) e molti di questi artisti
possono essere visti e ascoltati nelle
numerose matinee e nelle serate che
ormai sono dedicate a questo genere a
Cuba. In particolare alle due Casas De
la Musica di Galiano e Miramar e al
locale Le Select di Miramar.
Continuando a parlare di locali alla
moda vi segnaliamo per questa estate
la matinee della domenica del
ristorante-discoteca La Cecilia in
Quinta Avenida alla Avana, che ormai
assieme alla Macumba Habana sono
gli eventi da non perdere per gli amanti
del genere discoteca di domenica.
Ritornato ormai alla moda il mitico Cafè
Cantante, locale storico vicino Plaza
De La Revolucion che sembra aver
“attirato” una buona parte del pubblico
notturno che popola i locali della
capitale. Segnaliamo infine una notizia
che farà felici i fanatici della notte…
Sembra che il famoso locale La Casa
de La Musica di Galiano y Neptuno
abbia creato una spazio musicale nuovo
nella sua programmazione che va ad
aggiungersi a quelli già presenti delle
matinees e delle notti. Questo spazio si
dovrebbe chiamare Amanecer e
sembra sia nella fascia oraria dalle 2-3
della notte fino all'alba, solo per i
fine settimana(Venerdì, Sabato e
Domenica ). Vi terremo informati nel
prossimo numero dato che parte dello
staff di salsamania si trasferisce a
Cuba da Luglio a Settembre per
proporvi sempre più novità !
Francesco Bove
[email protected]
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
7
H
E
C
T
O
R
V
s
.
D
O
N
O
M
A
R
O
N
A
R
B
!
L
O
U
L
S
R
A
A
T
C
L
C
I
O
L
C
C
S
A
R
E
P
A
S
CN
O
L
T
AT
IA
N
E
P
R
I
M
A
I
D
U
E
C
D
D
E
L
LO
’
A
N
N
!
01. Intro (Gallego)
02. Here We Go (Yo!) - Héctor 'El Father' (f. Jay-Z)
03. Yomo Déle - Yomo (f. Fat Joe)
04. El Teléfono - Wisin y Yandel (f. Héctor 'El Father')
05. La Cama - Alexis y Fido
06. Sigue Ahí - Zion & De La Ghetto (f. Memphis Bleek)
07. Déjate Llevar - Kartier
08. Ahora Son Mejor - Don Omar
09. Tiburón - Héctor 'El Father', Yomo, Polaco
10. Eje - Ariel
11. Soñando - Polaco (f. Freeway)
12. Píllala - Trebol Clan
13. Tiemblan - Héctor 'El Father'
14. Duro Mueven - Franco 'El Gorila'
15. Duro - Big Joe
16. Ratón - Tru Life (f. Héctor 'El Father')
17. Vengan Donde Mi - Héctor 'El Father' (f. Naldo)
18. Here We Go (Yo!) (Remix) - Héctor 'El Father' (f. Jay-Z)
01. Predica (Intro) - Miri Ben-Ari, , Don Omar
02. Reportense
03. Ojitos Chiquitos
04. Conteo - Don Omar, Juelz Santana
05. Cuentale
06. Tu No Sabes
07. Candela
08. Salio el Sol
09. En Su Nota - Don Omar, Mackie Ranks
10. Angelito
11. Jangueo
12. Bomba
13. Infieles
14. Belly Danza - Beenie Man, , Don Omar
15. Muñecas de Porcelana
16. Not Too Much - Don Omar,
17. Bailando Sola
18. Amarga Vida
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
0
8
R
E
G
G
A
E
T
O
N
N
E
W
S
N
O
T
I
Z
I
E
D
A
L
M
O
N
D
O
D
E
L
RT
E
G
G
A
E
O
N
Hector el Father ha appena
lanciato una cd di reggaetón
assieme ad altri artisti che è
destinato ad essere uno dei cd più
ascoltati, venduti e commentati del
momento. Il suo titolo “Los
Rompediscotekas” già lascia
intendere che è un cd tutto da
ballare. Partecipano a questo disco
Yomo, Ariel, Trebol Clan, Don
Omar, Jay-Z, Fat Joe, Kartier,
Alexis y Fido, Zion, Polato e Big
Joe… 15 brani di grossa qualità
hanno dato vita a questo progetto
che sicuramente è destinato a
diventare un “cult” del genere
reggaeton. Hector ha dichiarato
che in questo cd è stata cercata la
qualità prima di tutto e non vuole
essere un cd di creato solo per
vendere. Il pubblico che ascolta il
genere reggaetón si è molto
evoluto in questi anni ed è
importante che dietro un artista che
fa anche un solo brano ci sia una
buona produzione.
Sempre sul cd “Los
Rompediscotekas” c'è un piccolo
pettegolezzo che riguarda Don
Omar e il brano “Ahora Son Mejor
”. Sembra che Don Omar non
volesse partecipare al progetto e
sono nate mille polemiche, così alla
fine Don Omar ha partecipato “solo“
per mettere fine a questi problemi.
Il brano di Don Omar però circolava
già da mesi in internet in forma
illegale dato che era già stato
registrato per il cd The Godfather
II che doveva uscire quando
Hector faceva ancora coppia
musicale con Tito, e non è mai
stato pubblicato perché il gruppo
Hector y Tito si è diviso. Hector si
è detto molto infastidito da questo
comportamento di Don Omar, dato
che Hector si sente un po' il
padrino di Don Omar per averlo
scelto assieme a Tito come corista
quando lui ancora non era nessuno.
Inoltre nel nuovo cd di Don Omar
The King of Kings ci sono delle
strofe nel brano Reportense in cui
chiaramente Don sfida con parole
un musicista, ed in questo caso si
tratta di Hector.
Sempre parlando di Don Omar, il
cantante portoricano è appena
tornato da un viaggio in Corea dove
ha visitato ben 5 basi militari. C'era
un pettegolezzo del quale si stava
parlando molto in questi giorni e
riguarda il ritiro di Don Omar dal
palcoscenico musicale. Don ha
dichiarato che effettivamente
aveva deciso di non cantare più e
che l'incontro con i militari e con il
pubblico presente in Corea gli
hanno dato uno stimolo per
continuare. Il cantante ha già
venduto in un mese 400.000
copie del suo nuovo cd The Kings
of Kings e dopo aver conversato
con vari soldati nelle basi
militari(sia uomini che donne) ed
aver visto che quasi tutti sono
diventati militari per fare un
sacrificio economico per le loro
famiglie o figli, Don ha deciso di
comporre un brano che si intitolerà
Jugando a los soldados e
probabilmente sarà incluso in una
edizione speciale del suo cd. Don
Omar inoltre ha dato pieno
appoggio a Tego Calderon che ha
deciso di non usare più gioielli dopo
la morte di molti minorenni in una
miniera di diamanti. Don sa
benissimo che Tego ama i gioielli e
apprezza molto questo gesto, ma
lui continuerà ad utilizzarli ancora,
dato che fanno parte del suo
personaggio. Tego sarà uno degli
artisti invitati il 19 Agosto
all'Heineken Aster Jaim 2006
che si svolgerà a New York e ha
annunciato che finalmente il suo cd
El Sobrestimado uscirà il 29
Agosto.
Il duo Zion y Lennox, separatosi
da poco, continua a far parlare di
sé… Lennox ha subito un plagio di
due suoi brani che non sono ancora
usciti e già si trovano illegalmente
in internet. Sembra che parte di
questi brani si trovassero nel suo
sito internet e che alcuni hackers
siano riusciti a rubarne il contenuto.
Lennox ha inoltre dichiarato che è
stato molto difficile separarsi dal
suo amico Zion e che i rapporti tra
loro sono ottimi. Ci sono stato molti
pettegolezzi sulla loro separazione
ma è sempre così. Nessuno dei due
cantanti parla male dell'altro e le
due carriere sembrano destinate ad
essere di successo. Lennox ha
infine dichiarato che a breve uscirà
un suo cd dove ha partecipato con
molti artisti del genere reggaetón
e che sarà composto da ben 45
brani !
Francesco Bove
[email protected]
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
0
9
L
O
M
A
S
P
E
G
A
O
C
L
A
S
S
I
F
I
C
A
D
E
I
B
R
A
N
I
P
I
U
’
A
S
C
O
L
T
A
T
I
A
C
U
B
A
B
A
I
L
A
B
L
E
P
O
P
L
A
T
I
N
O
1
)
B
u
e
n
a
F
e
S
i
g
o
C
a
y
e
n
d
o
N
g
L
a
B
a
n
d
a
U
n
P
e
d
a
c
i
t
o
.
.
1
)
2
)
E
l
C
l
a
n
N
o
T
e
n
g
o
L
a
C
u
l
p
a
2
)
V
a
n
V
a
n
A
n
d
a
V
e
n
y
.
.
)
D
a
y
o
r
o
n
D
o
n
d
e
E
s
t
a
s
3
)
B
a
m
b
o
l
e
o
y
M
a
n
o
l
i
t
o
K
n
o
c
k
O
u
t 3
4
)
T
r
i
a
n
g
u
l
o
O
s
c
u
r
o
J
u
e
g
a
l
a
4
)
M
a
c
a
r
a
S
o
y
Y
o
5
)
P
e
d
r
i
t
o
C
a
l
v
o
M
a
r
i
l
u
5
)
G
a
r
d
i
Q
u
i
e
n
T
e
D
i
j
o
C
L
I
C
C
A
S
U
L
B
R
A
N
O
P
E
R
V
E
D
E
R
L
O
O
A
S
C
O
L
T
A
R
L
O
!
C
U
B
A
T
O
N
R
E
G
G
A
E
T
O
N
1
)
C
l
a
n
5
3
7
L
a
C
a
p
e
r
u
c
i
t
a
2
)
G
e
n
t
e
D
’
Z
o
n
a
L
a
C
a
m
p
a
ñ
a
3
)
C
h
a
r
a
n
g
a
y
E
d
d
y
K
4
)
L
a
F
r
e
s
K
O
t
r
a
C
o
m
o
Y
o
5
)
E
d
d
y
K
A
q
u
i
E
s
t
a
n
L
o
s
4
D
o
n
O
m
a
r
A
n
g
e
l
i
t
o
1
)
2
)
H
e
c
t
o
r
R
o
m
p
e
d
i
s
c
o
t
e
k
a
s
3
)
N
O
R
E
M
a
s
M
a
i
z
4
)
A
l
e
x
i
y
F
i
d
o
L
a
C
a
m
a
5
)
D
o
n
O
m
a
r
C
o
n
t
e
o
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
0
C
L
I
C
C
A
S
U
L
L
E
I
M
M
A
G
I
N
I
!
N
O
V
I
T
A
’
! I
G
A
D
G
E
T
S
D
I
S
A
L
S
A
M
A
N
I
A
!
V
I
A
G
G
I
A
C
U
B
A
R
E
G
G
A
E
T
O
N
E
C
U
B
A
T
O
N
L
A
N
O
S
T
R
A
R
A
D
I
O
E
T
V
L
A
A
L
T
R
E
R
A
D
I
O
E
T
V
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
1
L
A
M
U
S
I
C
A
P
A
R
T
E
4
Centrale ed Occidentale. Questi si
“mischiarono” nell'Isola con negri di altre
regioni africane. Da questa fusione tutti
apportarono musica, balli, strumenti
musicali, abitudini, ed ovviamente, i loro
sistemi religiosi.
Benny Moré
La Musica Popolare Cubana
(1940-1950) Parte IV
-Benny Moré il Barbaro del Ritmo Prima e dopo la Rivoluzione
Cubana - Gli anni 1960-1969
Benny Moré il Bárbaro del Ritmo
Bartolomé Maximiliano Moré, per i
suoi parenti ed amici "Bartolo", per il
paese di Cuba ed il mondo "Benny",
nacque il giorno 24 di agosto di 1919, nel
quartiere di Paese Nuovo del villaggio di
Santa Isabel de las Lajas, nell'antica
provincia di las Villas, ed attualmente
a p p a r t e n e n t e a l l a p rov i n c i a d i
Cienfuegos. I suoi genitori furono
Virginia Moré e Silvestre Gutiérrez, ma
per ragioni di indole familiare,
Bartolomeo porterà come primo
cognome quello di sua madre: Moré. Fu il
maggiore dei 18 figli che ebbe Virginia.
Poco dopo della sua nascita, la famiglia si
trasferi all' umile quartiere della Guinea,
umile così come era anche Santa Isabel
de las Lajas, dove trascorse l'infanzia di
Bartolomeo. Lì nel quartiere di La
Guinea, il bambino Bartolo Moré
ricevette una gran influenza
determinante per la sua carriera come
musicista, grazie all'esistenza di una
confraternita di negri denominata
"Casinò dei Congo o San Antonio", nata
nel Secolo XIX da un gruppo di schiavi
negri, portati molto prima dell'Africa
La sua infanzia
Da molto presto dovette abbandonare la
scuola per contribuire al sostentamento di
sua madre ed il resto dei suoi fratelli,
obbligato per la necessità e la fame. Per
riuscire questo obiettivo, lui e suo fratello
inseparabile, Teodoro, si dedicano a
coltivare, seminare e raccogliere prodotti
agricoli. Quando aveva dieci o dodici anni
usciva a cantare serenate nel parco di
fronte alla terminale della ferrovia alle dieci
o le undici della notte,con un gruppo
formato da Manolo Mena, Loreto Madrazo,
Eliseo Fernández ed altri. Come affermano
molti, aveva una “facilità” già da bambino
per la musica che era prodigiosa. Suonava
la chitarra ed egli stesso si accompagnava e
cantava.Trasformava in strumenti musicali
qualunque lattina, cassetto o bottiglia...Poi
va a Vertientes nella provincia di
Camagüey, fino a che in 1935 riesce a fare
parte di un gruppo musicale, e per la prima
volta, il paese può apprezzare la sua
prodigiosa voce.
Benny Moré non aveva mai studiato nulla di
musica, ma possedeva le condizioni innate
di un genio. A metà di 1936 decide di
trasferirsi a L'Avana e lì si dedica a vendere
frutti e vivande, erbe medicinali, con suo zio
Tomás Armenteros. Quindi dopo essere
rimasto circa sei mesi nella capitale del
paese, ritorna a Santa Isabel de las Lajas e si
trova con il suo fedele seguace, suo fratello
Teodoro. Ambedue partono di nuovo verso
le terre agramontine dove si dedicano al
taglio di canne nella colonia Las Marías del
central Guayabal, vicino alla città di Ciego de
Avila. I fratelli Moré passarono poi alla
centrale Vertientes, dove lavorarono di
compagno in aree della colonia Guano Alto.
Nel 1939, Bartolo e suo fratello Teodoro
si ammalano di febbre paludosa ed in
un auto della compagnia della Centrale
andarono all'ospedale e lì li assistette il
dottore Horacio Rodríguez Moya chi li
raccomandò visti gli effetti della
malattia che cambiassero di posto di
lavoro.
Spossato per la brutta situazione e la
rudezza del lavoro che doveva svolgere
nel centrale, il giovane Bartolo decide
un'altra volta di tentare la sua fortuna
nella capitale della bella isola caraibica
:La Habana.
In 1940 arriva alla capitale dal paese
per iniziare un pellegrinaggio per le
strade della Avana che durerà quasi
quattro lunghi anni, deambulando di
caffè in caffè e di bar in bar. Nei
ristoranti lo cacciavano affinché non
disturbasse la clientela. Ma lui sapeva
che alla clientela piaceva la sua voce.
Aiutava anche lo zio di sua mamma a
vendere di giorno al Mercato e per le
strade, mentre di notte andava da bar in
bar, per le strade a cantare.
Benny Moré
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
2
1
P
O
P
O
L
A
R
E
C
U
B
A
N
A
È in quell'epoca che decide di
presentarsi nel famoso programma
radiale “La Corte Suprema della
"Arte", incoraggiato per Germán Pineli
e José Antonio Alonso. Dopo averlo
presentato ed al momento di iniziare la
sua interpretazione, gli “suonarono le
campane”(una sorta di giudizio positivo
espresso dalla giuria del programma con
il suono delle campane ndr).
Poco tempo dopo Bartolomé
Maximiliano Moré decide di ritornare a
“La Corte Suprema della "Arte", ed
in questa seconda occasione vince il
Primo Premio. Cantava anche per le
strade, insieme con un compagno di
arte famoso, Anselmo. Fece parte del
Cuarteto Cordero e dopo ebbe il suo
primo lavoro stabile con il Septeto
Cauto che dirigeva Mozo Borgellá.
Come molti cantanti, percorse strade
angoli e bar, sempre accompagnato
dalla fame, ma con la ferma volontà di
trionfare. La prima volta che Benny
Moré cantò in una stazione radio
capitalina fu col Sexto Fíngaro, di
Lázaro Cordero, nell'emittente CMZ.
Dopo il suo debutto nella stazione radio
Mille Dieci, nella quale cantava col
septeto Cauto, di Mozo Borgellá, si può
dire che le cose gli incominciavano ad
andare bene. La sua carriera artisticoprofessionistica cominciò al lato di Siro
Rodríguez, Rafael Cueto e Miguel
Matamoros, il rinomato trio
Matamoros . Qui Benny si consacra
come artista per sempre.
Con il trio Matamoros, realizza le sue
prime registrazioni discografiche, tra
esse: “La cazuelita”, “Las ruinas de
mi bohío”, “Me la llevé”, “¿Seré
dichoso?” , “¿Qué será eso?”,
“Penicilina”, ed altri. Si racconta che
quando Benny ed i Matamoros fecero le
loro prime registrazioni discografiche,
ascoltando per la prima volta l'idolo lajero
la sua voce registrata, ebbe lui stesso una
impressione così rara, tanto che
passeggiava per tutto lo studio della casa
discografica con le mani nella testa,
ridendo e piangendo come un bambino.
In Messico
Col raggruppamento di Matamoros e
come voce principale della stesso, viaggia
in Messico nel 1945. Esattamente il 21
giugno di quell'anno, incominciano a
lavorare nella radio ed in quel leggendario
centro chiamato Mi Rosa, alternandosi con
uno dei migliori gruppi di tutti i tempi: El
Son de Veracruz. Quando finì il
contratto, il gruppo Matamoros ritorna alla
Avana, ma senza Bartolomeo chi decide
provare fortuna in Messico come solista.
È allora quando Rafael Cueto, del
Conjunto Matamoros gli suggerisce di
cambiare il suo nome di battesimo per un
altro artistico e poiché in quel paese amico
si allude popolarmente agli asini di grandi
orecchie con il soprannome di “Bartolo",
da allora, cominciò a chiamarsi Benny
Moré. In 1946, Benny contrae matrimonio
con Juana Bocanegra Durán, di nazionalità
messicana, una infermiera.
I primi mesi in Messico non furono del
tutto facili per il Benny… Ma il “giovane
lajero” non perse il suo ottimismo.Ritornó
sulle scene nella terra azteca, cantando
con il gruppo El Son de Veracruz, ed il suo
cantante Lalo Montané con il quale formò il
duetto Antillano. Registrò in Messico con
la RCA Víctor, ed unì la sua voce a
Dámaso Pérez Prado con il quale
realizzò più di 60 registrazioni, tra le quali i
brani: “Bonito y sabroso”, “Mucho
corazón” e “Dolor carabalí”, tema che
il Benny considerò la migliore
composizione registrata insieme a Prado
che era già considerato il Re del Mambo.
Pérez Prado
Con Pérez Prado
Con Pérez Prado, percorse quasi tutti
gli stati messicani, ed il paese gli
concedè il titolo di Principe del
Mambo, mentre Pérez Prado, riceveva
quello di "Re" del Mambo.Alla fine del
50, Benny ritornò definitivamente a
Cuba. Andò a Santa Isabel de las Lajas,
il "suo angolo caro", dopo a Vertientes,
dopo a Santiago di Cuba, dove tenne
molte esibizioni nella Cadena
Oriental de Radio che gli arrivarono
a proporzionare il suo primo trionfo
nell'Isola. Dopo, nella capitale cubana,
entra a far parte dell'orchestra del gran
Bebo Valdés col quale il Benny
popolarizza un nuovo ritmo, Batanga.
Per breve tempo, l'idolo lajero fa parte
di questo gruppo e successivamente,
riceve la proposta di entrare a a far
parte dell'orchestra di Ernesto
Duarte, con la quale popolarizzò più
tardi temi tanto ricordati come “No te
vayas a engañar, “Bombón de
pollo”, “Miguel”, “Semilla de
marraron”, “No deben de llorar”,
ed altri. A causa di divergenze sorte col
direttore di orchestra Ernesto Duarte,
Benny Moré decide di formare la sua
propria orchestra, la quale rimane
organizzata col nome di "Banda
Gigante", la sua famosa "tribù", con
la quale si esibisce il primo da agosto di
1953 in un ballo effettuato in Placeas,
paese del centro dell'Isola.
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
3
P
A
R
T
E
Q
U
A
R
T
A
La prima volta che il Benny si esibì con la
sua propria orchestra fu nel programma
“Cascabeles Candado”, della CMQ. A
partire da 1953 in cui lascia organizzata
la sua "tribù", il lavoro per il Benny fu
tanto intenso che quasi non poteva
soddisfare le richieste che riceveva per
esibirsi nella televisione, alla radio, nel
t e a t r o, n e i c a b a r e t s , e n e g l i
i n n u m e r e vo l i i b a l l i o r g a n i z z a t i
nellll'Isola. Piovevano i contratti,
soprattutto per presentarsi nei
carnavales. Inoltre, si succedevano i
tours all'esterno, dove andava sempre
accompagnato dalla la sua "tribù". Con il
passare del tempo, aumenta il lavoro
per El Barbaro del Ritmo, e le tournee
nei paesi latinoamericani come la
Colombia, Haiti, Messico, Panama, e
Stati Uniti, si intensificano
notelvolmente.
Con il trionfo della Rivoluzione Cubana,
nel 1959, non smise mai di lavorare
affannosamente per il suo paese. Verso
il 1962, la salute di Benny cominciò a
diventare molto cagionevole. Concerti
nel teatro Olympia, di Parigi, ed una
tournee in vari paesi europei furono
cancellati a causa della sua salute
precaria. Scenari dei suoi trionfi in terra
cubana sono: Guantánamo, Manzanillo,
Santiago de Cuba, Holguín, Las Tunas,
Morón, Vertientes, La Habana, Regla,
Güira de Melena, Marianao, Cienfuegos,
Santa Isabel de Las Lajas, i luoghi nei
quali il Benny si ispirò per comporre
varie delle sue immortali melodie. Si
esibì anche per i vicini del villaggio di
Palmira, ubicato nella provincia di
Cienfuegos, che furono i testimoni della
ultima apparizione in pubblico, la notte
del giorno 16 di febbraio dell'anno 1963.
Il martedì 19 di febbraio del 1963, alle
9:15 p.m. smetteva di esistere
fisicamente Bartolomé Maximiliano
Moré Gutiérrez. I suoi resti si trovano nel
cimitero di Santa Isabel de Las Lajas.
Prima e dopo la Rivoluzione Cubana
In questi anni la maggioranza dei cabaret
cubani appartenevano a grandi consorzi
nei quali partecipavano imprese straniere
e personalità del governo.In questi
cabaret si esibivano, percependo quantità
esorbitanti di denaro, artisti, cantanti, di
fama “precostituita” dal processo
mercantilista come Liberace, Katina
Ranieri, Sarita Montiel Lucho Gatica.. i cui
dischi si vendevano diffusamente ed dei
quali immediatamente uscirono imitatori.
Il processo si ripeteva.Trionfava
n u ova m e n t e i l c a tt i vo g u s t o. G l i
arrangiatori copiavano le partiture
musicali, e le gli arrangiamenti vocali,
anche le sonorità dell'insieme che avevano
questi dischi.Questo diede per risultato un
uguagliamento di stili e sonorità.La
creazione seguiva molto da vicino queste
sonorità, e lo stile di questi artisti andava,
se non proprio copiandosi, creando pochi
modelli stilistici.
Pablo Milanes
Dopo la rivoluzione e come conseguenza
dell'introduzione di diverse leggi
rivoluzionarie, sparirono i commercianti
dalla" industria culturale", gli impresari di
cabaret, agenti di spettacoli ed un gran
numero di artisti che si sentivano “fuori di
ambiente", emigrarono a paesi nei quali
potevano mantenersi nel mondo della
musica come affare economico.
Lo sviluppo della musica popolare
cubana non si arrestò per questa
ragione.La ricerca di nuove modalità di
ristrutturazione di ritmi, strumenti e
melodie è quello che porta alcuni
musicisti popolari ad inventare nuovi
generi. Questo nel caso
dell'apparizione di modalità musicali
con nomi tali come pilón,
mozambique, pa'cá, wa–wá che
non sono altro che elaborazioni, un
poco innovative, di elementi ritmici
apparsi in altre manifestazioni
popolari.
I grandi insiemi di jazz band, le bande
giganti, le charangas sono sostituite
da piccoli gruppi strumentali con
chitarre elettriche, sax, batteria,
tromba e clarinetto. Questi gruppi
strumentali chiamati comboscontrazione della parola inglese
"combination" usata dai portoricani“assimilano” qualunque combinazione
strumentale e si incominciano a
diffondere alla fine della decade del 50
con la finalità di accompagnare
cantanti dello stile "feeling" e di
produrre nei cabaret e club notturni, le
cosiddette descargas, che
consistevano nel prendere un tema
conosciuto o estemporaneo ed
eseguire ogni strumento con distinte
variazioni secondo le sue possibilità
tecniche e sonore.
Dopo la Rivoluzione, si ampliano gli
interpreti di questa nuova modalità di
espressione, il feeling, ed appaiono
molti artisti creatori delle stesse
canzoni che eseguivano come
interpreti nell'ambiente notturno. Al
repertorio di compositori come
Portillo De La Luz, e José Antonio
Méndez si aggiungono quelli di
Adolfo Guzmán, Tania
Castellanos, Piloto e Vera, Frank
Domínguez, Martha Váldes Juan
Almeida , Meme Solis ,tra altri.
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
4
3
B
E
N
N
Y
M
O
R
E
’
Alcuni intepreti come Elena Burke
saranno l'espressione più alta e di
qualità “purificata” del
movimento.Inoltre sono venuti
assimilandosi ritmi "nuovi" e "moderni"
come bossa nova,twist,sef, yenka,
gogó ed altri riprodotti da artisti come i
Beatles, Brincos, Beach Boys etc, in
combinazione con ritmi cubani. Con una
serie di cambiamenti sottili come
l'accompagnamento arpeggiato, e la
morbidezza nelle ondulazioni della linea
del canto, la canzone si modernizza e
riceve il nome di balada.
Gli anni 1960-1969
Il panorama musicale nella fine di
questa decade presenta due sfere ben
distinte.Una marcatamente incline
verso la tradizione cubana, con
orchestre tipiche che continuano ad
ispirarsi alla forma tradizionale melodica
con alcuni arrangiamenti moderni.
Possono menzionarsi le orchestre
Aragon e Revé, la quale contava su
Juan Formell, musicista e arrangiatore
e compositore che in seguito fonderà i
Van Van. In questa sfera possono
collocarsi anche Chapottín, Roberto
Faz, Rumbavana e molti altri che
intepretano sones boleros e guarachas,
o gruppi di guaguancó come Los
Papines e Los Muñequitos.
Elena Burke
rivoluzionaria e questo sforzo ha dato i
sui frutti.Ora l'autore non “fischia”
più la sua canzone ad un arrangiatore
per metterla in musica.Già non si canta
una canzone ”a orecchio”.
Silvio Rodriguez
L'altra sfera, che va verso la musica più
universale capace di essere eseguita in
qualunque lingua, può considerarsi come
la continuazione del "feeling", in ballate e
canzoni molto uguali nel suo stile,
interpretate da cantanti come Omara
Portuondo, Ela Calvo, Moraima
Secada, Pacho Alonso ed altri.
Il presente ed il futuro della musica
popolare cubana è nelle mani di
persone formate dal punto di vista
musicale, poiché nella formazione
dell'artista professionale si esige
o g g i g i o r n o u n p ro g ra m m a d i
conoscenze ed il compromesso di
superarle. In questo stesso
compromesso si colloca lo studioso
della musica che promette per le sue
qualità di convertirsi da giovane
talentuoso ad artista del paese e poi ad
artista internazionale.
(CONTINUA)
Enzo Bove
[email protected]
Si deve fare notare inoltre la differenza tra
il situazione socio economica dell'artista
cubano prima e dopo la Rivoluzione
Cubana. Rivedendo le biografie di artístas,
musicisti come Roldán. Leucona, Bola De
Nieve, troviamo che nell'inizio delle loro
carriere erano stati studenti modello e
avevano ricevuto con premi e meriti, e per
la loro condizione economica precaria
dovettero esibirsi nelle sale del cinema, nei
cabarets per guadagnarsi il
sostentamento.
La campagna di alfabetizzazione musicale
fu uno dei primi sforzi della Società di
Autori Musicali nella tappa
Bibliografia
Alejo Carpentier - la música en
Cuba -1946 Mexico
Miguel Failde Castillo - Miguel
Failde , creador musical del danzón 1964 La Habana
M.T.Linares -La música popular 1966 La Habana
M.A. Fernández Bailes Populares
Cubanos - 1980 Cuba
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
5
3
w
w
w
.
s
a
l
s
a
m
a
n
i
a
.
i
t
S
A
L
S
A
M
A
N
I
A
M
A
G
A
Z
I
N
E
V
I
D
A
A
P
P
U
N
T
A
M
E
N
T
O
A
F
I
N
E
A
G
O
S
T
O
C
O
N
U
N
U
N
I
C
O
N
U
M
E
R
O
“
7
e
8
”
!
*
Tutti i links multimediali del nostro Magazine funzionano solo se
il PDF è scaricato sul PC e si ha una connessione internet attiva
S
a
l
s
a
m
a
n
i
a
M
a
g
a
z
i
n
e
1
6
3

Documentos relacionados

Salsamania Magazine Numero 10 Anno 2006

Salsamania Magazine Numero 10 Anno 2006 un canale tematico nella nostra Radio che potesse dare spazio ai generi che hanno influenzato la musica nell'ultimo secolo. Quindi noi dello staff di salsamania in questi mesi ci siamo adoperati pe...

Más detalles