Il servizio di trasporto pubblico locale di linea

Comentarios

Transcripción

Il servizio di trasporto pubblico locale di linea
2. Il servizio di trasporto pubblico
locale di linea
Il settore del trasporto pubblico locale costituisce il
servizio di più marcata rilevanza economica per
l’impegno finanziario che richiede da parte dei
Comuni e delle Regioni, soggetti responsabili del
servizio. L’ammontare della spesa per il Comune di
Roma nel 2003 è stato di circa 360 milioni di Euro,
cui va aggiunto un contributo regionale di circa
243 milioni di Euro. I ricavi da tariffa coprono poco
più del 35%. L’organizzazione del servizio e le
performance complessive (in termini di accessibilità fisica della rete di trasporto, continuità, qualità) influiscono in maniera determinante sulla
qualità della vita dei contribuenti e della collettività in generale, specialmente in considerazione
delle grandi distanze, dei flussi turistici e dell’attività economico-produttiva di una città come
Roma.
Nel corso dell’anno, l’Agenzia - attraverso proprie
rilevazioni, indagini e monitoraggi - si è soffermata in maniera diretta sul costo del servizio e sulle
sue determinanti, sulla qualità di alcune prestazioni e sulle opportunità di scelta dei clienti, confrontando gli schemi tariffari offerti, i livelli di prezzo
in diverse città italiane e l’accessibilità commerciale del servizio.
Dal punto di vista dei prezzi, nonostante il recente
incremento delle tariffe, Roma si colloca in posizione intermedia tra le città italiane e a livelli nettamente più bassi rispetto ai principali paesi euro-
pei. Minore è invece l’articolazione tariffaria a
disposizione degli utenti.
Sulla base di una rilevazione di dati a livello nazionale, l’Agenzia ha anche condotto una ricerca sulle
funzioni di costo nel settore, dalla quale emergono prime indicazioni relative all’esistenza di economie di scala urbane e di densità rilevanti.
Con riguardo alla qualità erogata, i risultati del
programma di monitoraggio dei servizi di trasporto delle linee A e B della metropolitana di Roma,
pongono in luce alcune carenze, distribuite in
modo non omogeneo tra le due linee. Mentre le
difficoltà maggiori per la linea A sono quelle più
strettamente connesse al viaggio (comfort dell’attesa e qualità del viaggio), la linea B presenta in
maniera del tutto speculare un gap piuttosto significativo dallo standard per quanto riguarda le
informazioni e l’attenzione al cliente. Una criticità
comune è quella relativa all’accesso alle stazioni.
Migliore la situazione per quanto riguarda la sicurezza.
I risultati dell’indagine sul contact center dell’Atac
mostrano, per quanto concerne la verifica dei livelli di servizio quantitativi e qualitativi, livelli di qualità che soddisfano solo parzialmente gli standard,
mentre, con riferimento alla fase relativa all’analisi delle tecnologie e dei processi operativi di supporto, i processi analizzati si possono definire parzialmente soddisfacenti.
29
Capitolo II
2.1
Organizzazione e aspetti istituzionali
II settore dei trasporti pubblici locali (Tpl) negli ultimi anni è stato oggetto di un rilevante processo di
riforma, iniziato con il riassetto generale dell’organizzazione amministrativa centrale disposto dalla
legge 15 marzo 1997, n. 59.
Successivamente, con l’emanazione del D.lgs. n. 422
del 19 novembre 1997 (modificato ed integrato dal
D.lgs. n. 400 del 20 settembre 1999), è stato disciplinato il conferimento alle Regioni ed agli enti locali delle
nuove funzioni e dei nuovi compiti in materia di servizi pubblici di trasporto d’interesse regionale e locale,
nonché i criteri di organizzazione degli stessi.
A seguito delle modifiche introdotte dalla legge di
riforma del Tpl, la Regione è stata individuata come
unico soggetto regolatore di tutto il comparto, con
la possibilità di definire un’integrazione tra i vari
modi del trasporto, anche in virtù della doppia
responsabilità – pianificatoria e finanziaria – che
consente una migliore destinazione delle risorse
disponibili e quindi un più reale rispetto dei principi che hanno ispirato la riforma: il perseguimento
dell’economicità e dell’efficienza gestionale.
Conseguentemente sono state approvate le leggi
regionali nelle quindici Regioni a statuto ordinario,
mentre alcune delle Regioni a statuto speciale
hanno provveduto ad integrare la normativa vigente anteriore al D.lgs. 422/97.
Con la Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3,
sono stati modificati i criteri di ripartizione delle
competenze tra Stato, Regioni e autonomie locali.
Per quanto concerne la disciplina dei trasporti, il
nuovo art. 117 della Costituzione individua tra le
materie a legislazione concorrente quelle indicate
come “grandi reti di trasporto e di navigazione” e
“porti ed aeroporti civili”, non prevedendo invece
riferimenti diretti al Tpl. Poiché il Tpl non compare
neanche tra le materie attribuite alla legislazione
esclusiva dello Stato, il combinato disposto del
terzo e del quarto comma del nuovo articolo 117
individua questo settore come materia di competenza regionale.
Ciò nonostante, il settore del Tpl presenta alcuni
aspetti attribuiti alla competenza legislativa esclusiva dello Stato fra cui la “tutela della concorrenza”,
la “determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale” e
la “tutela dell’ambiente”1. Facendo perno sulla
necessità di tutelare la concorrenza, il Legislatore
centrale è di recente intervenuto con una serie di
disposizioni che riguardano la gestione e l’affidamento dei servizi pubblici, aggiungendo alle procedure di gara per l’affidamento del servizio quelle
per la selezione del socio privato e, sotto determinate condizioni (cfr. Cap. 1), l’affidamento diretto
in house. Tali disposizioni, modificando la normativa nazionale di settore (D. lgs. 422/97), integrano le
leggi regionali di attuazione che imponevano la
gara come unica modalità di affidamento. La recente Deliberazione 15 luglio 2004, n. 126, del
Consiglio Comunale di Roma, prevede infatti l’affidamento diretto dei servizi di Tpl fino al 2011,
richiamandosi ai contenuti del citato art. 14 del
D.L. 269/03, sebbene la legislazione regionale2 prevedesse che dal 31 dicembre 2006 l’affidamento
sarebbe dovuto avvenire esclusivamente mediante
procedure concorsuali.
La disposizione dell’art. 14 del D.L. 269/03 che maggiormente incide sulle norme contenute nel D.lgs.
422/973 è la previsione della possibilità di affidare
1 Di cui rispettivamente all’art. 117, secondo comma, lett. e), m), s) della Costituzione.
2 Legge regionale Lazio n. 30 del 16 luglio 1998 e successive modificazioni.
3 Originariamente la riforma dei servizi pubblici, poi confluita nell'articolo 14 del citato decreto n. 269/03, era contenuta nel
disegno di legge n. 1753-B recante la cosiddetta delega ambientale. Sebbene le parti sui servizi pubblici siano state stralciate dal testo durante la discussione parlamentare, nella stessa sede è stato approvato un emendamento recante una disposizione che esclude il trasporto pubblico locale dall'ambito di applicazione della disciplina generale sui servizi pubblici locali
prevista dal sopracitato articolo 14. Se tale disposizione venisse confermata anche nell'ultima lettura del testo da parte della
Camera dei Deputati (esame in corso) il trasporto pubblico locale ritornerebbe, come nel passato, ad essere regolato dalla
sola disciplina di settore (D.lgs. 422/97).
30
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
l’erogazione dei servizi non esclusivamente a società
scelte mediante gara, ma anche a società a capitale
misto pubblico-privato, oppure a società interamente pubbliche mediante affidamento cosiddetto in
house. Ad oggi, anche le disposizioni contenute
nella citata Deliberazione 126/04 del Comune di
Roma - atto in cui il Comune si è orientato verso l’affidamento in house - presentano scarse e comunque
non chiare indicazioni su come sarà tradotta la formulazione comunitaria recepita nel D.L.269/034
negli statuti di Trambus S.p.A, di Me.Tro. S.p.A. e nei
Contratti di servizio che intercorrono tra questi e il
Comune di Roma. Al momento si sottolinea che il
contenuto del secondo punto della citata
Deliberazione n. 126/04 prevede solo una generica
formulazione per cui “nei Contratti di servizio e
negli statuti dovranno essere previsti controlli ulteriori rispetto a quelli esercitati dal Comune nella sua
qualità di azionista unico pur se, in ogni caso, non
interferenti con l’ordinaria attività di gestione”.
Sebbene si dovrà attendere l’effettiva modifica degli
statuti societari per conoscere come sarà declinata
tale formulazione negli statuti e nei Contratti delle
società romane, al momento si sottolinea che vi
potrebbe essere incompatibilità tra il principio di
“non interferenza” stabilito dal Comune di Roma e
quello di “controllo analogo a quello esercitato sui
propri servizi” previsto dalla legislazione nazionale
(di origine comunitaria; cfr. Cap. 1).
2.1.1
Il “modello romano" di gestione del
trasporto pubblico locale
2.1.1.1 L’assetto attuale
Il riassetto del Tpl romano, avviato nel 1998, è stato
caratterizzato da due assunti principali:
• separazione delle funzioni pubbliche di programmazione e regolazione della gestione dei
servizi;
• progressiva liberalizzazione della gestione,
attraverso l'applicazione delle procedure concorsuali a partire dai servizi aggiuntivi di trasporto.5
L'attuazione di tali principi in atti concreti da parte
dell'Amministrazione comunale ha portato all'odierna configurazione del cosiddetto “modello
romano” di trasporto . Questo risulta caratterizzato
dalla presenza di una società di regia e di diverse
società di produzione (Fig 2.1).
La società di regia è Atac S.p.A., cui sono state affidate le funzioni di pianificazione, programmazione e regolazione dei servizi, con competenze di
gestione del patrimonio, monitoraggio della qualità, marketing, vendita dei titoli di viaggio, gestione dei ricavi, vigilanza e controllo degli adempimenti per l'applicazione del Contratto Nazionale di
Lavoro, delle normative vigenti in materia e per la
sicurezza sul lavoro.
L'Atac si configura come ente strumentale del
Comune per lo svolgimento delle diverse attività di
pianificazione e organizzazione dei servizi. Per questo è l'Atac che attualmente stipula i distinti
Contratti di servizio con le seguenti società di produzione:
• Trambus, con funzione di gestione dei servizi
autotramviari e di manutenzione del materiale
rotabile e degli immobili ricevuti in uso da
Atac;
• Met.Ro., con funzione di gestione dei servizi di
metropolitana e delle tre ferrovie suburbane
(Roma-Lido di Ostia, Roma-Pantano, Roma-Viterbo);
• diverse Associazioni Temporanee di Impresa (di
seguito ATI) che fanno capo a Sita S.p.A. e che
gestiscono i servizi periferici di trasporto su
gomma.
Nel sistema è presente anche la Sta S.p.A., una
società che simultaneamente ricopre funzioni di
programmazione e di produzione. La Sta oltre ad
4 Che, ricordiamo, limita l'affidamento in house ai soli casi in cui “gli enti pubblici titolari del capitale sociale esercitino sulla
società un controllo analogo a quello esercitato sui propri servizi”.
5 Per una descrizione completa del “modello romano” si veda Autorità per i servizi pubblici locali del Comune di Roma,
Relazione sui servizi pubblici nella Città di Roma, gennaio 2002.
31
Capitolo II
Tav. 2.1 Principali riferimenti normativi in materia di trasporto pubblico locale
Stato
L. 59/1997
Riassetto generale dell'organizzazione amministrativa centrale
D.lgs. n. 422/1997
Conferimento alle Regioni e agli Enti locali di funzioni e
compiti in materia di trasporto pubblico locale
D.lgs. n. 400/1999
Modifiche ed integrazioni al D.lgs. n.422/97
D.lgs. n. 267/2000
Testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali
(TUEL)
L. Cost. n. 3/2001
Modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione
L. n. 448/2001 (art.35)
Riforma del sistema dei servizi pubblici locali (legge finanziaria per il 2002)
D.L. n. 269/2003 (art. 14)
Modifiche al TUEL
Regione Lazio
L. Regionale n. 30/1998
Disposizioni in materia di trasporto pubblico locale
L. Regionale n. 35/2001
Disposizioni per il trasporto pubblico locale
L. Regionale n. 5/2003
Norme in materia di società esercenti servizi di trasporto
pubblico locale a partecipazione regionale
L. Regionale n. 9/2003
Istituzione dell'Agenzia Regionale per la Mobilità (AREMOL)
L. Regionale n. 16/2003
Modifiche alla legge 30/1998
Comune di Roma
Del. C.C. n. 298/1998
Trasformazione dell'Atac in S.p.A. pubblica
Del. C.C. n. 84/1999
Piano Generale del Traffico Urbano
Del. C.C. n. 194/1999
Indirizzi in materia di riforma del Trasporto Pubblico Locale
di competenza del Comune di Roma
Del. C.C. n. 42/2000
Trasformazione del consorzio COTRAL in S.p.A. e conseguente creazione della Metroferro S.p.A.
Del. C.C. n. 172/2000
Approvazione modifiche statuto della Sta
Del. C.C. n. 173/2000
Trasformazione con contestuale scissione dell'azienda speciale Atac in due società denominate Atac S.p.A. e Trambus
S.p.A.
Del. C.C. n. 21/2002
Del. Giunta n. 360/2002
Del. C.C. n. 158/2002
Conferimento in favore di Atac del compendio dei beni strumentali, di proprietà del Comune di Roma, costituenti il
materiale rotabile della Metropolitana di Roma -Linea B
Del. C.C. n. 126/2004
Determinazione dell'affidamento della gestione dei servizi di
trasporto pubblico, dal 2005 al 2011 e relativi criteri di attuazione
Del. C.C. n. 127/2004
Indirizzi in materia di revisione dell'assetto del comparto del
trasporto pubblico locale, della mobilità urbana e della sosta
essere la società per lo sviluppo e la progettazione
della mobilità cittadina (cfr. Cap. 3) eroga, infatti, i
servizi di supporto alle aziende di trasporto pubblico locale, ossia i servizi di sosta urbana e i servizi di
rimozione forzata dei veicoli.
I rapporti con l'Amministrazione comunale per lo
svolgimento di queste attività sono regolati da
32
Trasferimento beni Comune di Roma strumentali all'esercizio
ad Atac
Approvazione Contratto di servizio Atac - Comune per l'anno
2002
Contratti di servizio pluriennali che fissano gli
indirizzi delle attività e ne quantificano il corrispettivo economico, tenendo anche conto dei
volumi di ricavi da traffico provenienti dagli
introiti finanziari ottenuti dalla vendita dei titoli
di viaggio delle società di produzione dei quali
Atac è titolare (Fig. 2.2).
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Fig. 2.1
* La SITA in ATI con Arpa, APM, Transdev per il lotto I e II e con Arpa, APM, Transdev, Cotri e Star per il lotto III.
Assetto proprietario dei diversi soggetti operanti nel sistema romano della mobilità
Fig. 2.2
(*) Contratti diretti tra Comune di Roma e Trambus per servizi servizio di trasporto riservato ai disabili e scolastico, in favore
degli alunni della scuola dell'obbligo anche appartenenti a comunità nomadi.
Rapporti contrattuali esistenti tra i diversi soggetti operanti nel sistema romano della mobilità
33
Capitolo II
Fig. 2.3
Flussi economici e finanziari esistenti tra i diversi soggetti operanti nel sistema romano della mobilità
I flussi economici del sistema fanno capo (direttamente e indirettamente) ad Atac, che è titolare dei
ricavi da traffico ed eroga alle aziende di produzione i corrispettivi come da Contratto di servizio (Fig.
2.3). Nel 2004 la spesa prevista per il trasporto pubblico romano è pari a 606.547.019 Euro, di cui
363.231.246 Euro provenienti dal bilancio comunale e 243.315.773 Euro dai contributi regionali.
2.1.1.2 Evoluzione del modello romano
Il modello appena descritto è stato di recente modificato con l'approvazione da parte del Consiglio
Comunale in data 15 luglio 2004 di due deliberazioni sul Tpl:
• Deliberazione 126/04; Determinazione dell'affidamento della gestione dei servizi di trasporto
pubblico, dal 2005 al 2011 e relativi criteri di
attuazione;
• Deliberazione 127/04; Indirizzi in materia di revisione dell'assetto del comparto del trasporto pubblico locale, della mobilità urbana e della sosta.
Entrambe queste deliberazioni sono state ritenute
necessarie alla realizzazione di interventi di più
ampio respiro come il rafforzamento della capacità
di governo del Comune, il riequilibrio dei conti del
trasporto pubblico romano, l'abbattimento del
debito strutturale del settore e la conclusione del
34
processo di riforma, con particolare attenzione alla
conclusione della separazione delle attività di regolazione da quelle di produzione.
In relazione agli aspetti di carattere di finanziario, è
stato stimato che dalla realizzazione del nuovo assetto saranno generate nuove entrate strutturali per
circa 33/35 milioni di Euro l'anno. Relativamente agli
aspetti di carattere regolamentare e organizzativo le
due deliberazioni mirano invece al rafforzamento
della capacità di governo del sistema mediante il
potenziamento delle funzioni di pianificazione, regolazione e verifica, e mediante la distribuzione delle
attività di gestione in aree funzionali omogenee e
specifiche, così da specializzarne l'esercizio superando
duplicazioni e sovrapposizioni.
Per tali ragioni le attività relative all'intero sistema
del Tpl e della mobilità sono state suddivise in tre
distinte aree:
1.pianificazione e controllo;
2.esercizio operativo;
3.fornitura di servizi strumentali all'esercizio operativo.
1) Pianificazione e controllo
Le funzioni di pianificazione e controllo sono state
concentrate in un nuovo soggetto societario, originato dalla unificazione di Atac e Sta, cui sono state
affidate le seguenti attività:
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
• assistenza al Comune per la stipula, la gestione
operativa e la verifica dei Contratti di servizio
con le società in affidamento diretto;
• assistenza al Comune per la predisposizione del
bando di gara e del capitolato, nonché per la
gestione operativa dei Contratti di servizio con
le società affidatarie;
• pianificazione e progettazione (programmi
della mobilità e del Tpl nel quadro della programmazione urbanistica; ingegneria della
mobilità);
• proprietà, gestione e valorizzazione delle reti e
del patrimonio conferito dal Comune;
• gestione finanziaria e dei flussi di cassa del
sistema con particolare riferimento alla funzione di compensazione (clearing) dei ricavi da
mercato;
• marketing strategico, comunicazione, rapporto
con l'utenza e con i Municipi.
2) Esercizio operativo
Le funzioni operative riguardano la gestione del
trasporto di superficie, la gestione del trasporto
metropolitano e la gestione della sosta su strada e
in struttura.
La gestione della prime due funzioni è stata confermata in capo a Trambus e Met.Ro., senza mutamenti rispetto al precedente assetto se non per i
necessari interventi di revisione degli statuti e dei
Contratti di servizio da stipularsi con il Comune ai
fini dell'adeguamento al nuovo diritto societario ed
alle regole dell'affidamento in house.
Le attività concernenti il servizio della sosta sono
state invece assegnate ad Atac-Sta che per le attività di controllo potrà avvalersi anche del personale cosiddetto “non idoneo” di Trambus e
Met.Ro.
3) Attività strumentali all'esercizio operativo
Le funzioni strumentali, non direttamente attinenti
all'erogazione dei servizi, sono state individuate
nella bigliettazione e nell'attività di alta manutenzione tecnica.
La prima funzione, affidata alla società Atac-Sta,
consiste nella gestione unitaria del sistema tariffario integrato attraverso la pianificazione e la progettazione del sistema, la gestione del software e
della emissione e distribuzione dei titoli di viaggio,
l'attuazione di politiche per la massima diffusione
di tale distribuzione.
La seconda funzione, anche denominata “grandi
manutenzioni”, consiste negli interventi di elevata
qualificazione tecnica per la manutenzione del parco
treni, dei mezzi a trazione elettrica, dei tram, dei
mezzi innovativi (mentre rimane alle società di esercizio la manutenzione ordinaria e quella dei mezzi su
gomma peraltro usualmente prestata dai fornitori). Il
Comune non ha ancora stabilito a chi affidare tale
funzione; tuttavia ha anticipato nella Deliberazione
n. 127/04 l'intenzione di affidarla ad un nuovo soggetto societario di proprietà del Comune di Roma al
quale parteciperà anche Met.Ro.
La Deliberazione appena descritta è stata emanata
contestualmente alla Deliberazione n. 126/04 che
dispone la determinazione dell'affidamento della
gestione dei servizi. Con questa Deliberazione il
Comune si è orientato verso l'affidamento in house
e pertanto ha confermato l'affidamento diretto per
sei anni (2005-2011) a Trambus e Met.Ro. dei servizi
dalle stesse attualmente erogati. La Deliberazione
ha inoltre stabilito che i servizi erogati dalle tre
distinte ATI capitanate da Sita verranno messi a
gara entro il 2005 prevedendo un bando caratterizzato da un unico lotto e da un affidamento con
durata fino al 2011.
2.2 La struttura del settore
2.2.1
La domanda e l'offerta
Nel 2003 l'offerta di trasporto pubblico nel
Comune di Roma è stata pari a 169.936.771 vettu-
re-km, comprensive delle tratte gestite da
Trambus, da Met.Ro. e delle linee esternalizzate
gestite dalle tre ATI a cui Sita partecipa come
capofila.
35
Capitolo II
Fig. 2.4
Ripartizione dell’offerta di trasporti romana tra diversi operatori (vetture-km, anno 2003)
In termini di vetture-km, il trasporto pubblico di
superficie rappresenta a Roma l'81% del trasporto
pubblico urbano. La restante quota dell'offerta è rappresentata dal trasporto su metropolitana (Fig. 2.4).
I servizi di superficie sono gestiti prevalentemente
da Trambus che, con 113.245.559 vetture-km erogate, rappresenta l'82% dell'offerta complessiva di
tali servizi. La restante parte (24.821.164 vetturekm) è stata suddivisa in tre lotti e affidata, mediante procedure ad evidenza pubblica6, a soggetti
esterni (ATI con Sita capofila a cui aderiscono Pm
Perugina, Arpa Chieti, Cipar Roma e la società francese Transdev).
Il servizio metropolitano è gestito interamente da
Met.Ro. che nel 2003 ha erogato 31.870.048 vetture-km all'interno del Comune (di cui 18.049.877
sulla linea A e 13.820.172 sulla linea B) e ulteriori
15.248.895 vetture-km in virtù del contratto di ser-
vizio stipulato con la Regione Lazio per la gestione
delle ferrovie in concessione Roma-Lido (8.870.284
vetture-km), Roma-Viterbo (4.209.720 vetture-km)
e Roma-Pantano (2.168.891 vetture-km). Met.Ro. ha
quindi complessivamente erogato 47.118.943 vetture-km e offerto 9.518.073.943 posti di cui
6.542.122.682 sulle due linee metropolitane
(3.676.740.478 sulla linea A e 2.865.382.204 sulla
linea B) e 2.975.951.261 sulle linee ferroviarie.
Negli ultimi anni, coerentemente con gli obiettivi
fissati dal Piano Generale del Traffico Urbano7, l'offerta di trasporto pubblico ha avuto un andamento
crescente ed è passata dai 153 milioni di vetture-km
offerte nel 2001 ai 170 milioni del 2003 (+11%).
L'offerta si è inoltre distinta per una costante crescita delle vetture-km offerte da soggetti esterni,
cui oggi è affidata l'erogazione di circa un quinto
dei servizi di trasporto di superficie (Tav. 2.2).
6 Cfr. Agenzia per il Controllo e la qualità dei servizi pubblici locali, Relazione Annuale 2003.
7 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 84 del 28 giugno 1999.
36
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Tav. 2.2 Evoluzione dei volumi d'offerta del trasporto pubblico romano (2001-2004)
2001
2002
Vett-km
2003
2004*
Vett-km
Vett-km
Vett-km
120.039.369
118.351.791
113.245.559
112.500.000
gasolio
113.472.666
111.486.990
106.754.881
-
elettrici
979.834
1.008.950
1.157.056
-
5.586.869
5.855.851
5.333.622
-
1.874.056
11.123.134
24.821.164
26.457.245
Trambus
tram
Esternalizzati
I lotto
-
3.496.374
8.286.211
-
II lotto
-
3.582.678
8.544.923
-
III lotto
-
Totale superficie
121.913.425
4.044.082
7.990.030
-
129.474.925
138.066.723
138.957.245
Met.Ro.
31.131.182
31.313.994
31.870.048
31.700.237
Linea A
17.191.213
17.459.190
18.049.877
-
Linea B
13.939.968
13.854.803
13.820.717
-
160.788.919
169.936.771
170.657.482
Totale offerta
153.044.607
* Dati contenuti nella Deliberazione del Consiglio Comunale di Roma 15 luglio 2004, n. 126.
Fonte: Bilanci Atac, vari anni.
Per analizzare la struttura dei servizi di trasporto
del Comune di Roma si è preso come anno di riferimento il 2003, ultimo anno per cui si dispone di dati
disaggregati. In quell'anno, il servizio di bus urbani
risulta caratterizzato da una rete di 3.281 km di
rete, alla quale corrispondono 303 linee (+22 linee
notturne) su cui hanno viaggiato 2.475 vetture che
hanno erogato 132 milioni di vetture-km. Il servizio
tram è rappresentato da 52 km di rete e da 184 vetture che hanno erogato 5,3 milioni di vetture km (400.000 rispetto all'anno precedente). Il servizio di
metropolitana è, infine, contraddistinto da 36,6 km
di rete e 80 convogli che hanno erogato 32 milioni
di vetture-km.
I 1.227 milioni di passeggeri trasportati hanno viaggiato nel 74% dei casi in autobus, nel 23% in metropolitana e nel restante 3% in tram (Tav. 2.3).
2.2.2
Confronti nazionali ed internazionali
delle aziende di trasporto
pubblico locale
Le due aziende di Tpl romane, nate dalla riorganizzazione del settore e dalla scissione della storica
azienda municipalizzata, risultano tra i più grandi
operatori nazionali, sia per l'erogazione dei servizi
di superficie (autobus e tram), sia per l'erogazione
di quelli di metropolitana. Comparando le caratteristiche economiche e strutturali di queste due
società con quelle delle maggiori aziende nazionali
emerge la netta superiorità di Trambus e Met.Ro. in
termini di viaggiatori trasportati, vetture-km offerte e mezzi a disposizione (Tav. 2.4 e Tav. 2.5).
Confrontando le caratteristiche del trasporto pubblico nelle quattro città italiane più numerose in termini di popolazione (Roma, Milano, Napoli e Torino) con
quelle di alcune capitali europee si riscontra una
situazione divergente tra trasporto pubblico su
gomma e trasporto pubblico su ferro. Tale situazione
è caratterizzata da una sostanziale somiglianza dei
valori relativamente alle caratteristiche del trasporto
su gomma e da una netta inferiorità delle città italiane per quanto attiene il trasporto su ferro.
Il servizio urbano di superficie su gomma romano
risulta in linea con i valori delle città europee, sia se
misurato in termini di dotazione di linee, sia dal
punto di vista dell'età del parco circolante. Tale
risultato è significativo non solo per finalità di tipo
ambientale (mezzi tecnologicamente avanzati e
quindi meno inquinanti), ma anche per l'influenza
della modernità del mezzo sul comfort del servizio,
sulla sua sicurezza e sulla sua velocità: aspetti questi
che influenzano fortemente la domanda di trasporto e che qualificano il servizio come pubblico8.
8 Terza indagine sulla qualità dei servizi pubblici locali nel Comune di Roma, gennaio 2003.
37
Capitolo II
Tav. 2.3 Quadro dell'offerta e della domanda di trasporto pubblico a Roma (anni 1999-2003)
Bus urbani
1999
2000
2001
2002
2003
Offerta
Rete (km)
2.206
2.510
3.281
3.281
2.134*
Rete notturna (km)
253
306
306
306
306
Linee (n)
248
257
282
289
303
Linee notturne (n)
23
22
22
22
22
2.534
2.603
2.536
2.535
2.475
113
113
116
132,4
132,7
742
822
873
873
911
Rete (km)
48
51
52
52
52
Linee (n)
6
6
6
6
6
124
150
154
156
184
5
6
5,6
5,9
5,3
73
81
46
46
37
Vetture (n)
Vetture-km (mil.)
Domanda
Viaggiatori (mil.)
Tram
Offerta
Vetture (n)
Vetture-km (mil.)
Domanda
Viaggiatori (mil.)
Metropolitana
Offerta
Rete (km)
36,6
36,6
36,6
36,6
36,6
Convogli (n)
77
79
80
80
80
Stazioni (n)
49
49
49
49
52
n.d.
29
31
31
31,8
221
245
267
267
279
Vetture-km (mil.)
Domanda
Viaggiatori (mil.)
* il calcolo dal 2003, diversamente dagli anni precedenti, viene effettuato come rete sottesa non orientata.
Fonte: sito web Atac: www.atac.roma.it (ultima visita ottobre 2004).
Tav. 2.4 Un confronto tra i dati produttivi delle imprese di Tpl operanti nei servizi urbani di
superficie nelle maggiori città italiane (anno 2002)
Comune
Azienda
vetture
vett-km
età media
flotta circolante
Viaggiatori
trasportati
Roma
Trambus
2.595
116.530.111
7,0
919.000.000
Milano
Atm
1.635
n.d.
n.d.
597.320.499*
Torino
Gtt
1.286
46.932.000
7,9
154.000.000
Napoli
Anm
955
24.384.739
7,9
172.861.225
Palermo
Amat
612
22.462.133
8,0
70.000.000
Bologna
Atc
507
19.013.671
10,0
93.350.499
Firenze
Ataf
441
19.252.838
8,0
80.057.334
Venezia
Actv
316
15.863.136
9,8
71.550.681
* Dato tratto dal sito Atm, www.atm-mi.it, (settembre 2004).
Fonte: Annuario ASSTRA, 2004.
38
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Tav. 2.5 Un confronto tra i dati produttivi delle imprese di Tpl operanti nelle maggiori città italiane nei servizi metropolitani (anno 2002)
Comune
Azienda
vetture
vett-km
età parco
circolante
Viaggiatori
trasportati
Roma
Met. Ro.
572
41.776.400
24,00
304.120.047
Milano
Atm
726
53.732.000
n.d.
312.850.000
Torino
Gtt
214
5.821.000
17,40
20.000.000
Napoli
Anm
43
1.105.842
67
n.d.
Fonte: Annuario ASSTRA, 2004.
Al contrario, la dotazione infrastrutturale di Roma
per i servizi di trasporto su ferro (metropolitana,
treno urbano e tram) si allontana dai livelli delle
città europee (con la sola eccezione di Bruxelles) per
la dimensione della rete, ma anche per l'età media
dei mezzi. Anche l'estensione della rete su ferro
della città di Milano, la maggiore in Italia, risulta
pari a circa la metà di quella media delle maggiori
città europee (Tav. 2.6).
Passando ad analizzare l'impatto inquinante del
trasporto collettivo, e quindi la sua qualità in termini ambientali, l'indicatore di riferimento è costituito dalla percentuale di bus in circolazione alimentati da energie alternative (Tav. 2.7). Tale percentuale
risulta estremamente limitata se confrontata con
quella delle maggiori città europee. Anche a livello
nazionale si possono tuttavia evidenziare alcune
diversità. Si osserva infatti una maggiore consistenza di mezzi ecologici a Torino (25%) rispetto a
Milano (13%) e a Roma (7%).
Tav. 2.6 Le caratteristiche dell'offerta di trasporto pubblico in Europa e in Italia9
Autobus urbano
Km di linee
Età media
veicoli
(anni)
1.305
7
421
6
Londra
n.d.
Madrid
2.995
Parigi
Praga
Città
Barcellona
Bruxelles
Metro
Treno Urbano
Età media
veicoli
(anni)
Km rete
91,0
17
551
8
-
-
35,0
15
210
30
131
28
n.d.
402,0
n.d.
707
n.d.
53
n.d.
6
171,0
13
308
7
-
-
581
7
211,0
21
1.401
16
20
4
1.894
6
50,0
16
582
n.d.
136
19
186
n.d.
107
n.d
1.156
n.d.
183
n.d.
Km rete
Età media
veicoli
(anni)
Tram, Funicolare
Km rete
Età media
veicoli
(anni)
Stoccolma
n.d.
n.d.
110,0
17
Vienna
623
n.d.
61,0
n.d.
Zurigo
1.591
9
0,0
-
660
14
69
26
Roma
3.281
7
36,6
25
148
38
52
25
636
9
29,1
n.d.
63
23
26
67
Torino
979
9
0,0
-
117
32
179
17
Milano
1.101
9
69,3
n.d.
33
31
210
n.d.
Napoli
Fonte: EMTA (dati 2000) per le città europee; Isfort su dati ASSTRA (dati 2002) per le città italiane.
9 Alcune note sui servizi su ferro considerati per le città italiane:
Napoli: il treno si riferisce alle ferrovie suburbane: Ferrovia Cumana e Circumflegrea. La metropolitana comprende le linee 1
e 2 gestite da Metronapoli;
Roma: i dati del treno si riferiscono alle 3 ferrovie locali gestite da Met.Ro (Roma-Pantano, Roma-Ostia, Roma-Viterbo);
Torino: nel treno sono considerati i numeri della ferrovia locale gestita da Gtt;
Milano: i numeri del treno si riferiscono al passante ferroviario urbano Trenitalia FNM e alle tratte urbane delle linee FNM.
39
Capitolo II
Fig. 2.5
Trasporto pubblico urbano: numero di Km di rete
Tav. 2.7 Qualità dei sistemi di trasporto pubblico nelle maggiori città europee
Indicatori di qualità
Città
Bus urbani a gas naturale*
(%)
Atene
13,1
4,4
4,0
21,5
Bilbao
2,0
0,0
16,0
18,0
Madrid
2,8
1,0
3,7
7,5
Parigi
2,0
0,2
4,4
6,6
Praga
n.d.
n.d.
18,1
18,1
Stoccolma
n.d.
n.d.
50,0***
50,0
Vienna
42,5
n.d.
0,1
42,6
Zurigo
n.d.
17,6
12,7
30,3
Roma
0,3
2,1
4,6
7,0
Napoli
n.d.
2,7
10,3
13,0
Torino
12,3
0,0
12,7
25,0
Bus urbani elettrici Bus a bassa emissione** Totale “Bus verdi”
(%)
(%)
(%)
* Per le città italiane solo veicoli a metano;
** Alimentati a carburanti alternativi diversi da metano ed elettricità;
*** Solo bus urbani.
Fonte: EMTA (dati 2000) per le città europee; Isfort su dati Legambiente (dati 2002) per le città italiane.
40
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Tav. 2.8 Lo stato delle gare aggiudicate nei Comuni italiani
Soggetto
appaltante
Comune di Sondrio 1 lotto
urbano (2002)
Comune di Mantova 1
lotto urbano (2002)
Comune e Provincia di
Lecco 1 lotto urbano ed
extraurbano (2003)
Comune di Cremona,
2003)
Vetture-km annue
assegnate
Incrementi di vetture-km offerti (%)
Ribassi d'asta (%)
Ribassi per vettura-km (%)
Contributi per vettura-km (IVA esclusa)
e tipo di
contratto
Vincitori
delle gare
146.200
n.d.
2,5%
2,5%
2,42 net cost
incumbent in ATI
1.946.646
1,72%
1,1%
3,1%
1,55 net cost
incumbent in ATI
n.d.
0,00001%
0,00001%
1,42 net cost
incumbent in ATI
Prevista nuova organizzazione dei servizi
n.d.
n.d.
net cost
incumbent
5.472.208, di cui
40,7% urbani e
59,3% extraurbani
1391891, di cui 96%
urbani e 4%
extraurbani
Comune di Bergamo 1
lotto urbano (2003)
7.017.725, 6.555.065
su gomma, 46.266
su funicolare
Nuovi comuni limitrofi
n.d.
n.d.
net cost
incumbent in ATI
Comune di Brescia
Da 8.240.000 a
9.020.000 in quattro
anni, di cui circa 80%
urbani
Entrata in funzione
di linea ad alta mobilità, LAM)
0,35%
0,35%
2,02 net cost
incumbent in ATI
Comune di Como 1 lotti
urbano (2003)
2.748.123 su gomma
+ 44.392 per la funicolare
Previsti potenziamenti
5%
n.d.
net cost
1 nuovo entrante
(Atm Milano)*
Comune di Crema
281.078
n.d.
n.d.
n.d.
2,5
Comune di Varese
2.621.100
n.d.
n.d.
n.d.
1,5
Autoguidovie
italiane, Orfeo
Incumbent
Comune di Reggio Emilia
n.d.
n.d.
n.d.
n.d.
n.d.
Autolinee dell'Emilia
e Til
Comune di Potenza
n.d.
n.d.
n.d.
n.d.
n.d.
Sti
n.d.: non disponibile
Fonte: Hermes 2004 e Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma.
2.2.3
La situazione delle gare per
l'affidamento del servizio
Nella Tav. 2.8 si dà conto degli esiti delle gare,
aggiudicate a livello comunale, per l’affidamento
dei servizi di trasporto urbano negli ultimi due anni.
Sono altresì ancora in corso procedure concorsuali
nel Comune di Cuneo e in diversi Comuni dell'Emilia
Romagna, tra cui: Ravenna, Bologna, Modena,
Ferrara, Forlì, Cesena, Piacenza, Parma e Rimini.
Con riferimento alle gare effettuate, si nota come la
gran parte dei Comuni abbiano scelto gare caratterizzate da contratti net-cost, ossia da Contratti di
servizio che prevedono l'attribuzione del rischio
commerciale in capo al soggetto vincitore e non,
come nel caso di contratti tipo gross-cost, in capo
all'ente appaltante.
I risultati delle gare in termini di ribasso d'asta sono
stati assai modesti. Anche se questa non risulta la
sede più opportuna per valutare la congruenza dei
prezzi offerti dai vincitori, si nota tuttavia che anche
limitandosi ad osservare le riduzioni più consistenti
(ribasso d'asta del 5% a Como), queste risultano
ancora lontane dall’obiettivo di apportare un
miglioramento delle finanze locali.
Si nota inoltre che i vincitori delle gare sono risultati prevalentemente gli stessi operatori che erogavano il servizio prima dell'apertura del mercato
(incumbent) i quali hanno vinto generalmente a
seguito di una ATI con altri operatori10.
10 A tale proposito, alcuni autori (Andrea Boitani e Carlo Cambini, Le gare per i servizi di trasporto locale in Italia e in Europa:
molto rumore per nulla?, L'Industria, in corso di pubblicazione, 2004) sostengono che, sebbene le ATI siano riconosciute da
un punto di vista legale, queste dovrebbero essere meglio regolate nel futuro, magari prendendo come esempio l'esperienza di alcune province lombarde che hanno obbligato le ATI a trasformarsi in società per azioni entro l'anno successivo all'affidamento. Una tale clausola deve essere guardata positivamente sia tenendo conto che un tale provvedimento potrebbe
divenire un modo per superare il sottodimensionamento degli attuali operatori nazionali, sia per evitare che le associazioni
temporanee diventino uno strumento di collusione attraverso il quale gli attuali operatori possono spartirsi il mercato di riferimento evitando la concorrenza di prezzo con i competitors.
41
Capitolo II
2.3
Trasferimenti, efficienza, redditività e efficacia delle aziende
di trasporto pubblico
Anche l'analisi delle variabili economiche delle
maggiori imprese nazionali del Tpl conferma la rilevanza dimensionale delle aziende romane. Queste
ultime se considerate come una unica società risultano il più grande operatore nazionale in termini di
valore della produzione. A una tale situazione non
corrisponde tuttavia il migliore risultato in termini
finanziari. Si nota infatti che le aziende romane
presentano utili di esercizio inferiori a quelli delle
aziende di Milano, Bologna, Torino e Venezia sia in
termini assoluti che rapportati al valore della produzione (Tav. 2.9).
2.3.1 Determinanti dei costi nel settore del
trasporto pubblico locale
Al fine di investigare i fattori che influiscono sull'efficienza delle imprese operanti nelle grandi
realtà urbane e di determinare, pertanto, la dimensione ottima minima per la gestione del servizio di
trasporto, l'Agenzia ha avviato uno specifico studio
in collaborazione con l'istituto di ricerca Hermes del
Politecnico di Torino. Lo studio, ancora in corso di
svolgimento, si basa su dati aziendali di struttura,
efficienza, redditività e efficacia e su dati relativi ai
bacini di utenza (in termini di densità dell'utenza,
dimensione della rete servita e velocità commerciale) raccolti mediante un questionario da un campione rappresentativo di imprese di media e grande
dimensione, nell'arco di oltre un decennio (19932003).
Alcuni primi risultati, che richiedono di essere ulteriormente verificati e testati su un campione ancora
più ampio, mostrano una forte rilevanza delle
variabili tecnico-ambientali e un effetto ancora
ambiguo della variabile relativa all'estensione territoriale della rete.
A parità di dimensione della rete, il costo unitario
medio per passeggero trasportato e il numero di
passeggeri trasportati per chilometro di rete diminuiscono all'aumentare della densità dell'utenza.
Questa verifica sul campione osservato sembra in
linea con quanto suggerisce la letteratura economica: a parità di rete, l'aumento degli utenti genera
un aumento meno che proporzionale dei costi e
quindi economie derivanti da una maggiore intensità di utilizzo della rete (density economies).
Analogamente, all'aumentare della velocità com-
Tav. 2.9 Un confronto tra i dati economici delle imprese di Tpl operanti nei servizi urbani delle
maggiori città italiane (anno 2002)
Azienda (Città) Valore della produzione
Contributi regionali
Contributi Enti Locali
Utile (perdita) esercizio
Trambus (Roma)
483.391.657
243.315.773
301.737.015
3.911
Metro (Roma)
209.052.766
70.796.581
111.765.275
40.767
Atm (Milano)
633.240.601**
295.738.954
16.645.260
3.065.407
Gtt (Torino)
342.246.000**
18.369.000
165.819.000
818.000
Anm (Napoli)
205.417**
950.343
n.d.
-14.331
Atc (Bologna)
141.310.009*
71.207.625
3.608.684
516.533
Actv (Venezia)
175.565.112*
n.d.
82.043.063
302.535
Amat (Palermo)
89.316.000*
36.184.000
7.321.000
-3.927.000
Ataf Firenze)
81.539.597
8.858.886
n.d.
-2.125.301
(*)Valore comprensivo anche del servizio extraurbano e, nel solo caso di Venezia, del trasporto lagunare;
(**) Valore comprensivo anche del trasporto su ferro e funicolare.
Fonte: Annuario ASSTRA, 2004
42
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
merciale si osserva nel una riduzione del costo
unitario medio (per posto-chilometro), anche se
con una certa dispersione dei dati. Questo effetto
è originato da una riduzione dei consumi energetici, ma anche da una maggiore produttività dei
conducenti, che nello stesso arco di tempo riescono a percorrere un maggior numero di chilometri,
intensificando così l'offerta del servizio e sicuramente incontrando la soddisfazione degli utenti.
2.4
L'impatto della dimensione della rete sui costi
(quando si utilizza come output la variabile relativa
ai posti/chilometro) è negativo e pertanto i risultati
indicano la presenza di diseconomie di scala.
Tuttavia, ricalcolando il costo unitario medio utilizzando come output i posti totali moltiplicati per
chilometri percorsi, i risultati suggeriscono la presenza di economie di scala. Ulteriori verifiche consentiranno di sciogliere tale ambiguità.
Livello delle tariffe, opzioni tariffarie e confronti
La valutazione del costo del servizio per l'utenza è
stata fatta prendendo in esame il livello delle tariffe e le varie opzioni/soluzioni tariffarie offerte.
In Italia le tariffe dei servizi di trasporto pubblico
locale risultano differenziate da due punti di vista:
il costo del biglietto e la sua durata (Tav. 2.10). Al
fine di comprendere le diverse realtà nazionali e
superare una eterogeneità dei dati che rendeva
complicata la comparazione, si è provveduto al calcolo di una tariffa oraria sintetica (Fig. 2.6).
Secondo tale tariffa, i valori più bassi sono quelli
praticati dalle aziende operanti in Sicilia e in
Sardegna. Tra queste il valore più basso è quello
della città di Palermo dove un'ora di trasporto pubblico costa 50 centesimi di Euro. Nella città di Roma
un'ora di servizio di trasporto costa 80 centesimi di
Euro, valore che ricorre in molte città italiane. Il
valore più elevato è quello della città di Bolzano
dove per un'ora di servizio gli utenti arrivano a
pagare 1,33 Euro.
Tav. 2.10 Prezzo del biglietto ordinario per area territoriale (in Euro)
NORD-OVEST
Piemonte
Asti (CS)
Torino (70')
Liguria
La Spezia (60')
Savona (CS)
Genova (90')
Lombardia
Lodi (CS)
Mantova ( 45' )
Sondrio (75')
Varese (75')
Bergamo (60')
Lecco (60')
Brescia (75')
Milano (75')
€
0,77
0,90
0,80
0,80
1,00
0,70
0,90
0,85
1,00
0,95
0,83
1,00
1,00
NORD-EST
Trentino Alto Adige
Trento (70')
Bolzano (45')
Friuli Venezia Giulia
Gorizia (60')
Pordenone (CS)
Veneto
Treviso (60')
Padova (60')
Verona (60')
Emilia Romagna
Forlì (80')
Parma (60')
Piacenza (60')
Reggio Emilia (60')
Bologna (60')
€
0,90
1,00
0,85
0,85
0,80
0,85
0,93
0,80
0,90
0,85
1,00
1,00
CENTRO
Marche
Ancona (60')
Macerata (60')
Umbria
Perugia (70')
Terni (60')
Toscana
Arezzo (70')
Livorno (60')
Lucca (CS)
Pisa (60')
Firenze (60')
Lazio
Viterbo (60')
Roma (75')
Latina (CS)
Rieti (CS)
Frosinone (CS)
€
0,90
0,90
0,80
0,80
0,80
0,85
0,80
0,80
1,00
0,65
1,00
0,80
0,90
0,77
SUD E ISOLE
Campania
Salerno (60')
Avellino (60')
Napoli (90')
Abruzzo
L'Aquila (CS)
Pescara (90')
Chieti (CS)
Puglia
Brindisi (CS)
Foggia (60')
Taranto (CS)
Calabria
Catanzaro (90')
Sicilia
Catania ( 90' )
Palermo (120' )
Sardegna
Cagliari (90')
Olbia (CS)
Sassari (CS)
€
0,80
0,80
1,00
0,80
0,90
0,90
0,65
0,80
0,70
0,77
0,80
1,00
0,77
0,57
0,57
Note: CS: Corsa Semplice; altrimenti tra parentesi sono riportati i minuti di validità del biglietto.
Fonte: siti societari, 2004.
43
Capitolo II
Fig. 2.6
Confronto delle tariffe orarie* del trasporto urbano (in Euro)
(*) Il confronto tra le tariffe è stato condotto calcolando per ogni città la tariffa/minuto e, successivamente, la tariffa oraria.
Fonte: elaborazioni su dati societari, 2004.
Passando ad analizzare le diverse opzioni tariffarie
proposte, si osserva un'ampia diffusione dell'integrazione tariffaria, ossia della possibilità offerta
agli utenti di acquistare un unico titolo di viaggio
valido per più mezzi circolanti anche in territori
esterni a quelli prettamente cittadini.
L'integrazione tariffaria rappresenta uno degli strumenti principali delle moderne politiche di pianificazione e di integrazione intermodale dei trasporti
locali. Il Comune di Roma ha adottato il sistema
integrato Metrebus che copre a livello regionale
tutti gli spostamenti effettuati mediante i mezzi
pubblici delle tre aziende locali, distinto in
Metrebus Roma (per gli spostamenti all'interno
della Capitale) e Metrebus Lazio (per gli spostamenti nel territorio regionale). L'integrazione tarif-
44
faria è presente anche a Milano, Torino e Genova; si
evidenzia inoltre l'esperienza della Regione
Campania dove, con il Biglietto “Unico Campania”,
gli utenti possono muoversi all'interno della
Regione con un medesimo titolo di viaggio valido
per i trasporti su strada, ferro e mare.
L'analisi delle opzioni tariffarie prende in considerazione anche le possibilità offerte agli utenti in
merito all'acquisto di titoli e abbonamenti di viaggio differenziati rispetto a quelli tradizionali. Al
riguardo si osserva che, oltre ai tradizionali sconti
per anziani ed invalidi, stanno prendendo piede in
diverse città sistemi di agevolazione basati sul reddito, sulla condizione lavorativa e sul numero di
membri del nucleo familiare. Una segnalazione
merita la formula prevista dal Comune di Genova
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
che estende le agevolazioni tariffarie alle persone
seguite dal Comune nei propri interventi di politica
sociale. Oltre a questi aspetti si segnala un'ulteriore
novità degli ultimi anni, ossia la possibilità di acquistare titoli di viaggio (ad un costo lievemente superiore) impersonali e, pertanto, utilizzabili da più
persone (Tav. 2.11).
Il confronto del costo del servizio a Roma con quello delle altre città europee evidenzia come il primo
sia meno oneroso, sia per il titolo di viaggio relativo ad una singola corsa che per le altre forme di
abbonamento, ad eccezione dell'abbonamento settimanale che a Roma presenta il valore più elevato
tra le città prese in considerazione (Tav. 2.12).
Tav. 2.11 Opzioni tariffarie per i servizi urbani di trasporto nelle principali città italiane
Comune
Roma
Milano
Torino
Genova
Bologna
Firenze
Validità
Tariffa
del titolo
(€)
(minuti)
1,00
1,00
0,90
1,00
1,00
1,00
Integrazione
tariffaria
Opzioni tariffarie
75'
Trambus,
Metro,
ferrovie
in concessione
giornaliero:4,00€; 3 giorni: 11,00€; settimanale 16,00€; mensile (personale):
30€; mensile (impersonale): 46€; mensile disoccupati: 16,00€; mensile invalidi: 4,00 €; mensile ridotto (fino a 20 anni, oltre 65 anni, militari, pensionati,
universitari fino a 26 anni): 18,00€; annuale: 230€ ; annuale agevolato (in
base al reddito, al numero di componenti del nucleo familiare e al valore ICI
degli immobili posseduti dal nucleo familiare): 150,00€
75'
rete ATM e
tratti urbani
delle linee
interurbane
2 viaggi al giorno per 6 giorni nell'arco di una stessa settimana: 6,70€; settimanale (primo rilascio): 16,75€; settimanale (dal secondo rilascio): 9,00€;
mensile (primo rilascio): 37,75€; mensile (dal secondo rilascio): 30,00€;
annuale: 300,00 €; 10 biglietti 9,20€; biglietto per 4 viaggi: 4,00 €; giornaliero: 3,00€; 2 giorni: 5,50€
rete GTT
15 biglietti: 12,50€; giornaliero: 3,00€ ; 4 ore: 1,80€; 4 ore pomeridiane
festivi da usare fino a 4 persone insieme: 4€; settimanale: 8,50€; mensile
(impersonale): 32,00€ ; mensile (personale): 29,00€; mensile (studenti e
anziani): 16,50; 10 mesi (studenti): 150,00€; 12 mesi (studenti): 172,00€;
annuale (anziani): 131,00€; agevolazioni per disoccupati, militari ed invalidi
AMT,
Trenitalia
10 biglietti: 9,50€; giornaliero: 3,00€; settimanale: 10,00€; mensile: 32,00€;
mensile (studenti scuola dell'obbligo e pensionati): 16,00€; mensile (scuola
secondaria e università, disoccupati):19,00€; mensile (invalidi): 11,00€;
annuale: 285,00€; gratuito nel caso di invalidità totale, invalidi assistiti dal
comune, invalidi pensionati
rete ATC
60' acquistato in vettura: 1,30€; giornaliero: 3,00€; 8 corse: 6,50€; mensile
(impersonale) 32,00€; mensile (personale) 30,00€; mensile (studenti):
24,00€; 48 corse da usufruire in 4 settimane qualsiasi: 24,00€ ; annuale
(impersonale): 300,00€; annuale (personale): 270,00€ ; annuale (meno di 15
anni): 172,00€; annuale (età compresa tra 15 e 30 anni): 192,00€; annuale
(anziani): 165,00€; annuale (genitore + figlio scuola elementare): 320,00 €;
annuale (genitore + 2 figli scuola elementare): 350,00€
rete ATAF
3 ore: 1,80€; 4 biglietti da 60': 3,90€; giornaliero: 4,50€; 4 biglietti da 60'
per militari: 1,20€; 2giorni: 7,60€; 3giorni: 9,60€; 7giorni 16,00€; biglietto
giornaliero per possessori tessera regionale (invalidi, over 65 anni): 1,00€;
Abbonamento Family 1 (valido tre mesi e utilizzabile da una persona delle
quattro aventi diritto): 110,00€; Family 2 (valido tre mesi e utilizzabile da
due persone delle quattro aventi diritto):170,00€; Family 3 (valido tre mesi e
utilizzabile da tre persone delle quattro aventi diritto): 200,00€; abbonamento mensile: 31,00€; mensile (studenti e lav. dipendente): 20,70mensile
(pensionati): 15,50€ ;mensile (over 65 anni): 27,40€; semestrale 130,0€;
semestrale (studenti): 100,00€; semestrale (over 65anni): semsetrale (over 75
anni): 35,00; 90,00€; annuale: 230,00€; annuale (studenti): 175,00€; annuale
(over 75 anni): 65,00
70'
90'
60'
60'
Fonte: siti aziendali (aggiornato a giugno 2004).
45
Capitolo II
Tav. 2.12 Comparazione degli schemi tariffari vigenti nelle metropoli europee (2002)
Una corsa €
Abbonamento
giornaliero €
Abbonamento
settimanale €
Abbonamento
mensile €
Abbonamento
annuale €
Amburgo
1,00
n.d.
5,00
12,70
148,00
Barcellona
1,05
4,40
n.d.
37,65
452,00
Berlino
0,50
n.d.
4,00
12,90
122,50
Copenaghen
2,09
12,11
n.d.
34,99
n.d.
Helsinki
3,00
n.d.
9,55
57,60
n.d.
Londra
1,11
n.d.
11,43
n.d.
457,06
Madrid
0,95
3,10
n.d.
45,58
501,33
Manchester
n.d.
6,50
14,40
55,75
608,17
Parigi
1,30
5,00
13,26
44,35
451,00
Media città europee
1,3
6,2
9,6
36,5
391,4
1,00*
4,00
16,00
30,00
230,00
Città
Roma
*Tariffa a tempo, validità 75 minuti.
Fonte: Enpowering, Città visibili, città vivibili, 2004.
Guardando, infine, alle risorse finanziarie e, in particolare, alla copertura dei costi del servizio proveniente direttamente dai ricavi da viaggio (tariffe) o,
indirettamente, dal bilancio dei diversi settori della
pubblica amministrazione, si osserva che le aziende
operanti nelle quattro maggiori città italiane si
2.5
Il monitoraggio della qualità erogata
I trasporti locali su rotaia nel Comune di Roma,
costituiti dalle linee A e B della metropolitana, dalle
tre ferrovie regionali (ex-concesse) e dalle linee ferroviarie metropolitane denominate FM, garantiscono ogni giorno lo spostamento in ambito comunale
ed extraurbano di circa un milione di passeggeri. In
particolare le linee A e B della metropolitana costituiscono uno degli assets principali nel sistema di
trasporto romano, effettuando 31 milioni di km-vettura ogni anno e trasportando 750.000 passeggeri
al giorno.
I Contratti di servizio stipulati tra Comune di Roma
ed Atac S.p.A., e tra Atac S.p.A. e Met.Ro. S.p.A.,
formalizzano i reciproci obblighi tra Comune - in
qualità di titolare del servizio, Atac - in qualità di
affidatario delle attività delle attività di gestione e
sviluppo delle reti di trasporto e di vendita dei titoli di viaggio, e Met.Ro. - in qualità di affidatario del
46
caratterizzano per una quota di ricavi a copertura
dei costi piuttosto bassa rispetto a quella europea.
Conseguentemente, con l'esclusione di alcune città
(Praga, Stoccolma, Vienna), le città italiane presentano le percentuali più elevate di sussidi pubblici al
servizio.
Tav. 2.13 Quadro delle risorse a finanziamento
del Tpl nelle diverse città europee e
italiane
Città
Ricavi da
viaggio (%)
Sussidi
Altre risorse
pubblici (%)
(%)
Barcellona
63,0
37,0
0,0
Bruxelles
63,0
33,0
4,0
Atene
61,0
39,0
0,0
Madrid
49,0
51,0
0,0
Stoccolma
49,0
50,0
1,0
Milano
41,0
59,0
0,0
Torino
37,0
63,0
0,0
Roma
35,0
65,0
0,0
Napoli
34,0
66,0
0,0
Parigi
30,0
23,0
47,0
Praga
25,0
56,0
19,0
Vienna
20,0
50,0
30,0
Fonte: EMTA (dati 2000) per le città europee; Isfort su dati Aci e Corte
dei Conti (dati 2002) per le città italiane.
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
servizio all'utenza. Detti Contratti individuano alcuni obiettivi in capo agli erogatori sui livelli di servizio e prevedono la formulazione di indici sintetici di
qualità erogata che costituiscono riferimenti per
valutare le prestazioni rese dalle società Atac e
Met.Ro.
L'Agenzia, al fine di fornire una sua valutazione
indipendente sui livelli di servizio resi agli utenti, ha
evidenziato i fattori di qualità attesa e del viaggio
nonché gli aspetti relazionali, comunicativi e di
tutela nel rapporto con l'utenza, sulla base dei principi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei
Ministri 27 gennaio 1994 (“Princìpi sull'erogazione
dei servizi pubblici”) e dello schema generale di
riferimento valido per il settore trasporti, allegato
al DPCM 30 dicembre 1998 (Carta della mobilità)11,
assumendo le definizioni, gli obiettivi e la misurazione della qualità erogata del servizio relativamente al trasporto pubblico di passeggeri, facendo
riferimento alla norma UNI EN 13816 del dicembre
2002.
La struttura degli indicatori della qualità oggetto di
verifica è fondata su una piramide gerarchica in cui
i macrofattori della qualità (indicatori di primo livello) sono caratterizzati da ulteriori fattori (indicatori
di secondo livello) che a loro volta si concretizzano
nelle schede di rilevazione mediante batterie di
item (più di 120 per accesso) oggettivamente valutabili presso le stazioni o presso i convogli. Si è inoltre adattato il sistema di indicatori al particolare
contesto oggetto di studio, ovvero il trasporto
metropolitano, che, per la sua stessa conformazio-
Tav. 2.14 Fattori della qualità - indicatori di primo e secondo livello
Indicatori di primo livello
Accesso alla stazione
Informazione e
attenzione al cliente
Comfort dell'attesa
Qualità del viaggio
Sicurezza
Indicatori di secondo livello
Osservazione in stazione Osservazione sui treni
Accessibilità esterna
X
Accessibilità interna
X
Disponibilità biglietteria
X
Informazioni generali
X
Informazioni di viaggio in condizioni normali
X
Informazioni di viaggio in condizioni anormali
X
Interfaccia clienti
X
Personale
X
Assistenza
X
Opzioni biglietteria
X
Utilizzabilità delle strutture passeggeri
X
Posti a sedere e spazio disponibile
X
Confortevolezza della corsa
X
Condizioni ambientali
X
Servizi aggiuntivi
X
X
Posti a sedere e spazio disponibile
X
Confortevolezza della corsa
X
Condizioni ambientali
X
Deterrenza del crimine
X
Prevenzione di incidenti
X
Informazioni generali sulla sicurezza
X
11 Cfr. paragrafo successivo.
47
Capitolo II
ne, è caratterizzato da alcune particolari condizioni
(strutture e percorsi spesso sotto il livello stradale,
assenza di contatto con il personale viaggiante,…).
La struttura identificata, tenendo conto di indicatori di primo e secondo livello, nonché dei siti di rilevazione, è rappresentata nella Tav. 2.14.
La campagna semestrale di rilevazione ha avuto inizio nel dicembre 2003 ed è stata realizzata secondo
il seguente disegno campionario mensile:
• controllo censuario delle infrastrutture ovvero
verifica dei parametri di qualità sulle 27 stazioni
della linea A e sulle 22 stazioni della linea B;
• controllo campionario dei mezzi di trasporto
ovvero verifica dei parametri di qualità su 49
convogli scelti casualmente, 27 della linea A e 22
della linea B.
La rilevazione ha interessato l'intero periodo di servizio, ad eccezione dei soli giorni festivi e dei mercoledì caratterizzati da limitazioni del traffico.
I dati raccolti sono stati aggregati in modo tale da
poter fornire una valutazione numerica sintetica
(scala 0-100) su ciascuno dei macro indicatori di
primo e secondo livello. Inoltre, al fine di poter
interpretare i risultati ottenuti, si è stabilito di ricostruire per ciascun indicatore di primo e di secondo
livello un cosiddetto “obiettivo di qualità” ovvero si
è calcolato quale fosse il punteggio cui corrispondesse una valutazione della qualità erogata di livello adeguato per tutti gli item presi in considerazione. Questo procedimento è stato realizzato in parte
seguendo la metodologia del mistery shopping,
immaginando cioè quanto un cliente si aspettasse di
trovare in stazione ed a bordo dei convogli per
poter considerare il servizio a lui erogato come
caratterizzato da prestazioni abbastanza buone.
Nella Tav. 2.15 vengono riportati i risultati di sintesi ottenuti nel corso dei sei mesi di rilevazione per
gli indicatori di primo livello; dati più dettagliati
sono invece disponibili all'interno dei singoli rapporti di monitoraggio pubblicati periodicamente
dall'Agenzia e consultabili sul sito internet
www.agenzia.roma.it.
La situazione rilevata mette in luce alcune carenze,
distribuite in modo non omogeneo tra le due linee.
Mentre le difficoltà maggiori per la linea A sono
quelle più strettamente connesse al viaggio
(comfort dell'attesa e qualità del viaggio), la linea
B presenta in maniera del tutto speculare un gap
piuttosto significativo dallo standard per quanto
riguarda le informazioni e l'attenzione al cliente.
Una criticità comune è quella relativa all'accesso
alle stazioni. Migliore la situazione per quanto
riguarda la sicurezza.
Come è possibile evidenziare meglio nella Fig. 2.7,
mediante l'adozione di barre degli istogrammi di
colore nero per gap di segno negativo e di colore
bianco per gap di segno positivo, il servizio raggiunge livelli superiori allo standard solo per quanto riguarda l'indicatore relativo alla sicurezza sulla
linea A. Quattro indicatori evidenziano scostamenti dai valori obiettivo inferiori di 7 punti, mostrando così la possibilità di raggiungere - con piccoli
aggiustamenti - l'obiettivo indicato. Maggiori criticità si rilevano per altri cinque indicatori che registrano gap significativi (maggiori di 10 punti)
rispetto agli standard.
Tav. 2.15 Indicatori di primo livello (I semestre 2004)
Indicatori di primo livello
48
Linea A
Linea B
Standard
Accesso alla stazione
57,2
63,1
79,4
Informazione e attenzione al cliente
73,1
65,7
75,9
Comfort dell'attesa
61,2
71,2
76,3
Qualità del viaggio
61,0
65,5
71,6
Sicurezza dell'utenza
86,8
78,7
82,0
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Fig. 2.7
Indicatori di primo livello distinti per linea (I sem. 2004)
2.6
La tutela degli utenti
Il processo di esternalizzazione dei servizi pubblici
locali dalla pubblica amministrazione ha reso necessario per la pubblica amministrazione l'introduzione di
forme di tutela dei cittadini in grado di preservarne i
diritti all'interno del mutato quadro di relazioni.
Tra queste forme di tutela possiamo includere le Carte
dei servizi ossia lo strumento demandato ad informare i cittadini/utenti sulla tipologia di servizi resa loro
disponibile, nonché a facilitare il controllo diretto da
parte dell'utenza sul rispetto degli impegni di qualità
che il soggetto erogatore ha preso con la pubblica
amministrazione. Compito primo della Carta è infatti
quello di mettere a conoscenza del cittadino il servizio che le aziende di erogatrici sono tenute ad offrire
a seguito della stipulazione del Contratto di servizio
con la pubblica amministrazione.
49
Capitolo II
2.6.1
Le Carte dei servizi nel trasporto
pubblico locale
2.6.1.1 La Carta della mobilità
Coerentemente ai dettami della citata Direttiva del 27
gennaio 2004, la Carta della Mobilità (DPCM 30
dicembre 1988) raccoglie i principi ai quali si devono
uniformare i soggetti che erogano i servizi di trasporto pubblico e che ne gestiscono le infrastrutture.
La Carta della Mobilità rappresenta uno degli strumenti individuati dal Legislatore per migliorare la
qualità dei servizi forniti, per migliorare il rapporto
tra utente e fornitore e, in termini più generali, per
rafforzare la garanzia della libertà di circolazione
dei cittadini prevista dalla Costituzione italiana e
dal Trattato di Mastricht.
Come già menzionato nel precedente paragrafo, la
Carta della Mobilità è lo strumento attraverso il
quale i principi della Direttiva Ciampi12 vengono
estesi al settore dei trasporti.
Le Amministrazioni pubbliche sono chiamate ad
inserire i contenuti della Carta negli atti che disciplinano le concessioni ai soggetti erogatori nonché
a controllare e vigilare il loro rispetto. In tal modo
l'inosservanza dei contenuti della Carta dei servizi
rappresenta un elemento di inadempimento degli
obblighi assunti contrattualmente dai soggetti erogatori.
Una volta definiti i principi fondamentali della
Carta della Mobilità l'elemento centrale per la sua
predisposizione è la definizione dei fattori di qualità, ossia degli aspetti rilevanti per la percezione
della qualità del servizio da parte dell'utenza. Per i
servizi di trasporto pubblico lo schema generale di
riferimento valido per il settore trasporti allegato
alla Carta della Mobilità definisce i seguenti fattori
di qualità:
• sicurezza del viaggio;
• sicurezza personale e patrimoniale del viaggiatore;
• regolarità del servizio e puntualità dei mezzi;
• pulizia e condizioni igieniche dei mezzi;
• comfort del viaggio;
•
•
•
•
servizi aggiuntivi (a bordo);
servizi per viaggiatori con handicap;
informazioni alla clientela;
aspetti relazionali/comunicazionali del personale
a contatto con l'utenza;
• livello di servizio nelle operazioni di sportello;
• integrazione modale;
• attenzione all'ambiente.
Per ciascun fattore di qualità individuato gli operatori devono determinare degli indicatori in
grado di rendere possibile una adeguata misurazione delle prestazioni erogate. Su ciascuno di
questi indicatori i soggetti erogatori devono, infine, prefissare uno standard (o livello di servizio
promesso) sulla base delle aspettative dell'utenza
e delle proprie potenzialità. Lo standard costituisce un obiettivo dinamico prestabilito periodicamente dal soggetto erogatore, nonché un elemento di informazione trasparente nei confronti dell'utenza sul livello della qualità del servizio garantito. L'adozione degli standard deve essere accompagnata da una relazione illustrativa ed essere sottoposta a continuo monitoraggio.
Lo standard può essere di due tipi: quantitativo o
qualitativo. Lo standard quantitativo si suddivide a
sua volta in due categorie: specifico e generale. E'
specifico quando è riferito alla singola prestazione
e, pertanto, direttamente misurabile da ogni singolo utente. È generale quando è espresso da un valore medio riferito al complesso delle prestazioni relative al medesimo indicatore.
Diversamente dallo standard quantitativo quello
qualitativo esprime una garanzia su determinati
aspetti del servizio che si intendono assicurare (es.
aspetti relazionali/comunicazionali del personale a
contatto con l'utenza).
2.6.1.2 Le Carte dei servizi delle aziende romane
La ripartizione dei ruoli e dei compiti che caratterizza il modello romano di organizzazione dei servizi di trasporto pubblico fa sì che anche le Carte dei
servizi dei diversi operatori risentano di tale ripartizione. Sebbene non tutti i soggetti operanti a Roma
12 Per i riferimenti normativi generali in materia di Carta dei servizi, si veda il paragrafo 1.3.5.
50
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
abbiano predisposto una Carta dei servizi della
mobilità (mancano quelle di Met.Ro. relativamente
alle due linee metropolitane e delle ATI con Sita
capofila) nella Carta dei servizi di Atac per il 2002 e
2003 sono presenti le “promesse di qualità” del
sistema romano e, pertanto, gli impegni a cui devono attenersi i diversi operatori.
Si sottolinea che la compresenza di Carte dei servizi
emesse dai diversi soggetti erogatori al cui interno
sono contenuti impegni relativi ai medesimi fattori
di qualità, oltre a rappresentare uno scarso fattore
di chiarezza nell'attribuzione delle responsabilità
del servizio, ingenera, talvolta, alcuni disallinea-
menti nei dati rappresentati. E' ad esempio il caso
della percentuale di tram climatizzati che per Atac
dovrebbero essere il 42,5% del totale mentre per
Trambus il 39,3%. In questo caso, poiché Trambus è
l'unica società che eroga servizi tramviari nella capitale, non ci sono motivi per giustificare una tale
divergenza, se non un adeguamento nel tempo dei
valori previsti13 che tuttavia può generare confusione nel lettore.
Nelle tavole seguenti sono stati sintetizzati i fattori di qualità contenuti nelle Carte dei servizi
ripartiti per tipologia di servizio (Tav. 2.16, Tav.
2.17 e Tav. 2.18).
Tav. 2.16 Carta dei servizi: impegni Atac
Fattori di qualità
Atac
Comfort del viaggio
L'Atac prevede un miglioramento graduale nel tempo della percentuale
di mezzi (autobus, tram, metropolitana) climatizzati e accessibili ossia
dotati di “pianale ribassato” (autobus, tram) o di “pianale a livello”
(metropolitana)
Titoli di viaggio
L'Atac assicura un numero crescente di punti vendita dei titoli di viaggio
e di centri assistenza clienti. E' inoltre previsto un aumento della percentuale di obliteratrici quotidianamente funzionanti
Servizi per viaggiatori con handicap
L'Atac prevede un aumento della percentuale di mezzi accessibili agli
utenti diversamente abili
Informazioni alla clientela
Relativamente al trasporto di superficie Atac non prevede un miglioramento della percentuale di linee con orario ad ogni fermata (30%) mentre assicura che tutte le linee abbiano orari di partenza ai capilinea e che
tutte le pensiline abbiano informazioni sui viaggi. Assicura inoltre l'aumento percentuale della presenza dell'indicatore luminoso di linea sui
mezzi. Per il trasporto metropolitano l'Atac assicura la mappa delle fermate e della rete delle stazioni in tutti i treni. Assicura inoltre un incremento rilevante della percentuale di banchine dotate di display per le
informazioni sulle frequenze dei mezzi
Aspetti relazionali/comunicazionali
del personale a contatto con l'utenza
L'Atac assicura che il proprio personale che opera a diretto contatto con
la clientela tratti i clienti con rispetto e cortesia, utilizzi un linguaggio
chiaro e comprensibile, e mantenga un comportamento teso a stabilire
un rapporto di fiducia e di collaborazione tra azienda e clienti
Livello di servizio nelle operazioni di sportello
L'Atac si impegna ad abbassare i tempi di attesa alle biglietterie e
all'Ufficio Clienti. Viene inoltre prevista una riduzione dei giorni medi
necessari agli uffici per svolgere una pratica e pertanto per rispondere
alle segnalazioni scritte. In merito alla tempestività dei servizi telefonici
Atac assicura una riduzione del tempo medio di attesa al numero verde e
al centralino
Attenzione all'ambiente
Relativamente al trasporto di superficie Atac assicura un incremento dei
mezzi alimentati con le cosiddette energie alternative e l'abbassamento
delle percentuali di mezzi con età superiore a 10 anni Per il trasporto su
metropolitana Atac non prevede il rinnovo del parco mezzi
13 Ci si riferisce agli impegni previsti per l'anno 2003 in entrambe le Carte.
51
Capitolo II
Tav. 2.17 Carta dei servizi: impegni per il trasporto di superficie
Fattori di qualità
Trambus e ATI-Sita
Sicurezza del viaggio
I soggetti gestori sono impegnati a ridurre il numero di sinistri per vett-km,
il numero di sinistri passivi per vett-km e a incrementare il numero di mezzi
con cellulare a bordo
Regolarità del servizio e puntualità dei mezzi
I soggetti gestori sono impegnati a: innalzare le percentuali di corse effettuate su quelle programmate, incrementare la velocità commerciale media,
coprire il totale delle ore giornaliere, garantire una distanza alle fermate
pari a 396 m, ridurre la percentuale di corse perse per guasti in linea
Pulizia e condizioni igieniche dei mezzi
I soggetti gestori sono impegnati a migliorare la pulizia straordinaria dei
mezzi
Comfort del viaggio
I soggetti gestori sono impegnati ad aumentare la percentuale di mezzi
(autobus e tram) dotati di climatizzatore e di pianali ribassati per favorire
l'accessibilità degli utenti diversamente abili
Aspetti relazionali/comunicazionali del personale a contatto con l'utenza
I soggetti gestori sono impegnati ad assicurare la presenza di personale di
bordo dotato di capacità umane e professionali per comunicare e interagire
correttamente con l'utente, oltre che per recepire i problemi quotidiani
della realtà del trasporto pubblico e poi trasferirli all'azienda
Tav. 2.18 Carta dei servizi: impegni per il trasporto metropolitano
Fattori di qualità
Met.Ro.
Sicurezza personale e patrimoniale
del viaggiatore
Il soggetto gestore è impegnato a garantire la presenza in tutte le stazioni di
videocitofoni e Tv a circuito chiuso e la presenza di avvisatori acustici di chiusura delle porte. A riguardo si sottolinea che mentre per la linea B tali avvisatori
sono assicurati nel 100% delle stazioni, per la linea A solo nel 29%.
Regolarità del servizio e puntualità dei mezzi
Il soggetto gestore è impegnato ad assicurare una percentuale prossima al
100% di corse effettuate su corse programmate e una determinata frequenza delle stesse differenziata tra le ore di punta e di morbida e per linea
metropolitana.
Pulizia e condizioni igieniche dei mezzi
Il soggetto gestore è impegnato a garantire la quotidiana pulizia interna e
la trimestrale pulizia esterna di tutti i treni. E' inoltre prevista la pulizia dei
treni dai graffiti in diversi interventi volti alla pulitura completa dei mezzi.
Pulizia e condizioni igieniche delle stazioni
Il soggetto gestore è impegnato a garantire la quotidiana pulizia in tutte
le stazioni nelle quali si assicurano quattro raccolte di rifiuti ogni giorno.
Comfort del viaggio
Il soggetto gestore è impegnato a garantire un miglioramento del livello di
comfort dei mezzi misurato in termini di affollamento. Per le stazioni il
comfort è, invece, misurato tenendo conto della presenza di scale mobili,
bagni agibili, aree di attesa, servizi commerciali.
Servizi per viaggiatori con handicap
L'accessibilità per i portatori di handicap rientra tra gli aspetti considerati
nella Carta di servizio di Atac.
La ripartizione dei fattori di qualità nelle Carte dei
servizi delle aziende romane di trasporto evidenzia
il ruolo informativo svolto da Atac. Tale assetto presenta dei vantaggi per l'utenza che si trova ad interloquire con un unico soggetto.
Non tutti i fattori di qualità individuati nel DPCM
del 30 dicembre 1998 sono stati presi in esame nella
carte dei servizi di Atac che, come si nota nella Tav.
2.19, non tiene conto dei servizi aggiuntivi (a
bordo) e dell'integrazione modale.
52
2.6.1.3 Altre esperienze italiane
Per comparare le Carte dei servizi delle aziende
romane con quelle di altre importanti società italiane sono stati presi in considerazione alcuni indicatori, la cui scelta è stata dettata esclusivamente
dalla comparabilità. Per questo si sono presi in considerazione: la percentuale delle corse effettuate su
quelle programmate; il numero di sinistri ogni
100.000 vetture-km; la percentuale di corse in orario; la percentuale di mezzi climatizzati e dotati di
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
Tav. 2.19 Ripartizione dei fattori di qualità nelle Carte dei servizi delle aziende romane di trasporto
FATTORI DI QUALITA'
Sicurezza del viaggio
Sicurezza personale e patrimoniale del viaggiatore
Regolarità del servizio e puntualità dei mezzi
Pulizia e condizioni igieniche dei mezzi e delle stazioni
Comfort del viaggio
Servizi aggiuntivi (a bordo)
Servizi per viaggiatori con handicap
Informazioni alla clientela
Aspetti relazionali/comunicazionali del personale a contatto con l'utenza
Livello di servizio nelle operazioni di sportello
Integrazione modale
Attenzione all'ambiente
strumenti volti a favorirne l'accesso per le persone
disabili; il tempo medio di risposta ai reclami; l'esistenza o meno di procedure di rimborso a seguito
del verificarsi di disservizi.
Limitatamente ai contenuti della Carta dei servizi di
Atac si osserva che rispetto alle altre aziende italiane il sistema romano presenta: la più bassa percentuale di corse effettuate su corse programmate; il
più alto numero di sinistri ogni 100.000 vett-km erogate dagli autobus di linea; una elevata percentuale di mezzi su gomma con pianale ribassato volto a
facilitare l'ingresso delle persone disabili e l'assenza
di forme di rimborso in caso di disservizi.
Dall'analisi delle diverse Carte dei servizi si possono
Atac
X
X
X
X
X
X
Trambus e ATI-Sita
X
X
X
X
X
X
X
Met.Ro.
X
X
X
-
trarre alcune osservazioni che trovano conferma in
alcune delle conclusioni dello studio effettuato dal
Ministero delle Attività produttive14. L'analisi pone
infatti in evidenza un'errata interpretazione dello
strumento Carta dei servizi che è stata visto dalla
gran parte delle società erogatrici come un mezzo
per auto-promuoversi piuttosto che per facilitare la
tutela dei diritti dei cittadini-utenti. La gran parte
delle Carte risultano inoltre scritte con un linguaggio tecnico di difficile comprensione per il cittadino
medio, eccessivamente lunghe e, cosa di grande
importanza, prive della specificazione delle modalità di misurazione dei livelli dei servizi. Questo
aspetto fa sì che in taluni casi non risulta facile capi-
Tav. 2.20 Comparazione delle Carte dei servizi dei maggiori operatori italiani
Atm (Mi)
Atac (Rm)
Gomma ferro Gomma ferro
Ataf
(Fi)
Amt Trentino Cstp Train Trieste Atc
(Ge) trasporti (Sa) (Si) Trasporti (Sp)
Regolarità del servizio corse
effettuate/corse programmate (%)
97,9
99,6
97,3
99,0
98,0
98,0
n.d.
99,3 100
n.d.
99,7
Sicurezza
n. sinistri ogni 100.000 vett-km
2,4
0,9
6,6
n.d.
1,1
n.d.
6,4
4,7
5,5
n.d.
n.d.
Puntualità
corse in orario/corse totali (%)
97,8
98,9
-
-
78,0
80,0
85,8
71,0 66,0
n.d.
n.d.
Climatizzazione
mezzi (%)
56,3
8,2
45,0
n.d.
92,7
n.d.
40,0
47,9 41,0
70,0
63,0
Accessibilità gomma: mezzi con pianale
ribassato; ferro: % stazioni con scale
mobili (%)
62,4
89,5
67,8
58
62,6
40,0
54,0
30,0
8,0
71,0
44,0
Tempo medio risposta ai reclami (giorni)
25
20
30
30
10
30
30
20
20
Rimborso alla clientela in caso di disservizi (non automatico non in denaro)
no
no
no
no
si
si
si
no
si
no
si
Fonte: Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune di Roma, 2004.
14 Ministero delle Attività produttive, Dalla Carta dei servizi alla Carta della qualità, Maggio 2003.
53
Capitolo II
re che tipo di indicatore è stato utilizzato e pertanto la comprensione del cittadino sul livello di qualità
da esigere dalle aziende risulta ridotta. Si segnala
infine che gran parte delle Carte non prevedono il
coinvolgimento dell'utenza durante la fase redazionale, così che la partecipazione si esaurisce sovente
nella sola possibilità dell'utenza di inviare reclami.
2.6.2
dal contact center dall'Atac attraverso il proprio
numero verde (800.431.784). Le tabelle seguenti
riportano le sintesi dei giudizi quali-quantitativi
(valori) così come sono emersi nelle due fasi in cui
è stato suddiviso il lavoro: “fase A”, ovvero analisi dei livelli di servizio quali-quantitativi effettuata attraverso il “mistery call”; e “fase B”, ossia
analisi dei processi operativi di supporto al contact center realizzata tramite incontri presso la
sede aziendale. Per la descrizione dei singoli
aspetti si rimanda ancora una volta alla lettura del
paragrafo 1.3.2.
Per quanto concerne l'analisi dei livelli di servizio
quali-quantitativi, l'esame dei valori di sintesi evidenzia un livello di qualità nella gestione dei flussi
telefonici (accessibilità) e del contatto con l'utente
(in chiusura di chiamata) che soddisfano solo parzialmente gli standard. Margini di miglioramento
possono essere conseguiti sugli esiti positivi di contatto (77% dei casi rilevati a fronte di uno standard
tendenziale pari al 100%) e dei tempi di risposta
(56% entro i 20 secondi a fronte di uno standard
tendenziale pari al 95%).
L'accessibilità commerciale
del servizio: il contact center Atac
Lo studio delle modalità con le quali l'azienda
rende disponibili ai cittadini le informazioni sul
servizio erogato rappresenta un importante strumento per poter valutare una delle componenti
che qualificano l'accessibilità al servizio stesso. In
questo contesto, come già accennato nel paragrafo 1.3.2, l'Agenzia ha effettuato un'analisi,
svolta nei mesi di settembre-novembre 2003, sullo
stato dell'arte dei contact center (sportelli virtuali) delle aziende del gruppo Comune di Roma. Per
quanto riguarda il trasporto pubblico, si è esaminato il servizio di informazioni telefoniche gestito
Tav. 2.21 Risultati dell'analisi dei livelli di servizio quantitativi e qualitativi del contact center di Atac
FASE A - ANALISI DEI LIVELLI DI SERVIZIO QUANTITATIVI E QUALITATIVI
A.1. Accessibilità al Contact Center
1.Reperibilità
A.2. Qualità del contatto con gli utenti
2.Costo e 3.Accesso alle 4.Tempi di
trasparenza informazioni
attesa
100
100
p
72
69
1.Apertura
chiamata
2.Chiusura chiamata
91
48
71/100 (p)
p
A.3. Qualità delle risposte
1.Qualità
2.Qualità delle
dell'interazione informazioni
fornite
93
74/100 (p)
p
87
90/100 (+/p )
Tav. 2.22 Risultati dell'analisi dei processi operativi di supporto al contact center di Atac
FASE B - ANALISI DEI PROCESSI OPERATIVI DI SUPPORTO AL CONTACT CENTER
B.1.
Tecnologia
B.2.
Organizzazione
B.3.
Copertura del servizio
1.
2.
1.
2.
3.
4.
1.
2.
Infrastruttura
Canale Responsabilità Supervisione Formazione Procedure Presidio
Presidio
tecnologica di contatto
operatori
giornaliero settimanale
50
100
p
63/100 (p )
54
100
100
p
75/100 (p)
50
50
75
75
p
B.4.
Verifica della qualità
3.
1.
Flessibilità
Controllo
nella
qualità del
gestione dei contatto
picchi/ eventi telefonico
straordinari
53/100 (p/-)
0
50
2.
Verifica
livelli di
servizio
100
p
83/100 (+/p)
Il ser vizio di trasporto pubblico locale di linea
La qualità delle risposte fornite risulta pressoché
adeguata agli standard.
Con riferimento all'analisi dei processi operativi di
supporto al contact center, tali caratteristiche si possono definire parzialmente soddisfacenti riguardo
all'organizzazione e all'infrastruttura tecnologica
utilizzata. L'aspetto della copertura del servizio, con
particolare riguardo alla flessibilità, evidenzia margini per un miglioramento; si nota a tale proposito
che il dimensionamento appare difficilmente modu-
labile in funzione di picchi e/o di eventi straordinari.
Atac si pone gli obiettivi di ridurre i tempi di attesa,
in particolare, e di migliorare il dimensionamento,
in generale. L'esigenza manifestata a livello di processo riguarda l'integrazione tra call center e back
office che permetterà una più efficiente gestione
delle pratiche aperte con gli utenti ed una più efficace risposta alle segnalazioni e ai reclami, nell'ottica di trasformarli sempre di più in opportunità di
feed-back informativo.
55

Documentos relacionados