foglioaperto >> 5 - Comune di Argelato

Comentarios

Transcripción

foglioaperto >> 5 - Comune di Argelato
Periodico bimestrale in distribuzione gratuita
Anno 32° - n. 5 novembre-dicembre
Proprietario: Amministrazione Comunale di Argelato
nella persona del Sindaco pro tempore
Direzione e redazione: Municipio di Argelato
Tel. 051/66.34.611 - Fax 051/89.35.10
Registrazione del tribunale di Bo.: n. 4931 del 2/10/1981
impaginazione e stampa: Tipografia Il Torchio Snc
Tel. 051.823011 - www.iltorchiosgp.it
Direttore responsabile: Maurizio Garuti
Comitato di redazione: Gian Paolo Borghi, ass. Cultura,
Informazione, Volontariato, Associazionismo
Daniela Fratti, Assessore Relazioni Esterne William
Cevolani - Miria Cervi - Romano Guizzardi
Giovanna Rizzoli - Andra Trentini
www.comune.argelato.bo.it
e-mail: [email protected]
raccolta pubblicitaria: Eventi - Tel 051/6340480
e-mail: [email protected]
comune
di argelato
novembre-dicembre
2013
foglioaperto >> 5
Domenica
24 novembre
2013
Inaugurazione della Chiesa...
Buone Feste
dall’Amministrazione Comunale di Argelato
... e del municipio di Argelato
foglioaperto >> 5
delibere
Delibere del Consiglio Comunale
Seduta del 30 settembre 2013
Approvazione variante al PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale)
Il Consiglio ha deliberato di esprimere l’intesa in merito ai
documenti controdedotti della Variante al Piano Territoriale
di Coordinamento Provinciale con valore ed effetti di adeguamento normativo e cartografico del PSC del Comune
di Argelato. Si dà atto che la presente deliberazione non
comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio del Comune;
Voti favorevoli 11, astenuti 1 (Chiari Gioele del gruppo
Cambiamo Argelato) e contrari 2 (Citriniti Michele del
gruppo Insieme per Argelato e Tolomelli Onorio del gruppo
Cambiamo Argelato)
Approvazione accorpamento ATEM (Ambiti Territoriali Minimi)
Il Consiglio ha deliberato l’approvazione dell’accorpamento degli ATEM Bologna 1 e Bologna 2 con conseguente
delega delle funzioni di stazione appaltante al Comune di
Bologna e l’approvazione della convenzione tra i Comuni,
Atem Bologna 1 e Bologna 2 per l’affidamento del servizio di distribuzione del gas naturale e successiva gestione
del contratto di servizio, con individuazione del Consorzio
di diritto pubblico con AMI di Imola, quale delegato ad
operare in luogo e per conto del Comune di Argelato quale
struttura tecnica.
Voti favorevoli 10, contrari 4 (Consiglieri Chiari Gioele,
Onorio Tolomelli, Seidenari Bruno, del gruppo Cambiamo
Argelato e Citriniti Michele, del gruppo Insieme per Argelato)
Approvazione convenzione per la formazione
di operatori ai servizi educativi di prima infanzia
Il Consiglio ha deliberato, anche per l’anno scolastico
2013/2014, un unico coordinamento pedagogico e la
realizzazione della formazione in forma associata degli operatori dei servizi educativi di Argelato, Bentivoglio, Castel
Maggiore e S. Giorgio di Piano, approvando l’apposita convenzione tra gli Enti e delegando il Comune di Bentivoglio
ad assumere il ruolo di Comune capofila. I costi sono così
quantificati: Euro 2.923,69 nel periodo settembre/dicembre 2013 e Euro 9.860,00 nel periodo gennaio/luglio 2014.
La spesa presumibile relativa alla Formazione ammonta ad
Euro 300,00.
Voti favorevoli unanimi
Ordine del Giorno su accordo ANCI/Conai
IL CONSIGLIO COMUNALE DI ARGELATO
CONSIDERATO CHE
• Il 31 dicembre 2013 scadrà l’accordo quadro volontario
Anci-Conai previsto dal comma 5, dell’art. 225 del D.Lgs.
n. 152/2006 che contempla la facolta` del Conai di stipulare un Accordo di Programma quadro su base nazionale
con l’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci),
con l’Unione delle province italiane (Upi) o con le Autorità d’Ambito al fine di garantire l’attuazione del principio
di corresponsabilità gestionale tra produttori, utilizzatori
e pubbliche amministrazioni e che tale accordo (che ha
un ruolo di sussidiarietà rispetto al mercato) impegna i
Comuni alla raccolta differenziata degli imballaggi oggetto
della convenzione e al conferimento degli stessi ai consorzi di filiera. In base alla normativa «il costo della gestione
degli imballaggi, e cioè della loro raccolta, valorizzazione
ed eliminazione, grava su produttori ed utilizzatori mentre
all’apparato pubblico spetta di organizzare la raccolta differenziata»
• tale accordo stabilisce: a) l’entità dei maggiori oneri per la
raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio, di cui all’art.
221, c 10, lett. b, da versare alle competenti pubbliche
amministrazioni, determinati secondo criteri di efficienza, efficacia, economicita` e trasparenza di gestione del
servizio medesimo, nonche´ sulla base della tariffa di cui
all’art.238, dalla data di entrata in vigore della stessa (18);
b) gli obblighi e le sanzioni posti a carico delle parti contraenti; c) le modalita` di raccolta dei rifiuti da imballaggio
in relazione alle esigenze delle attivita` di riciclaggio e di
recupero
• I Comuni per svolgere l’attività della raccolta differenziata
degli imballaggi oggetto dell’accordo possono conferire delega ad un soggetto terzo (consorzio di Comuni,
gestore del servizio di raccolta, impianto che si occupa
della lavorazione del materiale). Ai Comuni, in virtù della
sottoscrizione di tale convenzione, viene riconosciuto
un corrispettivo sulla base della quantità e della qualità
dei rifiuti da imballaggio conferiti. Che tali corrispettivi
vengono aggiornati annualmente nella misura dei 2/3 del
tasso di inflazione annuale (NIC)
Foto di copertina: inaugurazione della Chiesa, foto di Miria Cervi - inaugurazione del municipio, foto di Gabbriello Caparrini
2
foglioaperto >> 5
editoriale
Ben ritrovati!
Le imminenti festività ci danno la possibilità di “tirare” un po’ il fiato dopo
un anno intenso e critico come il
2013. La situazione generale è sempre
molto pesante e le prospettive non
sono proprio esaltanti: il Governo
pare cristallizzato su alcune questioni
personali, senza riuscire a sbloccare
lo stallo in cui siamo finiti da tempo.
Gli Enti Locali vivono questo blocco
in modo drammatico: incapaci di
programmare con ragionevolezza il
futuro per l’assenza di un quadro di riferimento stabile e costretti a reperire
risorse come esattori dello Stato. Il Bilancio 2014 è stato rimandato all’anno
nuovo, proprio per l’assenza di norme
chiare.
Pur persistendo condizioni di incertezza, gli ultimi mesi dell’anno sono
caratterizzati da numerosi cantieri:
alcuni lavori sono finiti, mentre altri proseguiranno in primavera. La stagione,
fino a metà Novembre, è stata clemente, consentendo il rispetto dei
tempi preventivati; contemporaneamente, sta proseguendo la ricostruzione
degli edifici lesionati dal sisma 2012. Il
24 Novembre abbiamo inaugurato il
Municipio, preceduto dalla riapertura della Chiesa e si sta chiudendo il
cantiere presso il Condominio Mota.
Il lavoro legato alla ricostruzione
procede e intanto ci godiamo i primi
risultati concreti.
In questo numero ci sono alcuni articoli interessanti che riguardano le
azioni dell’Amministrazione in merito
ai servizi (sociali, sanitari e scolastici):
il mantenimento degli stessi era un
obiettivo strategico di inizio mandato,
che è stato raggiunto. Un grazie ai
dipendenti comunali, che sono stati
capaci di innovare, conservando e
migliorando la capacità di risposta ai
bisogni dei cittadini. Abbiamo lavorato
in questi mesi, di concerto con l’Unione, per avere un maggiore presidio del
territorio, come riportato nell’articolo
specifico.
Il mandato si sta concludendo, tra sei
mesi ci saranno le elezioni amministrative, precedute dalla selezione, con
le Primarie, del candidato Sindaco del
Partito Democratico; ritengo che sia
un bel segnale di democrazia e, come
già anticipato, io ci sono, rivendicando
i risultati raggiunti in questi anni e la
prospettiva di Comunità per il prossimo mandato amministrativo.
Auguri di Buone Feste a tutti voi e alle
vostre famiglie,
Andrea Tolomelli
Sindaco
A seguito di Conferenze dei Capigruppo consiliari, si è stabilito all’unanimità, che, a partire da questo numero di “Foglio Aperto”, venga inserita una
nuova rubrica dal titolo “La Giunta si racconta”, con caratteristiche di informazione di carattere politico-amministrative. La Rubrica “Il Comune informa”
sarà gestita a cura dell’Amministrazione comunale. Gli articoli e le notizie
non firmati sono da intendersi a cura dell’Amministrazione comunale, i cui
nominativi degli estensori saranno comunque agli atti della Segreteria di
Redazione.
INDICE
PAG. 2/6
DELIBERE DEL CONSIGLIO
e GIUNTA COMUNALE
PAG 3
EDITORIALE
PAG. 7/8
IL COMUNE INFORMA
PAG. 9
LA GIUNTA SI RACCONTA
PAG. 10/13
LA VOCE DEI GRUPPI
PAG. 14/17
ASSOCIAZIONISMO
PAG. 18/20
CULTURA
PAG. 21
SCUOLA
PAG. 22
SPORT
PAG. 23/24
POSTA
La direzione e il Comitato di Redazione non si assumono alcuna
responsabilità riguardo i contenuti ed i pareri di chi scrive su Foglio
Aperto. Quanto espresso negli articoli è esclusiva responsabilità degli
autori.
Gli articoli non firmati sono da intendere a cura della Redazione.
3
foglioaperto >> 5
delibere
Delibere del Consiglio Comunale
• Il Conai si finanzia - con riparto dei costi fra i produttori
e gli utilizzatori di imballaggi, in proporzione alla quantità, al peso e alla tipologia dei materiali di imballaggio
immessi sul mercato (art. 224, c. 3 D.Lgs. n. 152/2006)
- col contributo ambientale Conai (Cac) che è stabilito
per ciascuna tipologia di materiale di imballaggio e con le
entrate derivanti dalla vendita dei materiali raccolti
• Il sistema della raccolta degli imballaggi prevede un
impegno consistente da parte dei Comuni (direttamente o tramite il sistema delle “deleghe” ad altri soggetti)
per organizzare le piattaforme di raccolta e promuovere
la raccolta differenziata e che le attuali difficili condizioni
economiche, finanziarie e di mercato stanno causando
seri problemi agli enti locali, alle aziende da loro delegate alla gestione del ciclo intergrato dei rifiuti. Il sistema
Conai/Consorzi di filiera (che si occupa della presa in
carico dei rifiuti raccolti) tramite la ricollocazione sul
mercato degli imballaggi sotto forma di materie prime/
seconde, ricava consistenti risorse e che dei circa 800 mln
di euro complessivamente incassati dal sistema Conai, ai
Comuni solamente 300 mln sono complessivamente destinati, una cifra insufficiente per riuscire a coprire i costi
di organizzazione e gestione delle piattaforme per la raccolta differenziata in capo ai Comuni o ai soggetti da loro
delegati
• La normativa prevede, che ai Comuni vengano riconosciuti i “maggiori oneri” derivanti dalla raccolta differenziata e
che il CAC sia “prevalentemente” destinato alla raccolta
differenziata, ma esiste grande incertezza sul significato
esatto del concetto di «maggiori oneri», laddove prima la
norma chiedeva al Conai di corrispondere un corrispettivo per i costi delle raccolte e ciò penalizza fortemente gli
Enti Locali
• I cittadini e le imprese rischiano di pagare due volte per il
servizio di gestione dei rifiuti di imballaggio, con la Tares
e con il contributo ambientale Conai che è applicato su
tutti gli imballaggi posti sul mercato»
• In seno alla Commissione ambiente di ANCI Nazionale
(presieduta dal Sindaco di Bolzano, Luigi Spagnolli) è
stata costituita una delegazione (guidata dal delegato
Anci all’energia e ai rifiuti, Filippo Bernocchi, assessore
all’ambiente del Comune di Prato, e dal delegato Anci
alle politiche ambientali, Tommaso Sodano, vicesindaco di Napoli) che si occupa della trattativa per il rinnovo
dell’AQ Anci-Conai 2014-2018
• Le Anci Regionali di Lombardia, Piemonte, Veneto, Emi-
4
lia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia (Regioni caratterizzate
da elevati livelli di raccolta differenziata), da una parte, e
l’Associazione dei Comuni Virtuosi, dall’altra, hanno avanzato una serie di proposte per la trattativa Anci-Conai
caratterizzate da significativi contenuti dal punto di vista
ambientale ed economico a favore degli Enti Locali
SI AUSPICA
il raggiungimento entro il 31/12/2013 di un accordo sui
contenuti dell’AQ Anci-Conai, visti i risultati positivi in
termini di raccolta differenziata raggiunti grazie all’applicazione dell’AQ 2009-2013 e alle opportunità anche in
termini di nascita di attività produttive e di posti di lavoro
legati ai settori dell’ambiente e del riciclo, assai importante
in questo momento di profonda crisi economica. A questo
scopo è ulteriormente auspicabile che la raccolta differenziata venga collegata sempre più strettamente col sistema
integrato di gestione (SIG) dei rifiuti, in modo da essere
veramente efficace ed esplicare completamente i propri
effetti virtuosi anche dal punto di vista economico . un
intervento normativo da parte del Governo che chiarisca
meglio alcuni aspetti della normativa di settore che rischia,
altrimenti, di penalizzare eccessivamente gli Enti Locali (e di
conseguenza, i Cittadini) nell’organizzazione e nella gestione della raccolta differenziata e di responsabilizzare poco,
per contro, produttori e venditori di prodotti originanti il
rifiuto da imballaggio. che il Governo confermi gli obiettivi della 205/2010 e della 152/2006 e che promuova un
sistema di incentivi e disincentivi per raggiungere questi
obiettivi, senza lasciare gli oneri per i costi di investimento
a completo carico degli Enti Locali.
PROPONE
che il redigendo Accordo Quadro Anci-Conai 2014-2018 recepisca le seguenti proposte:
• ottenere la copertura dei maggiori oneri per la raccolta differenziata, stabilendo dei costi standard su cui
riparametrare i maggiori corrispettivi che devono essere
riconosciuti ai Comuni da parte del Conai
• sia previsto tra gli obblighi del CONAI l’impegno a modificare il CAC. Il CAC dovrà essere proporzionale alla
effettiva riciclabilità dell’imballaggio. Tale modulazione
del CAC deve garantire maggiori entrate per gli Enti Locali,
al fine di sostenere i loro effettivi costi per la raccolta dei
materiali. Si ritiene inoltre che i maggiori oneri caricati
sugli imballi difficilmente riciclabili porteranno le aziende
a sostituirli progressivamente nei propri prodotti generando così un circolo virtuoso che andrà a beneficio di tutto
delibere
il sistema nella direzione della riduzione del rifiuto inviato
a smaltimento
• il sistema attuale di adeguamento annuale dei corrispettivi (pari a 2/3 dell’indice NIC e non commisurato ai
reali adeguamenti dei costi sostenuti dai Comuni) venga
aggiornato con un criterio unico per l’adeguamento dei contratti di servizi e dei corrispettivi CONAI che
non possono più attestarsi sulle percentuali attuali eccessivamente penalizzanti per i Comuni . mantenere e
perfezionare il sistema attuale delle deleghe e delle subdeleghe (anche agli impianti) consentendo ai Comuni di
avere maggiore informazione e controllo su tutta la gestione del ciclo dei rifiuti
• rafforzare la possibilità di dare vita ad Accordi Territoriali
che orientino il CONAI ed il suo sistema delle piattaforme a conferire materiali evitando che questi arrivino nei
siti di valorizzazione più distanti, sulla base di motivazioni
esclusivamente economiche. Gli accordi territoriali dovranno essere definiti sulla base dei seguenti principi:
•introduzione di criteri ambientali e non solo economici
(sull’esempio della PA con il GPP) per il conferimento
dei materiali
•una gestione integrata di riciclo dei materiali che
riconosca la diversità delle infrastrutture e degli approcci gestionali dei rifiuti nelle diverse macroaree
territoriali promuovendo sperimentazioni che coinvolgano imprese del territorio e un maggiore raccordo di
queste con i centri di ricerca universitari
•consentire il conferimento congiunto delle frazioni
foglioaperto >> 5
merceologiche similari e degli imballaggi di altri circuiti,
senza che vengano mai considerati frazione estranea,
favorendo così l’intercettazione di una maggiore quantità complessiva di rifiuti, evitando così di penalizzare i
Comuni
•sostituire il meccanismo di limiti di qualità ‘a scaloni’
con un meccanismo proporzionale alla qualità dei materiali raccolti
•Prevedere che sia un soggetto terzo rispetto ai comuni
(o alle loro società di gestione) e al CONAI a realizzare
le analisi di qualità
•consentire la valorizzazione economica delle frazioni recuperate a valle dei sistemi di trattamento e selezione
del rifiuto urbano residuo
INOLTRE AUSPICA CHE
• il sistema Conai persegua ogni azione possibile per minimizzare il ricorso al recupero di energia privilegiando
il riciclo;
• il sistema CONAI, in sinergia con i Comuni che sono
tenuti a rispettare la gerarchia relativa alla gestione dei
rifiuti, collabori a sperimentazioni che mirino a creare cicli
chiusi per promuovere un’economia circolare;
• il sistema CONAI, in sinergia con i Comuni ed in collaborazione con i produttori di imballaggi ricerchi soluzioni ed
applichi azioni per la riduzione della produzione di rifiuto.
Voti favorevoli 10, astenuti 4 (Consiglieri Citriniti Michele,del
gruppo Insieme per Argelato e Seidenari Bruno, Chiari
Gioele, Tolomelli Onorio, del gruppo Cambiamo Argelato)
Delibere della Giunta Comunale
Seduta del 9 settembre 2013
Assegnazione nuovo spogliatoio Argelato
La Giunta ha deliberato di assegnare il nuovo spogliatoio
situato ad Argelato, in Via F.lli Cervi n. 21 (di fianco all’entrata del bar), alla Polisportiva Calcio, con sede legale in Via
F.lli Cervi n. 37 Argelato, dando atto che il suddetto spogliatoio andrà a integrare la convenzione in vigore dal 1°
agosto 2013 fino al 31 luglio 2018 e sarà inserito nell’integrazione della convenzione che sarà stipulata terminati
i lavori di manutenzione straordinaria del campo di calcio
principale di Argelato, come previsto nel bando di gara.
Voti favorevoli unanimi
Protocollo provinciale somministrazione farmaci
La Giunta ha deliberato l’approvazione del “Protocollo
provinciale per la somministrazione di farmaci in contesti
extrafamiliari, educativi, scolastici o formativi tra la Provincia di Bologna, le Aziende sanitarie di Bologna e di Imola,
l’Ufficio Scolastico Territoriale, tutti i Comuni, le Istituzioni
Scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado e il
Sistema di Istruzione e Formazione Professionale del territorio provinciale, estendendo l’ambito di applicazione del
Protocollo anche ai servizi integrativi, ai centri estivi e al
servizio di extrascuola. Si dà atto che la presente deliberazione non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione
economico finanziaria o sul patrimonio dell’Ente.
Voti favorevoli unanimi
manutenzione straordinaria coperto scuolA
primaria Funo
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preliminare-definitivo-esecutivo dei lavori di “Manutenzione
5
foglioaperto >> 5
il Comune informa
Delibere della Giunta Comunale
straordinaria della scuola primaria di Argelato, rifacimento
del tetto”. Costo stimato dell’opera Euro 50.000,00.
Si dà atto che il presente atto di approvazione del progetto
è volto alla formulazione della domanda di finanziamento,
nei termini previsti dalla comunicazione della Provincia di
Bologna.
Voti favorevoli unanimi
minare-definitivo-esecutivo per l’installazione di barriere
di sicurezza (guard rail) in via Canaletta e via Casadio, per
garantire, entro certi limiti, il contenimento dei veicoli che
dovessero fuoriuscire dalla carreggiata stradale.
La spesa complessiva prevista di Euro 50.000,00 è garantita
da finanziamenti regionali.
Voti favorevoli unanimi
manutenzione straordinaria coperto scuola
primaria Argelato
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preliminare-definitivo-esecutivo, dei lavori di “Manutenzione
straordinaria della scuola primaria di Argelato: rifacimento
del tetto”. Costo stimato dell’opera Euro 70.000,00.
Si dà atto che il presente provvedimento di approvazione
del progetto è volto alla formulazione della domanda di finanziamento, nei termini previsti dalla comunicazione della
Provincia di Bologna.
Voti favorevoli unanimi
Riqualificazione impianti pubblica illuminazione
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preliminare-definitivo-esecutivo, dei lavori di riqualificazione degli
impianti di pubblica illuminazione del capoluogo. La spesa
complessiva prevista di Euro 50.000,00 è garantita da finanziamenti regionali.
Voti favorevoli unanimi
Seduta del 25 settembre 2013
Rinnovo convenzione per Laboratorio di
Musica
La Giunta ha deliberato il rinnovo della convenzione con
l’associazione “Amici della Musica” con sede ad Argelato
in via dei Tigli n. 1 - C.F. 01726871203 - relativa all’organizzazione e gestione del “Laboratorio di Musica” per l’anno
scolastico 2013/2014, confermando in Euro 1.000,00 +
IVA il canone forfettario che la suddetta Associazione dovrà
versare al Comune di Argelato per il periodo ottobre 2013
- maggio 2014.
Voti favorevoli unanimi
Impianto sportivo Argelato, progetto copertura tribuna
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto definitivo-esecutivo, delle opere complementari da realizzare
nell’ambito della costruzione del nuovo fabbricato spogliatoi e della nuova tribuna, presso il campo sportivo di
Argelato, Via F.lli Cervi 37. Costo complessivo opera Euro
30.512,41.
Voti favorevoli unanimi
Seduta del 2 ottobre 2013
Rrealizzazione guard rail su strade comunali
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preli-
6
Copertura spogliatoi impianto sportivo Funo
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preliminare-definitivo-esecutivo degli interventi relativi alla
copertura degli spogliatoi dell’imppianto sportivo di Funo,
La spesa complessiva prevista di Euro 50.000,00 è garantita da finanziamenti regionali.
Voti favorevoli unanimi
Seduta del 23 ottobre 2013
Riqualificazione viabilità incrocio via Lame –
via Centese
La Giunta ha deliberato l’approvazione in linea tecnica
del progetto complessivo, comprendente anche interventi
privati, relativo alla riqualificazione della viabilità all’incrocio
via Lame – via Centese, dando atto che il progetto dovrà
essere condiviso dai soggetti privati interessati e attuato per
quanto di competenza dal comune e dai soggetti privati e
che nessun esborso dovrà essere a carico dell’amministrazione in relazione alla sistemazione delle aree di parcheggio
pertinenziale che restano a carico del privato. Costo complessivo dell’opera Euro 30.000,00.
Voti favorevoli unanimi
Realizzazione nuovo archivio comunale
La Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto preliminare-definitivo-esecutivo, dei lavori per la realizzazione del
nuovo archivio presso la palazzina uffici in Argelato, Via F.lli
Cervi n. 3. Costo complessivo dell’opera Euro 59.999,16.
Voti favorevoli unanimi
il Comune informa
Le inaugurazioni di novembre
Il 24 novembre si è svolta la duplice cerimonia di inaugurazione della Chiesa parrocchiale e del Municipio di Argelato,
soggetti a lavori di consolidamento in conseguenza degli
eventi tellurici del maggio 2012. In tarda mattinata, don
Massimo Fabbri, Arciprete di Argelato, alla testa di un numeroso corteo composto da Religiosi, parrocchiani (con un
numero elevato di bambini), dal Sindaco Andrea Tolomelli,
dagli Assessori e da altre autorità civili e militari ha guidato
un corteo processionale dal tendone dove fino al giorno
precedente aveva celebrato le funzioni religiose sino alla
porta principale della Chiesa per poi procedere alla celebrazione di una Messa solenne.
Nel primo pomeriggio, sì è svolta invece la fase inaugurale del Municipio di Argelato, alla quale hanno partecipato
autorità civili e religiose. Oltre al Sindaco, hanno presenziato Maria Teresa
Marzocchi, Assessore regionale alle
Politiche Sociali,
Beatrice Draghetti e Giacomo Venturi, Presidente e
Vice
Presidente
provinciale. La benedizione è stata
impartita da don
Il momento del taglio del nastro.
Massimo Fabbri.
Foto di Gabbriello Caparrini
Piedibus a Funo
Il progetto Piedibus continua, nonostante il maltempo
avanzi inesorabile con l’approssimarsi dell’inverno.
Il 29 novembre c’è stata una riunione al Centro Culturale di Funo con i genitori dei bambini aderenti e i
volontari che rendono possibile il servizio. Abbiamo
concordato un breve regolamento e messo a punto
procedure e tempistiche per rendere sempre più efficace il nostro “Autobus” umano! Tra poco inizieremo a
valutare la partenza del servizio anche ad Argelato, in
modo che a primavera possiamo raddoppiare le corse!
Un sentito ringraziamento a tutti i genitori, ai ragazzi,
ma soprattutto ai volontari dell’Auser e della Protezione
Civile che in questi mesi si stanno impegnando perché
tutto funzioni al meglio.
Avanti tutta!
foglioaperto >> 5
La Sicurezza ad Argelato,
le novità di fine anno
Il Comune di Argelato, insieme in accordo con l’Unione
Reno Galliera, ha attivato un progetto per incrementare
la video sorveglianza sul territorio. In questi anni, infatti,
la tecnologia ha fatto grandi passi in avanti, migliorando in modo significativo le prestazioni delle telecamere;
inoltre le normative sono cambiate ed è necessario aggiornare le attuali postazioni per renderle conformi alle
leggi vigenti.
L’Unione Reno Galliera ha raccolto tutte le esigenze dei
Comuni e, attraverso un bando unico, ha individuato la
ditta che realizzerà i lavori.
Attualmente nel Capoluogo le zone monitorate sono
la Piazza, l’area intorno alle scuole elementari, quella
adiacente a nido e scuola materna e il Parco dietro
alla Palestra (compreso l’ingresso degli ambulatori).
A partire da Dicembre, vengono installate due nuove
telecamere per controllare Villa Beatrice, vittima di atti
vandalici da diverso tempo.
A Funo, invece, ci sono sei telecamere fisse presso la
stazione del treno e altre due che controllano i due parcheggi adiacenti; inoltre ci sono le postazioni in Piazza,
all’incrocio tra via Galliera e via Puccini e allo svincolo tra la Galliera e la Trasversale. Le nuove postazioni
vanno a controllare il Centro Diurno e gli spazi intorno
al Centro Sociale. Le due zone sono oggetto, da alcuni
anni, di atti vandalici: le telecamere sono un deterrente
importante, fornendo le immagini per l’individuazione
dei colpevoli.
In totale sono 15 gli occhi elettronici attivi, che diventeranno 19 entro la fine dell’anno.
Un impegno concreto a favore della sicurezza e del presidio dei punti più critici del nostro paese.
Tutte le telecamere sono collegate alla stazione centrale
della Polizia Municipale di San Giorgio, dove ci sono i
monitor e le registrazioni di tutti gli apparati dislocati in
Unione.
Aggiungo una gradita novità: entro la fine dell’anno
ritornerà ad Argelato il presidio dei vigili urbani; un
segnale importante per essere più vicini e incisivi negli
interventi sul territorio.
7
foglioaperto >> 5
Festa degli antichi
sapori: una polenta
per la solidarietà
Il comitato commercianti “Made in Funo” non si ferma,
dopo lo strepitoso successo della Notte Bianca del 22
giugno, li abbiamo ritrovati il 27 ottobre con la “Festa
degli antichi sapori”.
Patrocinata dal Comune di Argelato, questa festa ha riportato in auge una vecchia iniziativa: la distribuzione
della polenta fatta dai commercianti di Funo a tutti i cittadini, ma quest’anno con qualcosa in più! Graziati da
una domenica d’ottobre piena di sole i commercianti
hanno installato, assieme ad Ascom, nel piazzale della
stazione un mercatino di hobbistica e, in collaborazione con l’”Associazione dei Frutti Dimenticati” di
Casola Valsenio, sono arrivati a Funo i frutti e i sapori
di una volta, frutti e piatti che i più giovani non conoscono, basta pensare alle pere volpine, alle giuggiole,
alle piade con l’ortica e alle cipolle... Inoltre non sono
mancati i produttori agricoli del territorio con la frutta
e la verdura dei loro terreni o con i formaggi dei loro
allevamenti. IL clou della festa è avvenuto da mezzogiorno fino a sera con la distribuzione della polenta,
una polenta di solidarietà, infatti con l’offerta libera dei
cittadini che hanno partecipato si è raggiunta la quota
di 1676,57 euro devoluti alla Fondazione Hospice MT.
C. Seragnoli di Bentivoglio (Bo). Un ringraziamento a
tutti i cittadini e alle associazioni, in particolar modo
alla ProLoco e ai suoi volontari che hanno partecipato attivamente occupandosi della distribuzione delle
bevande, a Giulia Zecchi che ha allietato la domenica
ai più piccoli con le sue storie (il nostro famoso ZinZin
coniglietto funese!), alla fondazione EmilBanca per il
contributo e un grande grazie a Paride Borsari della
“Macelleria da Paride” e a Federica Cesari di “Villa la
Torre” veri motori e ideatori della festa, alla pizzeria
Valentina e all’Angolo della Frutta per il ragù e per aver
fornito la verdura necessaria e a tutti i commercianti
presenti!
8
il Comune informa
Dal produttore al
consumatore: il mercato
contadino a Funo!
Domenica 17 novembre ha preso il via il primo
mercato contadino del territorio di Argelato! I
produttori agricoli si sono impossessati di Piazza
Resistenza a Funo domenica alle 8:00 e fino
all’una hanno venduto i loro prodotti ai cittadini funesi. I produttori che saranno presenti ogni
terza domenica del mese sono: azienda agricola Valbona di Roberto Maccaferri produzione e
vendita di formaggi ovo-caprini, azienda agricola
“Quattro Stagioni” di Mirco Olmi, azienda agricola “Galluzzi”di Claudio Galluzzi, azienda agricola
“Bendanti”di Silvia Bendanti e il Borgo del Miele
di Irene Tedeschi. I produttori agricoli che vogliono
partecipare al mercato si possono rivolgere al SUAP
o all’Assessore alle attività produttive Daniela Fratti,
unico vincolo si vende solo ciò che si produce!
Ricarica-batterie
per pile non ricaricabili
Grazie al suggerimento di una cittadina, da novembre è possibile provare il carica batteria ReVita
presso la Biblioteca di Funo. E’ necessario preparare un sacchetto (dove è riportato il nome del
proprietario) con le pile stilo da ricaricare, andare
in Biblioteca e ritornare dopo alcuni giorni per ritirare le pile ricaricate.
Attenzione! Non sempre tutte le pile si riescono a
rigenerare, quindi il sacchetto può contenere un
numero inferiore di pezzi.
Un ringraziamento speciale alla bibliotecaria di
Funo, che ci supporta in questa iniziativa, per la
sua gentilezza e disponibilità.
foglioaperto >> 5
la giunta si racconta
Incontro Voltareno
del 5 novembre 2013
La Giunta ha incontrato i cittadini di
Voltareno presso il Pub Sirius: contesto insolito per un incontro politico,
dove la convivialità si è incrociata con i
temi amministrativi.
La presentazione riguardava il progetto di riqualificazione della piazzetta tra
il Pub e il Chiesolino e la collocazione
dei cassonetti. Sul primo argomento,
il Sindaco ha presentato il progetto
di sistemazione della zona intorno al
Chiesolino, con una area ovale pavimentata con il porfido che lo valorizzi
al meglio; la sistemazione della piazza
antistante il Pub, con la corretta gestione dello scolo delle acque e da ultimo
la creazione di parcheggi lungo la provinciale tra la Chiesa e la ex stazione
del treno. L’intervento, quindi, prevede
lo spostamento dei bidoni, che sono
spesso strapieni per i conferimenti impropri di cittadini non residenti. Portare
l’isola ecologica in un altro posto
consente di risolvere alla radice il problema degli abbandoni. Il Sindaco, su
sollecitazione dei presenti, ha confermato che ogni cambiamento si attua
con l’accordo dei residenti; nel caso
peggiore i bidoni restano dove sono;
comunque l’auspicio dei presenti è
che a breve si raggiunga un accordo
che soddisfi tutti.
Altra segnalazione emersa riguarda il
ciglio della provinciale lato paese, dove
è a rischio la sicurezza delle persone;
il Sindaco ha garantito un primo intervento e una verifica per i lavori da
effettuarsi nei prossimi mesi. Inoltre
c’è stato il tempo di rivedere il progetto
di sistemazione della Centese da parte
della Provincia: datato 2011 e bloccato dalla mancata erogazione di fondi
statali attraverso la regione; recentemente sembra che la procedura si sia
sbloccata e si spera che l’intervento si
possa partire in primavera. L’incontro
si è concluso con un bel boccale di
birra e un ringraziamento a Mamo, il
proprietario del Sirius, per l’ospitalità!
Gabbriello Caparrini
5 anni di radicali cambiamenti
Il contesto caratterizzato dall’inasprirsi
della crisi e da un quadro normativo
instabile, dove i cambiamenti verso
l’accentramento e le continue modifiche in corso d’opera hanno ristretto
i margini di manovra e quando tale
margine si creava era comunque limitato dai tempi operativi e dai vincoli
imposti, ha condizionato la volontà
politica e progettuale. Nonostante la
mancanza di risorse, per quanto di
competenza del Comune, la politica
che si è inteso fare con le scelte e le
azioni concrete intraprese è stata di
garanzia sul Welfare, manutenzione e valorizzazione del patrimonio
(in particolare delle strutture scolastiche), nell’ottica di sostenibilità di
bilancio nel medio periodo, di rientri
futuri sugli investimenti fatti, di mantenimento dei servizi erogati. A fronte
di fonti di finanziamento che si sono
dimezzate, in alcuni casi azzerate, il
consolidamento dei servizi, soprattutto davanti al progressivo aumento
dei bisogni, ha implicato la continua
ricerca di strategie al limite degli equilibri: da una parte la ferma volontà di
supportare le famiglie e i cittadini in
un momento di crisi, dall’altra parte
il limite della sostenibilità dei servizi,
vista la priorità condivisa di continuare a garantirli nel tempo e per
tutti, soprattutto non potendo prevedere la durata della crisi. Non era
scontato, in questa condizione, riuscire a contenere l’adeguamento della
contribuzione da parte dei cittadini al
di sotto dell’indice Istat del periodo. La
funzione parafulmine degli enti locali
del territorio rispetto le conseguenze
della crisi, non ha d’altra parte aiutato
a prendere pienamente coscienza
di cosa stava accadendo. La crisi finanziaria, che ha investito il mondo
produttivo, ha provocato ricadute
sociali e sul benessere delle persone,
ma anche un cambiamento epocale
della finanza dei Comuni, chiamati
direttamente all’erogazione di beni e
servizi. La ricerca di nuove possibili soluzioni e assetti inevitabilmente diversi
è tuttora un percorso che coinvolge la
comunità, che richiede condivisione,
partecipazione, responsabilità, oltre ad
una politica nazionale su cui basare la
progettualità locale.
Andrea Tolomelli
Valutare welfare
e scuola…
per cominciare
Data l’imprescindibile premessa,
nella consapevolezza che l’investimento sul Welfare rappresenta una
scelta strategica in periodo di crisi,
si possono rivendicare risultati importanti: più del 40% delle risorse
di bilancio è dedicata a servizi
sociali, scolastici e socio-sanitari,
con progressivo aumento dell’incidenza di tali spese sul bilancio
comunale. L’attenzione al tema
della Scuola in particolare, è confermata da una quota di spesa che
si avvicina al 50% di quanto dedicato al welfare. La difesa dei fondi
per la qualificazione dell’offerta
formativa scolastica a supporto dei
progetti individuati come prioritari,
i contributi per l’acquisto di nuove
tecnologie per una didattica innovativa, l’aumento delle risorse per
l’erogazione dei servizi integrativi
(pre post, mensa, trasporto) e per
l’integrazione scolastica di minori
con disabilità, gli investimenti in ristrutturazioni e manutenzioni degli
edifici scolastici, l’organizzazione
di iniziative pubbliche per valorizzare e divulgare le buone pratiche
per l’inclusione attuate sul nostro
territorio, la predisposizione di
uno spazio dedicato alle attività
laboratoriali individuato all’interno
della sede degli uffici comunali, il
supporto nelle richieste di risorse
al Ministero, rappresentano i
principali contenuti dell’intenzionalità politica e amministrativa,con
quote dedicate tra le più alte sul
territorio. Non è tutto ciò che si
voleva realizzare: in un quadro di
congiuntura così difficile, anche le
nostre aspettative si sono scontrate con una realtà di cui si è dovuto
prendere atto con consapevolezza
crescente. Nel panorama locale,
però, possiamo guardare ad un
operato concreto al di là delle
opinioni, perché si è cercato di difendere una precisa idea, culturale
oltre che politica, anche attraverso
l’attivazione di reti di solidarietà, di
collaborazioni tra le Istituzioni e i
diversi attori del territorio.
Elisabetta Benfenati
9
foglioaperto >> 5
la voce dei gruppi
RISULTATI CONGRESSO
CIRCOLO DI FUNO
CIRCOLO DI ARGELATO
ELEZIONI SEGRETARIO DI CIRCOLO,
CANDIDATI:
EMANUELE DI MAIO E CLAUDIA MUZIC
ELEZIONI SEGRETARIO DI CIRCOLO
CANDIDATI:
BARBARA BINI E DANIELA FRATTI
VOTANTI: 179
VOTANTI: 96
EMANUELE DI MAIO: 38 VOTI (21%)
CLAUDIA MUZIC: 141 VOTI (79%)
BARBARA BINI: 63 VOTI (65%)
DANIELA FRATTI: 33 VOTI (35%)
ELETTA CLAUDIA MUZIC
ELETTA BARBARA BINI
COMPOSIZIONE COMITATO DI CIRCOLO
Eletti Lista MUZIC
TADDIA MAURO
D’AVINO MADDALENA
LOMBARDI MAURO
ZOBOLI LAURA
MEOGROSSI MATTEO
ONOFRI MIRIANA
TESTI ALBERTO
BULLA MANUELA
TESCARO LORENZO
BERTAGLIA PATRIZIA
BONAZZA CESARE
TAGLIAVINI IVANA
COMPOSIZIONE COMITATO DI CIRCOLO
Eletti Lista BINI:
LORENZO D’ARPA
DEALMA RONCARATI
DOMENICO COZZA
FIORELLA GOLFIERI
GIORDANO TUGNOLI
LUIGI PASQUALI
GUALBERTO BINI
Eletti lista DI MAIO:
DI MAIO EMANUELE
BENFENATI ELISABETTA
DI NICOLA RICCARDO
Eletti lista FRATTI:
FRATTI DANIELA
MORISI CRISTIAN
LAZZARINI MONJA
GHETTI ALESSANDRO
+ TOLOMELLI ANDREA
(Sindaco, componente di diritto)
+ CAVAZZA GABRIELE
(Capogruppo in consiglio comunale,
componente di diritto)
Nel numero precedente, ho scritto un articolo su Matteo Renzi nella pagina dei Gruppi. Purtroppo
si sono scatenate critiche e mi scuso sinceramente per l’accaduto.
Andrea Tolomelli
10
la voce dei gruppi
La convenzione ONU
sui diritti dell’Infanzia
e dell’Adolescenza
compie 24 anni.
Ratificato da 193 paesi, si tratta del più importante trattato internazionale sui diritti dell’infanzia e
dell’adolescenza in vigore, firmato dal Nostro paese
nel 1991 ma ancora non sottoscritto da un paese
come gli Stati Uniti, unico tra i paesi occidentali,
poichè applica la pena di morte anche ai 16enni,
in palese contrasto con i principi fondamentali del
trattato. Tra questi diritti fondamentali, l’art.19 fa riferimento in particolare al diritto dei bambini di essere
difesi dalla violenza: tutti i bambini vittime di violenza, cioè bambini rifugiati e sfollati, bambini sfruttati
come schiavi e come soldati, bambini vittime di violenza e di sfruttamento sessuale - anche in ambito
familiare - hanno diritto di essere protetti in tutti i
paesi che hanno firmato la convenzione. Non molti
giorni fa abbiamo purtroppo assistito all’ennesima
tragedia della disperazione: la strage di Lampedusa
(Ottobre 2013) ha visto morire centinaia di profughi, portandosi via decine di bambini. L’art.22 della
convenzione si occupa proprio dei rifugiati e dei
migranti minorenni: nel 2007 si contavano circa
9 milioni di minori rifugiati nel mondo, 1 milione
gli orfani di guerra, mentre la metà dei richiedenti
asilo nel mondo industrializzato erano minori. Associazioni internazionali come Amnesty International
hanno raccolto dati impressionanti circa i così detti
“invisibili”: migliaia di minorenni stranieri che ogni
anno arrivano soli in Italia.
Vengono soprattutto da Nord Africa, Africa orientale,
Medio Oriente e Europa dell’est, spesso su imbarcazioni clandestine. Privi di punti di riferimento, di
assistenza materiale e di tutela, rimangono spesso
‘invisibili’, alla mercé della microcriminalità, vittime
di sfruttamento lavorativo e sessuale.
Il tema della violenza sui minori, del loro abbandono, del loro sfruttamento, è un tema che deve
necessariamente toccare le coscienze di ognuno di
noi, ma non è sufficiente: occorrono idee e azioni
politiche che vadano concretamente nella direzione di un profondo rispetto dei principi sanciti nella
convenzione ONU. Si tratta di una direzione di profonda civiltà.
Barbara Bini
Argelato Democratica
foglioaperto >> 5
Violenza sulle donne,
la nuova legge
e tutti noi
A meno di un mese dalla giornata internazionale
contro la violenza sulle donne il Parlamento ha approvato definitivamente la legge sulla violenza di
genere.
Un vero e proprio giro di vite per una maggiore
tutela delle donne ma anche misure di prevenzione
di cui tutti dobbiamo essere informati.
Arrivano in particolare sul piano penale tre nuovi
tipi di aggravanti: quando il fatto è consumato ai danni del coniuge, anche separato, o del
partner anche non convivente; per chi commette maltrattamenti su donne incinta e per
la violenza commessa alla presenza di minori.
Bene per la nuova legge, che rappresenta certamente un passo in avanti, e che prevede anche un
piano antiviolenza per promuovere politiche di prevenzione, ma il rischio che si intravede in questi casi
è sempre quello di abbassare la guardia come se
il problema a questo punto fosse risolto, che una
volta assicurato il fenomeno alla materia giuridica,
una volta esauritasi l’utilità mediatica dell’argomento da parte del mondo politico, che con ciò può
aver la sensazione di aver assolto al suo dovere, ci
sia un calo di attenzione sul tema, affievolendo la
percezione della sua urgenza. La legge è un ottimo
inizio ma cura l’effetto, non la causa, per questo
serve molto di più, cioè serviamo tutti noi.
La violenza sulle donne è, forse più di altri, un’espressione della degenerazione culturale e sociale di un
paese, non solo di una lacuna giuridica che nell’immediatezza è utile ma anche più semplice colmare.
Un fatto non riconducibile a patologie, condizioni
sociali o economiche. Dunque la soluzione deve
passare prima di tutto dal piano culturale e delle
relazioni tra le persone.
La rivoluzione per cambiare questo stato di cose
dipende davvero da noi tutti ed è in noi che la battaglia deve continuare, fuori dal parlamento, perché
il cambiamento culturale parte sempre da lontano,
da quelli che saranno le donne e gli uomini di
domani, per promuovere e far maturare in tutti una
vera, nuova cultura fondata sulla libertà, il rispetto e
l’autonomia femminile.
Claudia Muzic
11
foglioaperto >> 5
la voce dei gruppi
SICUREZZA SISMICA
O SICUREZZA BUROCRATICA?
Nel mese di settembre il consiglio comunale di
Argelato ha dato il proprio consenso alla nuova
cartografia della Reno-Galliera stilata dalla Provincia di Bologna, relativa alla sicurezza sismica. Ha
inoltre approvato una cartografia di “maggior dettaglio” relativa alla sicurezza sismica del Comune
di Argelato.
<<Bravi!>> Verrebbe da dire. <<È una bella
cosa!>>
Purtroppo però risulta sempre più evidente il distacco tra i tecnici,
che
preparano
il materiale, ed
i politici a cui
viene chiesto di
approvarlo.
Amministrazione
e maggioranza
hanno sempre
sostenuto
che
sugli argomenti
tecnici c’è poco
da
valutare:
bisogna approvare fidandosi.
A tutti i consiglieri è stato così
chiesto di votare
una delibera senza neppure inserire tra il materiale di consultazione la relativa cartografia.
CambiAMO Argelato ha sempre sostenuto che
non si può votare senza capire: i tecnici devono
spiegare e chiarire perché diversamente risulta
che le decisioni vengano prese da loro e non da
chi è stato eletto dai cittadini.
Abbiamo quindi chiesto copia della cartografia,
trovando diverse sorprese:
Tutta la fascia che comprende gli abitati di Castel
Maggiore, Funo, San Giorgio di Piano, San Pietro
in Casale e Galliera viene considerata a rischio liquefazione (Zona di paleoalveo: sembra che nel
900 D.C. il fiume Reno passasse da lì).
Voltareno è considerata a rischio liquefazione
nella cartografia di Argelato, ma non in quella
della Reno Galliera.
12
Altre zone rurali sono considerate a rischio liquefazione nella cartografia della Reno Galliera, ma
non in quella di Argelato.
Abbiamo chiesto di rimandare la votazione per
avere un incontro preventivo con i tecnici. La
nostra richiesta è stata respinta. La maggioranza
ha poi votato favorevolmente la delibera di approvazione della cartografia.
Riguardo l’effettivo rischio di liquefazione il
sindaco Tolomelli ha sottolineato che possiamo
stare
tranquilli e che si tratta
solo di fare delle
indagini più approfondite prima
di costruire.
Abbiamo
fatto
notare e ribadiamo che due
interrogativi
restano:
Come si potrà
operare nei prossimi anni con
due cartografie
che sono discordanti tra loro?
Quanto è davvero
a rischio liquefazione il nostro territorio?
Perché dover imporre ai cittadini di accollarsi
delle prove geologiche costose prima di costruire,
facendo così ricercare al privato ciò che avrebbe
dovuto fare prima il pubblico su grande scala?!
Non abbiamo ottenuto l’incontro con i tecnici
e non ci è chiaro quanto il nostro territorio sia
davvero a rischio liquefazione.
Non vorremmo si chiedesse di fare una tac a chi
ha solo un raffreddore. Se fosse davvero così, non
si tratterebbe più di sicurezza sismica, ma di sicurezza burocratica.
Lista civica CambiAMO Argelato
Il Capogruppo
Bruno Seidenari
[email protected]
foglioaperto >> 5
la voce dei gruppi
NUOVA GALLIERA
Sono iniziati i lavori per la costruzione della Nuova
Galliera. Tempo previsto per la realizzazione tre
anni. Nata con lo scopo di togliere il maggior traffico dai centri abitati di Funo e Castel Maggiore,
a Castel Maggiore sono riusciti a raggiungere tale
obiettivo.
Pur essendo un’opera necessaria e attesa da oltre
40 anni, il centro abitato di Funo non riceverà per
il momento nessun beneficio da tale opera, anzi,
peggiorerà la situazione.
Perché con il nuovo tracciato tutto il traffico confluirà sulla trasversale di pianura SP/3 e tale rimarrà
per molti anni prima di superare Funo. Abbiamo
sempre sostenuto che non si può spostare il traffico diretto a San Giorgio di Piano – San Pietro
in Casale sullo svincolo a ridosso del Plesso
scolastico, scaricando su di esso il maggior inquinamento rispetto alla situazione attuale, tutto
questo a discapito della salute dei frequentatori e
La neve all’Oratorio del Savignano. Foto di Miria Cervi
degli abitanti limitrofi.
Sarebbe stato più opportuno, prima di autorizzare
la costruzione della Nuova Galliera, l’Amministrazione Comunale ponesse precise garanzie in
“primis” il completamento o la realizzazione
di una bretella – utilizzando le economie derivanti dal ribasso della gara d’appalto – fino
alla rotonda di via dei Giudei, posta a nord di
Funo. Cosa ha impedito tutto ciò?
Il Gruppo Insieme per Argelato estende
a tutta la popolazione gli Auguri di
Buon Natale ed un sereno 2014.
Lista Civica Insieme per Argelato
Il Capogruppo
Michele Citriniti
13
foglioaperto >> 5
associazionismo
FESTA ANNUALE TESSERAMENTO SPI-CGIL
La sera dell’8 novembre scorso, nel
teatro comunale di Argelato, ha avuto
luogo l’annuale Festa del tesseramento SPI-CGIL. Si è cercato di dare alla
festa un’impronta nuova, invitando i
rappresentanti delle Associazioni di
volontariato che operano nel territorio
ed interessando anche alcuni esercizi
commerciali, che hanno contribuito
al miglior esito della festa regalando
prodotti della loro attività. Hanno partecipato circa 150 persone, la maggior
parte residenti nel Comune di Argelato; il Sindaco ha portato il saluto
dell’Amministrazione comunale e ci
è venuto a trovare anche il Segretario
provinciale dello SPI Valentino Minarelli. La serata è iniziata con la cena a
base di lasagne preparate dalle volontarie del Centro sociale Villa Beatrice,
che hanno riscosso il gradimento dei
presenti, ed è stata allietata da musica
e ballo. L’allestimento della sala, a cura
dei volontari, era impreziosito dalle
scene della rappresentazione teatrale
che ha avuto luogo la sera successiva, e rallegrata dai palloncini colorati
dell’AVIS.
Abbiamo trascorso una piacevole, lieta
serata, in un clima caldo, sereno e familiare. Ci ha fatto piacere riavere tra
noi Mario Aurigi, che la malattia ha
costretto al ritiro dall’impegno profuso
per tanti anni all’interno del Sindacato dei pensionati. Un particolare
saluto è stato rivolto ad Arturo Bassi
che è stato l’ideatore della Festa, che
per tanti anni ha tenuto giornalmente aperti gli uffici del sindacato e che
ancora adesso da casa, segue, incoraggia ed aiuta i volontari di Argelato.
Un grazie a tutti coloro che si sono
impegnati per la realizzazione ed il
successo della festa ed a Giordano,
che con le sue foto ci consente di conservarne un piacevole ricordo.
Guerrino Beoni
Segretario SPI di Argelato e Funo
FESTA DI SAN DONNINO
Previsione del tempo per la seconda
domenica di ottobre “Festa di San
Donnino” 2013. Sole a volontà, vento
inesistente, temperatura ottimale
per trascorrere un pomeriggio tutti
insieme in allegria, quest’anno con il
patrocinio del Comune di Argelato.
Veniamo al programma, come solito
molto ricco, trattandosi di un solo
pomeriggio, celebrazione della Santa
Messa con successiva processione
accompagnata dalla banda che al
termine della cerimonia religiosa ci ha
allietato con alcuni brani del vario repertorio.
La trucca-bimbi Aurora ha avuto un
enorme successo e come sempre i
bimbi pazientemente hanno atteso il
14
loro turno prima e dopo avere assistito
alle peripezie del giocoliere Federico
che ha coinvolto piacevolmente grandi
e piccini.
Non poteva mancare la musica di
Claudio, che ha intrattenuto tutti i presenti fino al termine della festa.
Come da tradizione, sono stati offerti
i balogi, cotti come sempre dal
Borgo del Diavolo, compagnia i cui
componenti in costumi medievali si
mescolano con gli intervenuti. Si potevano inoltre gustare crescentine vuote
o ripiene, patatine, vino e bibite varie.
Per gli amanti dei mercatini, a caccia
dell’”affare”, come ogni anno varie
bancarelle, per la maggior parte a
scopo benefico, hanno esposto le loro
mercanzie.
Non mi dilungherò oltre se non per i
ringraziamenti che vanno, ovviamente,
a tutti gli intervenuti perché senza di
loro non ci sarebbe festa, a tutti coloro
che hanno generosamente contribuito
permettendo di offrire tutte le attrazioni e non ultimi a tutti i volontari che si
sono adoperati e spesi affinché tutto
potesse funzionare nel migliore dei
modi.
Un grazie di nuovo a tutti e arrivederci
al prossimo anno.
Per il comitato organizzativo
Martelli Angela
foglioaperto >> 5
associazionismo
IL PRESEPE
IN BOTTEGA
Le iniziative natalizie
del Centro Sociale Villa Beatrice di Argelato
Un nutrito pro-gramma accompagnerà il periodo natalizio e di fineinizio d’anno grazie alle attività del Centro Sociale Villa Beatrice, che,
come si legge dalla locandina qui sopra pubblicata, proporrà particolari
momenti dedicati ai bambini, alle scuole e al mondo degli associati in
generale.
CENTRO SOCIALE VILLA BEATRICE
Via Degli Aceri n. 6 - Argelato
Sono già trascorsi cinque anni da
quando un gruppo di mamme argelatesi ha iniziato ad organizzare dei
laboratori di modellazione e pittura
delle statuine del presepe, per provare
di salvare una tradizione del nostro
territorio, ormai scomparsa.
Grazie alla collaborazione tra l’Associazione Culturale “Il Temporale” e
la Cooperativa Sociale “Arcobaleno”
alcune famiglie hanno realizzato dei
piccoli presepi nei locali del laboratorio ceramico di Bentivoglio.
In due grigi pomeriggi di novembre
bambini, genitori e nonni si sono riscoperti ancora una volta figurinai,
facendo rivivere la magia del creare
insieme con l’argilla, come per decenni
e decenni hanno fatto i nostri nonni.
Durante le festività natalizie i presepi
realizzati saranno esposti nelle vetrine
dei negozi di Argelato, con il duplice
scopo: esporre ad un grande pubblico
le piccole opere e ricordare che esistono anche le nostre botteghe.
Si ringraziano i partecipanti ed i commercianti per aver condiviso questa
idea.
SABATO 14 DICEMBRE
FESTA GRUPPO DI BALLO “ARGELATINO GROUP”
presso il Teatro Comunale di Argelato
SABATO 14 DICEMBRE
FESTA DI NATALE DELLA SCUOLA
ELEMENTARE DI ARGELATO
presso il Centro Sociale “Villa Beatrice”
MARTEDI’ 17 DICEMBRE
TOMBOLA NATALIZIA
presso il Centro Sociale “Villa Beatrice”
VENERDI’ 20 DICEMBRE
BABBO NATALE
presso le scuole materne ed elementari di Argelato
MARTEDI’ 31 DICEMBRE
CENONE DI CAPODANNO
presso il Centro Sociale “Villa Beatrice”
MARTEDI’ 7 GENNAIO
TOMBOLA DELLA BEFANA
presso il Centro Sociale “Villa Beatrice”
VENERDI’ 17 GENNAIO
L’OSTERIA DEL VECCHIONE
presso il Teatro Comunale di Argelato
Miria Cervi e Helena Pola
15
foglioaperto >> 5
associazionismo
IL NATALE IN CASA PRO LOCO
all’arrivo della Befana, infatti domenica 5
Anche quest’anno la Pro Loco di Argelato
Gennaio alle ore 20,30 aspetteremo l’are i suoi volontari propongono per le festirivo della Signora sulla scopa al Palafuno
vità natalizie una serie di eventi davvero
in compagnia di “BIMBOBELL” che ci proda non perdere!
porrà un nuovo spettacolo, al termine
Il nostro primo appuntamento si terrà
distribuzione delle calze a tutti i bambini
sabato 14 Dicembre al Palafuno che,
presenti.
fresco fresco di nuova agibilità per pubLunedì 6 Gennaio alle ore 15 la Befana
blico spettacolo, sarà pronto per ospitare
arriverà al Teatro Comunale di Argelato
“UN PICCOLO GRANDE NATALE SOLIDAdove , insieme al Burattinaio Mattia farà
LE” dove prima si cenerà e poi verremo
divertire i più piccoli e distribuirà loro le
allietati dal concerto in omaggio a Lucio
calze.
Dalla interpretato magistralmente da un
Loco di Argelato ringrazia l’Amminigruppo di musicisti professionisti, l’inSLSL Pro
S
F
M
R
strazione
Comunale, le Associazioni del
tero ricavato della serata verrà devoluto
D
S
RMFSL
D
S
L
nostro
territorio
e soprattutto tutti i Voall’HOSPICE BENTIVOGLIO.
S
F
M
DDDR
lontari che anche in questo anno quasi
Questo è il quarto anno che Pro Loco DMFLASD
di Argelato, in collaborazione con Arci
giunto al termine, ci hanno aiutato con
Funo, Centro Sociale Funo, Parrocchia di
idee, entusiasmo e con tanto lavoro, e
Funo, Polisportiva Funo e Associazione
che grazie a questi preziosi valori aggiun“Diamoci una mano-Nomadi Fans Club S.Giorgio di Piano”, ti siamo riusciti ad ottenere risultati eccellenti, ringrazia gli
propone questa serata solidale, siamo partiti con una dona- sponsor che ci hanno supportato nonostante le grosse diffizione all “Associazione Piccoli Grandi Cuori”, per proseguire coltà economiche, ringrazia infine le tantissime persone che
poi con l”Associazione Augusto per la Vita”, nel 2012 ci hanno partecipato e che hanno apprezzato tutti i nostri
siamo prodigati a favore di Ant e quest’anno ci sembrava eventi rendendo così onore a tutto il lavoro da noi svolto.
giusto e doveroso dedicare la nostra serata solidale a favore A tutti Loro e a tutti Voi vogliamo augurare un sereno Natale
dell’Hospice Bentivoglio, una realtà molto vicina a noi e im- e un felice e prospero 2014 !
Pro Loco di Argelato
portantissima.
Andra Trentini
Passando al nuovo anno ritroveremo gli spettacoli inerenti
PRO LOCO ARGELATO
CENTRO SOCIALE FUNO
POLISPORTIVA FUNO
Galà di beneficenza con cena solidale, a seguire l’imperdibile concerto della band guidata da Lorenzo Campani, finalista dalla trasmissione televisiva “The Voice”, un ritorno
a Funo dopo il grande successo del concerto estivo.
Sarà presente un operatore dell’Hospice Seragnoli, per descrivere l’attività della Fondazione.
Biglietto di ingresso al concerto €. 5,00 anche in prevendita, libero a minori di anni 12.
Per la cena solidale e il concerto ingresso €. 25,00 per i bambini fino a 5 anni la cena è
gratuita, fino a 12 anni €. 10,00 ; prenotazioni salvo il raggiungimento anticipato dei posti
disponibili, si ricevono entro sabato 7 dicembre, al numero fisso 051 861435, al cellulare
333 7691932 (ore serali), oppure inviando la richiesta di adesione via e-mail all’indirizzo
[email protected] .
Menù della solidarietà:

Bis di minestre (Pasta fresca al torchio con salsiccia , zucchine e zafferano,
risotto zucca e gorgonzola)

Involtino di pollo farcito e cotechino

Purè di patate e lenticchie

Acqua e vino

Dolce

Caffè
PATROCINIO DEL
COMUNE DI ARGELATO
La Notte Rossa a Malacappa
Sabato e domenica 13 ottobre, Malacappa è stata al centro de “La Notte Rossa”,
una rassegna a carattere provinciale che ha posto le Case del Popolo dei nostri
territori al centro di prospettive tra memoria e futuro. A Malacappa si sono svolti
programmi canori, musicali e gastronomici, a partire dall’aperitivo “Rosso Antico”
per proseguire con altri appetitosi spuntini di tradizione locale. Il “Coro delle
Mondine di Bentivoglio” e il gruppo musicale de “I Mulini a Vento” hanno vivacizzato il pomeriggio, che si è concluso con brindisi e con il lancio di “Lanterne
rosse volanti”. La domenica ha previsto l’organizzazione di un pranzo sociale pro
“Arci Malacappa”. La Notte Rossa è stata organizzata da: Fondazione Duemila,
Arci Malacappa, Associazione “Casa del Popolo” e con il patrocinio del Comune
di Argelato.
16
SABATO 12 ottobre
Dalle ore 18.00 - Aperitivo “Rosso Antico”
Apertura stand con crescentine,
panini con Salsiccia e apertura bar
Ore 19.00 Coro delle Mondine di Bentivoglio
ore 21.00 - “INdifferenti mai”,
Concerto dei Mulini a Vento
CHIUSURA SERATA con brindisi e
lancio di “Lanterne Rosse” volanti
Domenica 13 ottobre ore 13.00
pranzo sociale per “ARci Malacappa”
(Solo su prenotazione entro giovedì
10 ottobre tel.: 347 2935080)
Malacappa
con il Patrocinio del Comune di Argelato
foglioaperto >> 5
associazionismo
Settimana del Baratto 2013
Dal 18 al 24 novembre in tutta Italia
viaggiatori e gestori di Bed and Breakfast hanno partecipato alla Settimana
del Baratto 2013: 10.000 proposte di
baratto, oltre 2.100 bed and breakfast
aderenti, 200.000 visite al sito negli
ultimi tre mesi e tantissimi annunci e
scambi all’interno della Fanpage Facebook della Settimana del Baratto
e sulla Bacheca dell’Evento, hanno
decretato - anche quest’anno - il successo di una iniziativa e di una formula
viaggio che piace sempre più agli italiani. Sono state migliaia le persone
che, grazie alla Settimana del Baratto,
hanno potuto alloggiare gratis, per
uno o più giorni, in B&B pagando il
soggiorno con beni o servizi. A mettersi in gioco per il 75% dei casi sono
stati utenti tra i 18 e i 34 anni, maschi
e femmine in egual misura, con provenienza geografica soprattutto nord e
centro Italia.
E per chi se la fosse persa niente
paura, la Settimana del Baratto continua tutto l’anno! È nato infatti un
circuito di quasi novecento bed and
breakfast che hanno inserito tra le loro
preferenze il baratto come formula
di pagamento da concordare con i
viaggiatori anche in periodi diversi
da quello dell’appuntamento ufficia-
le con la Settimana del Baratto che si
svolge, ogni anno, la terza settimana
di novembre.
Info e Contatti
Ufficio stampa settimana del baratto
Lucia Nifosì - Clara Corallo
Tel.: 0932456623
[email protected]
[email protected]
WEB:
www.barattobb.it
www.settimanadelbaratto.it
www.bed-and-breakfast.it
CIRCOLO
FOTOGRAFICO
FUNO
Eccoci qua, un altro anno
di attività è trascorso, possiamo essere soddisfatti
di aver proposto ancora
mostre, proiezioni, corso
di fotografia, partecipando attivamente alle
varie feste e manifestazioni con l’intento, e la
speranza, di portare un
po’ di cultura fotografica
come alternativa al solito
schermo televisivo.
Buon Natale e, con l’augurio di un sereno 2014,
rinnoviamo l’invito alle
iniziative che stiamo preparando.
Arrivederci
La rubrica “due scatti”
ospita le foto di Renzo
Zuppiroli realizzate al
Fiera District di Bologna
17
foglioaperto >> 5
cultura
“Random Cabaret”
per la Giornata Mondiale
dei Diritti dei Disabili
Una mostra sul paesaggio
dei Comuni dell’Unione
Reno-Galliera
Una mostra fotografica
su Marzabotto,
per non dimenticare
Il Gruppo H del Dopolavoro Ferrovieri
di Bologna ha promosso, in collaborazione con i Comuni di Argelato e
di Castello d’Argile, uno spettacolo teatrale che andrà in scena mentre
questo numero di Foglio Aperto sarà in
stampa. Venerdì 6 dicembre, presso il
Teatro comunale di Castello d’Argile, il
Magnifico Teatrino Errante ha presentato “Random Cabaret”, in occasione
delle manifestazioni legate alla Giornata
dei
Diritti delle
Persone
con Disabilità. “La
compagnia
Magnifico
Te a t r i n o
Errante
è
composta
da
attori
disabili
e
non, lavora
sia
sul
piano artistico sia su
quello dell’
integrazione; include attori con diverse abilità
perché crede nella potenza della verità
scenica che queste persone portano
naturalmente sul palco: qualsiasi cosa
raccontino, portano il segno evidente
della loro storia attraverso corpi non
sempre facili da abitare. Il lavoro sulle
differenze, l’integrazione, le tematiche
sulla emarginazione sociale, avvengono da sè, insieme alla produzione
artistica e alla formazione” (da una
nota di presentazione della Compagnia).
Il Museo della Civiltà Contadina di
San Marino di Bentivoglio ha ospitato, dal 13 ottobre al 17 novembre
scorsi, l’interessante mostra fotografica di Anna-Maria Guccini dal titolo
“Espressioni di paesaggio nei Comuni
dell’Unione Reno-Galliera”. La mostra
si è avvalsa della collaborazione degli
uffici di Pianificazione territoriale della
Provincia di Bologna e dell’Unione Reno-Galliera, nonché dell’Istituto per i
Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna. Si legge in un comunicato di
quest’ultimo: “Questa mostra fotografa elementi emergenti del paesaggio
della campagna per come si compongono al passaggio secondo prospettive
normalmente visibili dal ciglio della
strada, assommando però più cose
dentro il medesimo sguardo: la villa,
la casa colonica ed i suoi annessi, la
chiesa, l’oratorio, il campanile che
emerge di lontano, il cancello, l’edicola devozionale, la viabilità stessa,
carrozzabile o campestre, i canali, e gli
alberi, solitari od in filare, le siepi e le
viti maritate a sostegni vivi, i maceri”.
Grazie alla disponibilità del fotografo
Aniceto Antilopi, la sala espositiva del
Centro
Culturale di Funo ha
potuto ospitare,
dal 9 al 23 noIl buio su Monte Sole
vembre scorsi, la
I luoghi dell'eccidio di Marzabotto
mostra fotografica di Aniceto
Antilopi
“Il
buio su Monte
Sole. I luoghi
dell’eccidio
di
Marzabotto”, promossa
dal Gruppo di
Studi
“Gente
di Gaggio” di
Gaggio Montano, da Voli Group e dal
Comune di Argelato. Scrive l’Autore in
una breve nota sulla locandina della
mostra: “Monte Sole è un esempio di
negazione del bene… È una di quelle
tante strisce di terra dove l’umanità è
stata calpestata in modo irreparabile,
un luogo il cui nome suona adesso
come beffarda antitesti rispetto al buio
che lo avvolge”. Nel corso dell’inaugurazione, Aniceto Antilopi ha spiegato
le emozioni che ha vissuto e che vive
tuttora a seguito della sua esperienza
a Monte Sole, durata diversi giorni,
nel corso della quale ha incontrato
anche un sopravvissuto all’eccidio,
che gli ha fatto notare come in alcuni
spazi si abbia ancora la sensazione di
udire le urla di paura e di dolore dei
tanti bambini che vennero trucidati. La
mostra è stata allestita in anteprima
presso la Fondazione “Amleto Bertoni”
a Saluzzo (Cuneo) ed è stata inaugurata il 20 aprile 2013 da Francesco
Guccini.
18
Comune di Argelato
La
BIBLIOTECA CENTRO CULTURALE
di Funo
è lieta di invitare la cittadinanza
all'inaugurazione della mostra fotografica di ANICETO ANTILOPI
“Monte Sole è un esempio di negazione del bene.[...] È una di quelle tante strisce di terra dove l'umanità è stata
calpestata in modo irreversibile, un luogo il cui nome suona adesso come beffarda antitesi rispetto al buio che lo
avvolge.” Aniceto Antilopi
INAUGURAZIONE SABATO 9 NOVEMBRE 2013 ORE 11.00
La mostra sarà visitabile da sabato 9 novembre a sabato 23 novembre 2013
negli orari di apertura della biblioteca.
Apertura straordinaria domenica 10 novembre ore 15.00-20.00
nell'ambito dell'iniziativa SBAM! cultura a porte aperte.
Per informazioni:
Biblioteca Centro Culturale
Via Don Pasti, 80 -40050- Funo di Argelato (BO)
Tel. 051/6646430
e-mail: [email protected]
Orario di apertura:
Martedì 14.30-19.00
Mercoledì 14.30-19.00
Giovedì 9.30-12.30/14.30-19.00
Venerdì 14.30-19.00
Sabato 9.30-12.30
foglioaperto >> 5
cultura
QUANDO DELMO INIZIO L’AVVENTUROSA VILLEGGIATURA
Alcuni nuovi Argelatesi hanno sentito notizia di un certo
Delmo che portava persone in montagna con viaggi massacranti per strade ex mulattiere con poca ghiaia che forava
le gomme.
Proviamo a ricordare il fatto che diventò un evento storico.
Bernardi Adelmo (1909 – 1971, soprannome Al Machinon) abitava dove ora c’è il ristorante Ottocento e gestiva
il servizio pubblico di taxi. Portava ammalati all’Ospedale,
servizi nei matrimoni e poco altro. Negli anni ’30 , molti
pativano malattie polmonari e durante l’estate necessitavano di periodi di aria più fresca. Il Bernardi, tramite sue
conoscenze, scoprì che in località Poggiolforato, frazione di
Lizzano, alcuni erano disposti ad affittare qualche camera e
iniziò a portare persone. Con la carenza alimentare dovuta
alla guerra, gli ammalati aumentavano e anche persone
sane gradivano un periodo di riposo.
Poiché c’era il razionamento del pane, chi partiva portava
scorte di cibo, poi i famigliari, ogni due o tre giorni, spedivano il sacco viveri che Delmo portava. Il giro aumentò
talmente tanto che presero la patente di guida anche le
figlie Lara (una delle prime donne patentate), Gianna e
Irma, poi i generi Mario e Paolino.
Delmo faceva tante fermate per ritirare e consegnare pacchi
e lettere come un postino da Argelato e Poggiolforato. alla
fine degli anni ’40 faceva più viaggi al giorno, tanto da chiedere di effettuare viaggi ai taxi vicini.
A Poggiolforato era chiamato Argelato e anche ora è ricordato con tale nome nelle cronache e mostre dei tempi
passati organizzate dalle associazioni locali.
Negli anni ’50 la famiglia Bernardi si trasferì in paese con
autorimessa e abitazione e continuò il servizio che sempre
diminuiva perché molti compravano l’automobile.
Dopo la morte di Adelmo, il servizio continuò con la figlia
Lara e negli anni ’80 cessò.
Chi desidera saperne di più, legga l’intervista rilasciata nel
1992 dalla Signora Lara al Dr. Borghi, pubblicata nel libro:
“Cultura tradizionale e vita di paese nel territorio di Argelato”, reperibile alle Biblioteche di Argelato e Funo.
Romano Guizzardi
L’immagine ritrae la macchina di Adelmo Bernardi in montagna, verso il 1944,
nei pressi probabilmente di Vidiciatico. Era tempo di guerra e il cofano dipinto di
bianco stava a segnalare che si trattava di un’automobile facente un pubblico
servizio (proprietà Sig.ra L. Bernardi)
Biblioteca e Scuola
Con l’inizio del nuovo Anno Scolastico, le biblioteche di Funo e di
Argelato hanno ripreso la collaborazione con le Scuole del territorio: le
classi prime della Scuola Primaria di
Argelato hanno visitato la biblioteca
una volta al mese; in tali occasioni
la bibliotecaria ha effettuato il prestito alle classi e proposto ai bambini
letture animate per rafforzare (o scoprire) il piacere della lettura e per
avventurarsi tra gli scaffali della biblioteca!
Le classi prime e seconde della Scuola
Primaria di Funo e le sezioni dei 4 e
5 anni della Scuola dell’Infanzia “Gli
Aquiloni” di Funo hanno incontrato la scrittrice Giulia Zecchi che ha
narrato agli allievi alcune favole dal
suo libretto “ZinZin”, pubblicato dal
Comune di Argelato in collaborazio-
ne con EmilBanca. Grazie alle fiabe di
Giulia, i bambini e le bambine hanno
vissuto simpatiche avventure insieme
ai tanti personaggi animali ed umani:
il leprotto ZinZin, la gattina Simpa, il
giardiniere Ugo... avventure ambientate in luoghi noti e vicini come una
rotonda di Funo e
Villa Beatrice ad
Argelato!
Infine, la bibliotecaria di Funo si è
recata in tutte le
classi della Scuola
Primaria: insieme
agli alunni ha
parlato della biblioteca e delle
tante
opportunità che questo
servizio offre! La
bibliotecaria ha inoltre effettuato il
prestito alle classi portando tanti e
variegati libri, per tutti i “gusti”!
Arrivederci al prossimo anno con
altre iniziative!
Le bibliotecarie
Giulia Bandini, Elisa Tambruni
Giulia Zecchi mentre narra le sue favole
19
foglioaperto >> 5
cultura
NOTIZIE DALLE BIBLIOTECHE
L’autunno nelle biblioteche di Funo e
Argelato si è rivelato ricco di interessanti iniziative, per grandi e per piccini!
All’interno del progetto “Nati per
leggere” in entrambe le biblioteche si
è tenuto un incontro, rivolto a genitori,
nonni e nonne di bimbi e bimbe da
0 a 5 anni, sulle tecniche di letture di
testi per l’infanzia dal titolo “C’era una
volta un re...”, a cura dell’esperta Silvia
Cuppini (Voli Group).
Per i bimbi e le bimbe da 1 a 3 anni,
l’attrice e narratrice Elena Musti ha
condotto la recita-lettura con canti e
musica “Filastrocche col bebè”.
Per i più grandi (fascia d’età 5-8 anni)
è stata organizzata la lettura e laboratorio “Quante famiglie!” a cura di
Voli Group, alla scoperta delle tante
e diverse famiglie che esistono sulla
terra!
I ragazzi da 9 a 12 anni hanno invece
incontrato l’illustratrice Agnese Baruzzi
che li ha condotti alla scoperta di Peter
Nimble, un giovane e abilissimo ladro
protagonista del libro “Peter Nimble e
i suoi fantastici occhi”.
Per festeggiare le Festività Natalizie,
in biblioteca ad Argelato i piccoli incontreranno Giulio Coniglio narrato
da Ambaradan Teatro mentre in bi-
blioteca a Funo intraprenderanno un
divertente viaggio “Alla scoperta di
Babbo Natale” (a cura di Voli Group)!
Le biblioteche hanno inoltre aderito a
due importanti rassegne provinciali: la
biblioteca di Argelato ha organizzato
l’attività “Semi di speranza”, a cura di
Voli Group, in occasione della rassegna “Segnali di Pace”; la biblioteca di
Funo, all’interno della rassegna “SBAM!
Cultura a porte aperte”, ha invece ospitato la narrazione in baracca con attori
e pupazzi “A sbagliare le storie” a cura
di Millemagichestorie. In questa occasione, domenica 10/11, la biblioteca
ha inoltre effettuato apertura straordinaria dalle 15.00 alle 20.00 con i servizi
di prestito e navigazione Internet attivi.
La programmazione culturale è stata
ricca di incontri e mostre anche per
gli adulti: a settembre la biblioteca di
Funo ha ospitato la mostra fotografica “Alla ricerca della musica” di Fabio
Grandi e Valentina Travaglini, in collaborazione con il Circolo Fotografico
Funo.
Durante il mese di novembre, la biblioteca di Funo ha ospitato due
interessanti esposizioni: la mostra
fotografica “Il buio su Monte Sole. I
luoghi dell’eccidio di Marzabotto” di
Aniceto Antilopi e la mostra pittorica con le opere di Emanuela Guidi e
Angela Guidetti.
Nell’ambito della “Giornata mondiale
contro la violenza alle donne”, le due
biblioteche hanno organizzato l’incontro “Sai cosa compri? Una guida
rapida ai più comuni stereotipi sessisti nelle pubblicità, per riconoscerli ed
evitarli”, a cura di Mariangela De Gregorio e Stefania Scaletti (Associazione
“Deneb” - Frequenze di Genere), svoltosi presso la biblioteca di Funo.
Entrambe le biblioteche hanno inoltre
ospitato l’autore Corrado Spelli che ha
presentato il suo thriller “La stanza del
dipinto maledetto” (edito da Newton
Compton); alla riuscita della serata
hanno largamente contribuito i gruppi
di lettura delle due biblioteche.
Infine, nel mese di dicembre, l’autore Marco Frattini ha presentato il suo
volume “Vedere di corsa e sentirci
ancora di meno” presso la biblioteca
di Funo.
Arrivederci al prossimo anno!
Le bibliotecarie,
Giulia Bandini e Elisa Tamburini
La Festa della Storia nel nostro Comune
Anche il Comune di Argelato, in collaborazione con Emil Banca, ha partecipato alla X Edizione della Festa Internazionale della Storia, una prestigiosa rassegna costituita da centinaia
di eventi organizzati a Bologna e nella sua provincia. Domenica 20 ottobre, presso la sala
“Fondazione Ritiro San pellegrino” della Filiale di Argelato di Emil Banca, è stato presentato
il volume “La XII Porta”, di Rolando Dondarini (Minerva Editrice), professore di Storia Medievale all’Università di Bologna. Ne ha parlato, con l’Autore, Gian Paolo Borghi, Assessore alla
Cultura del Comune di Argelato. L’incontro è stato vivacizzato da un’esposizione storica e
dalla sua illustrazione da parte della Compagnia Borgo del Diavolo di Argelato. L’iniziativa ha
riscosso un soddisfacente interesse di pubblico.
20
scuola
I Bimbi della 2ªB
“Pomeriggi indimenticabili” sono quelli che hanno
recentemente vissuto i giovanissimi della 2aB
della Scuola Primaria Falcone di Funo, che hanno
goduto dell’opportunità di usufruire delle preziose testimonianze dei testimoni volontari Franco,
Marco e Bruno che hanno ricordato con passione e competenza giochi, lavori e tradizioni di un
tempo ormai scomparso, completamente sconosciuti ai bambini.
Questi ultimi li hanno ringraziati calorosamante
definendo “Pomeriggi indimenticabili” gli incontri vissuti con questi “nonni”. I volontari sono stati
pure gratificati dagli apprezzamenti, anche per
iscritto, che le insegnanti hanno loro riservato.
Pubblichiamo, a titolo di esempio, un elaborato realizzato dai ragazzi che hanno partecipato
agli incontri indimenticabili!
foglioaperto >> 5
Premio “Teatropuntodoc”
alla Scuola dell’Infanzia
“Gli aquiloni” di Funo
Le insegnanti della Scuola dell’Infanzia “Gli aquiloni” di Funo hanno il piacere di informare la
cittadinanza che la scuola ha vinto il Premio Teatropuntodoc-edizione 2012-2013, promosso da La
Baracca–Testoni Ragazzi di Bologna, e comunicare la
grande soddisfazione per il riconoscimento del lavoro
svolto in tutte le sei sezioni.
La motivazione fa riferimento“alle immagini e ai pensieri dei bambini sugli spettacoli che hanno visto a
teatro“.
Il Premio consiste in un intervento narrativo di attori
del Testoni Ragazzi all’interno della scuola. “Andare
a teatro” è un progetto che da molti anni fa parte
dell’offerta formativa dell’Infanzia “Gli aquiloni”.
Recarsi a teatro, condividere con i propri compagni
e le proprie insegnanti l’essere spettatore partecipe
di un evento artistico dal vivo, è un’esperienza coinvolgente, che arricchisce la dimensione emozionale di
ognuno e unisce il gruppo.
Le ricadute sul piano della didattica sono numerose: le insegnanti, nei giorni successivi allo spettacolo,
curano la ricostruzione dell’esperienza svolta, per ampliarla e consolidarla nel vissuto dei bambini. Grazie
alla ricchezza di stimoli poetici ed estetici che i linguaggi teatrali riescono a offrire, vengono proposte
espansioni e rielaborazioni sul piano linguistico, grafico-pittorico e costruttivo-manipolativo.
Conversazioni di gruppo e produzioni individuali mostrano che ciascun bambino costruisce nel tempo una
memoria di trame e d’immagini molto ricca.
Partecipare a uno spettacolo teatrale “di qualità”,
creato per i bambini da professionisti, favorisce l’ascolto e la concentrazione, offre visioni nuove e creative,
permettendo di sperimentare molteplici emozioni di
cui l’essere umano ha bisogno: divertimento, commozione, trepidazione, sollievo, meraviglia...
Le insegnanti
della Scuola dell’Infanzia
Gli Aquiloni di Funo
21
foglioaperto >> 5
sport
STUPENDA ANALOGIA FATTA DA UN PAPÀ
DI UN’ATLETA DELL’AVIS VOLLEY ARGELATO
Vado in moto e come succede a molti
di quelli che hanno questa passione, mi
capita spesso di cercare somiglianze tra
tutto ciò che ci circonda e quel mezzo a
due ruote che ci illudiamo di conoscere
così bene ma a cui, istintivamente, portiamo un sacrale rispetto.
“Cosa c’entra la moto con la Pallavolo?”,
qualcuno dirà.
Bene, quando penso alla mia squadra
in senso lato (intendo dire ai singoli
giocatori, alle prestazioni in campo,
all’allenatore, al risultato della partita,
al valore del risultato stesso in relazione alla prestanza degli avversari, ...),
affiorano spontaneamente, senza che
io le induca, un sacco di analogie con
la motocicletta!
Paragono i singoli ruoli ai vari reparti
del mezzo e le fasi della partita alle
situazioni di guida: le sospensioni assorbono bene le asperità del terreno?
sono troppo rigide?, ... gli pneumatici
hanno una buona aderenza o tendono
a scivolare?, ... senti il motore come riprende vigorosamente i giri anche da
basso regime!... mamma mia, guarda
quell’imbranato!! ... per fortuna che esistono i freni e di loro mi devo fidare.
Guarda come si muove bene il libero!..
prende su tutto... dai, dai, dai!... bum!
Hai visto che sberla che ha tirato l’opposto?... no!... così non va bene... ti devi
fidare di più del centrale!... Ma perchè
l’allenatore non la cambia?...ecco!...
siamo andati nel pallone!...
FORZA RAGAZZE, RIPRENDIAMOCI!!!
Proprio uguale: nella moto tanti pezzi
di metallo, plastica, gomma. Inutili,
inservibili se presi singolarmente. Ma
quando vengono a contatto fra loro, se
sapientemente assemblati ed armonizzati diventano molto più della somma
delle loro parti. Insieme diventano
magia. La loro qualità e messa a punto
si trasformano in divertimento puro nel
CHIUSA LA PRIMA STAGIONE
DELLA RINATA SOCIETÀ CANNISTI FUNO
Si è chiusa la prima stagione della rinata
società Cannisti Funo, gruppo di appassionati di pesca che opera nell’ambito
della Polisportiva Funo.
Il 2013 è stato per noi importante, dopo
anni di inattività un gruppo di giovani,
insieme a più esperti pescatori, ha
deciso di ridare vita alla Cannisti Funo,
una piccola realtà di paese con oltre 40
anni di storia.
È stato un anno impegnativo ma ricco
di soddisfazioni, in cui abbiamo concentrato le nostre gare in laghetti della
zona e abbiamo dedicato particolare
impegno nell’organizzazione di una
gara per i bambini, quella dei cosiddetti pierin pescatori. Questo evento si è
svolto il 2 giugno presso i laghetti del
Boschetto a Castel Maggiore e ha visto
impegnata la nostra società ed il nostro
sponsor, l’azienda bolognese Tubertini, assieme a Gino Bacci ed al negozio
Fisherman’s Partner’s, che hanno contribuito alla realizzazione.
Abbiamo riunito 40 bambini e bambine
dai 3 anni di età che hanno potuto partecipare senza alcuna spesa alla gara,
avendo in regalo tutto il materiale
necessario. La giornata è stata particolarmente allegra e animata, come non
poteva non essere con dei concorrenti
22
così euforici!
Ora la nostra attenzione è rivolta al
2014, stagione che per noi sarà all’insegna della crescita, perchè questo è
il nostro obiettivo: avvicinare al nostro
mondo nuove persone, anche giovani,
in un’attività sana e divertente.
Tra gli appuntamenti più importanti in
programma, oltre alla gara dei Pierin
Pescatori che replicheremo il 1° giugno,
ci sarà la festa per il 45° anniversario
dalla nascita della società, il 29 aprile
2014, infatti, sarà il compleanno della
Cannisti Funo e vogliamo festeggiare
coinvolgendo tutti coloro che in passato
ne hanno fatto parte ed i fondatori della
società, oltre che altre importanti realtà
del settore.
Cogliamo l’occasione per invitare tutti
coloro che avessero interesse nel far
parte del nostro gruppo a contattarci,
nella speranza di avvicinarne sempre di
più e riuscire a costruire un campionato
di società rivolto solo agli under 30.
Il direttivo della Cannisti Funo
Matteo Meogrossi, Saverino Aurelio,
Roberto Bergamini
Contatti: tel. 334.9908533 (Matteo)
348.5242750 (Lelli)
Polisportiva Funo 051.86.33.04
Mail: [email protected]
portarli tutti assieme su per l’appennino, magari un sabato pomeriggio dalle
parti di Monterenzio o vicino a casa,
magari una domenica mattina!
Mi sono lasciato trasportare dalla tastiera ed ho perso il filo... C’è qualcosa
che ancora non va... Ok le analogie, i
paragoni, ma... se le nostre Ragazze
sono i singoli reparti della moto, i nostri
allenatori sono i meccanici preparatori, gli assistenti i gommisti e ALLORA IL
PILOTA, QUELLO CHE SI DIVERTE, CHI
È? C’è un’Entità Superiore che si materializza tutte le volte che le Nostre
entrano in campo: si chiama SQUADRA
e vale molto di più della somma delle
parti. QUELLO È IL PILOTA! Che godrà,
guidando per un ora e mezza non
appena il fischio dell’arbitro darà il via.
E noi saremo in moto con loro, sul
sellino, a trasalire ad ogni piega, ad assaporare ogni accelerazione!
Filippo Sandri
TIRO CON L’ARCO
Ci è giunta comunicazione Federale del primo Record italiano
a squadre delle Nostre Allieve
dell’arco Compound nei 50 metri
in attesa della seconda Omologazione dei 25 metri indoor, per il 3
Novembre ci si appresta a “polverizzare” il Record dei 18mt indoor
detenuto dalla società piemontese
Iuvenilia che regge dal 2000.
Per il 2014 abbiamo l’obbiettivo
di arrivare a registrare 9 RECORD
italiani.
Mauro Baldassarre
Nella foto:
Agnese Maranesi, Sara Benini, Lisa Ratta
posta
foglioaperto >> 5
Emergenza furti
Io, l’handicap e il mio paese.
Ciao a tutti, sono un cittadino di argelato da più di
8 anni, purtroppo nell’ultimo anno abbiamo subito
2 furti in casa, fortunatamente in entrambi i casi
non eravamo in casa, ma la sensazione che si prova
quando si vede violata la propria abitazione e il furto
di cose proprie non è piacevole. Parlando con vicini e
amici di Funo mi sembra che il fenomeno sia in netto
aumento e non so se l’attuale amministrazione si stia
rendendo conto della situazione. Parlando con i carabinieri di San Giorgio al momento della denuncia, ho
percepito una certa rassegnazione e impotenza che
però posso accettare fino ad un certo punto.
Nei vostri articoli, sempre interessanti, vedo porre l’attenzione su strade, lavori, iniziative sociali, credo che
a questo punto valga la pena considerare la sicurezza del cittadino e della cosa che lo lega in primis al
comune, cioè la propria casa.
Maurizio Grassi
Io sono nato handicappato. Io sono diventato handicappato a 29 anni. Io sono stato handicappato per
brevi periodi poi lo sono diventato per sempre.
Ognuno ha la sua storia e con l’handicap, tutto nella
vita cambia, lentamente o in fretta. In Italia gli handicappati sono il 40% della popolazione (INPS) e non
si notano in giro come succede invece in tanti altri
paesi europei. Quindici anni fa andai a Vienna e notai
quante persone invalide gravi erano per strada, alle
mostre, a consumare the e cioccolata nei locali, lavorano anche, e ripensai a quello che avevo pensato
anni prima a Parigi, e cioè che gli italiani erano gli
europei più sani. In Italia non si vedono i disabili,
stanno in “casa”. La Legge 118/71, la legge n.508 del
23-11-1988, la 104/92 sono le leggi di riferimento, la
domanda per ottenere il riconoscimento dell’invalidità civile deve essere presentata alla propria Azienda
ULSS, presso l’ufficio invalidi civili, allegando la propria
certificazione medica e copia della documentazione
sanitaria. Occorre che ognuno sappia fare il proprio
mestiere, perché chiedere aiuto non è semplice e a
volte comprendere esattamente di che aiuto si ha
veramente bisogno è anche legato alla propria formazione culturale, se sei un uomo o una donna, anche
questo conta: come vieni pensato dagli altri.
È difficile essere handicappati, soprattutto quando
non vorresti esserlo. Bisogna cominciare a pensare
ai cittadini come handicappati-normali, per così dire:
andare per strada, salire su un marciapiede, entrare
in un negozio, andare in autobus, andare in banca,
insomma fare tutto quello di cui c’è bisogno da soli
comunque diversamente dagli altri.
Chi progetta le strade, le case, gli uffici, il nostro paese,
deve pensare che è bello ciò può essere usato da tutti
perché tutti siamo esseri umani. Non costa di più,
bisogna cambiare punto di vista, valutare diversamente le cose, in particolare le persone, considerare che
ognuno di noi ha diritto di vivere in maniera dignitosa anche se diverso, l’importante è il rispetto. Anche
questo dipende da tutti noi.
Fiorella Golfieri
Un ennesimo, vandalico gesto a Villa Beatrice: la distruzione di una pigna decorativa (si tratta di una recente
riproduzione) della scala dell’ingresso principale.
Nel confidare in un maggiore senso civico nei confronti
dei patrimoni monumentali pubblici, si spera anche che
l’imminente reinstallazione di telecamere possa aiutare
all’identificazione di questi atti che si commentano da
soli.
23
foglioaperto >> 5
FATTI UN REGALO, DONA SANGUE!
Donare sangue, sangue
per la vita! Difficile dire
quale tra queste sia la
parola più importante.
Donare significa regalare e, diciamocelo, a
chi di noi non piace
fare regali e soprattutto riceverli? Ora
pensate al momento
in cui fate un regalo, al
viso della persona che
scartando quel regalo
si illumina scoprendo
che é esattamente ciò di cui aveva bisogno; moltiplichiamo quell’espressione per tutte le persone a cui salvereste
la vita donando regolarmente sangue... non é un immagine bellissima? E non vi piacerebbe contribuire a realizzare
questa immagine bellissima?
Non credo basti dire che donare sangue é importante,
donare sangue é fondamentale perché il sangue è fondamentale per la vita, perché donare sangue fa bene! É una di
quelle azioni che non porta svantaggi, che porta il donatore
ad essere responsabile della propria salute e per chi, come
me fino a qualche mese fa, teme anche il semplice prelievo
é un valido motivo per mettersi alla prova e infine mettere
da parte una paura.
Quindi prendete coraggio anche voi e trovate qualche ora
per donare sangue! Credetemi a fine mattinata non potrete
fare a meno di avere un sorriso stampato sul volto e vi sentirete davvero soddisfatti!
Federica Rubini
24
posta
LE SIRENE D’ORO
ARRIVANO DAL MARE
“Arrivano dal mare! è il nome del più antico festival del Teatro
di figura in Italia: si è svolto dal 1975 al 2010 a Cervia, in
Romagna, per poi trasferirsi a Gambettola. Il festival, giunto
alla trentottesima edizione, si svolge ora a Gambettola
(dall’8 al 12 novembre), coinvolgendo anche altre località
(Gatteo, Longiano, Montiano). Nel festival, tradizionale appuntamento annuale di professionisti, studiosi, amatori e
pubblico, trovano ospitalità compagnie e artisti provenienti
da tutto il mondo. È ospitata, periodicamente, la “Vetrina
Italiana del Teatro di Figura” con una rassegna delle più
recenti produzioni. Ogni anno nell’ambito della manifestazione vengono attribuite le “Sirene d’Oro”, premio ad artisti
e personalità che “con il loro lavoro abbiano contribuito
a sviluppare e illuminare il Teatro di Figura nel mondo”.
Quest’anno il Premio viene assegnato a: Gian Paolo Borghi,
ricercatore e storico della narrazione e del teatro popolare, organizzatore appassionato della tutela del teatro dei
burattini, Mauro Monticelli, burattinaio e autore moderno
di teatro di figura, protagonista attivo della Famiglia d’arte
Monticelli (una storia appena all’inizio), Mario Bianchi,
autore, giornalista, storico del, antico e appassionato sostenitore (dialettico) del Festival e del teatro di figura, Carlo
Infante, docente di Performing Media, presidente di Urban
Experience e antico fiancheggiatore del teatro di figura.”
Da parte del Comitato di Redazione di Foglio Aperto, della
Giunta e dell’Amministrazione Comunale di Argelato, i più
grandi complimenti al nostro Assessore alla Cultura Dott.
Gian Paolo Borghi per questo nuovo riconoscimento alla
sua carriera!

Documentos relacionados

Brest 2012 festa della marineria

Brest 2012 festa della marineria hanno reso possibile il successo di Brest, si può partire proprio da questo punto e cioè dal fatto che qui si paga un biglietto per assistere a quello che è un vero, grande spettacolo, pensato per ...

Más detalles