Tesi Eugenia Nicolamme

Comentarios

Transcripción

Tesi Eugenia Nicolamme
SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI
(Decreto Ministero dell’Università 31/07/2003)
--------------------Via P. S. Mancini, 2 – 00196 - Roma
TESI DI DIPLOMA
DI
MEDIATORE LINGUISTICO
(Curriculum Interprete e Traduttore)
Equipollente ai Diplomi di Laurea rilasciati dalle Università al termine dei Corsi afferenti alla
classe delle
LAUREE UNIVERSITARIE
IN
SCIENZE DELLA MEDIAZIONE LINGUISTICA
LA SOTTOTITOLAZIONE…
QUANDO LA PASSIONE DIVENTA LAVORO
RELATORI
Prof.ssa Adriana Bisirri
CORRELATORI:
Prof.ssa Annarita Gerardi
Prof.ssa Tamara Centurioni
Prof.ssa Claudia Piemonte
CANDIDATA
Eugenia Nicolamme
ANNO ACCADEMICO 2014/2015
Dedicata alla mia famiglia e al mio ragazzo
Sommario
INTRODUZIONE .............................................................................................. 9
CAPITOLO I: LA SOTTOTITOLAZIONE .................................................... 11
1.1
Nascita e caratteristiche dei sottotitoli ................................................ 11
1.2
Concetti fondamentali nella traduzione .............................................. 14
1.3
Processo di realizzazione e strategie .................................................. 15
1.4
Fattori tecnici: tempi, punteggiatura e convenzioni tipografiche ....... 17
1.4.1
Il problema della segmentazione ................................................. 19
1.5
Pro e contro della sottotitolazione ...................................................... 20
1.6
Sottotitolazione e Doppiaggio: due tecniche al confronto ................. 22
1.7
La censura nei sottotitoli..................................................................... 23
CAPITOLO II: I SOTTOTITOLI AMATORIALI .......................................... 27
2.1
Il fenomeno del Fansubbing ............................................................... 27
2.2
Divisione dei compiti, processo di realizzazione e caratteristiche ..... 27
2.3
Il Fansubbing in Italia ......................................................................... 30
2.4
Chi sono i Fansubbers? ....................................................................... 32
2.5
Le convenzioni e regole tecniche ....................................................... 32
2.6
Le difficoltà nel Fansubbing ............................................................... 33
2.6.1
I tempi brevi e la sincronizzazione .............................................. 33
2.6.2
Le problematiche legali ............................................................... 34
2.7
I maggiori siti di Fansubbing .............................................................. 35
2.7.1
Subsfactory .................................................................................. 35
2.7.2
Italian Subs Addicted ................................................................... 36
2.7.3
Lista di altri siti di Fansubbing .................................................... 36
2.7.4
Subspedia con intervista ad un subber ......................................... 37
CAPITOLO III: SOFTWARE UTILIZZATI .................................................. 43
3.1
Visual Sub Sync.................................................................................. 43
3.2
Subtitle Workshop .............................................................................. 45
CAPITOLO IV: SOTTOTITOLATORE DI PROFESSIONE ........................ 49
4.1
La professione..................................................................................... 49
4.2
Le capacità di un buon sottotitolatore ................................................ 50
4.3
Processo di realizzazione dei sottotitoli professionali ........................ 50
4.4
Intervista ad una professionista nel campo ......................................... 52
CONCLUSIONI ............................................................................................... 57
ENGLISH SECTION ....................................................................................... 61
INTRODUCTION ............................................................................................ 63
CHAPTER I: THE SUBTITLING ................................................................... 65
1.1
The birth and characteristics of subtitling .......................................... 65
1.2
Fundamental concepts in translation .................................................. 66
1.3
Process of translation and strategies ................................................... 67
1.4
Technical factors: time, punctuation and typographic conventions ... 68
1.4.1
The problem with segmentation .................................................. 69
1.5
Pros and cons of subtitling.................................................................. 69
1.6
Subtitling VS Dubbing ....................................................................... 70
1.7
Censorship in subtitling ...................................................................... 70
CHAPTER II: AMATEUR SUBTITLES ........................................................ 73
2.1
Fansubbing’s phenomenon ................................................................. 73
2.2
Division of the tasks, process and characteristics .............................. 73
2.3
Fansubbing in Italy ............................................................................. 75
2.4
Who are fansubbers? .......................................................................... 75
2.5
Conventions and technical rules ......................................................... 76
2.6
Difficulties in Fansubbing .................................................................. 76
2.6.1
The short time and the synchronization ....................................... 76
2.6.2
Legal issues .................................................................................. 76
2.7
The major web sites of Fansubbing .................................................... 77
2.7.1
Subsfactory .................................................................................. 77
2.7.2
Italian Subs Addicted ................................................................... 77
2.7.3
List of other Fansubbing’s web sites ........................................... 78
2.7.4
Subspedia and an interview to a subber ....................................... 78
CHAPTER III: THE SOFTWARES ................................................................ 81
3.1
Visual Sub Sync.................................................................................. 81
3.2
Subtitle Workshop .............................................................................. 81
CHAPTER IV: THE PROFESSIONAL SUBTITLES .................................... 83
4.1
The profession .................................................................................... 83
4.2
The abilities of a good subtitler .......................................................... 83
4.3
The process of realization of professional subtitles ........................... 84
4.4
An interview to a professional subtitler.............................................. 84
CONCLUSION ................................................................................................ 87
SECCIÓN ESPAÑOLA ................................................................................... 91
INTRODUCCIÓN ........................................................................................... 93
CAPÍTULO I: LA SUBTITULACIÓN ........................................................... 95
1.1
El nacimiento y las características de los subtítulos ........................... 95
1.2
Conceptos fundamentales en la traducción ........................................ 96
1.3
Factores técnicos: tiempos, puntuación y convenciones tipográficas 97
1.3.1
El problema de la segmentación .................................................. 98
1.4
Pros y contras de la subtitulación ....................................................... 98
1.5
Subtitulación y doblaje: la comparación de dos técnicas ................... 99
1.6
La censura en la subtitulación ............................................................ 99
CAPÍTULO II: LA SUBTITULACIÓN POR AFICIONADOS ................... 101
2.1
El fenómeno del Fansubbing ............................................................ 101
2.2
División del trabajo, proceso de realización y características .......... 101
2.3
El Fansubbing en Italia..................................................................... 102
2.4
¿Quiénes son los fansubbers? ........................................................... 102
2.5
Convenciones y reglas técnicas ........................................................ 103
2.6
Las dificultades del Fansubbing ....................................................... 103
2.6.1
Los tiempos breves y la sincronización ..................................... 103
2.6.2
Las cuestiones legales ................................................................ 104
2.7
Los principales sitios del Fansubbing .............................................. 104
2.7.1
Subsfactory ................................................................................ 105
2.7.2
Italian Subs Addicted ................................................................. 105
2.7.3
Otros sitios de Fansubbing ........................................................ 105
2.7.4
Subspedia. Entrevista a un fansubber ........................................ 106
CAPITULO III: SOFTWARE UTILIZADOS .............................................. 109
3.1
‘Visual Sub Sync’ ............................................................................. 109
3.2
‘Subtitle Workshop’ ......................................................................... 109
CAPÍTULO IV: LA PROFESIÓN DE SUBTITULADOR .......................... 111
4.1
La profesión ...................................................................................... 111
4.2
Las capacidades de un buen subtitulador ......................................... 111
4.3
Proceso de realización de los subtítulos profesionales ..................... 112
4.4
Entrevista a una profesional en el campo ......................................... 112
CONCLUSIONES ......................................................................................... 115
RINGRAZIAMENTI ..................................................................................... 117
BIBLIOGRAFIA ............................................................................................ 119
SITOGRAFIA ................................................................................................ 121
INTRODUZIONE
La seguente tesi analizzerà l’importanza dei sottotitoli con tutte le loro
caratteristiche e strategie di realizzazione e il passaggio da una passione o
hobby come il “Fansubbing”, sottotitolazione amatoriale effettuata da fan per
fan, alla professione vera e propria della sottotitolazione.
I sottotitoli sono fondamentali nel mondo di oggi, vengono usati per
imparare una nuova lingua e cultura, sono strumenti indispensabili per le
persone sorde, ma in questa tesi si sottolineerà la loro importanza come pratica
di traduzione, perché i sottotitoli non possono celare o cambiare un prodotto
audiovisivo, a differenza del doppiaggio. I prodotti sottotitolati sono una copia
fedele, se pur ridotta per le esigenze di tempo e spazio, l’originale è sempre
presente e lo spettatore che conosce la lingua di partenza può commentare la
traduzione.
I sottotitoli sono alla base di un movimento nato negli anni ottanta: il
Fansubbing. Quest’ultimo aveva l’obbiettivo di far conoscere a più gente
possibile gli “anime” che erano stati censurati; nella seguente tesi si tratterà di
questo fenomeno in Italia con le sue numerose community di traduttori che
gratuitamente rilasciano i sottotitoli per far conoscere le serie tv che sono
ignote nel nostro Paese. Si descriveranno le sue caratteristiche, i programmi
usati, le strategie utilizzate e le difficoltà che si incontrano nella realizzazione
dei subs con un’intervista ad un ragazzo con lo pseudonimo “Red_CoAt_91”
che si occupa dei sottotitoli del sito Subspedia.
Dal Fansubbing si passerà a trattare della vera e propria professione di
sottotitolatore descrivendo la professione in se stessa, gli studi che una persona
che vuole affacciarsi a questo lavoro deve compiere, le capacità che deve
possedere ed il processo di realizzazione dei sottotitoli professionali con
un’intervista esclusiva a Serenella Massidda, sottotitolatrice professionista con
un lunghissimo curriculum vitae.
9
Questa tesi si prefigge come obbiettivo di marcare l’importanza dei
sottotitoli, di far avvicinare al Fansubbing le persone che non lo conoscevano,
ma soprattutto di esaltare la passione che si ha nel fare qualcosa che amiamo,
perché è quella che ci spinge a creare qualcosa di meraviglioso. Nelle due
interviste presenti nella tesi, quello che traspare è sempre la passione nel fare
quello che si ama. Se ci impegniamo tanto con dedizione esso può diventare il
nostro lavoro, come per esempio Serenella Massidda, che è riuscita a fare della
sua passione il suo lavoro.
Se ci crediamo fino in fondo e ci applichiamo al massimo delle nostre
capacità, i nostri sforzi saranno ripagati; ricordiamoci le parole del Premio
Nobel Nelson Mandela: “Non c'è passione nel vivere in piccolo, nel progettare
una vita che è inferiore alla vita che potresti vivere.”
10
CAPITOLO I: LA SOTTOTITOLAZIONE
1.1
Nascita e caratteristiche dei sottotitoli
Il sottotitolaggio costituisce una modalità di traduzione utilizzata per
trasferire un prodotto audiovisivo dal paese in cui è stato distribuito al resto
del mondo. È presente nella branca di studi nota come Translation Studies,
dove si affronta lo studio della traduzione filmica. Questa traduzione viene
chiamata TAV1 in Italia, ossia traduzione audiovisiva. Quest’ultima infatti è
stata definita da Pérez e Gonzaléz con queste parole: “Audiovisual translation
is a branch of translation studies concerned with the transfer of multimodal
and multimedial texts into another language and/or culture”.2
La traduzione audiovisiva è dunque legata alle diverse strategie di
language transfer che vengono adottate; con trasferimento linguistico si
intende il mezzo attraverso il quale un prodotto audiovisivo viene tradotto per
renderlo comprensibile ad un pubblico che non conosce la lingua di partenza.
Secondo Gambier (2003) esistono tredici tipi di trasferimento linguistico;
dove otto sono i tipi dominanti: sottotitolazione interlinguistica, doppiaggio,
interpretazione consecutiva, interpretazione simultanea, voice-over, commento
libero, traduzione simultanea, produzione multilingue ed infine i tipi di
challenging (traduzione degli script, la sottotitolazione simultanea, la
sopratitolazione, la descrizione audiovisiva e la sottotitolazione intralinguistica
per sordi).
Con il passaggio dal cinema muto a quello sonoro si è dovuti ricorrere a
parti scritte per facilitare allo spettatore il messaggio del prodotto, in questo
modo insieme alle immagini si vedono per la prima volta delle frasi chiamate
“didascalie” o “intertitoli”.
1
TAV: traduzione audiovisiva, AVT l’acronimo inglese (audiovisual translation)
La traduzione audiovisiva è un ramo dei Translation Studies che si occupa della traduzione di testi
multimodali e multimediali in una diversa lingua o cultura (mia traduzione)
2
11
Essi
sono
brevi
sequenze
di
commenti descrittivo-esplicativi o
di brevi dialoghi impressi su uno
sfondo opaco e proiettati tra due
scene
del
film.
Quest’ultimi
vengono usati per la prima volta in
Europa
nel
1903,
ritenuti
antiestetici ed anticinematografici
perché interrompevano il ritmo dei film, con il passare del tempo e
ovviamente con il progredire della tecnologia queste “didascalie” vengono
trasformate in veri e propri “sottotitoli”. Questo processo viene introdotto agli
inizi del XX secolo e grazie ai nuovi mezzi, si è potuta affinare questa
modalità rendendola sempre più di qualità.
Lo studioso Henrik Gottlieb3 evidenzia i criteri di questa traduzione e la
descrive come una traduzione scritta, a differenza del doppiaggio, aggiuntiva
perché alle immagini sono aggiunti appunto i sottotitoli, immediata per la
permanenza estremamente veloce dei sottotitoli sullo schermo, preparata
perché è realizzata prima della sua commercializzazione ed infine
multimediale perché è un canale con il quale lo spettatore riceve il messaggio
del prodotto4.
I sottotitoli possono essere divisi in tre tipi:

il sottotitolo che riporta i dialoghi e quasi sempre compare nella parte
inferiore dello schermo per non ostacolare la visione del prodotto al
pubblico;

il caption che corrisponde ad un testo in prosa che viene inserito nella
pellicola originale per dare spiegazioni o aggiungere informazioni, in
altre parole corrisponde alla “vecchia” didascalia;
3
“Subtitling – A New University Discipline”, in Teaching Translation and Interpreting, eds. Cay
Dollerup e Anne Loddegaard
4
Mariacristina Petillo, Doppiaggio e Sottotitolazione: problemi linguistici e traduttivi nel mondo della
screen translation, 2008.
12

la scritta di scena che corrisponde ad un testo breve presente nella
versione originale che può essere o non essere tradotto nella versione
sottotitolata. Può essere un testo con titoli di giornali, cartelli, insegne di
negozi o vie ecc.
Inoltre abbiamo un’ulteriore distinzione tra sottotitoli aperti (open) che
sono quelli sovraimpressi alla versione originale e i sottotitoli chiusi (closed)
che sono opzionali e possono essere aggiunti solo se scelti dal pubblico.
A differenza del doppiaggio, la sottotitolazione offre allo spettatore due
canali di percezione: visivo ed uditivo. Il sottotitolaggio trasforma i dialoghi
orali di un prodotto audiovisivo in una traduzione scritta. Esistono due tipi di
sottotitolazione:

sottotitolazione intralinguistica che corrisponde alla traduzione totale o
parziale nella stessa lingua della colonna sonora originale del film; vi
sono due destinatari per questa traduzione: le persone non udenti e
persone che si affacciano a una nuova lingua per impararla. In Italia il
primo film con sottotitoli per sordi fu nel 1986 il famoso film di Alfred
Hitchcock “La finestra sul cortile”. Verranno effettuate due diverse
traduzioni per i due diversi destinatari, come visibile nello schema
successivo5.
5
Pubblico di non udenti
Studenti di una lingua straniera
Elementare
trascrizione
e
semplificazione
dei
dialoghi
originari. Lo scopo è garantire
l’accessibilità
dei
prodotti
audiovisivi ai soggetti con deficit
uditivo
Resa simultanea dei dialoghi originari
con la trascrizione completa. Lo
scopo è di fornire un aiuto didattico
nell’apprendimento di una nuova
lingua straniera
Mariacristina Petillo, La traduzione audiovisiva, 2012
13

sottotitolazione interlinguistica dove i sottotitoli sono stati tradotti in una
lingua diversa dal prodotto audiovisivo e quindi mettono insieme due
lingue e culture diverse. Questo tipo di sottotitoli può anche essere visto
come un mezzo per imparare diverse lingue perché presenta l’audio nella
lingua di partenza e sottotitoli nella lingua di arrivo. In questo campo si
affaccia dagli anni novanta la cosiddetta reversed subtitling6 che consiste
nel far ascoltare allo spettatore i dialoghi doppiati nella sua lingua madre,
mentre sullo schermo scorrono i sottotitoli nella lingua di partenza;
questa modalità ha registrato grandi successi perché è stato dimostrato
che può facilitare la memorizzazione di una lingua straniera.
1.2
Concetti fondamentali nella traduzione
La componente traduttiva della sottotitolazione include alcuni concetti
che sono indispensabili per la traduzione: l’equivalenza, l’adeguatezza, la
fedeltà e la traducibilità:

l’equivalenza è il concetto che descrive la relazione tra il testo originale e
il testo tradotto. Saper utilizzare parole diverse per tradurre espressioni
idiomatiche fisse, proverbi ecc. per poter replicare alla perfezione la
stessa situazione del testo originale senza modificandone il messaggio.
Una delle teorie più originale è quella proposta da Eugene Nida (1964)
dove illustra due tipi di equivalenza: l’equivalenza formale e quella
dinamica. La prima è basata sul contenuto e sul messaggio del testo
originale, mentre la seconda ha come obbiettivo che il testo tradotto
abbia lo stesso effetto dell’originale non escludendo variazioni di tipo
formale;
6
Sottotitolazione rovesciata
14

l’adeguatezza è un concetto molto simile all’equivalenza, rappresenta il
modo per tradurre gli aspetti dominanti ed essenziali del testo originale,
guardando però il testo d’arrivo calcolandone le esigenze;

la fedeltà è il concetto utilizzato per capire quanto una traduzione è
appunto fedele al suo originale. Il traduttore deve per forza capire
appieno il senso e il messaggio del testo che deve tradurre, ma
caratteristica ancor più importante, deve conoscere la lingua di partenza e
anche la sua cultura in maniera perfetta per poter trasferire lo stesso
effetto nella lingua d’arrivo. Deve quindi comprendere e (ri)formulare
interpretando e capendo quali elementi si possano tralasciare e quali
assolutamente no;

concetto finale è quello della traducibilità, molto importante perché fa
capire cosa tradurre e cosa no; spesso traducendo due lingue diverse si va
incontro a due culture differenti tra loro e quindi il traduttore deve essere
capace di riformulare il concetto iniziale, attraverso delle strategie, per
permettere anche a una cultura diversa di capire cosa volesse dire il testo
originale.
1.3
Processo di realizzazione e strategie
Per poter realizzare dei sottotitoli ottimali è obbligatorio un processo
molto difficile e complesso che prevede tre diverse e importanti tappe che però
non sono subordinati tra loro e non avvengono in questo ordine:

la riduzione testuale, parziale o totale, essenziale per decidere cosa
tradurre e cosa invece tralasciare. I sottotitoli non possono essere una
fedele e dettagliata traduzione dei dialoghi di un’opera audiovisiva.
Queste modifiche però spesso vanno a incidere e a penalizzare la vera
essenza del prodotto; ma queste scelte sono dettate da rigidi limiti che
nella sottotitolazione sono importanti per una buona traduzione. I
15
traduttori sono giustificati perché va ricordato che lo spazio e il tempo
sono limitati perché i sottotitoli devono essere sincronizzati in modo
perfetto ai dialoghi orali e devono essere immediati;

la trasformazione diamesica, ossia il passaggio dal codice orale a quello
scritto. Alcune caratteristiche del parlato potrebbero andare perse,
risultando i sottotitoli meno ridondanti e più sintetici e in questo modo
l’originale sarà impoverito o al contrario arricchito;

la traduzione dalla lingua di partenza a quella di arrivo che deve essere
efficace ed esaustiva per la comprensione dello spettatore.
Inoltre, per la realizzazione dei sottotitoli esistono delle strategie, Henrik
Gottlieb ne individua dieci:

espansione, fornire elementi aggiuntivi nella lingua d’arrivo, per
esempio nel caso a riferimenti a culture diverse;

parafrasi, cambiare e appunto parafrasare il testo originale perché spesso
la lingua d’arrivo non ha le stesse espressioni;

trasposizione, la traduzione letterale dell’originale;

imitazione, riprodurre espressioni della lingua di partenza, come saluti,
nomi di persone o di cose;

trascrizione, riprodurre un elemento non standard della lingua di
partenza ricreando lo stesso effetto estraniante in quella d’arrivo, come
succede nei giochi di parole o dialetti;

dislocazione, strategia usata in situazioni di carattere visivo e musicale.
Viene usata un’espressione diversa nella traduzione per mantenere ad
esempio lo stesso ritmo in una canzone;

condensazione, riuscire a riproporre lo stesso messaggio con una
traduzione più sintetica, ma senza perdere il significato;

riduzione, limitare nella traduzione elementi non essenziali per andare
incontro alla velocità del discorso;
16

cancellazione, la totale omissione di parte del testo originale con
possibilità di perdere il significato;

rinuncia, utilizzare un’espressione diversa dall’originale sia dal punto di
vista formale che semantico. Scelta che viene presa dal traduttore per
impossibilità di traduzione.
L’autore norvegese Lomheim (1995,1999) invece conta sei strategie:

cancellazione;

condensazione;

aggiunta;

iperonimia;

iponimia;

neutralizzazione.
Le prime tre strategie si pongono molto simili a quelle di Gottlieb e non
si discostano, mentre le ultime tre propongono nuovi procedimenti.
L’idea di Lomheim si prefigge l’obbiettivo di non eliminare parti
dell’originale, bensì sostituirle con tre procedimenti trasformano le unità
lessicali della lingua di partenza con quelle della lingua di arrivo; per
realizzarlo si usano quindi i tre procedimenti, iperonimia (generalizzazione)
quando un termine viene sostituito con uno più generico, iponimia
(specificazione)
quando
si
incontra
il
processo
inverso
ed
infine
neutralizzazione, quando il sottotitolo tradotto elimina ogni connotazione
dell’originale.
1.4
Fattori tecnici: tempi, punteggiatura e convenzioni tipografiche
I sottotitoli sono subordinati a regole precise e rigide per la loro
lunghezza e permanenza sullo schermo. Sono parametri che sono legati ai
tempi di elaborazione dello spettatore che deve decodificare il testo scritto
nella sua lingua madre e la parte sonora della lingua d’origine.
17
I sottotitoli devono rimanere sullo schermo il tempo per permettere allo
spettatore di leggere l’intera frase, ma cosa importante non devono rimanere
troppo tempo da permettere di rileggere il sottotitolo. La regola più diffusa è
“la regola dei sei secondi” dove per la lettura di sottotitoli di due righe con 32
caratteri ciascuna, è necessaria la permanenza di sei secondi; se si incontrano
sottotitoli più brevi, la permanenza si riduce in maniera proporzionale.
Opportuna la pausa tra un sottotitolo e l’altro di qualche secondo per non far
stancare lo spettatore. Sono preferibili sottotitoli brevi non solo per fattori
estetici, ma anche per esigenze cognitive, anche se strano da dirsi è stato
studiato che il cervello umano riesce a leggere in maniera più veloce frasi più
lunghe perché si sofferma di meno su ciascuna parola.
Non si deve mai dimenticare che la preparazione dei sottotitoli varia in
base allo schermo su cui saranno proiettati; questo significa che è il mezzo di
comunicazione che stabilisce come si sottotitola, infatti è stato appurato che
gli spettatori leggono in maniera più veloce i sottotitoli al cinema piuttosto che
in televisione perché i caratteri risultano vere ovviamente con una definizione
superiore.
Importante anche la scelta del font che deve essere il più possibile
leggibile e uno spazio sufficiente tra i caratteri e le parole, essenziale che i
sottotitoli non coprano parti fondamentali delle immagini ed infatti è
preferibile la collocazione a sinistra piuttosto che quella centrata ed evitare di
spezzare il legame logico o grammaticale delle frasi.
Il sottotitolo può essere disposto su due righe con un totale massimo di
40 caratteri, vengono usati i trattini per il discorso diretto quando due persone
parlano nello stesso sottotitolo, quindi le parole di ogni personaggio verranno
precedute da un trattino, si usa il corsivo quando sono presenti voci fuori
campo o per canzoni che provengono da fuori della scena, vengono usate
parentesi per aggiungere commenti al sottotitolo o informazioni aggiuntive, le
virgolette sono utilizzate come il corsivo, ma con più frequenza, anche per
18
parole inventate o nomi di alberghi, ristoranti ecc. e l’asterisco, quando viene
omesso qualcosa con intenzione, ad esempio per censurare espressioni volgari.
La traduzione per le canzoni è un mondo a se stante, infatti si differenzia
per ogni paese, ad esempio in Portogallo è preferibile collocarli sul lato
sinistro dello schermo7, in altri paesi viene usato il corsivo, mentre in Italia
ogni sottotitolo che corrisponde ad una frase di una canzone viene racchiuso
all’inizio e alla fine da due #.
1.4.1
Il problema della segmentazione
Fattore indispensabile è la segmentazione dei sottotitoli; bisogna prestare
tantissima attenzione a come si preferisce staccare i sottotitoli disponendoli su
due righe, però in questo caso potrebbe presentarsi un grande problema se le
due righe sono di lunghezza diversa; una buona soluzione è avere la prima riga
più corta, così in questo modo sono ridotti i movimenti oculari dello
spettatore; bisogna però dividerli in base alle loro caratteristiche sintattiche e
grammaticali.
Karamitroglou (1998) fornisce una descrizione su come si debba
procedere nella segmentazione: subtitled texts should appear segmented at the
highest syntactic nodes possible. This means that each subtitle flash should
ideally contain one complete sentence. In cases where the sentence cannot fit
in a single-line subtitle and has to continue over a second line or even over a
new subtitle flash, the segmentation on each of the lines should be arranged to
coincide with the highest syntactic node as possible8; aggiungendo l’esempio
di una frase : “The destruction of the city was inevitable”.
7
Diaz Cintas, Ramael, 2007
I testi sottotitolati dovrebbero essere segmentati in base alla più alta unità sintattica. Questo significa
che ogni sottotitolo dovrebbe contenere una frase di senso compiuto. Nel caso in cui questo non è
possibile e quindi la frase dovrà continuare nella seconda riga del sottotitolo, la segmentazione di ogni
frase dovrebbe coincidere con l’unità sintattica più alta. (mia traduzione)
8
19
Si dovrebbe fare coincidere ogni riga del sottotitolo a una frase, ma
quando questo non è possibile si dovrebbe dividere la frase in sintagmi e
quest’ultimi in sub categorie.
Di seguito viene riportato lo schema con la gerarchia proposta da
Karamitroglou con il suo esempio.
In conclusione quindi la segmentazione più ottimale sarebbe:
The destruction of the city
was inevitable
1.5
Pro e contro della sottotitolazione
La tecnica della sottotitolazione viene esaltata ma, succede spesso che
non viene vista di buon’occhio. Ci sono paesi che prediligono la
sottotitolazione ed altri invece no, preferendo ad esempio l’altra tecnica della
traduzione audiovisiva, ossia il doppiaggio. I primi in Europa sono: Belgio,
Cipro, Croazia, Danimarca, Finlandia, Galles, Grecia, Irlanda, Islanda,
Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovenia, Svezia e
20
Ungheria, mentre i secondi sono Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna,
Germania, Austria e Svizzera9.
Il sottotitolo si realizza rapidamente e a buon mercato, mantiene
l’integrità del testo originale perché nell’audio sono presenti le voci originali e
quindi nel caso lo spettatore conosca la lingua, può benissimo paragonare le
due lingue e commentare la traduzione, il fascino di sentire le voci originali
degli attori, poter imparare una lingua straniera, è la tecnica indispensabile per
le persone sorde di guardare e capire un prodotto audiovisivo e non rischia di
contraddire la mimica e le gestualità degli attori.
Rappresenta un’ottima tecnica di traduzione, ma ha anche alcuni aspetti
negativi. Partendo dalla lingua di partenza, si noterà che nei sottotitoli vi sarà
una riduzione della traduzione, perché devono essere eliminati qualsiasi forma
di ridondanza, dato i tempi veloci delle scene e quindi il sottotitolo risulterà
meno esauriente del testo di partenza. Riducono effettivamente parte delle
immagini e quindi non si potrà avere una visione completa dello schermo. Lo
spettatore è impiegato a leggere i sottotitoli e quindi vi è la possibilità di
perdersi qualche scena importante perché si è occupati continuamente a
guardare le immagini e leggere i sottotitoli. Spesso può succedere che i
sottotitoli non siano sincronizzati perfettamente con le battute degli attori.
Sono stati condotti però due studi che provano che lo spettatore non è
affaticato dalla presenza del sottotitolo, anzi predilige questo tipo di
traduzione. Il primo studio10 prevedeva che due gruppi di persone vedessero lo
stesso pezzo di film in lingua sconosciuta, ma con due modalità diverse; il
primo gruppo ha potuto vedere il film doppiato e invece, il secondo gruppo il
film sottotitolato. Alla fine della visione, i gruppi sono stati sottoposti a
questionari, e è stato notato che il gruppo con il film sottotitolato ricordi
meglio alcuni aspetti del film rispetto all’altro gruppo e che ha accolto in
9
Elisa Perego, La Traduzione Audiovisiva, 2015, pagg.19 e 20
Perego, Del Missier, 2010
10
21
maniera positiva la presenza delle voci originali che ha ritenuto perfette per i
loro corrispettivi personaggi.
Il secondo studio11 prevedeva le stesse condizioni, ma l’obbiettivo era
quello di vedere quale gruppo aveva la capacità maggiore di immergersi nel
film. Contrariamente alle aspettative, anche qui il gruppo sottoposto alla
sottotitolazione ha apprezzato il film, sentendosi parte integrante di esso.
1.6
Sottotitolazione e Doppiaggio: due tecniche al confronto
Ovvio è il confronto con il suo compagno nella traduzione audiovisiva,
ossia il doppiaggio. Il dibattito su quale tecnica sia più efficace è ancora
aperto, ma è possibile stilare una lista delle loro caratteristiche messe a
confronto.12
Doppiaggio
Sottotitolazione
Costoso
A buon mercato
Perdita del dialogo originale
Rispetto dell’integrità del dialogo
originale
Le voci dei doppiatori possono essere Sono mantenute le voci originali
riutilizzate
e
dunque
ritenute degli attori
ripetitive
Minori riduzioni rispetto al testo di Maggiori riduzioni rispetto al testo di
partenza
partenza
Vantaggioso
semialfabeti
per
i
bambini
o Vantaggiosa per sordi, immigrati e
apprendenti di una nuova lingua
Lo spettatore può distogliere lo Lo spettatore non può distogliere lo
sguardo e continuare a seguire la sguardo perché perderebbe aspetti
trama
salienti della trama
11
12
Wissmath et al., 2009
Fonte: Diaz Cintas (2001), pp. 49-50; Gottlieb (1994a), p.272, Perego (2015), p.27
22
Dialoghi originali manovrabili
Dialoghi
originali
manovrabili
Rispetto per le immagini del prodotto
Deturpazione parziale delle immagini
del prodotto
Subordinato alla sincronia labiale
Subordinato
temporali
a
difficilmente
vincoli
spazio-
Il pubblico si concentra su immagini Il pubblico si deve concentrare su
ed audio
immagini, audio e parte scritta
1.7
La censura nei sottotitoli
La censura cinematografica è il mezzo attraverso il quale una autorità
attua il controllo preventivo di un'opera cinematografica, autorizzando o
negando la sua proiezione in pubblico, o limitandone la visione ad un pubblico
adulto13.
Spesso però non sono le case di distribuzione o i governi a censurare, ma
è il traduttore che decide di autocensurare parti del prodotto audiovisivo;
decide di farlo perché sa quali elementi potrebbero dar fastidio alla cultura
della lingua d’arrivo. Si può cancellare una scena, modificare il linguaggio
dandogli una traduzione più accettabile o addirittura eliminare elementi forti
che potrebbero dar fastidio. Chi decide tutto questo? Perché esiste l’obbligo di
eliminare alcuni elementi di un prodotto audiovisivo che ne esaltano la natura
vera e propria? Se nella lingua di partenza sono presenti parole forti, perché
dovremmo tradurle nella lingua di arrivo con qualcosa che non rispecchia lo
stesso effetto? Oltre alle immagini, elemento essenziale dei film o serie tv
sono i dialoghi; tradurli fedelmente significa tradurne la forza, eliminarle
equivale a perderla14.
13
14
Cit. Wikipedia
Cit. Fay R. Ledvinka, What the fuck are you talking about?, 2010, p. 34
23
La censura in Italia esiste da più di cent’anni. La prima legge su essa
risale al 1913 durante il Governo Giolitti con la fondazione di Commissioni
che dovevano impedire la distribuzione di film che erano ritenuti offensivi per
il decoro, decenza pubblica e autorità pubbliche. Durante il Fascismo la
censura venne rafforzata così tanto che nel 1934 fu creata un’apposita
Direzione Generale per la Cinematografia. Con l’arrivo della Repubblica, fu
creato l’articolo 21 della Costituzione che concedeva la libertà di espressione e
pensiero. Nel 1962, venne creata la legge n.16115 sulla Revisione dei film e dei
lavori teatrali, tutt’oggi in vigore, essa confermava il mantenimento di un
sistema preventivo di censura e assoggettava al rilascio del nulla osta la
proiezione pubblica dei film e la loro esportazione all'estero.
Nel luglio 2007 il disegno di legge Modifiche alle legge 21 aprile 1962,
n.161, è stato approvato dal Consiglio de Ministri. Esso elimina la censura
preventiva del film, ma pone altri maggiori limiti, come l’autocertificazione
che il prodotto è per tutti o vietato ai minori di 18, 16, 14 e 10 anni. In Italia la
censura prevede cinque gruppi:

T: visione aperta a tutti;

V.M. 10: visione consentita a un pubblico di età superiore ai 10 anni;

V.M. 14: visione consentita a un pubblico di età superiore ai 14 anni;

V.M. 16: visione consentita a un pubblico con età superiore ai 16 anni;

V.M. 18: visione vietata a un pubblico minorile.
Il sottotitolaggio è una tecnica più difficile da utilizzare come mezzo di
controllo, quindi vi è meno possibilità di censurare, perché se lo spettatore
conosce la lingua, comprende tutti i dialoghi in lingua originale.
15
La proiezione in pubblico dei film e l'esportazione all'estero di film nazionali, ai sensi
dell'articolo 8 della, legge 29 dicembre 1949, n. 958, e successive modificazioni ed integrazioni,
sono soggette a nulla osta del Ministero del turismo e dello spettacolo. Il nulla osta è rilasciato con
decreto del Ministro per il turismo e lo spettacolo su parere o previo esame dei film, di speciali
Commissioni di primo grado e di appello, secondo le norme della presente legge.
24
La censura viene utilizzata soprattutto se nei dialoghi sono presenti
turpiloqui per insulti alla religione (sacra in Italia), ad animali, ad organi
sessuali, a razzismo e ad omosessualità.
Esempio di censura nel film Full Metal Jacket del 1987 di S. Kubrick16:
-
…have the goddamm common courtesy…(originale);
-
…fargli la cortesia… (sottotitoli).
In Italia tutto quello che circonda Dio e la Chiesa è innominabile ed
intoccabile, quindi è ovvio che quando il traduttore deve tradurre in italiano, si
trova a eliminare il riferimento a Dio, ma così toglie tutto il vero effetto della
frase.
Altro esempio nel film Pulp Fiction del 1994 di Q. Tarantino17:
-
I’m fucked! I’m fucked! I’m fucked! I’m fucked! (originale);
-
È la fine! È la fine! È la fine! (sottotitoli).
Tradurre sconvolgendo l’intero effetto e messaggio è come tradire,
l’autore del prodotto audiovisivo originale voleva quell’effetto, ma prima che
questi tabù culturali vengano eliminati dovranno passare decenni o addirittura
secoli.
16
17
Cit. Fay R. Ledvinka, What the fuck are you talking about?, 2010
Cit. Fay R. Ledvinka, What the fuck are you talking about?, 2010,
25
26
CAPITOLO II: I SOTTOTITOLI AMATORIALI
2.1
Il fenomeno del Fansubbing
Il termine Fansubbing si forma dalla parola fan18 e sub19; indica la
traduzione non autorizzata dei dialoghi e la conseguente sincronizzazione dei
sottotitoli al video e all’audio di un prodotto audiovisivo. Questo viene
realizzato da persone appassionate, che gratuitamente, offrono il loro tempo
libero impiegandolo appunto a tradurre. L’origine di questo fenomeno si
colloca negli anni Ottanta quando gli anime giapponesi erano proibiti o
censurati, poi esploso negli anni Novanta grazie soprattutto al miglioramento
della tecnologia e degli strumenti informatici per trovare il materiale
audiovisivo e per creare e sincronizzare i sottotitoli.
Questo fenomeno è ormai inarrestabile, come affermano Díaz Cintas e
Muñoz Sánchez (2006): “It would be no exaggeration to state that fansubs are
nowadays the most important of fan translation, having turned into a mass
social phenomenon on Internet, as proved by the vast virtual community
surrounding them such as websites, chat rooms, and forums20”.
2.2
Divisione dei compiti, processo di realizzazione e caratteristiche
Solitamente nel processo di creazioni dei fansubs21 appaiono diverse
figure22:
18
Appassionato in inglese
Sottotitolare in inglese
20
Non è un’esagerazione affermare che i fansubs sono oggi la più importante traduzione fatta dai fan
e che ormai si sono trasformati in un fenomeno di massa sociale su Internet, tutto questo è provato
dalla vasta comunità virtuale costituita da siti, chat e forum. (mia traduzione)
21
Riferimento solo alle traduzione degli anime giapponesi
22
Fansubs: Audiovisual Translation in an Amateur Environment, Jorge Díaz Cintas e Pablo Muñoz
Sánchez
19
27

raw providers23, coloro che si occupano di trovare il materiale utile per
tradurre, ossia i video originali non tradotti che generalmente venivano
estratti dai DVD o VHS;

traduttori, coloro che si occupano della traduzione linguistica;

timers, coloro che sincronizzano i sottotitoli a ciascuna scena in cui
devono comparire, cercando di far coincidere nel modo più perfetto
possibile il sottotitolo all’audio;

tipografi, coloro che scelgono la grafica dei testi, il font del carattere e la
posizione del sottotitolo;

revisori,
coloro
che
revisionano
e
correggono
la
traduzione,
indispensabili nel caso in cui i traduttori non sono madrelingua;

codificatori, coloro che uniscono il testo al video usando alcuni
programmi di codificazione, producendo la versione sottotitolata degli
episodi.
Il processo di creazione dei sottotitoli per gli anime è abbastanza lungo e
per niente semplice:

si ottiene la raw e dopo si invia il video all’encoder che valuta la sua
qualità audio e video;

dopo si passa la copia al traduttore e si comincia a tradurre l’episodio.
Dato che il giapponese è una lingua abbastanza difficile e non tutti la
conoscono così bene da saperla tradurre, si traduce da una versione già
tradotta (inglese, francese o spagnolo). Consigliabile che il traduttore
veda alcuni episodi degli anime e si documenti sui nomi dei personaggi,
luoghi e caratteristiche degli anime per tradurre in modo veritiero. Deve
anche indicare quando le voci sono fuori campo per facilitare il lavoro
dei tipografi. Una volta terminata la traduzione, viene salvata in un file di
testo ed inviata al timer;
23
Letteralmente fornitori di materie prime
28

in questa fase si sincronizzano i sottotitoli all’audio. Il timer decide
quando ogni sottotitolo deve iniziare e finire. Terminato il tutto, il timer
invia il file al tipografo;

il tipografo sceglie il font per i sottotitoli, per le voci fuori campo, per i
pensieri, per gli effetti sonori ecc. Deciderà se usare l’italico o diversi
colori per facilitare la lettura al pubblico. Terminato, il file viene inviato
al revisore;

i revisori devono controllare i sottotitoli correggendo eventuali errori, per
farlo devono ricontrollare la raw. Terminato, inviano il file ai
codificatori;

i codificatori lavorano con programma open source come Virtual Dub,
devono creare un file unico che contenga la raw e i sottotitoli tradotti;

dopo verrà effettuato un controllo qualità eseguito dal traduttore o dal
revisore dove eventuali errori dovranno essere corretti. Una volta finito,
il file è pronto;

il file viene distribuito online tramite Bittorrent, vengono avvisati il
maggior numero di siti di fan per permettere che più gente possibile
venga a conoscenza della nuova release.
Facendo riferimento a Ferrer Simó (1995), Díaz Cintas e Muñoz Sanchez
(2006) hanno creato una lista con le caratteristiche del Fansubbing:
 caratteri diversi per i sottotitoli dello stesso programma;
 colori diversi per identificare gli attori;
 sottotitoli di più righe (fino a quattro righe);
 note sullo schermo;
 uso diverso nel posizionare i sottotitoli;
 riferimento all’inizio e alla fine ai traduttori;
29

glosse
nel
corpo
dei
sottotitoli: chiamate anche popup glosses, sono glosse nella
lingua di arrivo che compaiono
all’improvviso sullo schermo, di
solito
racchiuse
in
piccole
finestre a sfondo bianco che
hanno
lo
scopo
di
fornire
spiegazioni su qualche elemento
culturalmente marcato dell’originale.
Questa traduzione è appunto fatta da “fan per i fan”, senza nessuna
intenzione di lucro. Si può dividere in soft subs, se si rendono disponibili solo
i sottotitoli e in hard subs se si rendono disponibili filmati sottotitolati. Lo
scambio di questi sottotitoli avviene con il file sharing, un’attività che si pone
ai limiti della legalità, attraverso il P2P24.
2.3
Il Fansubbing in Italia
Il Fansubbing appare circa per la prima volta grazie alla serie televisiva
statunitense Lost, che arriva in Italia nel 2006; che narra, dopo lo schianto su
un’isola di un aereo, le vicende di 48 sopravvissuti che dovranno vivere
sull’isola dove accadono fatti inspiegabili. Questo telefilm riesce ad
appassionare così tante persone che ha dato vita, con il passare del tempo, a
tante diverse comunità.
In Italia questi siti si occupano solo dei softsubs, reperiscono il
sottotitolo in inglese, lo traducono sincronizzandolo e poi viene rilasciato in un
formato di file con estensione .srt25 che può essere caricato insieme al video in
24
25
Peer to peer: programmi di condivisione file come Bittorrent e Emule.
SubsRip Text
30
un programma di riproduzione come VLC o anche Windows Media Player. Il
rilascio è totalmente gratuito.
Questi siti si occupano di serie tv e spesso anche di film. Permettono alle
persone
di
poter
seguire
qualsiasi
telefilm
vogliano;
seguono
la
programmazione americana o inglese e quindi si ha la possibilità di potersi
gustare un telefilm prima che esca in Italia. Alla base di questa tecnica c’è la
cooperazione perché queste comunità lavorano in team dividendosi tutto il
lavoro.
Ovviamente questi sottotitoli si presentano molti diversi da quelli
professionali, perché sono meno rigidi e permettono di essere più creativi,
infatti non stravolgono mai il messaggio dei dialoghi originali.
I fansubbers non traducono dai dialoghi, ma dai cosiddetti pivot titles,
ossia sottotitoli già esistenti in un’altra lingua, che nei maggiore dei casi è
l’inglese.
Si dividono questi sottotitoli in battute e un team di subbers si dedica alla
propria traduzione. È un processo abbastanza complicato, ma reso molto
veloce per le tantissime persone che lavorano nel sito. In queste comunità
ognuno ha il suo ruolo fondamentale, sono come delle catene di montaggio,
non si può saltare una parte, perché una senza l’altra non funziona.
I ruoli possono essere differenti da sito a sito, ma spesso i ruoli più
importanti si dividono in:

admin,
le
persone
che
gestiscono
il
sito
e
si
occupano
dell’amministrazione;

traduttori, le persone che appunto traducono i pivot titles, quasi sempre
sono un team di più persone;

revisori, coloro che controllano le traduzioni;

resyncher, il loro compito è abbastanza complicato, perché devono
sincronizzare i sottotitoli al video. Possono esistere diverse versioni dei
video.
31
2.4
Chi sono i Fansubbers?
I traduttori sono persone comuni di tutte le età, ma prima bisogna
superare un test che si accerta del livello di lingua straniera e dopo un periodo
di prova si diventa un fansubber a tutti gli effetti. I siti offrono la possibilità a
tutti di provare a far parte della comunità, ma ovviamente è importante
scegliere persone con una conoscenza della lingua abbastanza nella media o
addirittura elevata. Un test con esercizi per testare la grammatica, esercizi di
traduzione e esercizi di ascolto e comprensione.
Sono ragazzi e ragazze che offrono il loro tempo libero, offrono
un’attività di mediazione linguistica e rappresentano una generazione piena di
persone di talento.
2.5
Le convenzioni e regole tecniche
Ovviamente anche nel Fansubbing esistono delle convenzioni o
parametri tecnici che i traduttori devono seguire alla lettera.
I sottotitoli possono disposti su due righe, ma la loro lunghezza deve
essere all’incirca uguale, la punteggiatura deve essere rispettata, importanti
sono i trattini che devono essere usati all’inizio della frase per distinguere due
persone che stanno parlando. Fondamentale è l’uso degli accenti e apostrofi;
spesso gli accenti non si riescono a leggere e quindi preferibile scrivere
perche’ anziché perché.
I sottotitolatori amatoriali cercano di non perdere nessuna informazione e
rimanere il più possibile fedeli al prodotto originale. I fansubbers fanno questo
perché amano le serie televisive e film, quindi incontreremo sottotitoli
abbastanza lunghi per non perdere nessuna informazione; infatti molte persone
preferiscono seguire serie sottotitolate perché doppiandole si perde la loro
realtà, soprattutto nelle comedy, come “The Big Bang Theory” e “2 Broke
32
Girls” che hanno splendide battute che doppiate in italiano perdono il loro
effetto.
Quasi sempre vengono mantenute citazioni, riferimenti o battute comiche
che nella lingua di partenza sono chiari, ma che nella lingua d’arrivo perdono
un po’ l’effetto voluto dall’autore. I fansubbers fanno questo perché sono
fedeli ai dialoghi dei prodotti audiovisivi e non vogliono rovinare la loro vera
essenza.
2.6
Le difficoltà nel Fansubbing
2.6.1 I tempi brevi e la sincronizzazione
Ci sono molte difficoltà in questo mondo; ricordiamoci che queste
persone non sono traduttori professionali e ahimè esiste più possibilità di
incontrare errori nella traduzione, nella battitura al computer o nella
sincronizzazione ai video. Spesso il subber si ritrova a dover tradurre solo
dall’audio per rispettare i loro “calendari”26, il gioco diventa più difficile ed è
normale sbagliarsi, parliamo di audio impossibili da decifrare anche per i
sottotitolatori esperti che lo fanno da anni.
I tempi sono più brevi rispetto ad una vera e propria professione perché i
fansubbers seguono il palinsesto americano, quindi se una puntata esce in
America il lunedì sera, la puntata tradotta e sincronizzata da loro uscirà il
giorno seguente; cercano di essere i più veloci possibili per andare incontro
alle numerose richieste del Fandom27 e per riuscire a offrire il sottotitolo
dell’episodio in tempo la parola chiave è collaborazione.
26
27
Sito con calendari del palinsesto americano www.tvshowsmanager.com
Una comunità di appassionati (fan) che condividono un interesse comune
33
2.6.2
Le problematiche legali
Purtroppo questo fenomeno del Fansubbing si trova ai limiti della
legalità ed addirittura molti lo considerano un atto illegale a tutti gli effetti
perché alla sua base vi è la circolazione non autorizzata di materiale
audiovisivo normalmente coperto da copyright, in Italia diritto d’autore28.
Alcuni siti hanno materiale illegale perché decidono di imprimere i
sottotitoli al video, ma intelligentemente le community italiane più famose che
si verranno a descrivere in questa tesi decidono di lavorare solo con i soft subs
per non incorrere ovviamente a questioni legali distribuendo solamente la
parte dei sottotitoli, infatti quest’ultimi sono solo interpretazioni di episodi di
telefilm o film e quindi non violano nessun copyright; questa decisione
comporta solo l’infrazione solamente del diritto di traduzione che di norma è
riservato all’autore29.
Inoltre, sembra strano a dirsi, ma il Fansubbing spesso pubblicizza una
serie televisiva, infatti le aziende possono constatare quanto un loro prodotto
funzioni prima di metterlo nel commercio. Questi siti hanno un’etica piuttosto
seria, infatti in ogni sito gli amministratori nei disclaimer 30 affermano che è
espressamente vietato fare richieste o suggerire link per il download di filmati,
programmi, musica, o qualsiasi prodotto, coperto da diritti d’autore sia esteri
che nazionali (SIAE), sia parlando generalmente che, nel dettaglio, citando
programmi atti al peer to peer, quali eMule, Torrent, Edonkey31; infatti nessun
sito di Fansubbing contiene materiale audiovisivo (o link ad esso) coperto da
copyright, se qualche utente pubblica qualsiasi materiale illegale, viene subito
28
Il diritto d'autore è l'istituto giuridico che ha lo scopo di tutelare i frutti dell'attività intellettuale
attraverso il riconoscimento di una serie di diritti (di carattere morale e patrimoniale) all'autore
originario dell'opera. (cit. Wikipedia)
29
Art. 18 Il diritto esclusivo di tradurre ha per oggetto la traduzione dell'opera in altra lingua o
dialetto. Il diritto esclusivo di elaborare comprende tutte le forme di modificazione, di elaborazione e
di trasformazione dell'opera previste nell'art. 4.
L'autore ha altresì il diritto esclusivo di pubblicare le sue opere in raccolta. Ha infine il diritto
esclusivo di introdurre nell'opera qualsiasi modificazione.
30
Dichiarazione di esclusione di responsabilità
31
Regolamento presente nel sito Subsfactory
34
escluso dalla community; i siti di fansubbing infatti offrono solo contenuti
gratuiti scaricabili, ossia sottotitoli, nel formato srt32.
2.7
I maggiori siti di Fansubbing
Nel web si incontrano tantissimi siti di questo tipo, in questa tesi si
parlerà di quelli più famosi e con più utenti. I due siti che costituiscono i veri
pilastri di questo fenomeno sono Subsfactory e Italian Subs Addicted.
2.7.1
Subsfactory
Subsfactory nasce nel 2005 da un’idea della fondatrice Superbiagi di
riunire qualche gruppo già preesistente si riesce a farlo venire alla luce il 16
aprile 2006. Superbiagi afferma che ha iniziato traducendo per se stessa Alias
e mettendo i sottotitoli su eMule, dopo poco tempo è stata contattata da una
ragazza che le diceva che il suo lavoro aveva un successo enorme e da lì
alcune persone l’hanno voluta aiutare ed è nato il Team4733.
Da ricordare la loro importantissima partnership pluriennale con il
Telefilm Festival di Milano e la partecipazione a tantissimi festival e rassegne
cinematografiche. Tantissime le interviste radiofoniche, le citazioni sui
giornali e sul web.
Dal 2005 a oggi questa fabbrica continua a creare sottotitoli di tutti i tipi
per i fan. Mettono nel loro lavoro cura e dedizione, con un’ottima traduzione.
Come loro stessi affermano: “Sottotitoli per passione, sì, ma con tutta la
competenza e professionalità che possiamo offrire”34.
32
File testuali visualizzabili con qualsiasi editor di testo.
Vedi intervista di Fabio Guarnaccia e Luca Barra alla fondatrice di Subsfactory
34
Cit. Subsfactory
33
35
2.7.2 Italian Subs Addicted
Italian Subs Addicted aka35 Itasa è nato nel dicembre del 2005 dalla
voglia di tre ragazzi di approfondire il lavoro fatto sulla serie Smallville ed è
tutt’oggi la più grande community italiana di appassionati di telefilm. Offre
una varietà immensa di sottotitoli e una velocità disarmante. Il fondatore del
sito è Klonni, che all’epoca aveva solo 17 anni.
Itasa nasce con l’arrivo della serie televisiva Lost e del suo successo.
Moltissime sono le collaborazioni, le interviste in radio e in televisione e i
riferimenti su giornali e sul web.
Detiene il record di presenze online stabilito il 06 Ottobre 2009, alle
21:37:33 con 3328 utenti connessi, in corrispondenza della messa on line dei
sottotitoli del 4 episodio della 6 stagione di Dr. House, poi scaricati da più di
10.000 spettatori.
Conta più di 500 membri dello staff e 400.000 utenti e tra serie tradotte
ed anime si arriva a più di 800. Vivono grazie ai loro utenti e alle loro
donazioni al sito; con i soldi che ricevono si occupano del server, pagano il
dominio e la banda, ecc. Nemmeno un centesimo delle donazioni rimane in
tasca ai fansubbers, al massimo agli utenti, sotto forma di premi dei concorsi
che spesso fanno.
2.7.3 Lista di altri siti di Fansubbing
Ne esistono tantissimi altri di questi siti, per citarne solo alcuni troviamo:

Subspedia http://subspedia.weebly.com

Angels and Demons www.italiansubtitles.blogspot.it

Traduttori Anonimi http://traduttorianonimi.weebly.com/

SubsCloud http://www.telefilmaddicted.com/wordpress/
35
As knows as: conosciuto come
36

Srt Project http://www.opensubtitles.org/

Myitsubs http://mysubtitles.weebly.com

Nowaysubs http://nowaysubs.blogfree.net

Subsfamily http://subsfamily-subs.weebly.com
2.7.4 Subspedia con intervista ad un subber
Vediamo in dettaglio una della lista. Subspedia è una community nata
nel 2011 e conta più di 300 utenti. Si occupano di serie televisive americane
ed inglesi e qualche volta di film che ovviamente devono ancora uscire in
Italia.
La loro caratteristica fondamentale è la velocità, entro 24 ore dalla messa
in onda dell’episodio pubblicano sempre i sottotitoli. Si calcola che vengono
scaricati dal sito giornalmente più di 5000 sottotitoli. Offrono solo soft subs e
non incoraggiano la distribuzione di materiale protetto da copyright; infatti
qualunque link che porti al download di materiale protetto da copyright verrà
immediatamente rimosso dal sito dagli amministratori.
Ho avuto la fortunatissima occasione di conoscere e poter intervistare un
fansubber di Subspedia; un ragazzo disponibilissimo e brillante, dal fandom è
conosciuto come Red_CoAt_91, un nickname che prende spunto dalla sua
serie amata Pretty Little Liars.
Si è laureato lo scorso anno in Mediazione Linguistica e adesso studia
alla magistrale in Cinema e Arti Performative del DAMS. Cerca di fare
qualche lavoretto, oltre ovviamente quello non retribuito ma molto
appassionante di subber.
Il mondo del Fansubbing l’ha scoperto quasi per caso. Prima di entrare in
Subspedia, gli era capitato di guardare serie tv sottotitolate e spesso si trattava
proprio di traduzioni a cura della sua futura community, ma non aveva idea di
come funzionasse il Fansubbing o chi ci fosse dietro. Poi un giorno, una sua
37
compagna di università gli ha fatto notare il test per entrare ed è andata
benissimo perché lavora per Subspedia da 2 anni, ha cominciato il periodo di
prova a giugno 2013 ed è entrato nel team ufficiale ad agosto e a febbraio
2015 è diventato revisore.
Descrive Subspedia come una community ben strutturata, esistono
diversi ruoli per permettere una distribuzione abbastanza equa del lavoro. Ci
sono 300 membri e si dividono in traduttori, revisori, admin e grafici; i
revisori però, sono a loro volta traduttori, così come gli amministratori che di
conseguenza sono sia traduttori che revisori. Ogni ruolo ha differenti
responsabilità, ma come lui afferma sono tutti essenziali per far sì che la
piccola grande macchina di Subspedia si metta in moto.
Alla domanda su come realizzano i subs e quali programma usano
risponde che il lavoro viene equamente suddiviso tra un numero di traduttori
che varia da 4/5 per le comedy, per esempio “2 Broke Girls” a 8/9 per le serie
tv “lunghe” come “Grey’s Anatomy” o “Pretty Little Liars”. Quindi si procede
alla divisione del numero totale di battute della base inglese di partenza per il
numero di traduttori. Ognuno traduce e sincronizza la propria parte
dell’episodio, la controlla perfezionandola e poi la invia al revisore della serie
in questione che raccoglie tutte le parti tradotte e le uniforma e se necessario le
corregge, deve controllare che tutto sia perfetto, dalle rese traduttive al sync e
alle regole di traduzione. Spesso afferma che i traduttori si trovano a dover
cominciare dall’audio tutto il lavoro per mancanza del supporto scritto dei
dialoghi originali che non viene pubblicato in compatibilità con la richiesta
della serie da parte del Fandom. In quel caso si divide la lunghezza
dell’episodio in base al numero di traduttori. Come supporto software alla
traduzione e sincronizzazione gli utenti Windows usano Visual Sub Sync e gli
utenti Apple Jubler.
Quando gli chiedo se hanno delle regole da seguire o qualche parametro
tecnico durante la realizzazione dei subs mi risponde che ovviamente li hanno
e che hanno una guida interna all’uso dei programmi e alle regole da rispettare
38
in fase di traduzione e sincronizzazione che tengono sempre aggiornata
affinché possa rispondere a tutti i dubbi che potrebbero insorgere. Hanno delle
regole che riguardano il massimo numero di caratteri per riga e battuta, così
come quelle sulla traduzione delle canzoni o sull’uso della punteggiatura.
I subbers vengono scelti tramite un test che viene periodicamente reso
disponibile sul loro sito ed è aperto a tutti. Si compone solitamente di prove di
grammatica sia inglese che italiana, di traduzione e anche di una prova da
audio. Totalizzando un certo punteggio, si passa alla fase di poozer, in cui si
imparano ad usare i programmi ed a mettere in pratica la loro guida interna.
Quando gli chiedo se esiste concorrenza o invidia tra i siti di Fansubbing
lui mi risponde che a suo parere esiste della sana competizione. Talvolta può
capitare che si discutano delle scelte traduttive da una community all’altra, ma
nell’ottica del prodotto e non per questioni di invidia o attrito personali nei
confronti dei altri gruppi.
Il suo parere riguardo alla legalità del Fansubbing è che ovviamente
quello che fanno è tutelabile, poiché si occupano dell’adattamento dei
dialoghi, di una libera rielaborazione e traduzione dell’audio. Il prodotto del
loro lavoro è un soft sub e non un hard sub, che prevede l’impressione dei
sottotitoli sul video, e quello sì che è oggetto di copyright.
Alcune persone il Fansubbing come una pratica piena di errori di
traduzioni, dato che parte dei subbers sono studenti o persone che comunque
sia non lo fanno di professione, lui mi risponde che, come traduttore e
revisore, cerca sempre di dare il meglio ai fan, sia per una sua personale
dedizione al lavoro ed ambizione alla perfezione, ma crede che sia una cosa
comune alla sua community intera, così come per le altre. Non essendo tutti
traduttori professionisti e talvolta, nemmeno studenti di lingue, qualche errore
può capitare, ma afferma che sarà sempre compito del revisore eliminare
refusi, errori di traduzione e migliorare rese poco fluide. Loro sicuramente
hanno la buona volontà di rilasciare un prodotto quanto più preciso e corretto
possibile, se poi qualche errore scappa, ride e dichiara che è semplicemente
39
dovuto al nostro essere umani, ma in ogni caso apprezzano sempre se qualche
fan glieli fanno notare, così da poter rimediare.
Quando gli chiedo cosa lo spinge a fare tutto questo gratis, gli brillano
gli occhi e mi risponde subito che è la passione e tanta voglia di rendere
disponibili i prodotti televisivi che più ama per lui e per gli altri a spingerlo a
dedicare così tanto tempo a tutto questo. Lui vuole che più gente possibile
possa amare queste serie tv e apprezzare la bellezza dei prodotti audiovisivi in
lingua originale, perché è questo quello che c’è alla base del Fansubbing: non
si potrà mai apprezzare la vera realtà ed identità un prodotto audiovisivo se
non si guarderà in lingua originale, la lingua tradotta lo oscura e spesso ne
cambia la vera essenza.
Per Red_CoAt_91 fare il fansubber è una passione, soprattutto quando si
tratta di tradurre e revisionare serie che segue ed ama. Un esempio è “Pretty
Little Liars”, per cui si ritrova ad organizzare folli notturne di traduzioni pur di
rilasciare al mattino presto gli episodi più importanti e creare inoltre apposite
immagini creative da allegare ai sottotitoli per comunicare anche in questo
modo con i fan.
Gli chiedo se spera che un giorno la sua passione possa portare a una
vera e propria professione e mi risponde che la sua speranza è quella che
Subspedia, insieme alle altre importanti community di fansubbing ormai
rodate, con una consistente base di fan e un bel range di serie trattate, possano
essere riconosciute da chi si occupa di serie tv a livello professionale, sia per
quando riguarda la messa in onda che la produzione dei cofanetti di DVD, e
perché no, magari anche essere partner di alcuni festival televisivi e
cinematografici di cui curare la traduzione. Con uno sguardo deciso mi
risponde che sì, spera che questa passione possa anche portare a un vero e
proprio lavoro per lui e per chi, come lui, ama le serie tv, le lingue, ma anche
il Fandom, elemento fondamentale del successo del Fansubbing.
Il Fansubbing è un mondo pieno di persone di talento che condividono la
loro passione con il resto del mondo e non chiedono nulla in cambio. Sono
40
come dei supereroi della traduzione che lavorano con tempi ristretti. Come
afferma Red-CoAt_91 la speranza che il Fansubbing sarà riconosciuto anche
dai traduttori professionisti e dal mondo delle serie televisive c’è, ma
dovremmo aspettare un po’ di tempo, ma fortunatamente ci sono professionisti
che vedono nel Fansubbing un nuovo mondo pieno di talento da cui
dovremmo spesso trarre spunto e nel capitolo quarto ne parlerò nell’intervista
a Serenella Massidda, una sottotitolatrice professionista.
41
42
CAPITOLO III: SOFTWARE UTILIZZATI
3.1
Visual Sub Sync
Il programma più usato dai fansubber è Visual Sub Sync
(VSS). Quest’ultimo è un programma gratuito per aggiungere
tramite un editor visuale i sottotitoli al video. Supporta i
formati dei sottotitoli SRT e SSA/ASS ed è in grado di
modificare i file CSV, TXT e CUE per poi salvarli come sottotitoli. Il suo
funzionamento ed utilizzo sono abbastanza facili. Una volta scaricato basta
cliccare su new project e si aprirà questa finestra.
Cliccando sui tre puntini nel numero 1 si potrà caricare il file video da
sottotitolare, poi si dovrà cliccare, se non avviene automaticamente, su
“Extract WAV”, e poi di nuovo su “Extract” sulla finestra che si apre in
seguito.
43
Accettarsi che sul punto 2 ci sia il formato srt.
Nella casella Reference VO, cliccando sui tre puntini caricare i sottotitoli
di base della lingua di partenza, questi si trovano quasi sempre su
http://www.addic7ed.com/36.
Infine cliccare sul numero 3 Create new project, attendere pochi secondi
e apparirà questa schermata.
Ogni riga del sottotitolo è cliccabile e cliccando si può vedere la fascia di
suono relativa ad esso, a sinistra in ogni riga vi è il contatore di battute. Si va a
cancellare il sottotitolo esistente traducendola nella lingua di arrivo. Ricordarsi
di creare sottotitoli di massimo due righe. Se serve il corsivo aggiungere <i> a
inizio e fine sottotitolo o cliccare sul sottotitolo con il tasto destro e scegliere
text in italic. Se si traducono canzoni inserire a inizio sottotitolo # seguito da
uno spazio e a fine sottotitolo uno spazio seguito da #. Invece a destra, sempre
in ogni riga, vi è il contatore di velocità; rosso troppo veloce, viola troppo
lento, giallo va bene e verde perfetta. Possiamo ingrandire o rimpicciolire a
nostro piacimento la lunghezza la banda sonora relativa al sottotitolo che
stiamo traducendo.
36
Noto sito dove si trovano svariati sottotitoli in tutte le lingue di serie tv e film.
44
Caratteristica molto utile in Visual Sub Sync è la presenza del
rilevamento degli errori dove si possono identificare le parti dove la nostra
sincronizzazione non è perfetta.
Una volta finito il lavoro di traduzione basta salvare il file che
ovviamente si presenterà come file srt.
3.2
Subtitle Workshop
Subtitle Workshop è un completo e potente programma per
creare e modificare i sottotitoli, è gratuito e facilissimo da
usare. Si può modificare e sincronizzare i sottotitoli in una
grande varietà di filmati. Possibilità di scegliere l’italiano
come lingua. Presente su piattaforma Windows consente di visualizzare
un’anteprima del file mentre si scrivono i sottotitoli oltre che di sincronizzare i
sottotitoli con la traccia video, nel caso una traccia sia o in ritardo o in
45
anticipo. Subtitle Workshop consente inoltre di arricchire la formattazione dei
sottotitoli con grassetto, corsivo e sottolineato e supporta molti formati di
output tra i quali i file .srt e .sub.
L’utilizzo è abbastanza semplice, una volta aperto si avrà una schermata,
dove si va a cliccare video e poi apri per selezionare il video corrispondente ai
sottotitoli che si devono tradurre. Su file si andranno a caricare i sottotitoli già
scaricati nella lingua originale. Una volta caricato il tutto si avrà questa
schermata con il video e sotto i sottotitoli che dovranno essere cancellati e
riscritti in italiano.
Con questo programma si possono sistemare i sottotitoli con un anticipo
o ritardo, basta andare su modifica, poi su timing e su imposta ritardo e nella
schermata si deciderà quanto è il ritardo e se applicarlo a tutti i sottotitoli o
solo quelli cu cui si sta lavorando.
Consiglio di tutte le persone che lavorano con questo programma è
quello di sincronizzare la prima e ultima battuta cliccando le icone sotto il
video, ovvero marca come primo punto di partenza e marca come ultimo
punto di sincronia.
46
Finita la traduzione, dopo aver controllato che la sincronia sia giusta
basta salvare il file sempre con il formato .srt.
47
48
CAPITOLO IV: SOTTOTITOLATORE DI PROFESSIONE
4.1
La professione
La professione di traduttore audiovisivo si è concretizzata grazie allo
sviluppo della produzione audiovisiva; infatti la traduzione nel passato era
nelle mani di persone inesperte che potevano essere traduttori indipendenti o
persone con qualche conoscenza delle lingue.
Con il miglioramento nel mondo dell’audiovisivo, si è dovuti
ovviamente andare alla ricerca di professionisti per ottenere un prodotto
ottimale; il successo di un film, per esempio, è dovuto anche alle capacità
traduttive del professionista. Quest’ultimo deve conoscere la lingua di
partenza alla perfezione, ma anche sapere perfettamente la grammatica della
sua madrelingua. Deve specializzarsi, appunto, nella traduzione audiovisiva.
L’interesse in questo campo è nato negli anni ottanta del Novecento,
rimanendo però circoscritto solamente in pochi atenei. Si sono attivati poi
corsi pre o post universitari con gli obbiettivi di creare persone con capacità
linguistiche ottimali e con strategie nell’adattamento. La Danimarca ha subito
offerto un ottimo corso post-laurea, soprattutto per la presenza dell’esponente
del settore Henrik Gottlieb; mano a mano anche gli altri paesi si sono
interessati a questo campo di studi e oggi in Italia, Spagna ed Inghilterra
offrono varie tipologie di studi. La professione di sottotitolatore purtroppo non
è ancora del tutto riconosciuta e accettata perché mancano le basi soprattutto
universitarie per la formazione professionale; infatti fare esperienza è molto
importante in questo campo.
49
4.2
Le capacità di un buon sottotitolatore
Un ottimo sottotitolare sa come giostrarsi quando si trova a tradurre un
prodotto audiovisivo, sa cosa tradurre o quando applicare una riduzione totale
per trasformare il concetto nella lingua di arrivo per farlo capire agli spettatori
con una diversa cultura della lingua di partenza. Il sottotitolare deve:37

capire quali informazioni sono di vitale importanza per il messaggio del
prodotto e invece quali informazioni sono solamente aggiuntivi e quindi
ridondanti;

avere ottime capacità di sintesi, il professionista deve ovviamente prima
di tradurre vedere il prodotto interamente e poi distinguere le
informazioni più essenziali da quelle meno rilevanti;

riprodurre per quanto possibile i vincoli di coesione tematica della lingua
di partenza;

non eliminare informazioni che poi si presentano successivamente in
altre scene, altrimenti può compromettere la comprensione del prodotto;

usare convenzioni tipografiche per riprodurre il meglio possibile le voci
degli attori;

rispettare le scelte di registro della lingua di partenza;

riprodurre con la traduzione lo stesso messaggio ed effetto che l’autore
del prodotto audiovisivo voleva trasmettere allo spettatore.
4.3
Processo di realizzazione dei sottotitoli professionali
Per realizzare un prodotto sottotitolato è necessario un processo con
diverse fasi dove intervengono diverse persone con diversi compiti. La
realizzazione può essere affidata ad un’agenzia che dispone di un team di
37
Mariacristina Petillo, Doppiaggio e Sottotitolazione: problemi linguistici e traduttivi nel mondo
della screen translation, 2008
50
professionisti che hanno a disposizione ottime apparecchiature. Si presenta
come un lavoro di squadra dove la cooperazione è importantissima. Nel team
sono presenti traduttori che devono appunto tradurre, sottotitolatori che
devono creare i sottotitoli sincronizzandoli ai video (spesso i traduttori
coincidono con i sottotitolatori) e tecnici che controllano l’elaborato e
imprimono i sottotitoli alla traccia video.
Al giorno d’oggi tutti questi passaggi possono essere effettuati anche da
una sola persona, anche senza agenzia, perché online esistono svariati software
che offrono la possibilità di creare sottotitoli sincronizzati al video; per fare
tutto ciò serve una persona con capacità elevate nelle due lingue e soprattutto
capacità nell’utilizzo di questi software.
Il processo di realizzazione varia da agenzia ad agenzia; la maggior parte
lavora sui cosiddetti templates38. Poi, i traduttori più specializzati si occupano
anche della parte tecnica, ovvero dello spotting o timing. Per spotting si
intende calcolare il momento nel quale i sottotitoli appaiono e scompaiono
dallo schermo, in modo che esista una sincronizzazione con l’audio. Si
procederà poi con il timing, poi l’adattamento, la revisione e il controllo
qualità. In conclusione si possono dividere le fasi di creazione dei sottotitoli in
questo modo:

spotting o modello: la localizzazione dei tempi di entrata ed uscita dei
sottotitoli calcolando le regole di durata e rispettando i cambi di
inquadratura e scene;

traduzione/adattamento: la traduzione del testo originale adattandola ai
caratteri permessi secondo la durata del sottotitolo;

simulazione: la rappresentazione dei sottotitoli tradotti con il video e
l’audio verificando di aver rispettato tutti i criteri per un’ottima
leggibilità e sincronizzazione;

38
correzione: l’eliminazione di eventuali errori.
File con i timecodes già preconfenzionati
51
Non esiste un software preciso, ogni agenzia ne possiede uno proprio. Il
traduttore deve essere versatile in questo campo, perché ogni volta che si
intraprende una nuova collaborazione, dovrà imparare tutto da capo. In
agenzia si lavora tramite dongles del programma proprietario, oppure
attraverso piattaforme online. Per chi comincia ci sono alternative Open
Source utilissime come Subtitle Workshop di Urusoft; invece nei corsi più
prestigiosi si impara la tecnica con Sysmedia Wincaps, software molto
costoso.
Le convenzioni sono spesso standardizzate per tutte le aziende. Le
guideline invece cambiano da client a client. Indispensabile sapere che non
esiste un modo, una tecnica o regola precisa nella sottotitolazione, ma varia a
seconda della compagnia e del progetto specifico.
4.4
Intervista ad una professionista nel campo
Per mia immensa fortuna ho potuto intervistare una vera e propria
professionista nel campo della sottotitolazione, oltre che una donna
disponibilissima. Serenella Massidda ha una laurea quadriennale in Lingue e
Letterature
Straniere,
immediatamente
indirizzo
seguito
la
Filologico-Letterario
specializzazione
SSISS
a cui
ha fatto
(biennale)
per
l’insegnamento di Lingua e Letteratura Inglese e la specializzazione SSISS per
il sostegno. Nel 2008-2009 ha lasciato l’Italia per frequentare un Master a
Londra (MSc in Scientific and Medical Translation with Translation
Technology – Imperial College London) per poi iniziare il Dottorato di
Ricerca Europeo in Traduzione Audiovisiva. Dopo numerose esperienze
professionali, ora lavora per SDI MEDIA UK in qualità di sottotitolatrice ed
al contempo ha un contratto come part-time lecturer in Traduzione
Audiovisiva alla University College London.
52
La sottotitolazione è una parte fondamentale della sua vita, per lei la
sottotitolazione si espone alle critiche poiché originale e tradotto sono
compresenti durante la visione, diversa dal doppiaggio che crea una falsa
verità; entrambe hanno limiti di carattere spaziale e/o temporale. Sostiene che
il sottotitolaggio ha numerosi vantaggi, il primo dei quali è il basso costo di
realizzazione, poi è un modo veloce di produrre un adattamento e consente al
pubblico di vedere un prodotto non manipolato e di ascoltare la colonna
sonora originale di un film; si può apprendere una nuova lingua ed infatti
potrebbe anche compensare le carenze dell’inglese nel sistema educativo.
Nell’intervista ha dichiarato di non vedere film doppiati da anni, crede che il
pubblico possa essere educato alla sottotitolazione nonostante la pigrizia
indotta dal doppiaggio negli anni.
Riguardo alla censura, risponde che dipende dal client; la maggior parte
censura per ragioni di palinsesto televisivo e per un certo pubblico d’arrivo;
però dichiara che con Netflix39 siamo arrivati ad un punto di svolta: lì non
esiste nessuna censura del dialogo originale e lo stile è molto più vicino a
quello della lingua di partenza; invece se pensiamo a Sony o, soprattutto,
Disney, loro adattano il testo fonte al pubblico target, pertanto richiedono
riduzioni del contenuto differenti.
Sebbene lei sia una professionista che lavora nel campo dei sottotitoli, ha
ampiamente studiato e descritto il fenomeno del fansubbing, sostenendo
l’enorme successo registrato nel suo libro “Audiovisual Translation in the
Digital Age – The Italian Fansubbin Phenomenon”
Per lei la traduzione dei fansubber è in piena attività e sicuramente in
crescita e sostiene che dovremmo tutti essere grati al lavoro sotterraneo di
questi utenti appassionati che stanno cambiando le regole del gioco dal basso.
Oggi giorno canali a pagamento come Sky sottotitolano e doppiano serie Tv
39
Servizio di streaming online on demand, accessibile tramite un apposito abbonamento. In Italia
arriverà a Ottobre 2015.
53
con una velocità disarmante; questo è dovuto alla competizione tra
professionisti e fansubber.
Chiedendole un paragone tra i due, sostiene che siano due mondi
separati. Le norme sono diverse, basta pensare al numero dei caratteri
raggiunti del Fansubbing (fino a 45 per riga) o alle tecniche del timing. Le
differenze sono tante anche dal punto di vista teorico. I fansubbers sono mossi
dal desiderio di conoscenza della lingua e vogliono tradurre tutto, i
professionisti hanno l’obbiettivo di far comprendere l’opera senza disturbare
troppo lo spettatore e quindi creano sottotitoli con meno caratteri e parecchie
riduzioni testuali; però dichiara che non è detto che in futuro le norme del
Fansubbing non possano ispirare dei cambiamenti nella sottotitolazione
professionale. Sottolinea la positività di questo fenomeno perché essendo un
movimento underground può avere un forte impatto sulla società.
Alle domande su come riuscire a lavorare nel campo dei sottotitoli
risponde che quest’ultimo è un campo piuttosto elitario, gli inizi sono molto
difficili. È necessario avere una solida base teorica e pratica, oltre a titoli
specifici che vengono richiesti dalle aziende che assumono i sottotitolatori. Per
quanto riguardo la sua esperienza, ha iniziato subito a lavorare dopo l’MSc in
Scientific and Medical Translation with Translation Technology, ma prima di
raggiungere una posizione più consolidata è stato necessario aspettare anni
durante i quali ha diversificato con l’insegnamento universitario, ma senza mai
abbandonare la sottotitolazione. Ha lavorato con aziende italiane specializzate
in film festival, poi in Inghilterra con compagnie multinazionali orientate su
VOD40 e in generale prodotti televisivi e cinematografici. Al momento
purtroppo sostiene che in Italia le possibilità di lavoro per una sottotitolatrice
professionista sono poche, dichiara che è meglio guardare all’estero, anche per
i master specialistici.
Consiglia a chi voglia intraprendere questa carriera di studiare (e non
finire mai) la seconda lingua nella quale traduce, studiare la propria lingua e
40
Video on demand.
54
leggere tantissimo in entrambe le lingue. Inoltre specializzarsi in un master
specifico,
teorico
e
pratico
in
traduzione
audiovisiva
incentrato
nell’apprendimento delle ultime tecnologie traduttive disponibili sul mercato,
e soprattutto, non arrendersi alle prime difficoltà una volta finito il master.
Le lingue sono state sempre la sua passione. Insegna da oltre 14 anni
Lingua Inglese e poi per caso si è trovata a tradurre un libro nel 2007 e da lì è
stato amore a prima vista. Amore per le parole, per i meccanismi linguistici, le
equivalenze e la totale mancanza di corrispondenze tra lingue e culture
diverse; inoltre la sottotitolazione le permette di lavorare con un’altra sua
passione, ovvero il cinema.
Alla domanda se crede che una passione possa portare con tanto sforzo
ed impegno ad una vera professionista non ha dubbi, la risposta è certamente
sì perché ne è convinta ed è il suo caso. La più grande delle fortune è fare della
propria passione una professione, anche se non è tutto rose e fiori come
sembra, visto che si tratta di un lavoro duro e solitario; spesso ci si trova a
lavorare ad un film in due soli giorni nei quali non esistono contatti umani. Poi
si ritorna a “vivere” insieme agli altri. Ci vuole molta costanza, pazienza e
studio continuo della lingua di partenza e di arrivo. A questo proposito
dichiara che sia bene che il sottotitolatore abbia sempre pronta una valigia,
mai smettere di studiare la seconda lingua in cui si traduce e mai dimenticare
la propria lingua madre.
55
56
CONCLUSIONI
I sottotitoli sono strumenti straordinari che aggiungono una traduzione
scritta dei dialoghi alla lingua originale parlata, che rimane invariata. Doppiare
un film o una serie televisiva può cambiare la natura del prodotto; il loro
successo dipende dall’approvazione del pubblico, ma se si decide di togliere la
loro vera forza, il loro messaggio, non potrà mai essere uguale al prodotto
originale e risulterà infedele.
Questa traduzione grazie al passare del tempo e al miglioramento delle
tecnologie e strategie è stata accurata e migliorata; sebbene in Italia la
sottotitolazione non venga supportata ed utilizzata come il doppiaggio,
esistono dei capolavori sottotitolati. In televisione, al cinema e in rete
circolano prodotti audiovisivi doppiati che non rispecchiano il loro originale;
con questa tesi si è voluto sottolineare l’importanza dell’originale, senza
ammettere delle scelte di traduzione che vanno a tradire il prodotto.
Il Fansubbing si pone proprio questo come obbiettivo, i fansubbers
cercano di tradurre tutto nei minimi dettagli, sempre nei limiti di tempo e
spazi, perché non vogliono perdere nessun elemento della serie televisiva;
vogliono tradurre una cultura differente, le battute originali e gli stessi effetti
comici o drammatici.
È un fenomeno di massa che in Italia sta decollando in rete, si trovano
migliaia di community che hanno fatto del Fandom e della traduzione la loro
vita. Non vogliono nulla in cambio, solo che il loro faticoso lavoro sia
ammirato e gratificato perché alla base vi è solo la passione e non certo
nessuno scopo di lucro.
Dal Fansubbing si è passato a parlare dei sottotitoli professionali e si è
potuto notare le differenze di realizzazione, i diversi programmi usati, le
diverse strategie; ovviamente la traduzione sarà migliore dal punto di vista
traduttivo, ma spesso si andrà a ridurre quegli elementi del prodotto che invece
i fansubbers vogliono per forza conservare.
57
Per diventare un ottimo sottotitolare bisogna studiare molto, ma è
l’esperienza quella che conta, come ha affermato Serenella Massidda nella mia
intervista, e il Fansubbing è un’ottima esperienza.
Per essere un professionista si deve conoscere la seconda lingua come se
fosse la propria madrelingua e riuscire ad essere un mediatore tra le due
lingue, perché è questo che fa un sottotitolatore: media tra le due per tradurre
alla perfezione due mondi diversi, ma soprattutto due culture diverse.
In Italia si dovrebbe cominciare ad esaltare questa traduzione capendo
tutte le sue caratteristiche positive, non esiste solo il doppiaggio, i dialoghisti
sono professionisti capacissimi e bravissimi, ma si dovrebbe ripagare e
accorgersi dello sforzo, della dedizione e della bravura dei sottotitolatori
perché spesso un film sottotitolato può essere apprezzato più di un film
doppiato, una prova sono gli studi effettuati che sono stati descritti nel primo
capitolo.
Il paragone e confronto tra i sottotitoli amatoriali del Fansubbing e i
sottotitoli professionali è inevitabile ed ognuno ha i suo pro e contro, i primi
ovviamente possono presentare maggiori errori di traduzione perché sono
studenti di lingue e talvolta studenti di altre facoltà, ma anche donne e uomini
maturi, sono persone comuni che dedicano il loro tempo ed ovviamente la loro
conoscenza delle lingue straniere al Fandom; i secondi possono presentare
maggiori riduzioni nella lingua di arrivo e degli effetti originali potrebbero
essere compromessi.
Quello che traspare nelle interviste presenti in questa tesi, ma anche nelle
tantissime interviste trovate in rete, la sottotitolazione è un mondo bellissimo
che in Italia sfortunatamente è ancora poco presente.
Questa tesi non ha interessi a risaltare una sottotitolazione rispetto
all’altra, non vuole criticarne una piuttosto che l’altra, ma vuole far capire che
possiamo eccellere in quello che amiamo. Una semplice passione può
diventare il nostro lavoro, basta che ci impegniamo e non smettiamo mai di
studiare e di fare le nostre esperienze.
58
Confucio, un famosissimo filosofo cinese che ha influenzato tutto il
mondo e la cultura cinese, disse una celebre frase che è essenzialmente il
messaggio che vi è alla base di questa tesi: “Fai il lavoro che ami e non
lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita”.
59
60
ENGLISH SECTION
61
62
INTRODUCTION
The thesis will analyse the importance of subtitles with their
characteristics and strategies for their realization and the transition from a
passion or hobby as Fansubbing, amateur subtitling, to the real job in the field
of subtitling.
Nowadays subtitles are very important, they are used for learning a new
language and culture, they are necessary tools for the deaf, but this research
will underline their importance as a practice of translation, because subtitles
cannot hide an audiovisual product, unlike dubbing.
The subtitled product is a faithful copy of the original, although reduced
for reasons of time and space, the audience has the possibility to hear the
source language and comment the translation.
Subtitles are the basis of a movement that was born in the 80’s:
Fansubbing. This phenomenon had the aim to raise awareness about Japanese
anime that had been censored; the thesis will describe the characteristics, the
strategies and the programmes of the several communities of translators that
for free, publish the subtitles of many TV series that are unknown in Italy and
will include an interview to a fansubber whose nickname is Red_CoAt_91 of
the Subspedia site.
Then, after Fansubbing, I will analyse the subtitler’s job describing the
profession, the studies that a person has to do, the abilities of a good subtitler
and the process of realization of subtitles with an exclusive interview to
Serenella Massidda, professional subtitler with a full curriculum vitae.
This research has the aim to promote the importance of subtitles, raise
awareness about Fansubbing, but above all to underline passion because it is
passion that drives us to create something wonderful. In the two interviews
carried out, what shine is always the passion in doing what we love. If we
work with dedication it can became our dream job, Serenella Massidda is an
example of making of her passion her profession.
63
If we truly believe and work hard as never before our efforts will be
rewarded, we have to remember the words of the Nobel Peace Prize Nelson
Mandela: “There is no passion to be found playing small, in settling for a life
that is less than the one you are capable of living.”
64
CHAPTER I: THE SUBTITLING
1.1
The birth and characteristics of subtitling
Subtitling is a technique used for translating an audiovisual product from
its original country to other countries. This type of translation is included in
the Translation Studies with the name AVT and according to Pérez and
Gonzaléz it is a branch of translation studies concerned with the transfer of
multimodal and multimedial texts into another language and/or culture.
The subtitler has to use a language transfer in order to translate an
audiovisual product and according to Gambier (2003) there are thirteen types
of
language
interpreting,
transfer:
interlinguistic
simultaneous
subtitling,
interpreting,
dubbing,
voice-over,
free
consecutive
comment,
simultaneous translation, multilingual production, translation of the script,
simultaneous subtitling, surtitles, description and audiovisual intralingual
subtitling for the deaf.
During the transition from silent movie to talking movie there was the
need of written parts to simplify the comprehension for the public, there were
for the very first time on screen “taglines”, these are sequences of brief
descriptive and explanatory comments that are printed on an opaque screen
and played between two scenes. They appear for the first time in Europe in
1903, the public thought that they were unsightly and so with the development
of technology they were replaced with subtitles at the beginning of XX
century.
The author Henrik Gottlieb describes subtitling as a written, additional,
immediate, prepared and multimedia translation.
There are three types of subtitles: the real subtitle that is the translation
of the dialogues, the caption that is a text in prose and the scene’s writing that
is a brief text that can be the title of newspapers or signs of shops etc.
65
Then
there are open subtitles already superimposed on the original
version and closed subtitles when the public can choose if they want see a
movie with them.
There are two types of subtitling:
•
intralingual subtitling that is the total or partial translation that is used by
deaf people or people who want to learn a new language;
•
interlingual subtitling where there are subtitles in a different language
from the source language. In this translation there is reversed subtitling
where there are subtitles of the source language and the dialogues in the
mother tongue of the public.
1.2
Fundamental concepts in translation
There are some fundamental concepts in translation:

equivalence describes the relationship between the original text and the
translated text. The ability to use different words for the translation of
idiomatic expressions or proverbs etc. without modifying the message of
the product;

adequacy is a similar concept of equivalence. It represents the way of
translating the essential aspects of the source language keeping in mind
the needs of the viewer;

fidelity is understanding how a translation is faithful to its original. The
translator has to be able to understand the message and to reformulate the
essential elements in order to translate the same effect of the source
language;

translatability is an important concept because the translator has to
translate two different cultures and so using many strategies he/she has to
explain in the easiest possible way the real message of the source
language to a different culture.
66
1.3
Process of translation and strategies
A long process that includes three phases is necessary in order to make
an excellent realization of subtitles:

textual reduction: the subtitles cannot be an exact translation of the
dialogues, the translator has to decide what to translate and what to
eliminate because time and space in subtitling is limited;

diamesic transformation that is the passage from oral code to written
code. Some oral characteristic may be lost and the original may be
impoverish or enriched;

real translation from the source language that has to be complete and
efficient.
For the subtitles’ realization many strategies exist and Henrik Gottlieb
finds ten: expansion (give further elements in the target language), paraphrase
(paraphrase the original text), transfer (the literal translation of the text),
imitation (the reproduction of expressions of the source language),
transcription (reproduce a non-standard element of source language in the
target language), dislocation (strategy especially used in songs, using a
different expression to maintain the same rhythm), condensation (reproducing
the same message with a more synthetic translation), decimation (eliminating
many elements that are not essential for the translation), deletion (total
omission of some parts of the original text) and resignation (using a
completely different expression for impossibility in translation).
The Norwegian author Lomheim (1995, 1999) finds six strategies:

effacement;

condensation;

addition;

hyperonymie;

hyponymie;
67

neutralisation.
The first three are the same of Gottlieb; Lomheim has the aim to replace
some the original parts with lexical units through three procedures:
hyperonymie (generalization), hyponymie (specification) and neutralisation
when there is the elimination of the original’s connotation.
1.4
Technical factors: time, punctuation and typographic conventions
Subtitles subordinate to precise rules concerning their length and
permanence on screen. They have to remain on the screen in order for the
public to read them. The most famous rule is “the rule of 6 seconds” a
permanence of 6 seconds is necessary in order to read two lines with 32
characters. A pause is necessary between subtitles, the choice of a legible font
and collocation is important because they mustn’t impair the images. They can
be collocated in two lines with a maximum of 40 characters, there is the use of
a dash when two different people are talking, italics in presence of voice-over
and an asterisk when it is necessary to omit some words, for example for
reasons of censorship.
The translation for songs is different from country to country, for
example in Italy the translator has to put a # at the beginning and the end of
each subtitle.
68
1.4.1 The problem with segmentation
Segmentation is very important, subtitles can be divided in two lines, but
it is preferable to have the first line shorter than the second because in this way
the vision of the public is easier.
Karamitroglou (1998) describe how to divided subtitles and he affirms
that: subtitled texts should appear segmented at the highest syntactic nodes
possible. This means that each subtitle flash should ideally contain one
complete sentence. In cases where the sentence cannot fit in a single-line
subtitle and has to continue over a second line or even over a new subtitle
flash, the segmentation on each of the lines should be arranged to coincide
with the highest syntactic node as possible ; adding the example of a sentence:
“The destruction of the city was inevitable”.
In his view it is important to link each line of subtitle to a sentence, when
this is impossible the subtitle should be divided in syntagms and these in
subcategories.
In this way the best segmentation of his example is:
The destruction of the city
was inevitable
1.5
Pros and cons of subtitling
There are countries that choose subtitling as Belgium, Cyprus, Croatia,
Denmark, Finland, Wales, Greece, Ireland, Island, Luxembourg, Norway, The
Netherlands, Poland, Portugal, Slovenia, Sweden and Hungary and others that
choose dubbing like Italy, England, France, Spain, Allemande, Austria and
Switzerland.
Subtitles are easy to make and are cheap, they maintain the integrity of
the original product, there are the voices of the original actors and the public
69
who knows the source language can compare the translation, reading the
subtitles a person can learn a new language and subtitles are necessary for the
hearing impaired.
Subtitles are a reduction of the original and this sometimes cannot be
positive, they reduce the vision of movies, the public can lose the screening of
some scenes because they are reading the subtitles and often they are not
perfectly synchronized to the video
1.6
Subtitling VS Dubbing
The debate between subtitling and dubbing is still open. Each translation
has its pros and cons.
Dubbing
Subtitling
Expensive
Cheap
Loss of the original dialogue
Respect of the integrity of the
original dialogue
Less reductions in the target language More reductions
language
in
the
target
Useful for children and semiliterate
Useful for the deaf and immigrants
Dialogue easy to manipulate
Dialogue difficult to manipulate
Respect for the images of the product
Partial defacement of the images of
the product
1.7
Censorship in subtitling
Cinematographic censorship is the means by which an authority does its
preventive control towards a cinematographic play, authorizing or forbidding
its viewing or limiting it to an adult public.
70
Sometimes not only do the governments or some authorities decide to
impose censorship, also does the translator who decides to censor the text
because some elements may be bothersome in the target culture; so s/he may
delete a scene or modify the language.
In Italy censorship existed for over 100 years, the first law dates back to
1913 with the creation of Committees that had to prevent any movies that
were not respectful towards the decorum. During Fascism censorship was
reinforced and then with the First Republic a clause was created in order to
give more freedom of expression. In 2007 preventive censorship was
eliminated, but there some groups were created that forbade the screening of
many movies to minors under 18, 16, 14 years old.
71
72
CHAPTER II: AMATEUR SUBTITLES
2.1
Fansubbing’s phenomenon
Fansubbing is a term composed by the word “fan” and the word “sub”, it
is amateur subtitling with the synchronization of subtitles to the video of the
audiovisual product. This translation is made by people who for free decide to
provide subtitles to their favourite programs .
This phenomenon was born in the 80’s when Japanese anime were
censored and then Fansubbing was spread in the 90’s with the development of
technology and programmes.
This is an unstoppable movement, in fact Díaz Cintas e Muñoz Sánchez
(2006) affirm that: “It would be no exaggeration to state that fansubs are
nowadays the most important of fan translation, having turned into a mass
social phenomenon on the Internet, as proved by the vast virtual community
surrounding them through websites, chat rooms, and forums ”.
2.2
Division of the tasks, process and characteristics
Usually in a Fansubbing process there are several people working:
•
raw providers, that provide the source material to be used for the
translation (videos acquired by ripping it off a DVD or VHS);
•
translators, that are in charge of the linguistic transfer;
•
timers, that have to define the in and out times of each subtitle;
•
typesetters, that have to define the font styles of the subtitles;
•
editors, that have to revise the translation and to correct possible
mistakes;
•
encoders, that have to produce the subtitled version of the episode by
using an encoding program.
73
The Fansubbing process for the creation of subtitles is very difficult and
long:
•
the raw is obtained and sent to the encoder who will evaluate its’ sound
and image quality;
•
then the copy is sent to the translator and s/he starts to translate. Japanese
is a very difficult language and so the translation is from an English
version. Once the translation is finished, it is sent in the form of a text
file to the timer;
•
the timer decides where the subtitles will begin and end, once the
synchronization is finished, s/he sends it to the typesetter;
•
the typesetter chooses the font for the subtitles and then will send it to
the editor;
•
editors have to revise the target text and in order to do it they have to
watch the original raw, once the work is finished, they send it to the
encoders;
•
encoders work with the open source program like Virtual Dub, they have
to create a script containing both the raw and the subtitles;
•
the editor has to do a quality check and then the video is ready to
publish;
•
the episode will be usually spread with Bittorrent.
Ferrer Simó (1995), Díaz Cintas and Muñoz Sanchez (2006) have
created a list with all the Fansubbing characteristics:
•
different fonts for the subtitles;
•
different colours to identify the actors;
•
subtitles of more than two lines (up to four lines);
•
different positions of subtitles;
•
the presence of the name regarding translators;
•
the use of glosses in order to add some explanatory information.
There are two types of Fansubbing websites: the “soft subs” with the
publication only of the subtitles and the “hard subs” with the publication of
74
real subtitled videos. The exchange of these files takes place with the file
sharing through a peer 2 peer programme.
2.3
Fansubbing in Italy
Fansubbing appeared for the first time thanks to the success of an
American television drama “Lost” that arrived in Italy in 2009. In Italy these
web sites only work with soft subs, they take the subtitles already translated in
English, then they begin the translation and eventually publish the subtitles in
a srt format extension that can be uploaded with a programme of reproduction.
These web sites translate TV series and also some movies. At the basis
of this phenomenon there is the cooperation, they divide the work in different
parts because there are many different positions.
Fansubbers do not translate from original dialogues, but from the “pivot
titles”. Once the pivot title is obtained, the work is divided among different
people: the administration who is in charge of the administration of the web
site, the translators who translate the pivot titles, the editors who have to revise
the translation and the synchronizers who work to the synchronization of the
video.
2.4
Who are fansubbers?
The translators are ordinary people of all ages, in order to became a
fansubber it is necessary to pass a test with the aim to verify the language level
and then there is a trial period and then eventually a person becomes a
fansubber. The test includes some grammar, listening, translation and
comprehension exercises. They offer their free time and clearly their
knowledge in languages.
75
2.5
Conventions and technical rules
Also Fansubbing has some rules that fansubbers have to follow. The
subtitles can be divided in two lines but they have to be of the same length; the
dash is important in order to distinguish two different people who are talking,
the use of accents cannot be used because the programme is not able to read
them and in their place apostrophes are used.
Fansubbers do not want to lose any information, because they love TV
series and for this reason they do not want to eliminate parts to avoid being
faithful and they decide to preserve all original quotes.
2.6
Difficulties in Fansubbing
2.6.1 The short time and the synchronization
There are a lot of difficulties in this world, fansubbers are not
professionals and because of it many mistakes are likely to occur. Often
fansubbers only have an audio recording because online there are not any
pivot titles and this is very difficult even for a professional. There is not a lot
of time because fansubbers follow the American show schedule, that is if in
America a TV series episode is aired on Monday evening, the episode’s
subtitles in the Fansubbing web site will be released the next day, and in fact
fansubbers try to work hard in order to satisfy the request of the users.
2.6.2 Legal issues
Many web sites have illegal material because they decide to imprint the
subtitles to the video, but cleverly the most famous Italian communities decide
to work only with soft subs in order to avoid legal issues because their
76
subtitles are only their interpretations of the episodes of the TV series that do
not violate the copyright.
Sometimes Fansubbing helps to promote many TV series, in effect in
this way the businesses can evaluate the success of its products before their
commercialization.
The web sites have a serious ethic, each web site states that it is
forbidden to publish illegal material as the download of a movie and another
product with copyright, if some users publish illegal material, they will be
immediately removed from the Fansubbing community.
2.7
The major web sites of Fansubbing
Online there are a lot of these web sites, this research will describe the
most famous web sites. The sites that are two cornerstones of Fansubbing are
Subsfactory and Italian Subs Addicted.
2.7.1 Subsfactory
Subsfactory was born in 2005 from an idea of the founder named
Superbiagi who has begun translating subtitles and publishing them on Emule.
This web site has collaborated for many years with the “Telefilm
Festival” in Milan and with other festivals.
They work hard with dedication, as they have stated : “Subtitles for
passion, yes but with all the competence and professionality that we can
offer”.
2.7.2 Italian Subs Addicted
Italian Subs Addicted aka Itasa was started in 2005 and today it is the
largest Italian community. It offers a variety of subtitles and fansubbers are
77
very quick, the web site has the record for online presences with 3328 users in
correspondence with the fourth episode of the sixth season of “Dr House”.
The founder Klonni in 2005 was 17 years old. Itasa was born with the
arrival of “Lost”.
The members are more than 500 and the TV series more than 700. The
web site lives thanks to user donations, but no penny goes to the team’s
pocket, the money is necessary to maintain the domain or for some specific
contests for the users.
2.7.3 List of other Fansubbing’s web sites
•
Subspedia, http://subspedia.weebly.com
•
Angels and Demons www.italiansubtitles.blogspot.it
•
Traduttori Anonimi http://traduttorianonimi.weebly.com/
•
SubsCloud, http://www.telefilmaddicted.com/wordpress/
•
Srt Project, http://www.opensubtitles.org/
•
Myitsubs http://mysubtitles.weebly.com
2.7.4 Subspedia and an interview to a subber
Subspedia started in 2011 and he has more than 300 users. Its
characteristic is speed in fact its fansubbers are able to publish subtitles in less
than 24 hours. They work only with soft subs and they do not promote the
distribution of audiovisual material with copyright.
I had the fortune to meet and interview a Subspedia’s fansubber:
Red_CoAt_91. He has a degree in linguistic mediation and now attends a
Master’s degree and in his free time he is a fansubber.
He randomly learnt about the Fansubbing world, he has been a fansubber
since 2013 and since February 2015 he has been editor.
78
His community has different positions like administrators, editors,
translators and graphic designers. The translators’ work is divided in many
parts, the team begins the translation, each person also has to synchronize his
part, then the editor has to revise the translation and eventually combines the
several parts. They use Visual Sub Sync as a software for translation and
synchronization.
They have a private guide with all the rules of translation and the
strategies for an excellent synchronization.
There is the possibility to become a translator after taking a test and then
after a trial period a person become a definitive fansubber.
Red_CoAt_91 was able to mix his two passions: translation and TV
series. He spends sleepless night in order to publish subtitles the next morning
because he loves to satisfy the users’ requests.
In the future he wishes that Fansubbing will have greater recognition
and that subtitling become his job. how this is possible will be described in the
interview found in the last chapter to Serenella Massidda, a professional
subtitler.
79
80
CHAPTER III: THE SOFTWARES
3.1
Visual Sub Sync
The most used programme by a fansubber is Visual Sub
Sync (VSS). It is a free programme that is needed in order
to add the subtitles through a video editor. It is compatible
with a subtitle’s format (SSA/ASS/SRT) and it can modify
the files CSV, TXT and CUE. Its operation and applications are very easy.
3.2
Subtitle Workshop
Subtile Workshop is a complete and powerful programme
that is needed to create and modify subtitles, it is free and
easy to use. There is the possibility to modify and
synchronize subtitles in a big variety of files, to see a video
preview during creation, to correct mistakes and to enrich
the text with letters in italics and bold.
81
82
CHAPTER IV: THE PROFESSIONAL SUBTITLES
4.1
The profession
The profession of audiovisual translator was materialized with the
development of the audiovisual production, in the past the translation was
done by inexperienced people. Then, with the enhancement of this world,
there was the need for a professional translator. An excellent translator has to
know the source language, but also perfectly know his mother tongue’s
grammar. He has to specialize himself in the field of audiovisual translation;
the interest in this field was born in the 1980s. Denmark was the first country
to create a course of this type thanks to the presence of Henrik Gottlieb.
Nowadays also Spain, Italy and England have several courses.
4.2
The abilities of a good subtitler
A good subtitler knows what to translate and what to eliminate or reduce
in order to transfer an original element and to facilitate the comprehension of
the target public. A subtitler has to:
•
understand which information is essential for the message of the product
and which is only redundant;
•
have an excellent ability to draw together ;
•
reproduce the constraints of thematic cohesion of the source language;
•
keep the information that is present in the next scenes;
•
use typographic conventions to reproduce the original actors’ voices;
•
respect the register’s choices of the source language;
•
reproduce the same message of the original product.
83
4.3
The process of realization of professional subtitles
In order to create a subtitled product a process with different phases and
people is necessary. An agency can create them with its team and tools. In this
job cooperation is very important, there are translators who have to create the
subtitles, synchronize them to the video and technicians who have to correct
the product in order to imprint the subtitle to the video.
All the phases can be done by a person because online there are several
software programmes that are able to create and synchronize subtitles.
The process of realization varies, the majority work with templates, the
translators do the spotting (calculate the moment when the subtitles appear and
disappear from screen), then there is the adaptation, the revision and quality
control. The phases can be divided in this way:
•
spotting, the placement of entry and exit of the subtitles;
•
translation/adaptation, the translation of the subtitles and their
adaptation;
•
simulation, the representation of the translated subtitles with the video;
•
edit, the correction of the mistakes.
There is no unique software, each agency uses a software, for this reason
the translator has to be versatile. In the agency the team works with dongles or
online platforms. Usually there are standard conventions and the guidelines
vary from an agency to another.
4.4
An interview to a professional subtitler
I had the fortune to meet and interview Serenella Massidda, a
professional subtitler. She has a degree in Language and Literature and she
obtained a master’s degree in Scientific and Medical Translation with
Translation Technology at Imperial College of London. Now she works as a
84
subtitler for SDI MEDIA UK and as part-time lecturer in Audiovisual
Translation at the University College of London.
She says that she has not watched dubbed movie for years because she
prefers subtitled products that do not manipulate the original product, they
allow the learning of a new language and the possibility to listen to the
original soundtrack.
She is a professional, but she studied the Fansubbing phenomenon a lot
and underlines its positivity because it is a movement that has a deep impact
on society.
There is an important difference between amateur subtitlers and
professional subtitlers, the first try to translate all the information and the
second know what redundant elements they have to eliminate.
The path towards a job in subtitling is very complicated, it is necessary a
strong theoretical and practical knowledge because this is an exclusive field, a
subtitler has to study and do a lot of experience.
Language and movies are her passions and she had the fortune to have
made her passion her job. She deeply believes that this is possible, we do not
give up on our dream to the first obstacle and we have to always study; with
dedication and effort, our passion can be our job.
85
86
CONCLUSION
Subtitles are extraordinary tools that add a written translation to the
original dialogue.
Dubbing a movie or TV series can change the product’s nature, their
success depends on the public’s approval, but if a translator decides to subtract
their strength and their message, it will not be the same of the original and it
will be unfaithful.
Nowadays subtitles, thanks to the development of technology, are better
and accurate, there are several subtitled masterpieces, although in Italy
subtitling is utilized and supported, like dubbing. In television, at the cinema
and online there are dubbed products that do not replicate the original; this
research underlines the original’s importance without betraying the product.
Fansubbers want exactly that, they try to translate all the details, always
respecting the limit of space and time, because they do not want to lose any
elements; they want to translate a different culture, the original lines and the
same dramatic and comic effects.
It is a mass phenomenon that is quickly spreading in Italy, in fact there
are several communities. They do not want any money, but only that their
work be admired and rewarding because at the basis there is only passion and
it is a non-profit phenomenon.
Then, the research thesis has analysed professional subtitles, and their
differences with Fansubbing, obviously the process of realization and the
translation are different, because amateur subtitlers are not professionals and
in their translation it is more likely to find mistakes.
In order to becoming a translator it is important to study a lot, but the
most fundamental thing is experience, like Serenella Massidda said, and
Fansubbing is an excellent way to get experience.
87
A subtitler has to know the second language like it was his mother
tongue and have the ability to mediate between the two languages because the
subtitler has to mediate and translate two different worlds and cultures.
Italy should begin to utilize this translation option understanding its
positive characteristics; dubbing is not the only type of translation, the
dialogist are very competent, but people should reward and appreciate the
effort, the dedication and the cleverness of a subtitler because often a subtitled
movie can be more appreciated than a dubbed movie, and the two studies in
the first chapter are good proof.
The comparison between amateur subtitles and professional subtitles is
inevitable and each translation has its pros and cons, the first may have more
mistakes in the translation because fansubbers are university students of
Language or of other faculties , adults who are ordinary people that dedicate
their free time and knowledge to the Fandom; the second may have more
reductions in the target language and the original effects may be compromised.
What shines through in the interviews in this research and also those
online, is that subtitling is a wonderful world that is still unfortunately not
present in Italy.
The aim of this research is to understand that we can shine in what we
love. A simple passion can become our job, as long as we commit ourselves,
never stop studying and have work experiences.
Confucius, a famous Chinese philosopher, that has influenced all the
Chinese world and culture, said a well-known sentence that basically is the
message at the basis of this thesis: “Choose a job you love, and you will never
have to work a day in your life.”
88
89
90
SECCIÓN ESPAÑOLA
91
92
INTRODUCCIÓN
La presente tesis analizará la importancia de los subtítulos con todas sus
características y estrategias de realización, y cómo se pasa de una pasión o
afición como el Fansubbing, subtitulación realizada por aficionados, hasta la
verdadera profesión de subtitulador.
Hoy los subtítulos son fundamentales en muchos ámbitos, por ejemplo
para aprender una nueva lengua, son un instrumento vital para las personas
con graves problemas de audición, pero en este trabajo se pondrá énfasis en su
importancia como práctica de la traducción, porque los subtítulos, a diferencia
del doblaje, no pueden alterar un producto audiovisual. Los productos
subtitulados son una fiel reproducción aunque reducida por exigencias de
tiempo y espacio, pero existe el original y el público, que conoce la lengua de
origen, puede comentar la traducción.
Los subtítulos son el fundamento de un movimiento que nació en los
años ochenta, el Fansubbing, cuyo objetivo era aumentar el conocimiento de
los animes (género de animación) que habían sido censurados. Más adelante se
analizará el fenómeno en Italia, con sus comunidades de traductores que
publican los subtítulos de las series de televisión aún inéditas en Italia, se
describirán sus características, los programas utilizados y las dificultades que
se encuentran en la realización de los subtítulos durante una entrevista al
traductor Red_CoAt_91 del sitio Web Subspedia.
Se tratarán también aspectos de la profesión de subtitulador describiendo
sus características, de los estudios que una persona, que desee convertirse en
un profesional en este campo, debe seguir, de cuáles son las capacidades para
llegar a ser un excelente subtitulador y del proceso de realización de los
subtítulos profesionales, con una entrevista exclusiva a Serenella Massidda,
subtituladora profesional con una larga carrera.
Mi objetivo es conseguir destacar la importancia de los subtítulos,
profundizar en el conocimiento del Fansubbing pero, sobre todo, exaltar la
93
pasión, porque es la pasión lo que nos lleva a crear algo maravilloso. En las
dos entrevistas presentes lo que sobresale es siempre la pasión puesta en el
trabajo. Si nos comprometemos con dedicación todo esto puede convertirse en
nuestro trabajo y un ejemplo es Serenella Massidda, que ha logrado que su
pasión se convierta en su trabajo.
Si estamos profundamente convencidos y nos aplicamos, nuestros
esfuerzos serán recompensados, recordemos las palabras del Premio Nobel de
la Paz Nelson Mandela: “No hay pasión alguna en conformarse y hacer el
mínimo esfuerzo, ni en aceptar una vida que no esté a la altura de lo que cada
cual es capaz de vivir.”
94
CAPÍTULO I: LA SUBTITULACIÓN
1.1
El nacimiento y las características de los subtítulos
La subtitulación es una traducción que sirve para difundir un producto
audiovisual desde su cultura de origen al resto del mundo. Las técnicas de
dicha traducción se aprenden gracias a la Teoría de la Traducción y está
relacionada con las diferentes estrategias de la transferencia lingüística, es
decir con el método con el cual ha sido traducido para el público de otra
lengua extranjera.
Cuando se pasó del cine mudo al cine sonoro, se planteó la necesidad de
crear algunas partes escritas para facilitar la comprensión del mensaje del
producto. En Europa, en 1903, aparecieron por primera vez los intertítulos
pero el público los consideraba antiestéticos. Con el avance de la tecnología
los intertítulos se transformaron en subtítulos.
Para Henrik Gottlieb, autor danés de numerosos artículos sobre el tema,
la subtitulación es una traducción escrita, adicional, inmediata, preparada y
multimedia. Puede ser de tres tipos: los subtítulos que son los diálogos, los
subtítulos ocultos (o caption) que ofrecen una mayor información y los
carteles de escena que no siempre se traducen, por ejemplo titulares de
periódico o letreros de las vías públicas, etc. Pueden ser también “abiertos”,
imprimidos en el producto, o “cerrados” cuando el público tiene opción de no
verlos.
La subtitulación puede ser intralingüística o interlingüística. La primera
es una trascripción total o parcial del original y es muy útil para los no oyentes
y quienes quieran aprender o practicar otro idioma. La segunda, es una
traducción a otro idioma. De este tipo existe también la subtitulación inversa
95
en la cual el audio está en lengua materna del público y los subtítulos en la
lengua original.
1.2
Conceptos fundamentales en la traducción
En la traducción para una futura subtitulación existen cuatro conceptos
fundamentales: equivalencia, adecuación, fidelidad y traducibilidad.
Equivalencia. Concepto que describe la relación entre el texto original y
su traducción. Es necesaria una cierta habilidad, no sólo al traducir sino
también al emplear palabras diferentes para respetar las expresiones
idiomáticas, proverbios etc., sin modificar el mensaje original.
Adecuación. Es la metodología con la cual se traducen aspectos
fundamentales, pero sin olvidar las necesidades de comprender que tiene el
público de la lengua de destino.
Fidelidad. Nos permite entender cuánto un texto es fiel al original. El
traductor tiene que entender el mensaje original, y sobre todo, conocer
perfectamente las peculiaridades de la lengua de origen.
Traducibilidad. Saber entender y diferenciar qué elementos hay que
traducir y cuales no, siguiendo las estrategias de traducción.
Para realizar un buen trabajo de subtitulación hay que llevar a cabo un
proceso de tres etapas: reducción textual, transformación diamésica y
traducción.
La reducción textual, parcial o total, es fundamental porque en la
subtitulación hay reglas rígidas ya que el espacio y el tiempo son limitados lo
que obliga al subtitulador a decidir qué partes eliminar.
La transformación diamésica es la transcripción de un texto oral a un
texto escrito. El original podrá ser enriquecido o reducido en algunas partes.
La traducción debe ser eficaz para la comprensión del público.
96
Según Henrik Gottlieb existen algunas estrategias para crear los
subtítulos: expansión (incluir información adicional), paráfrasis (parafrasear el
texto original), transposición (traducción literal), imitación (reproducir las
mismas expresiones del original), trascripción (reproducir un elemento no
estándar de la lengua original para dar el mismo efecto en la traducción),
dislocación (en las canciones se utiliza una expresión diferente para mantener
el mismo ritmo), condensación (reproducir el mismo mensaje con una
traducción más sintética), reducción (eliminar aquellos elementos que no son
esenciales), cancelación (eliminación total de algunas partes con una posible
pérdida del significado) y renuncia (utilizar una expresión formal y
semánticamente diferente del original ante la imposibilidad de traducir).
El autor noruego Sylfest Lomheim fija seis estrategias: cancelación,
condensación, adición, hiperonimia, hiponimia y neutralización. En las
primeras tres coinciden con Gottlieb; Lomheim no dice que se eliminen partes
del original, pero sí que se sustituyan mediante tres procedimientos de
transformación de las unidades léxicas: hiperonimia (generalización),
hiponimia (especificación) y neutralización (eliminación).
1.3
Factores técnicos: tiempos, puntuación y convenciones tipográficas
Para crear los subtítulos existen reglas que fijan su permanencia en
pantalla. Los subtítulos deben mantenerse en pantalla el tiempo suficiente para
que el público pueda leer, pero este tiempo no debe ser demasiado largo. Por
ejemplo, la regla de los seis segundos: para poder leer dos líneas de 32 letras,
se necesitan 6 segundos de permanencia, si son más cortas la permanencia se
reduce.
Es importante la elección de la fuente porque debe ser legible y con
espacio suficiente entre caracteres; los subtítulos no deben cubrir las imágenes
y es preferible su colocación a la izquierda. Se puede colocar en dos líneas con
97
un máximo de 40 caracteres, cada línea se abre con un guión cuando el
diálogo es entre dos personajes diferentes, se emplea la itálica, y también las
comillas, cuando hay voces en off o para las canciones, se emplean paréntesis
para añadir comentarios y el asterisco cuando se omite algo, por ejemplo
expresiones vulgares.
La traducción de la canciones es diferente, según el país, por ejemplo en
Italia se emplea la # (almohadilla) para abrir y cerrar cada subtítulo.
1.3.1
El problema de la segmentación
La segmentación es muy importante, se prefieren los subtítulos en dos
líneas que pueden ser de diferente longitud, por eso la primera debe ser la más
corta para minimizar el movimiento de los ojos del público.
Fotios Karamitroglou explica cómo debe serla segmentación: cada línea
del subtítulo debería ser una frase pero, si esto no es posible, la frase tiene que
estar dividida en sintagmas y estos, a su vez, en subcategorías.
1.4
Pros y contras de la subtitulación
Hay países que prefieren la subtitulación como Bélgica, Chipre, Croacia,
Dinamarca, Finlandia, Gales, Grecia, Irlanda, Islandia, Luxemburgo, Noruega,
Países Bajos, Polonia, Portugal, Eslovenia, Suecia y Hungría, y otros que
eligen el doblaje como Italia, Inglaterra, Francia, España, Alemania, Austria y
Suiza. El subtítulo se realiza rápidamente y es de menor coste, conserva la
integridad del producto original, permite conservar las voces de los actores, el
público que conoce la lengua original puede comparar y comentar la
traducción, leer los subtítulos ayuda a conocer y mejorar un nuevo idioma y
son esenciales para las personas con problema de audición.
98
El subtítulo es, en efecto, una reducción del original y esto no es
positivo, porque disminuye la visión de las imágenes, los espectadores pueden
perderse algunas escenas importantes y podría suceder que los subtítulos no
estuvieran perfectamente sincronizados con el vídeo.
1.5
Subtitulación y doblaje: la comparación de dos técnicas
El debate sobre la comparación entre subtitulación y doblaje sigue
todavía abierto y cada técnica tiene sus pros y sus contras.
Doblaje
Subtitulación
Altos costes
Bajos costes
Pérdida de los diálogos originales
Integridad de los diálogos originales
Menor reducción del original
Mayor reducción del original
1.6
La censura en la subtitulación
La censura es un instrumento con el cual las autoridades culturales o
religiosas de un país manipulan una obra autorizando o prohibiendo más tarde
su distribución, o limitando la visión a sólo un público adulto.
No siempre son las empresas de distribución o las autoridades quienes
deciden censurar algo, a menudo es el traductor el que decide autocensurarse
respecto a algunas partes porque sabe cuáles son los elementos que podrían
molestar al público de la cultura de destino, puede cancelar una escena,
modificar el lenguaje o eliminar elementos que dañan la sensibilidad.
En Italia la censura existe desde hace más de un siglo. La primera ley se
remonta a 1913 con la creación de las Comisiones que impedían la
distribución de películas ofensivas para el decoro. Durante el Fascismo (19231948) la censura se reforzó; con la I República se aprobó un artículo de la
99
Constitución que daba mayor libertad de expresión. En 2007 se eliminó la
censura preventiva, pero se crearon grupos que decidían si prohibir a los
menores de 18, 16, 14 y 10 años, algunas películas.
La subtitulación es una técnica que difícilmente se utiliza como medio de
control porque una parte del público podría comprender la lengua original.
100
CAPÍTULO II: LA SUBTITULACIÓN POR AFICIONADOS
2.1
El fenómeno del Fansubbing
El término Fansubbing está formado por las palabras ‘fan’ (aficionado) y
la palabra ‘sub’ (subtitulado), e indica la traducción realizada por aficionados
de los diálogos y la posterior sincronización de los subtítulos al las imágenes y
el sonido de un producto audiovisual. Lo realizan personas apasionadas que
gratuitamente ofrecen su tiempo libre. Este fenómeno nace en los años
Ochenta cuando los animes japoneses estaban prohibidos y censurados.
2.2
División del trabajo, proceso de realización y características
En el Fansubbing por lo general hay diferentes tipos de trabajo:
•
raw provider (proveedor del material original), encuentra el material para
traducir (los vídeos originales);
•
traductor, traduce los subtítulos;
•
sincronizador: simultanea los subtítulos con las imágenes y el sonido;
•
tipógrafo: elige la gráfica de los subtítulos;
•
revisor: controla y corrige la traducción;
•
codificador: une el texto al vídeo utilizando algunos programas
informáticos.
El proceso de realización es bastante complicado: después de haber
encontrado el material se evalúa su calidad, a continuación se traduce, se elige
la gráfica de los subtítulos, el revisor corrige los posibles errores, los
codificadores crean un único archivo, se hace el control de calidad y, por
ultimo, el archivo se publica.
101
El Fansubbing tiene ciertas características como, por ejemplo, el uso de
diferentes caracteres y colores, subtítulos de más de una línea y la presencia de
glosas (para proporcionar información sobre la cultura de la lengua
original).Los subtítulos se pueden clasificar en sobreimpresión (publicación
sólo de los subtítulos) y subtítulos abiertos que no se pueden modificar. El
intercambio del material se hace con un archivo compartido mediante los
programas P2P.
2.3
El Fansubbing en Italia
El Fansubbing apareció por primera vez gracias al éxito de la serie
estadounidense “Perdidos”, que llega a Italia en 2009 y mantuvo el título
original. En Italia se ocupaban solamente de la sobreimpresión, traducen el
subtítulo original, lo sincronizan y, más tarde, se publica en un formato de
extensión .srt que se puede descargar por separado del vídeo, que a su vez se
descarga con un programa de reproducción.
Estos sitios se ocupan de series de televisión y películas. La base de este
fenómeno debe ser una fuerte cooperación porque el trabajo se reparte entre
los diferentes roles de las personas.
Los fansubbers no traducen los diálogos originales, sino los subtítulos
que ya existen (pivot titles). Se dividen en diferentes partes y, antes de que el
equipo de traductores empiece a traducir; los roles son diferentes: los
administradores del sitio, los traductores, los revisores que controlan la
traducción, los sincronizadores que simultanea los subtítulos.
2.4
¿Quiénes son los fansubbers?
Los traductores son personas que en su tiempo libre dedican su
experiencia y conocimientos no profesionales de la subtitulación. Han
102
superado una prueba que garantiza el nivel de la lengua extranjera y después
de un periodo de prueba se convierten en fansubbers. Dicha prueba prevé
ejercicios de gramática, de traducción, de escucha y comprensión.
2.5
Convenciones y reglas técnicas
También en el Fansubbing existen algunos parámetros que es obligatorio
seguir.
Los subtítulos pueden ser de dos líneas pero tienen que ser casi iguales,
los guiones son importantes para distinguir a los dos diferentes hablantes, no
es posible utilizar los acentos porque algunos programas no los leen y por ello
se utiliza el apóstrofe.
Los fansubbers no quieren perder ninguna información prefieren las
series de televisión y son fieles al original ya que omitiendo algunas partes
existe el riesgo de perder las realidades de cada serie y por eso casi siempre
mantienen todas las citaciones y connotaciones del original.
2.6
Las dificultades del Fansubbing
2.6.1
Los tiempos breves y la sincronización
Se encuentran muchas dificultades en este mundo, los fansubbers no son
profesionales y hay más posibilidad de encontrar errores de traducción o de
sincronización. A menudo el fansubber debe traducir solamente utilizando el
audio porque hay que respetar el calendario de las series. Para ellos los plazos
son más breves que para un verdadero profesional porque los primeros siguen
la programación estadounidense, es decir, si en EE.UU. la visión de un
episodio es el lunes por la noche, el episodio traducido y sincronizado tiene
103
que salir al día siguiente en los sitios de Fansubbing; tratan de hacerlo lo más
rápido posible para satisfacer las peticiones de los usuarios del sitio.
2.6.2
Las cuestiones legales
Este fenómeno se encuentra en los límites de la legalidad y muchas
personas lo consideran ilegal porque hay una circulación no autorizada de
material audiovisual protegido por los derechos de autor.
Algunos sitios tienen material ilegal porque deciden imprimir los
subtítulos en el vídeo, pero las comunidades más conocidas deciden trabajar
solamente con la sobreimpresión para no violar la normativa legal porque el
Fansubbing ofrece su trabajo relativo a uno o varios episodios de series de
televisión sin violar ningún derecho de autor. También ayuda a dar publicidad
a una serie y de esta manera las empresas pueden comprobar el éxito de sus
productos antes de su comercialización.
Los sitios respetan una ética. En cada sitio se afirma que está prohibido
añadir material como películas y otros productos regidos por lo derecho de
autor, si algunos usuarios publican material ilegal serán excluidos de la
comunidad.
2.7
Los principales sitios del Fansubbing
Son muchos los sitios de Fansubbing y esta tesis tratará de los más
famosos y con mayor número de usuarios. Hay dos sitios que son los pilares
del Fansubbing italiano: Subsfactory e Italian Subs Addicted.
104
2.7.1
Subsfactory
Subsfactory nació en 2005 de una idea de la fundadora Superbiagi que
empezó traduciendo para ella y publicando los subtítulos en eMule.
Ha colaborado por muchos años con el “Telefilm Festival” de Milán y ha
participado en diferentes festivales. Ponen en su trabajo cuidado y dedicación,
en efecto ellos dicen: “Subtítulos por pasión, sí, pero con toda la competencia
y profesionalidad que podemos ofrecer”.
2.7.2
Italian Subs Addicted
Italian Subs Addicted (Itasa) nació en 2005 y hoy es la mayor comunidad
italiana. Ofrece una gran variedad de subtítulos con una velocidad extrema. El
fundador es Klonni que en 2005 tenía tan sólo 17 años.
Itasa apareció tras la llegada a Italia de la serie televisiva ‘Perdidos’;
muchas son sus colaboraciones, entrevistas en radio y en periódicos. Tiene el
récord de presenciasen línea con 3.328 usuarios en correspondencia con el 4º
episodio de la 6ª temporada de la serie ‘Dr. House’.
Los miembros del equipo son más de 500 y las series traducidas, más de
800. El sitio se mantiene con las donaciones de los usuarios pero el dinero se
destina al servidor y al dominio, o para organizar concursos para los usuarios,
no para los miembros del equipo.
2.7.3
Otros sitios de Fansubbing
•
Subspedia: http://subspedia.weebly.com
•
Angels and Demons: www.italiansubtitles.blogspot.it
•
Traduttori Anonimi: http://traduttorianonimi.weebly.com/
•
Subs Cloud: http://www.telefilmaddicted.com/wordpress/
105
•
Srt Project: http://www.opensubtitles.org/it/search/sublanguageidall/iduser-1413130.
2.7.4
Subspedia. Entrevista a un fansubber
Subspedia nació en 2011 y cuenta con más de 300 usuarios. Su
característica es la velocidad: publican los subtítulos en menos de 24 horas.
Ofrecen solamente la sobreimpresión y no ayudan a la distribución de material
protegidos por derechos de autor.
He tenido la fortuna de conocer y entrevistar a Red_CoAT_91, un
fansubber de Subspedia. Es un joven licenciado en Mediación Lingüística,
está realizando un Máster en el DAMS y en su tiempo libre es un fansubber.
Conoció por casualidad el mundo del fansubbing y, desde hace dos años, se
dedica a ello. Desde febrero de 2015 también es revisor.
La comunidad tiene diferentes figuras, como administradores, revisores,
traductores y gráficos. El trabajo de los traductores se reparte así, cuando un
equipo empieza una traducción, cada persona traduce y sincroniza su parte,
después es el revisor quien corrige los errores y une las partes. Como software
de apoyo para la traducción y sincronización utilizan ‘Visual Sub
Sync’.Tienen una guía privada con todas las estrategias de traducción, y todas
las ayudas para realizar una excelente sincronización.
Se puede llegar a ser traductor tras haber superado una prueba, después
hay un periodo de prácticas y luego se es considerado un traductor definitivo.
Los diferentes sitios de Fansubbing no compite entre sí y cada uno
intenta publicar subtítulos lo más perfectos posible.
Red_CoAt_91 es fansubber por pasión ya que ha unido dos cosas que le
apasionan: la traducción y las series televisivas. Pasa noches enteras
traduciendo para publicar los subtítulos al día siguiente porque lo que le gusta
es responder a las peticiones de los usuarios.
106
Espera que en el futuro esta pasión pueda dar al Fansubbing un mayor
reconocimiento y que la subtitulación pueda ser su profesión. Todo esto puede
llegar a ser posible y lo explica Serenella Massidda, subtituladora profesional,
en la entrevista del último capítulo.
107
108
CAPITULO III: SOFTWARE UTILIZADOS
3.1
‘Visual Sub Sync’
El programa más utilizado por los fansubbers es Visual Sub
Sync (VSS). Es gratuito y se utiliza para añadir los subtítulos
mediante un editor de vídeo. Es compatible con los formatos
de subtítulos SSA/ASS y puede modificar los ficheros CSV,
TXT y CUE. Su funcionamiento y utilización son bastante fáciles.
3.2
‘Subtitle Workshop’
Subtitle Workshop es un programa completo y potente para
crear y modificar los subtítulos, es gratuito y fácil de usar.
Ofrece la posibilidad de modificar y sincronizar los subtítulos
en una gran variedad de documentales, de ver un preestreno
del archivo mientras se crean los subtítulos, de corregir las
pistas audio y vídeo, y de enriquecer el formato con letras en cursiva y negrita.
Es compatible con muchos formatos como los archivos de las extensiones .srt
y .sub.
109
110
CAPÍTULO IV: LA PROFESIÓN DE SUBTITULADOR
4.1
La profesión
La profesión de traductor audiovisual se concretizó gracias al aumento de
la producción audiovisual. En el pasado la traducción se encargaba a personas
inexpertas, pero con la mejora del mundo audiovisual, se necesitaban
verdaderos profesionales. Un buen traductor tiene que conocer la lengua de
origen, pero también la propia en todos sus aspectos y detalles. Necesita estar
especializado en la traducción audiovisual. El interés en este campo se
desarrolló en los años ochenta del pasado siglo. Dinamarca fue el primer país
que ofreció un curso especializado gracias sobretodo a la presencia de Henrik
Gottlieb. Hoy también en España, Italia e Inglaterra hay diferentes cursos.
4.2
Las capacidades de un buen subtitulador
Un buen subtitulador sabe diferenciar lo que hay que traducir y lo que
hay que eliminar o reducir, para transformar un elemento del original y
facilitar la comprensión al público de destino. El subtitulador tiene que:
•
entender cuándo la información es fundamental y cuándo sólo es
redundante;
•
tener una excelente capacidad de síntesis;
•
reproducir los vínculos de cohesión temática del original;
•
no eliminar la información que será útil para comprender futuras escenas
y que podría dificultar la visión del producto;
•
respetar el registro de la lengua original;
•
reproducir el mismo mensaje y efecto del producto original.
111
4.3
Proceso de realización de los subtítulos profesionales
Para obtener un producto subtitulado hay que seguir un proceso que
conlleva diferentes fases y personas. La realización se puede confiar a una
empresa y a su equipo de subtituladores e instrumentación. Es un trabajo
donde la colaboración es muy importante; hay traductores que tienen que crear
los subtítulos sincronizándolos con los vídeos, y técnicos que comprueban el
producto e imprimen los subtítulos en el vídeo. Hoy todos estos pasos los
puede hacer una sola persona porque existen diferentes software en línea con
los cuales se pueden crear y sincronizar los subtítulos.
La mayor parte del trabajo sigue un modelo, el pautado (calcular el
momento en que los subtítulos aparecen y desaparecen de la pantalla), la
adaptación, revisión y control de calidad. En resumen las fases de creación
son:

pautado, es decir la localización de entrada y salida de los subtítulos
respetando los cambios de plano y escena;

traducción/adaptación del texto original adaptándolas según la duración
de los subtítulos;

simulación, o sea la representación de los subtítulos traducidos con la
imagen y el sonido comprobando que se lean de forma natural;

corrección de eventuales errores y reajuste del texto.
No existe un software único, cada empresa tiene el suyo. El traductor
tiene que ser versátil. En la empresa se trabaja con los dongles o plataformas
en línea. Las convenciones son a menudo estándar, en cambio las directrices
varían de un cliente a otro.
4.4
Entrevista a una profesional en el campo
Serenella Massidda es una subtituladora profesional, licenciada en
Lengua y Literatura Extranjeras, ha hecho un Máster en Londres y ahora
112
trabaja como subtituladora para SDI MEDIA UK y, esporádicamente en la
Universidad College of London.
En la entrevista reconoce que no ve películas dobladas desde hace años y
cree que la subtitulación ofrece muchas ventajas: no manipula el producto
original, permite el aprendizaje de un nuevo idioma y escuchar la banda
sonora original.
Ella, que es una profesional, ha estudiado a fondo el fenómeno del
Fansubbing y sus aspectos positivos porque, subraya, es un movimiento que
puede tener un fuerte impacto sobre la sociedad. Si se compara el Fansubbing
con la subtitulación profesional, se encuentra una gran diferencia, sobretodo
por el número máximo de caracteres, el primero traduce todo, con la
segundase sabe qué traducir y qué omitir.
El camino para ser un subtitulador es muy complejo, hay que tener una
sólida base teórica y práctica porque es un ambiente elitista, se requiere mucho
estudio y adquirir mucha experiencia.
Las lenguas y el mondo del cine siempre han sido sus dos pasiones y
tiene la suerte de haber convertido su pasión en su trabajo; cree fuertemente
que esto es posible, no debemos abandonar nuestro sueño ante el primer
obstáculo que encontramos y nunca debemos dejar de estudiar, con dedicación
y esfuerzo nuestra pasión puede convertirse en nuestro trabajo.
113
114
CONCLUSIONES
Los subtítulos son una extraordinaria herramienta y representan una
traducción escrita de los diálogos en lengua original. Una película, o una serie
televisiva, puede cambiar la naturaleza del producto, su éxito depende de la
buena aceptación del público, pero si se decide eliminar su verdadera fuerza,
su mensaje no podrá nunca ser el mismo que el del producto original.
Con el paso del tiempo y el desarrollo de las tecnologías y estrategias,
esta traducción se ha mejorado y aunque en Italia la subtitulación no se utiliza
tanto como el doblaje, existen algunas obras maestras subtituladas. En
televisión, cine y en la Red, circulan productos audiovisuales doblados que no
respetan el original, y de hecho esta tesis lo que ha intentado es subrayar la
importancia del original, sin admitir algunas elecciones de traducción que
traicionan al producto.
Ese es exactamente el objetivo del Fansubbing: se traduce todo en sus
mínimos detalles, siempre en los límites que fijan el tiempo y el espacio,
porque no se quieren perder elementos básicos de la serie, se intenta traducir
una cultura diferente, las frases originales y los mismos efectos cómicos y/o
dramáticos. Entre Fansubbing y subtítulos profesionales hay muchas
diferencias, por ejemplo en el método seguido y en los diferentes programas
utilizados; claramente la traducción profesional es lo mejor desde el punto de
vista de la traducción, pero a menudo se eliminan algunos elementos que, al
contrario, los fansubbers traducen.
Es un fenómeno masivo en Italia, hay millones de comunidades que se
ocupan de la subtitulación. No piden nada en cambio porque es una pasión, tan
solo que su fatigoso trabajo sea admirado y gratificado.
Para llegar a ser un buen subtitulador hay que estudiar mucho, pero la
experiencia es lo más importante, como ha afirmado Serenella Massidda en la
entrevista y el Fansubbing es una excelente experiencia. Un profesional
necesita tener un alto nivel de conocimiento tanto de la segunda lengua como
115
de la primera, y lograr ser un mediador entre las dos lenguas, porque es eso lo
que el subtitulador hace: es un intermediario entre ambas para traducir
perfectamente dos mundos diferentes pero, sobretodo, dos culturas diferentes.
En Italia se debería comenzar a dar importancia a este tipo de traducción
entendiendo sus aspectos positivos, no existe sólo el doblaje, el trabajo de los
dialoguistas es fundamental, pero se debería reconocer el esfuerzo, la
dedicación y la habilidad de los subtituladores porque a menudo una película
subtitulada puede ser apreciada más que otra doblada y los estudios descritos
en el primer capítulo son una prueba.
Comparar el trabajo realizado por aficionados con el de los
profesionales, es inevitable ya que cada uno tiene sus pros y sus contras. Los
primeros pueden cometer más errores de traducción porque son personas
privadas que dedican su tiempo libre y, claramente, sus conocimientos de los
idiomas.
Lo que se deduce de las entrevistas incluidas las realizadas en Red, es
que la subtitulación es un mundo maravilloso que en Italia, por desgracia,
todavía no se conoce bien.
Esta tesis no tiene interés en resaltar una subtitulación en vez de otra,
tampoco quiere criticarlas, sólo quiere que se entienda que podemos destacar
en aquello que es nuestra pasión. Por simple que pudiera parecer, puede llegar
a ser nuestro trabajo, sólo tenemos que esforzarnos y seguir estudiando y
adquiriendo experiencia.
Confucio, conocido filósofo chino que influyó en todo el universo de la
cultura china, pronunció una famosa frase que es el mensaje esencial en el que
se basa esta tesis “Escoge un trabajo que te guste y no trabajarás ni un solo día
de tu vida”.
116
RINGRAZIAMENTI
Voglio ringraziare innanzitutto tutte le persone che mi sono state vicine
in questo percorso di studi durato tre anni. Desidero ringraziare tutti i
professori di inglese e spagnolo ed anche di tutte le altre materie che mi hanno
insegnato tanto; soprattutto le professoresse Annarita Gerardi, Olga Colorado
e Tamara Centurioni per aver dedicato il loro tempo alla correzione delle parti
in inglese e spagnolo e la professoressa Claudia Piemonte. Un ringraziamento
speciale va alla mia direttrice, la professoressa Adriana Bisirri, la quale ha
accolto subito il mio progetto della tesi con entusiasmo.
Ringrazio la professoressa Serenella Massidda e Red_CoAt_91 per aver
collaborato alla mia tesi, dandomi la possibilità di intervistarli per
approfondire le mie ricerche.
Ringrazio tutte le mie amiche, ma soprattutto Federica che oltre ad essere
una mia amica da anni, è stata la compagna di studi perfetta…ridendo,
piangendo, scherzando, studiando sempre l’una al fianco dell’altra.
Inoltre voglio ringraziare di cuore i miei genitori che mi hanno permesso
di poter fare questo percorso di studi e che non hanno mai smesso di credere in
me, mia sorella Giulia che da sorella maggiore mi ha spronato a non mollare
mai non smettendo di consolarmi nei momenti bui ed il mio ragazzo Claudio
che mi ha supportato e sopportato in tutti i momenti, facendomi credere che
sono in grado di fare ed ottenere tutto ciò che desidero.
117
118
BIBLIOGRAFIA
Perego Elisa, La Traduzione Audiovisiva (Carocci editore 2015)
Ledvinka Fay R., What the fuck are you talking about? (Eris Edizioni 2011)
Petillo Mariacristina, Doppiaggio e Sottotitolazione: problemi linguistici e
traduttivi nel mondo della screen translation (Digilabs 2008)
Perego Elisa e Taylor Christopher, Tradurre l’audiovisivo (Carocci Editore
2012)
Petillo Mariacristina, La Traduzione Audiovisiva nel Terzo Millennio (Franco
Angeli 2012)
Laudiero Simone, Last night a subber saved my life (Zandegù Editore 2013)
Díaz Cintas Jorge e Muñoz Sánchez Pablo, Fansubs: Audiovisual Translation
in an Amateur Environment, The Journal of Specialised Translation, (2006)
Gottlieb Henrik, Subtitlig – A New University Discipline in Dollerup,
Loddegaard (1992)
Massidda Serenella, Alla velocità della luce: il fenomeno del fansubbing,
Filmidee #11
Díaz Cintas Jorge e Anderman Gunilla, Audiovisual Translation: Language
Transfer and Screen (Palgrave Macmillan 2009)
Karamitroglou F., Towards a Methodology for the Investigation of Norms in
Audiovisual Translation (Rodopi 2000)
Osimo B., Manuale del Traduttore (Hoepli 2004)
Díaz Cintas Jorge e Fernandéz Cruz M., Using subtitled video materials for
foreign language instruction in Jorge Díaz Cintas, ed., The Didactics of
Audiovisual Translation (John Benjamins Publishing 2008)
Di Persio S., La traduzione audiovisiva e il fenomeno del fansubbing: nuove
interferenze (2009)
Díaz Cintas J., Dubbing or Subtitling, in Perspectives (1999)
Gambier Y., Audiovisual Communication, in Dollerup, Lindegaard (1994)
119
Taylor C., Tradurre per il Cinema, Dipartimento di scienze del linguaggio
dell’interpretazione e della traduzione – Università degli Studi di Trieste
(2000)
Biarese Cesare, I sottotitoli: un’alternativa al doppiaggio, La Rivista del
cinematografo 55 (1982)
Pavesi Maria, La traduzione filmica: aspetti del parlato doppiato dall’inglese
all’italiano (Carocci Editore 2005)
Guarnaccia Fabio e Barra Luca, Essere Fansubber, alla scoperta delle
comunità che sottotitolano le serie tv, Sguardi Laterali
Paolinelli Mario e Di Fortunato Eleonora, Tradurre per il Doppiaggio: La
trasposizione linguistica dell’audiovisiva, teoria e pratica di un’arte
imperfetta (Hoepli 2014)
120
SITOGRAFIA
http://www.subsfactory.it/
http://www.addic7ed.com/
http://www.subspedia.tv/
http://www.italiansubs.net/
https://it.wikipedia.org/wiki/Fansub
http://www.intralinea.org/specials/article/esperienze_di_fansubbing_nellaula_
di_traduzione_multimediale
http://guide.supereva.it/doppiaggio_e_doppiatori/interventi/2006/04/253307.s
html
https://dubbingandsubtitling.wordpress.com/versione-italiana/lasottotitolazione/
https://it.wikipedia.org/wiki/Sottotitolo
http://autori.fanpage.it/nascita-di-un-sottotitolo/
http://news.biancolavoro.it/diventare-sottotitolatore-cosa-fa-e-come-accederealla-professione-intervista-ad-una-professionista/
http://www.trad.it/henrik-gottlieb-subtitles-and-international-anglification/
http://it.scribd.com/doc/269970114/FainiTradurremanualeteoricoepraticoriass
unto#scribd
http://www.tvshowsmanager.com/registrati/
http://www.asianworld.it/forum/index.php?showtopic=10509
https://proscenio2012.wordpress.com/2012/02/24/sopratitoli-e-sottotitolianalogie-e-differenze-2/
http://opf-italia.forumfree.it/?t=69457564
http://www.respeaking.net/interlingual_respeaking_thesis_fm_november_201
1/tesi/Conclusioni.pdf
http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm#18
121
http://www.animenewsnetwork.com/feature/2003-06-08/3
https://unitaliaservizi.wordpress.com/sottotitolazione-ed-adattamento/
https://thesubdubexperience.wordpress.com/tag/sottotitolaggio/
http://www.italiansubs.net/forum/itasanews/itasa-faq-domande-frequenti-ecome-nasce-un-sottotitolo/
http://www.subsfactory.it/forum/index.php?topic=16138.45
http://courses.logos.it/IT/4_19.html
122

Documentos relacionados