dida aem9 1-9:Layout 3

Comentarios

Transcripción

dida aem9 1-9:Layout 3
giugno - agosto 2011
supplemento di ArteeCritica
mostre, eventi, personaggi e istituzioni
ACCADEMIA DI BRERA
Via Brera 28 – tel 02869551
www.accademiadibrera.milano.it
Premio Nazionale delle Arti 2011
17 giugno - 10 luglio
CENTRE CULTUREL FRANÇAIS DE MILAN
Palazzo delle Stelline. Corso Magenta 63
tel 024859191 – www.culturemilan.com
Una certa idea della Francia V
Scène Ouverte Jochen Dehn /
Élodie Seguin / Louise Hervé & Chloé Maillet
a cura di Luca Cerizza
fino al 30 giugno
“Più che una vera e propria mostra – spiega
Cerizza – Scène Ouverte è uno spettacolo in
tre tempi”. Le performance dei tre artisti si
susseguono come in un dramma in più atti
recitato nell’arco di un tempo dilatato, e investono tutte le aree esterne ed interne dell’istituzione allargando i confini dello
Daniela Guccini, Come to me, Claudia, 2011 / Accademia di Brera
Anish Kapoor, Dirty Corner, 2011 / Fabbrica del Vapore
ISTITUZIONI
PUBBLICHE
E FONDAZIONI
Il Premio, giunto alla sua VIII edizione, ha
l’obiettivo di valorizzare la giovane arte
italiana attraverso una selezione di sette
opere tra quelle provenienti da tutte le Accademie d’Arte, per un totale di oltre 20 istituti
e 200 studenti under 28: dislocata in tre sedi
e tre sezioni, la mostra accoglie una parte dei
tanti lavori pervenuti, scelti per essere inseriti
in un catalogo a cura dell’istituzione.
FABBRICA DEL VAPORE
Via Procaccini 4
www.fabbricadelvapore.org
Anish Kapoor Dirty Corner
a cura di Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni
fino all’11 dicembre
Élodie Seguin, debout derrière, 2011 / Centre culturel francais de Milan
spazio/palcoscenico occupato. Il catalogo
Kaleidoscope, con testi del curatore e di
Chris Sharp, correda la mostra.
ANISH KAPOOR TRA BESANA E FABBRICA DEL VAPORE
Sintesi concettuale tra materia e spirito, pieno e vuoto, i lavori di Anish Kapoor, partendo da idee
essenziali, interagiscono con lo spazio modificandone profondamente la percezione, inglobando
in essi ogni minima trasformazione. Il lavoro appositamente ideato per la Cattedrale alla Fabbrica
del Vapore ne è la prova. Un tunnel in acciaio lungo una sessantina di metri, prodotto in collaborazione con Galleria Continua, Lisson Gallery e Galleria Massimo Minini, occupa quasi per
intero lo spazio espositivo, generando uno spaesamento percettivo che ne modifica del tutto la
fruizione. Allo stesso modo le sculture in acciaio in mostra a cura di Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni per tutta l’estate alla Rotonda della Besana – tra le quali C-Curve del 2007, Non
Object (Pole) del 2008, Non Object (Door) del 2008 e Non Object (Plane) del 2010 – minano le
capacità percettive dello spettatore. Continui riflessi e inaspettati bagliori interagiscono con le
facoltà uditive e visive generando uno stato di straneamento e confusione. Un altro elemento
ricorrente nel lavoro dell’artista è la cera rossa, metafora di “investigazione emozionale”. Rosso
come il sangue, la passione, sentimenti essenziali, pulsioni primigenie, questo materiale duttile
è continuamente compresso e rimodellato in diverse forme in My Red Homeland del 2003, una
grande scultura nella quale un braccio meccanico interviene sulla resa formale dell’oggetto.
3
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
FONDAZIONE MUDIMA
Via Tadino 26 – tel 0229409633
www.mudima.net
Piero Pizzi Cannella
CHINATOWN. Invito al viaggio
a cura di Gianluca Ranzi
fino al 13 giugno
Figure e oggetti fluttuano in uno spazio senza
limiti, evocano un legame tra culture lontane
ma convergenti in un comune sentire. Oriente
e Occidente, materia e spirito si imprimono
NUMERO 9
GIUGNO - AGOSTO 2011
Supplemento del n. 67 di Arte e Critica
Direttore Roberto Lambarelli
Co-direttore Daniela Bigi
Redazione Andrea Ruggieri,
Laura Senatore, Valentina Briguglio
Via dei Tadolini, 26
00196 Roma
tel 06 45554880
e-mail: [email protected]
Direttore responsabile: Olga Gambari
Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento
postale D.L 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46)
art. 1 comma 1 DCB Roma - Iscr. Tribunale di Roma
n. 280/96
STAMPA Arti Grafiche Celori - Terni
Abbonamento a 4 numeri di
Arte e Critica
Euro 30,00 per l’Italia
Euro 48,00 per i paesi europei
Euro 58,00 per i paesi extra europei
Abbonamento sostenitore
Euro 350,00
Inviare assegno bancario oppure
versare l’importo sul c/c postale
n.18452003 intestato a:
Associazione Arte e Critica
Via dei Tadolini, 26 - 00196 Roma
IN COPERTINA
Santiago Sierra,
Edificio Iluminato, 2003
Courtesy prometeogallery di Ida Pisani, Lucca / Milano
Alessandra Sanguinetti, Katrina Kaif, attrice, sul set / Fondazione FORMA per la fotografia
FONDAZIONE FORMA PER LA FOTOGRAFIA
Piazza Tito Lucrezio Caro 1
tel 0258118067 – www.formafoto.it
Women changing India
Olivia Arthur / Martine Franck / Raghu Rai /
Alessandra Sanguinetti / Alex Webb /
Patrick Zachmann
fino al 19 giugno
Milano, un minuto prima. Nuove
visioni di città
a cura di Matteo Balduzzi, Arianna Rinaldo,
Giulia Tornari e Francesco Zanot
23 giugno - 18 settembre
Una raccolta di istantanee sulla città per 12
lavori di autori internazionali. Milano diventa
una dimensione da esplorare, ponendo il focus
sulle sue complessità e i suoi disagi sulla struttura economica e le emergenze urbanistiche, il
tutto attraverso gli elementi sociali che ne
mutano la forma.
FONDAZIONE MARCONI
Via Tadino 15 – tel 0229419232
www.fondazionemarconi.org
Man Ray The Fifty Faces of Juliet
9 giugno - 29 luglio
La mostra rassegna una raccolta di 50 ritratti
fotografici della moglie dell'artista, Juliet, in
altrettante pose e scenari, “un messaggio e una
dichiarazione d’amore” alla sua ultima compagna di vita. Nelle numerose versioni della
donna amata – mentre suona il violino, oppure
in posa, quasi sempre in primo piano – Man
Ray sofferma il suo sguardo da ritrattista accurato sul viso e le mani della donna.
4
Piero Pizzi Cannella, Innamorata, rosso dell’ombra, 2009-10 /
Fondazione Mudima
Man Ray, Senza titolo, 1952, dalla serie The Fifty Faces of
Juliet, 1941-54 / Fondazione Marconi
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
tore può giocare – anche praticamente – al
gioco del rimbalzo, botta e risposta affine alle
dinamiche di comunicazione tipiche della
società contemporanea.
così a china sulle sessantadue carte in mostra
prima di proseguire il proprio viaggio verso il
Musée d’Art Modern di Saint-Etienne. Testi in
catalogo di Lóránd Hegyi, Cesare Biasini
Selvaggi, Gianluca Ranzi e Valentina Casacchia.
Patrizio Nesi
dal 15 settembre
FONDAZIONE LUCIANA MATALON
Foro Buonaparte 67 – tel 02878781
www.fondazionematalon.org
Egidio Castelli Time is on my side
a cura di Alessandra Redaelli
fino al 9 giugno
FONDAZIONE ARNALDO POMODORO
Via Andrea Solari 35 – tel 0289075394
www.fondazionearnaldopomodoro.it
Perino & Vele Luoghi comuni
a cura di Lorenzo Respi
fino al 17 luglio
Venticinque opere di grandi dimensioni ricostruiscono il percorso artistico del duo che in
17 anni di carriera, attraverso l’uso della
cartapesta, ha posto l’accento su temi di
cronaca o di violenza deliberamente passati
sotto silenzio. Testi in catalogo di Pino
Corrias e del curatore.
L’Inferno di Dante Alighieri nelle opere
di Salvador Dalì e Robert Rauschenberg
a cura di Lorenzo Respi
fino al 17 luglio
Perino & Vele, Public invasion, 2009 / Fondazione Pomodoro
Ramiro Sanchez, Waterseekers, 2011 / Fondazione Stelline
FONDAZIONE STELLINE
Corso Magenta 61 – tel 0245462411
www.stelline.it
Ramiro Realtà di due mondi
a cura di John T. Spike
9 giugno - 2 luglio
31 opere del pittore Angel Ramiro Sanchez
per la prima personale italiana. In mostra
dipinti ma anche disegni realizzati in diversi
momenti della sua carriera sino ai più recenti
degli ultimi due anni, tutti influenzati dalla
sua passione letteraria e per i testi biblici,
nonché dall'esperienza nelle due terre
prescelte, l'Italia e il Venezuela.
GALLERIA
GRUPPO CREDITO VALTELLINESE
Corso Magenta 59 – tel 0248008015
www.creval.it
Fernanda Pivano Viaggi, cose, persone
ideazione Michele Concina
a cura di Ida Castiglioni con Francesca Carabelli
fino al 18 luglio
HANGAR BICOCCA
Via Chiese 2 – tel 0266111573
www.hangarbicocca.it
Surasi Kusolwong
Ping-Pong, Panda, Povera, Pop-Punk,
Planet, Politics and P-Art
a cura di Chiara Bertola
10 giugno - 15 settembre
Una serie di sculture, oggetti ricavati
dall’estetica del quotidiano e souvenir da
luoghi lontani sono tutti posizionati sui
cinque tavoli da ping-pong, su cui il visita-
MUSEO DEL NOVECENTO
Palazzo dell’Arengario. Piazza Duomo
tel 0272095659
www.museodelnovecento.org
Fuori! Arte e Spazio Urbano 1968-1976
a cura di Silvia Bignami e Alessandra Pioselli
fino al 4 settembre
Attraverso video e foto di performance, azioni
e installazioni, la mostra propone una riflessione sulle pratiche d’avanguardia e sugli
interventi d’appropriazione degli spazi
pubblici negli anni intorno al 1970, scanditi
dall’esemplificazione di 4 storiche esposizioni collettive prese a modello di riferimento.
Il catalogo Electa è corredato dalla ristampa
di Campo Urbano, curato da Caramel,
Munari e Mulas.
Riccardo Dalisi, Rione Traiano, 1975-76, Progettazione
partecipata per l’autocostruzione di un asilo / Museo del
Novecento
Surasi Kusolwong, Ping-Pong (Beyond the After), 2005 /
Hangar Bicocca
5
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
NO ORDER. UNA RIVISTA PER UN NUOVO MODO DI PENSARE L’ARTE
Due domande a Marco Scotini a cura di Andrea Ruggieri
Andrea Martinelli, Le Gilde, 2011 / Museo Pecci Milano
MUSEO PECCI MILANO
Ripa di Porta Ticinese 113 – tel 0574531828
www.centropecci.it
Andrea Martinelli Presente!
a cura di Marco Bazzini
14 giugno - 29 luglio
Il realismo del pittore pratese traslittera il suo
sguardo sul mondo nell’immagine di un’umanità rappresentata come target aumentato in
una serie di dipinti e disegni, per lo più ritratti
di volti e di figure su uno sfondo neutro,
esistenziale. Il catalogo, edito dal Gruppo
Editoriale di Prato, presenta i testi del curatore, di Vittorio Sgarbi ed Edoardo Nesi, oltre
alle foto di Berengo Gardin in mostra.
PALAZZO MEZZANOTTE
Piazza Affari 6 – tel 02802871
Vontobel Per l’arte “Avvistamenti”
Eduard Winklhofer
6 / 20 giugno / 4 / 18 luglio ore 19,00-20,00
Nell’ambito del progetto promosso da Vontobel Per l’arte, in collaborazione col Forum
Austriaco gli uffici aprono le porte al pubblico
per un’antologica dedicata al percorso artistico di Winklhofer dalle prime istallazioni
alle più recenti, mentre un intervento del
1994 è collocato all’esterno, visibile da piazza
Affari.
6
“No Order. Art in a Post-Fordist Society” è un progetto editoriale rivolto al rapporto tra sistema
dell’arte e modalità produttive del capitalismo contemporaneo. Ci può spiegare in quali termini?
Ogni volta che parliamo di arte continuiamo a pensare questo tema in senso astratto, come qualcosa che non ha una storia, qualcosa che ha un valore in sé, che è “buona” per costituzione. In
fondo e paradossalmente la storia dell’arte non nasce per dimostrare che l’arte è l’unico ambito
che sta fuori della storia? Che non è contaminato dai fatti della storia? Che l’arte ha a che fare
piuttosto con la libertà e con le sue forme? Non è vero che l’arte contemporanea è solo l’ultima
appendice di questo lungo racconto lineare? La rivista “No Order” nasce con la convinzione
opposta. E cioè dall’idea che una profonda storicità pervade le forme di produzione, comunicazione e ricezione dell’arte e che spesso quest’ultima serve per mistificare e legittimare forme
del lavoro, del mercato e del costume. E proprio perché affermiamo, come un dogma, che è
“libera”da questi vincoli. Soprattutto oggi che l’arte è al centro dei processi attuali di produzione,
al centro dell’ “economia della conoscenza”, è davvero paradossale ignorare questa realtà, fare
finta che non esista. E allora cosa fare? La proposta che nasce da “No Order” è quella di una
trasformazione dei modi di pensare l’arte, dei modi di farla, di una presa di distanza da ciò che
la vincola ad essere “il segno della libertà e dell’emancipazione” a patto di distruggerne però ogni
reale potenzialità. Mai come ora il sistema dell’arte è stato così “ordinato”, così costretto dentro
confini prestabiliti e così lontano dalla voglia di sperimentare e di aggiungere qualcosa che prima
non c’era. Qual è la differenza dell’arte rispetto agli altri ambiti del lavoro contemporaneo? Questa
domanda è al cuore della nostra rivista.
Come è strutturata la pubblicazione? Quali i temi specifici del primo numero?
La pubblicazione a cadenza annuale, bilingue, con un board d’eccezione, ha importanti contributor da vari paesi. Se ha al suo centro l’arte – e progettualmente nasce all’interno di una scuola
d’arte come la NABA – non vuole però restringersi all’arte. Non è una rivista rivolta a soli curatori o a soli artisti: agli addetti ai lavori. È piuttosto un’apertura a 360° sul mondo – dal mercato
all’educazione, dal lavoro alla storia, dal display alla memoria. Se nel primo numero abbiamo
voluto presentare una serie di temi e problemi che struttureranno la pubblicazione in futuro come
delle costanti, i prossimi numeri saranno dedicati all’Africa e al Medio Oriente. Lo schema della
rivista è apparentemente quello classico degli art magazine internazionali. Abbiamo ripreso le tre
sezioni delle “previews” all’inizio, delle
“reviews” alla fine e dei monografici al
centro ma solo dopo averle sabotate. Dai
saggi sulla Russia e sulla Turchia di
Misiano e Kortun, si passa a questioni
sociologiche con Lazzarato e Marazzi, a
problematiche del display con Buergel e
con Esche, fino a saggi sul documento,
film e storia con Farocki, Gianikian & Ricci
Lucchi, Watkins. Dall’inizio alla fine una
serie numerosa di inserti grafici di artisti
crea un’altra maglia diagrammatica sopra
quella dei saggi e della scrittura con
Pisano, Willats, Beltran, Biscotti, Henrikson, Vlahos e molti altri. Vediamo che
succede…
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
ROTONDA DELLA BESANA
Via Enrico Besana 15 – tel 025455047
Anish Kapoor
a cura di Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni
fino al 9 ottobre
Eduard Winklhofer, una veduta dell’installazione esterna /
Palazzo Mezzanotte
PALAZZO REALE
Piazza del Duomo 12 – tel 0280509362
Impressionisti
Capolavori della Collezione Clark
a cura di Richard Rand e Stefano Ruffi
fino al 19 giugno
Alberto Savinio La commedia dell’arte
a cura di Vincenzo Trione
fino al 12 giugno
Mimmo Paladino
a cura di Flavio Arensi
fino al 10 luglio
PAC
PADIGLIONE ARTE CONTEMPORANEA
Via Palestro 14 – tel 0288465931
www.comune.milano.it/pac/
Tony Oursler Open Obscura
a cura di Gianni Mercurio e Demetrio Paparoni
fino al 12 giugno
Per la prima personale in Italia l’artista propone
video sculture ispirate alla cultura della
contemporaneità, all’esplorazione dello spazio,
all’inquinamento atmosferico, ai disagi mentali.
LA PERMANENTE
Via Filippo Turati 34 – tel 026599803
www.lapermanente-milano.it
Agenore Fabbri
a cura di Gabriella Belli
fino al 12 giugno
SPAZIO OBERDAN
Viale Vittorio Veneto 2 – tel 0277406302/41
Andrej Tarkovskij. L’immagine
dell’assoluto
fino al 12 giugno
Astrattismi Paralleli
Carlo D’Orta / Danilo Susi
a cura di Valerio Dehò
16 giugno - 10 luglio
Che siano i vetri specchianti dei palazzi metropolitani immortalati da D’Orta o le superfici
riflettenti dell’acqua da cui trae ispirazione Susi,
il riverbero ottico dell’immagine prescelta
diventa forma astratta negli scatti digitali dei
due fotografi – Menabò ne pubblica il catalogo.
Anish Kapoor, C-Curve, 2007 / Rotonda della Besana
Michel Comte, Carla Bruni / Triennale
Carlo D’Orta, Vibrazione / Spazio Oberdan
TRIENNALE
Viale Alemagna 6 – tel 02724341
www.triennale.it
Michel Comte Crescendo Fotografico
a cura di Walter Keller
fino al 3 luglio
Fotografo di moda e di costume, Comte
raggiunge il successo internazionale come
collaboratore di “Vogue” e ritrattista delle
star: 87 immagini e 20 collage ne raccontano
anche la produzione meno nota.
Espressioni di Gio Ponti
a cura di Germano Celant
fino al 24 luglio
Mostrando 250 pezzi, tra disegni e dipinti,
ceramiche e maioliche, mobili e oggetti, studi
e modelli di architettura, la poliedrica creatività di Ponti è sviscerata dagli inizi con la
Richard Ginori agli esiti degli anni Settanta.
Beyond Entropy When Energy
Becomes Form
9 - 26 giugno
Gli artisti espongono le loro installazioni
“energetiche”, risultato eterodosso di una
collaborazione con gli scienziati, a partire dal
CERN di Ginevra.
Pasolini anno 1975. Fotografie di
Dino Pedriali
14 giugno - 24 luglio
TRIENNALE BOVISA
Via Lambruschini 31 – tel 0236577801
www.triennalebovisa.it
If we hold on together
7 - 25 giugno
Artisti giapponesi e cinesi hanno donato un
7
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
gruppo di stampe messe all’asta, negli spazi
del corridoio, per una raccolta benefica in
favore della ricostruzione post-tsunami.
Avanti Popolo
16 giugno - 10 luglio
Dagli archivi del PCI, una raccolta eterogenea
di materiali, collezionati a partire dalla storica
fondazione del partito nel 1921 fino alla
nascita del PD, raccontano cinquant’anni di
storia politica nazionale.
CINISELLO BALSAMO.MI
MUSEO DI
FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA
Via Frova 10 – tel 026605661
www.mufoco.org
Il corpo come linguaggio. Anni
Sessanta e Settanta
a cura di Roberta Valtorta
fino all’11 settembre
Klaus Zaugg Fotografie di moda e pubblicità.
Anni Cinquanta - anni Novanta
a cura di Arianna Bianchi
fino al 31 luglio
Fotografo poliedrico, versato nella sperimentazione pittoricista e astratta, ritrattista per rotocalchi e riviste, professionista per la moda e la
pubblicità, la parabola di Zaugg è descritta in
una retrospettiva che dagli esordi arriva fino
alla maturità tarda.
Floris Neusüss, Nudogramma, 1972 / Museo di Fotografia
Contemporanea
BERGAMO.
BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE
Piazza Vecchia 6 - Città alta
Ogni cosa a suo tempo / All in a Good Time
a cura di Stefano Raimondi, Paola Tognon e
Mauro Zanchi
Adrian Paci / Andrea Kvas
fino al 19 giugno
La prima mostra del ciclo annuale – concepito
come dialogo visivo tra il contesto storicoarchitettonico dei segreti matronei della Basilica e le due opere di un artista italiano ed uno
straniero – mette in relazione Klodi, l’emigrante vagabondo protagonista dell’omonimo
video di Paci, ed il grande dipinto astratto del
triestino Kvas, concepito per un antico telaio
aniconico custodito nello spazio sacro.
Daniel Knorr / Riccardo Beretta
16 luglio - 21 agosto
GAMEC
Via San Tommaso 53 – tel 035270272
www.gamec.it
La classe non è acqua
Carla Accardi / Stefano Arienti / Joseph
Beuys / Allan Kaprow / William Kentridge /
Michelangelo Pistoletto / Cindy Sherman /
Thomas Schütte / Andy Warhol
a cura di Giacinto Di Pietrantonio
fino al 24 luglio
Ferroni - La donazione. Le immagini
del silenzio
a cura di M. Cristina Rodeschini e
Marcella Cattaneo
fino al 3 luglio
sotto: Stefano Arienti, Einstein, 1994 / GAMeC; a destra:
Alain Arias-Misson, Public Poem, 2010 / Fondazione Berardelli
8
Adrian Paci, Klodi, 2005 / Basilica di Santa Maria Maggiore
BRESCIA.
FONDAZIONE BERARDELLI
Via Milano 107 – tel 030313888
www.fondazioneberardelli.org
Alain Arias-Misson
The Public Poem Extension Program
a cura di Melania Gazzotti e Nicole Zanoletti
fino al 2 ottobre
L’artista belga installa le testimonianze fotografiche delle sue azioni pubbliche di poesia
visiva, tutte dal netto carattere contestatorio:
un ciclo installativo omogeneo inserito in una
struttura composta da materiali disparati. Il
testo contiene interventi di D’Hondt, Dachy,
Gómez de Liaño, Pedrini e Peterlini.
ISTITUZIONI PUBBLICHE E FONDAZIONI
MUSEO KEN DAMY
Corsetto S. Agata 22. Loggia delle Mercanzie
tel 0303758370 – www.museokendamy.com
Spazio contemporanea
Ken Damy
Tra pittura e fotografia 1966-2011
a cura di Giuliana Scimè
fino al 25 giugno
La personale del fondatore del museo ripercorre il suo percorso di studi e di crescita
professionale, i progetti realizzati e gli stili
affrontati, tra pittura e fotografia, in quasi 50
anni di carriera. “Una riflessione” – dunque –
“su una vita dedicata all'estetica dell'arte
COMO.
FONDAZIONE ANTONIO RATTI
Villa Sucota. Via Cernobbio 19
tel 031233111 – www.fondazioneratti.org
Corso Aperto presentazioni, performances, video e opere dei partecipanti
a cura di Cesare Pietroiusti
2 - 22 luglio
Susan Hiller, Psi Girls, 1999 / Fondazione Antonio Ratti
zione dei sogni associati alla lettura di brani
collegati alla materia onirica.
Susan Hiller
dal 14 luglio
Parallelamente all’attività del workshop il
visiting professor espone una serie di lavori
in una mostra personale.
Ken Damy, Eritrea, 2007-08 / Museo Ken Damy
visiva [...]; vita vissuta e rivendicata con
orgoglio”.
L’esposizione presenta gli interventi dei partecipanti al CSAV come un work in progress,
suscettibile di continue modificazioni. Per
questa edizione tocca a Susan Hiller stimolare
riflessioni e idee nei 20 studenti, attraverso la
proposta di attività laboratoriali in cui centrali
sono il racconto, la registrazione e la costru-
MONZA.
SERRONE DELLA VILLA REALE
Viale Brianza 2 – tel 039322086
www.serrone.info
IV Biennale Giovani Monza
fino al 17 luglio
Marco Bazzini, Luca Cerizza, Yun Kyoung
Kim, Franziska Nori e Stefano Questioli hanno
selezionato i lavori di Jungju An, Francesco
Arena, Lorenzo Banci, Chiara Camoni, Ludovica Carbotta, Alice Cattaneo, Kichang Choi,
Stefano Cossu, Michael Fliri, Zoè Gruni, Alessandro Imbriaco, Emanuele Kabu, Yunho Kim,
Kyunghwan Kwon, Marco Lampis, Hoin Lee,
Federico Maddalozzo, Domenico Mangano,
Andrea Mastrovito, Domingo Milella, Sungsic
Moon, Margherita Moscardini, Nicola Pecoraro, Luana Perilli, Antonio Puleo, Moira
Ricci, Marinella Senatore, Petar Stanovic,
Sten & Lex, Nicola Toffolini.
Luana Perilli, Untitled, 2009 / Serrone della Villa Reale
9
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / A-C
NABA E ISOLA ART CENTER PER LOASI
GALLERIE E
ASSOCIAZIONI
1000EVENTI
Via Porro Lambertenghi 3/t
tel 0266823916 – www.1000eventigallery.it
Christopher Michlig Punctuality
fino al 22 luglio
AR.RI.VI. Archivio Ricerca Visiva
Via Sandro Botticelli 8/a – tel 0236562537
www.ar-ri-vi.org
Laboratorio da verso, letture e
interazioni fra poesia e arti visive
fino all’11 giugno
Mes amis, les peintres philosophes
23 giugno - 2 luglio
I lavori di 30 artisti, dal XX secolo ad oggi,
compongono la collezione d'artista dello
spazio milanese, opere acquistate o donate
negli anni e che va arricchendosi ancora
oggi. Il fil rouge della collettiva è rintracciabile già nel titolo, richiamo di
un'espressione baudelairiana, “le pietre
che pensano, o qualcosa di simile”.
Luigi Veronesi, Senza titolo, 1956 / Ar.ri.vi. Archivio Ricerca
Visiva
10
Isola Art Center e la Nuova Accademia di Belle Arti promuovono un progetto mirato allo
sviluppo culturale del quartiere Isola. Un gruppo di giovani artisti e curatori è stato chiamato a
dare vita fino al 27 giugno a interventi installativi dislocati lungo il tessuto urbano dello stesso
quartiere, in strade, negozi o aiuole, con una semplice cartina per orientarsi tra esposizioni e
performance. Il progetto dichiara sin tal titolo le sue finalità: innanzitutto la costruzione di una
visione propulsiva di una zona notoriamente tra le più disagiate della regione, un tentativo,
dunque, di utilizzare l'arte pubblica a favore della collettività. È come se i 13 interventi assumessero le sembianze del quartiere stesso, fiduciosi dell'imminente, pare, provvedimento di
riqualificazione urbanistica. Il collettivo temporaneo è composto da Federica Annoni, Martina
Antonioni, Zeynep Arinc, Valentina Brenna, Alessia Brizi, Naima Faraò, Jung Kyunghwa, Elena
Mantoni, Maria Adele Molica, Pierfabrizio Paradiso, Martina Pelacchi, Camilla Pin, Claudia
Sabbatini, Sara Saini, Daniela Silvestrin, Fernanda Uribe e Davide Zanutta.
ARTOPIA
Via Lazzaro Papi 2 – tel 025460582
www.artopiagallery.it
Adel Abidin Ping Pong
fino al 2 luglio
Una donna inerme, distesa su un tavolo da
ping pong si rassegna a fare da rete, accusando sul proprio corpo i colpi inferti durante
la competizione tra due indifferenti antagonisti. Il video che dà il nome alla mostra riflette
così su un gioco di potere legato a tematiche
non esplicitate, tra le quali sono rintracciabili
l’identità culturale, l’emarginazione, la guerra.
ARTRA
Via Francesco Burlamacchi 1 – tel 025457373
www.artragallery.com
Francesco Jodice I have seen this place before
a cura di Angela Madesani
fino al 23 giugno
Il nuovo libro dedicato da Angela Madesani
all’artista napoletano è il pretesto per l’omonima mostra che espone la prima opera del
nuovo progetto At the end of the world, alcuni
scatti dalla serie What we want, il video The
Morocco Affair del 2004 e un estratto dal film
Sao Paulo Citytellers.
ASSAB ONE
c/o Biblioteca Crescenzago – tel 022828546
www.assab-one.org
Ulysses
12 ritratti migranti per Biblioteca Vivente
fino al 31 agosto
Dodici video mettono in scena, negli spazi
della Biblioteca Crescenzago, il lungo viag-
Francesco Jodice, At the end of the world, 2011 / Artra
tutamondo, Irina per il progetto Ulysses / Assab One
Adel Abidin, Ping pong, 2011 / Artopia
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / A-C
gio di Ulisse, leggendo nelle rispettive lingue
versi del quinto canto dell’Odissea di Omero;
la medesima storia, la medesima memoria. In
mostra anche una foto per ciascun artista,
altrettanti ritratti dell'Ulisse allestiti con still
life delle pagine dell'opera nella propria
lingua madre.
GALLERIA CA’ DI FRA’
Via Carlo Farini 2 – tel 0229002108
Sandy Skoglund
fino al 25 giugno
Gianni Berengo Gardin
Peggy Guggenheim e gli amici
dal 30 giugno
FEDERICO BIANCHI CONTEMPORARY ART
Via Imbonati 12 – tel 0239549725
www.federicobianchigallery.com
Bert Theis Inventario #A
a cura di Marco Scotini
fino al 16 luglio
Per lo spazio milanese l’artista sceglie una
raccolta di fotografie, maquette, un video,
un’installazione, un’opera in legno e un’incisione. L’apparente casualità dei lavori – come
Asian Pentagon del 2008 o Fischbehn e
BT2551914 del 2011 – rappresenta in realtà
singole tappe di un percorso lavorativo, in cui
l’esegesi è affidata allo spettatore, come un
anagramma da collocare in un significato e in
una funzionalità.
STUDIO D’ARTE CANNAVIELLO
Via Antonio Stoppani 15 – tel 0220240428
www.cannaviello.net
Marina Ferretti / Tommaso Gorla
9 giugno - 10 settembre
Per entrambi il disegno è trasposizione su
carta di elementi del reale, tratti dal repertorio
animale e vegetale nei lavori di Ferretti – che
ne semplifica le forme nella costruzione
geometrizzante –, e dal campionario di
malinconici scorci quotidiani, sbalzati su
sfondi bianchi, in quelli di Gorla.
BRAND NEW GALLERY
Via Farini 32 – tel 0289053083
www.brandnew-gallery.com
East ex East
a cura di Jane Neal
9 giugno - 30 luglio
Una collettiva di artisti tutti provenienti
dall’Est, sia esso europeo o transcontinentale,
mette in gioco il rapporto tra provenienza
geografica e identità culturale che le modificazioni subite negli ultimi decenni dalle
storie nazionali hanno implicato nell’atteggiamento estetico, amplificando i temi della
libertà negata o aspirata, della memoria
comune, del cambiamento.
Tomasz Kowalski, Tramp, 2011 / Brand New Gallery
sotto: Tommaso Gorla, Senza titolo, 2010 / Studio d’Arte
Cannaviello; a sinistra: Bert Theis, Aggloville, 2007 / Federico Bianchi
Sandy Skoglund, Atomic Love, 1992 / Ca’ di Fra’
CAMERA16 CONTEMPORARY ART
Via Pisacane 16 – tel 0236601423
www.camera16.it
Edgar Martins This is not a House
a cura di Serena Zacheo e Carlo Madesani
9 giugno - 30 luglio
GALLERIA CARDI
Piazza Sant’Erasmo 3 – tel 0229003235
www.galleriacardi.com
Domenico Bianchi / Helmut Dorner /
Nunzio
fino al 31 luglio
In mostra un confronto tra i tre artisti per individuarne le connessioni “astrattive”. Le pareti
accolgono dunque i lavori di Domenico Bianchi – frammenti di scacchiere alternati a unità
geometriche –, i plexiglas ricoperti di lacche di
Helmut Dorner – portatori di forme liquide
cangianti – mentre di Nunzio sono in mostra i
legni portati a combustione, lastre di piombo
curve e tele rese concave dal tiraggio.
Nunzio, Senza titolo, 2010 / Galleria Cardi
11
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / C-D
Tim Berresheim, Phoenix - The Guilty Pleasure (wood) I, 2009
GALLERIA MARIA CILENA
Via Carlo Farini 6 – tel 0229013026
www.mariacilena.it
Déjà vu et jamais
Emelyne Duval / Virginie Stricanne
a cura di Valeria Tassinari
16 giugno - 29 luglio
Due artiste di diverse generazioni messe a
confronto, unite dall’uso della cifra pittorica
quale individuale mezzo di espressione. Stricanne, la più giovane, nei dipinti su cartone
studia il paesaggio negli aspetti reconditi e
celati al primo sguardo disattento, mentre la
Duval si interessa ad episodi dell’attualità su
carte di riciclo con stile da illustratrice.
CARDI BLACK BOX
Corso di Porta Nuova 38 – tel 0245478189
www.cardiblackbox.com
Tim Berresheim
Tropical Dancer (Seeing is believing) 2007-2011
fino al 22 luglio
L'artista tedesco presenta una retrospettiva
sul lavoro degli ultimi 4 anni in cui appare
evidente lo scopo della sua ricerca: oscillando tra il figurativo e l'astratto, Berresheim
usa il collage ma cercando di restituirlo attraverso l’incontro tra pittura e tecnologia.
Immagini su tela, legno o carta vengono
manipolate digitalmente, creando linee e
forme pre-decise in nuovi e complessi
scenari contemporanei.
CIOCCA ARTE CONTEMPORANEA
Via Lecco 15 – tel 0229530826
www.rossanaciocca.it
Cristian Chironi Cut
giugno - luglio
CAREOF DOCVA
Fabbrica del Vapore. Via Procaccini 4
tel 023315800 – www.careof.org
Davide Savorani Green Room
a cura di Chiara Agnello e Roberta Tenconi
fino al 23 luglio
Un intervento performativo in fieri, work in
progress “drammaturgico” che si serve di
lavori vecchi e nuovi, sculture che diventano
elementi attivi come fossero oggetti di scena:
così Savorani concepisce il suo spazio, interstiziale tra la mise-en-scène e il backstage
dell’azione, allo stesso tempo set e dietro le
quinte; un magazzino che fornisce, volta per
volta, il materiale da offrire al pubblico, e che
resterà in mostra anche al termine del ciclo di
performance.
CLICK!GALLERY
Via Privata Maria Teresa 11
tel 3396278074 – www.clickgallerymilano.com
Chimica-mente. Legami di creatività
Federico Basso / Alessandro Busci /
Luca Casonato / Mauro Mariani /
Ludmilla Radchenko / Mario Washington
a cura di Giovanni Pelloso
14 - 24 giugno
Davide Savorani, Green Room, 2011 / Careof DOCVA
12
un lavoro di Virginie Stricanne / Maria Cilena
ANTONIO COLOMBO
ARTE CONTEMPORANEA
Via Solferino 44 – tel 0229060171
www.colomboarte.com
Moby Destroyed
fino al 18 giugno
CORSOVENEZIAOTTO
Corso Venezia 8 – tel 0236505481
www.corsoveneziaotto.com
Eleazar
a cura di Alberto Zanchetta
fino al 22 luglio
La consapevolezza di una vita peritura, inevitabilmente segnata dal suo doppio mortifero,
è il presupposto concettuale di una collettiva
di artisti che non temono il confronto con il
macabro e con la fugacità del memento mori.
Johan & Levi edita il testo Frenologia della
vanitas.
una veduta della mostra Eleazar / Corsoveneziaotto
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / C-D
GALLERIA RAFFAELLA CORTESE
Via Alessandro Stradella 7 – tel 022043555
www.galleriaraffaellacortese.com
Martha Rosler
fino al 30 luglio
Per la prima personale italiana ritroviamo una
selezione di lavori dagli anni ’70 fino ai
recenti fotocollage, ancora una volta rappresentazione di viaggio e di guerra, temi da
sempre prescelti dalla Rosler. E per l’occasione la stessa serie degli anni ’70 attualizzata, alla luce del conflitto tra gli USA e l'Iraq,
attraverso nuove immagini e tecniche, come
in Prospect for Today, Point and shoot o
Invasion del 2008.
ASS. CULT. RENZO CORTINA
Via Mac Mahon 14 – tel 0233607236
www.cortinaarte.it
Clemens Weiss
Paesaggi terrestri / Erdlandschaften
a cura di Andreas Kuhn e Gemma Clerici
7 giugno - 1 luglio
RICCARDO CRESPI
Via Mellerio 1 – tel 0289072491
www.riccardocrespi.com
Talia Keinan Leave the little on when I’m
coming back home at night
a cura di Gabi Scardi
fino al 25 giugno
Intermittenze che baluginano dalla memoria
dell’artista si concretizzano in immagini evocative e poetiche come farfalle e montagne incantate: mentre il primo piano accoglie, oltre a un
video e una scultura, disegni a grafite e collage
fatti di segni delicati e descrittivi, gli altri
ambienti si riempiono dell’oscurità che avvolge
lo spettatore nella video installazione proiettata
su affreschi e disegni a muro.
Riccardo Benassi / Francesca Grilli
dal 6 luglio
L’edizione d’artista di Benassi (Pegasus Druck
und Verla) raccoglie 16 piccoli racconti ispirati
al suo stesso lavoro, mentre The Conversation
della Grilli è un’unica traccia sonora su 33 giri
realizzata per essere re-interpretata da un
sordomuto attraverso le vibrazioni.
MONICA DE CARDENAS
Via Francesco Viganò 4 – tel 0229010068
www.monicadecardenas.com
Linda Fregni Nagler Shashin no Shashin
fino al 30 luglio
sotto: Tanja Roscic, Untitled, 2011 / Galleria Monica De
Cardenas; sopra: Martha Rosler, Prospect for Today, 2008 /
Galleria Raffaella Cortese
L'artista svedese riproduce, fotografandole,
immagini del periodo Meiji, arricchendole
con una ri-creazione dello scenario originale.
“Fotografare la fotografia” espone così 20
scatti di scene di vita giapponese e leggende
orientali.
Tanja Roscic
fino al 30 luglio
Collage cartacei resi per stratificazione e
sculture si riferiscono a scenari surreali, in
cui sono centrali i temi della trasformazione
della materia e quello della transitorietà.
MASSIMO DE CARLO
Via Giovanni Ventura 5 – tel 0270003987
www.massimodecarlo.it
Carsten Höller Animals works
fino all’8 luglio
La deduzione del lavoro da un approccio
scientifico, dato dalla formazione accademica
dell'artista – dai funghi in sezione, alle
gabbie con canarini sino agli elementi rotanti
– la ritroviamo nell'installazione site specific,
nuovi lavori e una sezione speciale dedicata
alla serie dei Mushrooms (Funghi). Per i
lavori editi, tra gli altri in mostra Mäuseplatz
(Mice Square) e Kanarienwaage (Canary
Scale) del 2010.
Carsten Höller, Animals Works, 2011 / Massimo De Carlo
Talia Keinan, Bird flower / Riccardo Crespi
13
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / D-K
ALESSANDRO DE MARCH
Via Ventura 6 – tel 026685580
www.alessandrodemarch.it
Ancora un altro esempio della
porosità di certi confini
Richard Aldrich / Riccardo Baruzzi /
Beni Bischof / Andrea Büttner / Sara Enrico /
Alice Guareschi / Maria Morganti /
Natalie Rognsøy
a cura di Davide Ferri
fino al 23 luglio
GALLERIA DAVIDE DI MAGGIO
Viale Monza 10 – tel 0239663874
www.galeriedavidedimaggio.com
Ola Pehrson
Perversioni Immaginarie / Imaginary Perversion
fino all’11 giugno
Ines Doujak Follow the leader
a cura di Francesca Marianna Consonni
21 giugno - 31 luglio
Rifiuto di ogni tipo di discriminazione,
stereotipo o convenzione sociale, queste le
linee guida del lavoro della Doujak; nella sua
arte, pubblica, ricorre la negazione della
"diversità" socialmente riconosciuta, attraverso l'uso di diversi materiali e forme di
espressione.
EFFEARTE
Via Ponte Vetero 13 – tel 0239198484
www.effeartegallery.com
L’angolo obliquo
Daniele Bacci / Andrea Facco /
Giovanni Termini
a cura di Flavia Fiocchi e Alberto Zanchetta
fino al 25 giugno
L’obliquità del punto di vista è insito nella
proposta di un osservatorio “trasversale” sulle
opere dei tre artisti, che stimolano la riflessione
sulle connessioni tra la fase progettuale e la
realizzazione materiale dell’idea con installazioni e dipinti fortemente improntati al rigore
geometrico e alle dinamiche spazio-costruttive.
In catalogo, i testi dei curatori.
Daniele Bacci, Untitled, 2011 / Effearte
14
FABBRI.CA
Via Antonio Stoppani 15/C - tel 0291477463
www.fabbricontemporaryart.it
Coalesce
Freddy Chandra / Claudio Citterio
a cura di Giorgio Bonomi e Simona Vigo
fino al 18 giugno
La doppia personale è dichiarazione di intenti
già nel titolo: idea di fusione/dialogo tra due
giovani artisti. Chandra installa plexiglas a
parete su cui, con resine e acrilici, crea sfumature luminose, mentre Citterio rende il movimento della materia usando la luce su carta o
cristalli trasparenti. A corredo un catalogo con
testo critico dei curatori.
Presente Futuro
22 giugno - settembre
Claudio Citterio, Morfeo / Fabbri.CA
GALLERIA SANTO FICARA
Via Nerino 3 – tel 0289281179
www.santoficara.it
Sul rilievo
Agostino Bonalumi / Luigi Mainolfi / Nunzio
a cura di Marco Meneguzzo
fino a luglio
Ciascun artista partecipa all’esposizione con tre
lavori appositamente realizzati che denunciano
l’interesse comune per la tecnica del rilievo,
un’attitudine gestita con mezzi espressivi
formalmente e concettualmente distanti, ma che
– come sottolinea il curatore nel testo in catalogo – possono essere accostati sotto la stessa
definizione per proporre un diverso taglio
critico, uno sguardo “storicizzato”.
Agostino Bonalumi, Rosso, 2010 / Santo Ficara
GALLERIA ENRICO FORNELLO
Via Massimiano 25 – tel 0230120123
www.enricofornello.it
Alien Oosting
fino al 15 luglio
Attraverso un complesso processo di sovrapAlien Oosting, veduta dell’installazione, 2011 / Enrico Fornello
posizioni, sdoppiamenti, elisioni e metafore,
l’artista olandese – alla sua prima personale
italiana – utilizza lo spazio come luogo di
decostruzione del linguaggio, sradicandone i
significati insiti nell’assetto ordinario e sottoponendolo al ribaltamento di senso.
GALLERIA GALICA
Viale Bligny 41 – tel 0258430760
www.galica.it
Marco Di Giovanni NORD Distanze siderali
a cura di Antonio Grulli
fino al 1 luglio
Primo di un ciclo di tre mostre, che poi fa
tappa a Bolzano e a Monaco di Baviera, il
lavoro di Di Giovanni comprende installazioni realizzate ad hoc e due performance,
ispirate in gran parte dallo studio di testi antichi norreni, che mirano, nell'intenzione
dell'artista, a dimostrare la profonda distanza
tra noi e le dimensioni siderali.
STUDIO GUASTALLA
Via Senato 24 – tel 02780918
www.guastalla.com
Manuela Carrano Futuro anteriore
fino al 2 luglio
La mostra della Carrano si compone di una
serie di grandi disegni a matite e lightbox che
rovesciano il rapporto uomo-natura: questa
volta è l'ambiente protagonista, in sembianze
di scimmia, ad avere il controllo.
STUDIO GUENZANI
Via Bartolomeo Eustachi 10
tel 0229409251 – www.studioguenzani.it
Andata-Ritorno (Parte seconda)
fino al 29 luglio
Una selezione di opere di artisti di galleria già
esposte in passato nello studio milanese – tra
il 1987 e il 2007; in mostra Stefano Arienti,
Yasumasa Morimura, Laura Owens, Salvatore
Scarpitta, Cindy Sherman e Patrick Tuttofuoco.
a sinistra: Marco Di Giovanni, Stars like rust / Galica; sotto:
Patrick Tuttofuoco, Prelude to Rushomon, 2007 / Studio
Guenzani
Taus Makhacheva, Delinking, 2011 / Impronte Contemporary Art
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / D-K
IMPRONTE CONTEMPORARY ART
Via Montevideo 11 – tel 0248008983
www.impronteart.com
Taus Makhacheva
Affirmative Action (mimesis)
a cura di Marco Scotini
fino al 25 giugno
Versata in azioni urbane e performance contestatorie, Taus Makhacheva fa suoi gli strumenti
dell’indagine etnografica per portare a galla i
simboli della realtà culturale del Dagestan la cui
radice tribale non stenta a indebolirsi, non
senza ricadute politiche e sociali. I video esposti, da Rehlen a Karakul, inscenano la mimetica
incursione di personaggi archetipici nel contesto ambientale di riferimento.
KAUFMANN REPETTO
Via di Porta Tenaglia 7 – tel 0272094331
www.kaufmannrepetto.com
Candice Breitz Factum
fino al 29 luglio
RITRATTI DI CANDICE BREITZ IN MOSTRA DA KAUFMANN REPETTO
L'artista opera un processo di identificazione del sé come condizione imprenscindibile della
diversità. Per dimostrare il suo postulato utilizza, attraverso il mezzo filmico, coppie di
gemelli omozigoti. Così Factum diventa un'intervista ai singoli, invitati al racconto del
rapporto con la famiglia e il proprio gemello, fino ad ottenere una descrizione dell'intero
tessuto di relazioni. Il risultato è una doppia proiezione simultanea, e dunque la rappresentazione, cercata, di una narrazione delle differenze, spesso forzata dalla Breitz che attraverso
il suo montaggio punta a sottolineare le bugie, le contraddizioni e dunque ad operare un
processo di "smascheramento". In un'altra sala dello spazio il video in scena The Character
ritrae i bambini di una scuola di Bombay a cui vengono sottoposte individualmente pellicole
incentrate sulla vita avversa del protagonista di turno. Chiedendone poi il racconto a
ciascuno, la risultante è una omologazione pervadente dell'immagine condivisa dell'eroe.
Candice Breitz, Factum Tremblay, dalla serie Factum, 2009 /
Kaufmann Repetto
15
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / K-O
KALEIDOSCOPE PROJECT SPACE
Galleria Buenos Aires 10
tel 0236535563 – www.thekaleidoscope.eu
Alberto Martini / Paul Sietsema
a cura di Eva Fabbris
fino all'11 giugno
Opere grafiche per Martini, dalla costante del
grigio nella serie ispirata ai racconti di Edgar
Allan Poe, e un film per l'americano Sietsema, primi piani dei suoi tavoli di lavoro
quale traccia della produzione e sguardo
sulle pratiche privilegiate.
LE CASE D’ARTE
Via Circo 1 – tel 028054071
www.lecasedarte.com
Greetings from Venice
Cindy Sherman / Rosemarie Trockel /
Fischli & Weiss
25 giugno - fine luglio
LORENZELLI ARTE
Corso Buenos Aires 2 – tel 02201914
www.lorenzelliarte.com
Colour moves Surface
fino al 16 luglio
La collettiva nello spazio milanese si pone
come riflessione sulla tecnica coloristica,
passando in rassegna il lavoro di 12 artisti,
diversi per pratiche e intenzioni, ma tutti considerati maestri nell'uso del colore stesso.
Paul Jenkins, Phenomena annex of red eminence, 19881990 / Lorenzelli Arte
16
FEDERICO LUGER
Via Ventura 5 – tel 0267391341
www.federicolugergallery.com
Lorenza Boisi Water and Me
Bruna Esposito in teca
fino al 1 luglio
Water and Me della Boisi mette in scena
dipinti della sua produzione più recente, tele
di grande formato che ci conducono al centro
della sua profonda ricerca pittorica, ambienti
notturni e misteriosi; mentre in teca di Bruna
Esposito fa da contraltare con le piccole
opere racchiuse in tutta la loro delicatezza in
strutture di vetro installate alla parete.
GIÒ MARCONI
Via Tadino 15 – tel 0229404373
www.giomarconi.com
Wade Guyton Couleur et Fabrication
fino al 23 luglio
Pagine di un catalogo di lampade italiano
degli anni '60, rese sovrapposizioni di linee
geometriche attraverso l'uso di una stampante tradizionale, compongono la personale
italiana dell'artista americano, noto per i
collage/stratificazioni di immagini cartacee. Il
seminterrato dello spazio accoglie così una
Wade Guyton, Untitled, 2009 / Giò Marconi
Lorenza Boisi, una veduta della mostra Water and me, 2011
/ Federico Luger
serie di "disegni" del 2009 e per l'occasione
realizza un libro d'artista con le opere in
mostra.
segalega
fino al 23 luglio
X
fino al 23 luglio
STUDIO MARCONI ’65
Via Tadino 17 – tel 0229511297
www.studiomarconi.info
Man Ray Femmes e La Mode au Congo
fino al 29 luglio
Per la retrospettiva dedicata a Man Ray 50
fotografie scattate alla moglie Juliet tra il
1941 e il 1955 per due serie, Femmes e La
Mode au Congo. Nella prima, immagini di
volti, per Ray l'essenzialità dell'intero corpo
femminile; nella seconda ritroviamo invece la
serie dei copricapo trasformati in oggetti
d'uso comune, vere e proprie foto di moda
ma dal consueto tono ironico dell'artista.
Man Ray, Femmes, 1930-1981 / Studio Marconi
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / K-O
MARCOROSSI ARTE CONTEMPORANEA
Corso Venezia 29 – tel 02795483
www.marcorossiartecontemporanea.it
Santiago Ydañez Gelifracciones
fino al 18 giugno
La pittura di Ydañez si rivela attraverso note
contrastanti, che pongono fianco a fianco
dipinti di forte impatto cromatico-visivo e
rappresentazioni “fredde” di animali e paesaggi
invernali, autoritratti e ritratti sottoposti
all’ispessimento della membrana di colore,
quasi a camuffare e congelare l’agitazione
emotiva che scuote segretamente il soggetto.
Francesco Simeti, una veduta dell’installazione Wasteland, 2011 / Francesca Minini
compongono la mostra di Ferrari concentrata
sulla produzione degli anni '70. Sono esposte
anche le tele bianche dedicate al ruolo dell'artista, e Traccia, primo step di un progetto editoriale monotematico curato con Paolo Della
Grazia e Lorena Giuranna.
Santiago Ydañez, Senza titolo, 2011 / Marcorossi
GALLERIA MILANO
Via Manin 13 – tel 0229000352
www.galleriamilano.com
Vincenzo Ferrari Lo spazio del tempo
fino al 20 luglio
Lavori su tela o tavola e "carte fotografiche"
Vincenzo Ferrari, Sator Arepo tenet opera rotas, 1972 ca /
Galleria Milano
FRANCESCA MININI
Via Massimiano 25 – tel 0226924671
www.francescaminini.it
Francesco Simeti Wasteland
fino al 23 luglio
Evoluzione di Bensonhurst Gardens –
progetto per il metrò di New York – in Wasteland Simeti ricrea una natura selvaggia,
elementi erbacei ripresi da antiche illustrazioni botaniche, fonti dei suoi lunghi studi,
che conducono dal senso di straniamento
sino alla paura. Mentre Scene di Disordine e
Confusione ricostruisce in video l'ideale
viaggio dei pellegrini attraverso i paesaggi
dell'Europa medioevale.
O’
Via Pastrengo 12 – tel 0266823357
www.o-artoteca.org
Why Off Landscape town
fino al 24 giugno
Alessandro Sciaraffa, Fabrizio Rosso e Pietro
Luca Congedo espongono un’installazione/
performance sonora specchio dell'immagine
e dei suoni della città frenetica. Il lavoro si
una veduta dell’installazione Landscape Town, 2011 / O’
basa su un'articolata tecnica di amplificazione: le bottiglie vengono mosse dall'aria
dei phon, regolati da potenziometri, e
"suonate" da bacchette, mentre ciascun
suono viene elaborato contestualmente
all'emissione.
OSART GALLERY
Via Antonio Fogazzaro 11 – tel 0254075553
www.osartgallery.com
Fuori dal caos tra intelligenza
e bellezza
Annabel Daou / Marco Maggi
a cura di Daniela Palazzoli
fino all’8 luglio
A partire dal pavimento, tappeto di fogli di
carta con cui Maggi accoglie lo spettatore –
prima di arrivare ai tagli inferti alle opere a
parete –, la mostra si completa con la Babele
linguistica della Daou, lettere confuse e segni
reiterati, che testimoniano il caos della comunicazione contemporanea.
17
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / O-R
Marjolijn De Wit, Untitled, 2010 / Otto Zoo
OTTO ZOO
Via Vigevano 8 – tel 0236535196
www.ottozoo.com
Marjolijn De Wit Abstract Gardening
fino al 15 luglio
Dipinti su tela, gouache, serigrafie, collage e
sculture sono, attraverso la metafora del giardinaggio, critici rimandi al rapporto tra uomo
e natura: dal prelievo di materiali organici e
artificiali, ma pure dall’assemblaggio di
soggetti che rimandano a “manipolate” nature
morte, deriva l’immagine di un paesaggio
controllato e antropizzato, che non conserva
più nulla della sua purezza originaria.
GALLERIA PACK
Foro Buonaparte 60 – tel 0286996395
www.galleriapack.com
Marco Neri Giardini
7 giugno - 30 settembre
Dipinti, sculture e collage sono il ricordo di
Neri della Biennale del 2001; un percorso
virtuale attraverso i padiglioni, sviluppando
la tecnica pittorica "adesiva" del nastro, la
prevalenza del bianco e nero nella ricostruzione delle strutture architettoniche e l'uso
dei filamenti o dei tratti a mano fanno della
pittura quasi dei collage, fatti di codici, cifre
grafiche o sorta di geroglifici.
18
PEEP-HOLE PROJECT SPACE
Via Panfilo Castaldi 33 – tel 3385694112
www.peep-hole.org
Dalia Dudenaite & Elena Narbutaite
Sleeper
a cura di Virginija Januškeviciute e
Valentinas Klimašauskas
fino al 16 luglio
Seconda tappa del progetto Six Ways to
Sunday, che quest'anno vede lo spazio milanese farsi project room satellite del CAC di
Vilnius, la mostra raccoglie alcuni lavori di
due giovani artiste lituane. La prima con
installazioni e still da video, la seconda con
diapositive e videoinstallazioni, entrambe a
creare come uno sguardo furtivo da parte
dell'osservatore all'interno di uno spazio
intimo e riservato.
PHOTOLOGY
Via Moscova 25 – tel 026595285
www.photology.com
Pertti Kekarainen TILA - New works
fino al 29 luglio
Elena Narbutaite, Dust Lady, 2010 / Peep-Hole Project Space
PIANISSIMO
Via Giovanni Ventura 6 – tel 3396598192
www.pianissimo.it
Common Room
Steve Bishop & Jack Vickridge /
Samuel Fouracre / Dean Kissick /
Eddie Peake / Dan Shaw-Town
fino al 18 giugno
Per il nuovo project + sono gli artisti della
Cristopher Crescent di Londra ad essere invitati ad esporre, in un programma di residenza
temporanea in cui la galleria lascia carta
bianca ai suoi ospiti: dalle monoprint di
Bishop & Vickridge, alle immagini del desiderio di Fourace, fino ai lavori di Peake.
Marco Neri, Giardini (Israele), 2011 / Galleria Pack
Eddie Peake, una veduta della mostra Common Room, 2011 /
Pianissimo
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / O-R
POLIFEMO
Fabbrica del Vapore. Via Procaccini 4
tel 0236521349 – www.polifemo.org
Russia 1991: un altro luogo,
un altro tempo
Alessandra Attianese / Bruna Orlandi
20 giugno - 5 luglio
Attraverso un reportage di 50 scatti, le due
fotografe raccontano per immagini la storia
recente della Russia, dal crollo dell’URSS alla
fine misteriosa di Anna Politkovskaja, uccisa
nel 2006 a Mosca in un attentato senza
colpevole.
PROGETTOARTE-ELM
Via Fusetti 14 – tel 0258123147
www.progettoarte-elm.com
Fuzzy art. Arte di confine
a cura di Giuditta Deodato
23 giugno - 15 luglio
Fariba Ferdosi, Liana Ghukasyan, Andreij
Maksimjuk, Rahim Milani, Toba Toba, Mona
Zehtabchi sono giovani artisti, dalle differenti
provenienze territoriali, che lavorano in Italia.
Tutti, con le loro tecniche tra le più varie, sono
stati chiamati a ragionare sul concetto di "arte
di confine", definita fuzzy art, che sta a indicare
i mutevoli contorni delle definizioni, delle categorie e delle opere stesse.
in basso: Fariba Ferdosi, Gregge / Progettoarte-elm; a
destra: Santiago Sierra, NO, Global Tour, 2009-11 / prometeogallery di Ida Pisani
PROJECT B CONTEMPORARY ART
Via Borgonuovo 3 – tel 0286998751
www.projectb.eu
Zhang Huan Ash Banquet
fino al 22 luglio
PROMETEOGALLERY di Ida Pisani
Via Giovanni Ventura 3 – tel 0226924450
www.prometeogallery.com
Santiago Sierra
fino al 29 luglio
GALLERIA RUBIN
Via Bonvesin de la Riva 5 – tel 0236561080
www.galleriarubin.com
Gehard Demetz Mutterland
fino al 30 giugno
In mostra 20 lavori caratterizzati dalla
tensione dell'artista verso l'imperfezione: nel
caso del legno vengono assemblati pezzetti in
maniera volutamente incompleta, mentre per
Zhang Huan, Ash Banquet, 2011 / Project b Contemporary Art
Gehard Demetz, Don't think twice it's all right, 2010 / Rubin
il bronzo sono evidenti le depressioni della
scultura, vuoti ricercati nei volti dei bambini
prescelti.
PROMETEOGALLERY. I 20 ANNI DI CARRIERA DI SANTIAGO SIERRA
Per l'occasione Sierra presenta una selezione dei lavori più noti. Innanzitutto il film NO,
Global Tour, in anteprima nazionale a Milano e Lucca, a documento dell'omonimo progetto:
una scultura alta tre metri della parola no in legno nero, partita da Lucca, in camion, nel 2009
e tutt'ora in viaggio. Il racconto del giro del mondo dell'opera rappresenta il primo lavoro
cinematografico dell'artista spagnolo. In mostra ritroviamo anche il suo unico video a colori,
Cubo de pan e la fotografia di grandi dimensioni Edificio iluminado – realizzati entrambi in
Messico nel 2003; nel primo caso si trattava della testimonianza della realizzazione di un
cubo di pane duro delle dimensioni 90x90 centimetri e offerto ad un gruppo di indigenti, nel
secondo dell'illuminazione, con grandi proiettori, di un edificio nel centro di Città del
Messico, danneggiato durante il terremoto del 1985 e di seguito abbandonato. Inoltre una
serie di fotografie delle prime performance realizzate in Europa e Sud America.
19
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / R-T
di un gruppo di artisti, da Claude CollinsStracensky – che ferma su pellicola il riverbero del sole in declino – alle Tavole di Silvio
Wolf, invase dalla proliferazione erbacea.
Vanessa Beecroft, VB70, 2011 / Lia Rumma
LIA RUMMA
Via Stilicone 19 – tel 0229000101
www.liarumma.it
Vanessa Beecroft
dal 7 giugno
Il piano terra accoglie la performance VB70 che
riprende il filo della recente ricerca della
Beecroft, la suggestione formale ispirata dai
materiali della statuaria classica – i marmi e le
pietre grezze dei pezzi che fungono da scenografia, e quelli che al primo piano costituiscono
le sculture della serie VB MARMI – ma pure la
consueta riflessione sul corpo “impersonata”
dalle 10 modelle, nude e bloccate in movimenti
rallentati, in un tempo quasi sospeso.
NICOLETTA RUSCONI
Corso Venezia 22 – tel 02784100
www.nicolettarusconi.com
In a favourable light
21 giugno - 7 settembre
Valore simbolico e fisica immanenza si
fondono nella ritualità magica che la tradizione popolare attribuisce alla luce, veicolo di
forza e strumento salvifico: il suo potere generativo e favorevole ha ricadute sulla fotografia
GALLERIA SAN FEDELE
Via Hoepli 3/a-b – tel 0286352233
www.sanfedele.net
“… e quindi uscimmo a riveder
le stelle” dove sono?
fino al 2 luglio
GALLERIA SAN LORENZO
Via Sirtori 31 – tel 0274236426
www.arte-sanlorenzo.it
Còrdova
testo di Davide Bramante
15 giugno - 10 luglio
MIMMO SCOGNAMIGLIO
Corso di Portanuova 46/b – tel 0236526809
www.mimmoscognamiglio.com
Giovanni Manfredini Veni Sancte Spiritus
fino al 25 luglio
Dalla collaborazione con Ennio Morricone
nascono le visioni metafisiche di Manfredini,
sfere galleggianti nel buio abissale ed immagini estatiche che imprimono nel contrasto
del bianco e nero i toni chiaroscurali ispirati
alla musica del compositore. In mostra anche
disegni a grafite, collage e carte bruciate, che
rimandano a suggestioni caravaggesche.
a sinistra: Claude Collins Stracensky, Untitled (Sun rock,
after A Walk at Dusk. Angeles National Forrest, CA), 200409 / Nicoletta Rusconi; in basso: Giovanni Manfredini, Senza
titolo, 2009 / Mimmo Scognamiglio
Michael Schmidt, Untitled (from 89/90), 1989-90/2009 / Shammah
GALLERIA SUZY SHAMMAH
Via San Fermo / Via Moscova 25
tel 0229061697 – www.suzyshammah.com
Michael Schmidt
fino al 25 giugno
Un grande paesaggio innevato al centro, tra
fotografie dell' '89/'90 di Berlino, prima e
dopo la caduta del muro; il tentativo è quello
di accompagnare chi guarda in una scoperta
della memoria, servendosi di una selezione di
immagini tra cui, sin dall'allestimento scelto,
sembra esserci un unico filo ad unirle.
GALLERIA CARLA SOZZANI
Corso Como 10 – tel 02653531
www.galleriacarlasozzani.org
Growth
9 giugno - 31 luglio
Per la terza edizione del Prix Pictet – premio
creato dalla banca svizzera Pictet & Cie con
l’obiettivo di diffondere, attraverso il mezzo
fotografico, i temi legati alla sostenibilità
Edward Burtynsky, Highway #5, 2009 / Galleria Carla
Sozzani
20
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / R-T
ambientale – l’argomento cardine è la
crescita, affrontata nelle sue molteplici accezioni: dall’aumento del fabbisogno medio alla
sovrappopolazione urbana, fino agli eccessi
consumistici delle società capitaliste.
ERMANNO TEDESCHI GALLERY
Via Santa Marta 15 – tel 0287396855
www.etgallery.it
Alex Pinna Waiting for
fino al 27 luglio
CHRISTIAN STEIN
Corso Monforte 23 – tel 0276393301
Bernard Frize
fino al 16 settembre
GALLERIA TEGA
Via Senato 24 – tel 0276006473
www.galleriatega.it
Elementi spaziali
Bonalumi / Castellani / Dadamaino / Scheggi
fino al 23 luglio
La collettiva confronta i diversi modi dei 4 artisti di intendere la forma quadro, leggendone i
risultati alla luce dei cambiamenti che si
stavano verificando negli anni della loro
produzione. Uno studio sui differenti "modelli
spaziali", analizzandone lo sviluppo del
pensiero e della ricerca. A corredo della mostra
il catalogo a cura di Elena Forin con una selezione di testi, immagini e testimonianze.
sopra: Bernard Frize, Resi, 2008 / Christian Stein; sotto: Alex
Pinna, Waiting for, 2011 / Ermanno Tedeschi Gallery
Paolo Scheggi, Intersuperficie curva azzurro, 1967 / Tega
ALEX PINNA. IN ATTESA DI UN PRECARIO EQUILIBRIO
Per la personale presso la sede milanese della galleria Ermanno Tedeschi Pinna ci accompagna in una dimensione sospesa, un racconto di cui non ci svela alcun finale. Ecco allora che
in Waiting for le due sedie scultura al centro dello spazio espositivo, oltre ad essere un naturale luogo di attesa, diventano incontro tra storie diverse che nel confronto trovano inaspettati
risvolti, storie altresì suggerite dalle 7 esili figure sostenute da altrettanti trampolini che fuoriescono dalle pareti. A questo rapporto mira ancor di più una figura dolcemente appoggiata al
muro nell’atto di ascoltare, che tende a creare un’empatia accentuata dalle dimensioni quasi
realistiche della scultura. Alex Pinna mira dunque a ripensare il ruolo della scultura come
materia, forma o racconto, ma non ha mai abbandonato il mezzo pittorico, per lui strumento
di ricerca, come è reso evidente nelle due tele che chiudono il percorso espositivo, nelle quali
i colori tenui creano un orizzonte rarefatto dal quale emergono lune colorate.
THE FLAT MASSIMO CARASI
Via Paolo Frisi 3 – tel 0258313809
www.carasi.it
More news from nowhere
Emmanuelle Antille / Guido Bagini / Michael
Bevilacqua / Scott Campbell / Paolo Cavinato /
Cristiano De Gaetano / Edward Del Rosario /
Greta Frau / Pesce Khete / Michael
Johansson / Filippo La Vaccara / Patte
Loper / Asuka Ohsawa / Oliver Pietsch /
Michelangelo Penso / Dean Sameshima
giugno - luglio
Scott Campbell, Santa Muerte, 2011 / The Flat
GALLERIA TOSELLI
Via Mario Pagano 4 – tel 0233614273
www.galleriatoselli.com
Giampaolo Truffa New fly zone
testo di Elena Pontiggia
giugno
Truffa, nella sua visione "siderale" del mondo,
dipinge tutto come le nuvole, cambiando poi
le sfumature cromatiche dello sfondo del cielo
e dei margini delle cose. Si tratta di un mondo
“leggero... di geometrie non violente” seppure
abitato da personaggi momentanei, destinati
all'ineluttabile trasformazione.
Giampaolo Truffa, Giardino, 2010 / Galleria Toselli
21
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / U-BS
tando la mancanza di un’educazione appropriata decide di lasciare gli USA chiedendo
asilo politico ovunque. Alla fine arriva a
programmare la sua stessa morte esponendola nell'ultimo lavoro, di cui la video installazione della Bovino è la riproduzione in
scala presso un'università americana.
VIR VIAFARINI-IN-RESIDENCE
Via Farini 35 – tel 0266804473
www.viafarini.org
Fausto Falchi / Hannah Heilmann
maggio - luglio
Marysia Gacek, My Name is Wendy, 2011 /
Unosolo_project room
UNOSOLO_PROJECT ROOM
Via Broletto 26 – tel 0697613696
www.unosunove.com
Marysia Gacek My name is Wendy
fino all’11 giugno
Fausto Falchi, Sciopero a gatto selvaggio / Viafarini-inResidence
VIAFARINI DOCVA
Fabbrica del Vapore. Via Procaccini 4
tel 0266804473 – www.viafarini.org
Loredana Di Lillo Animal
fino all’11 giugno
Emily Verla Bovino
On Promissory Futures and Speculative
Pasts, as Observed by the Hyperthymesic RK
a cura di Milovan Farronato
21 giugno - 29 luglio
Bovino realizza un intervento di cui è protagonista l'artista americano RK, che lamen-
STUDIO VISCONTI
Corso Monforte 23 – tel 02795251
www.studiovisconti.net
Aaron Young
fino al 22 luglio
I grovigli di colore su supporto di alluminio e
legno sono il risultato di azioni acrobatiche
che Young dirige, invitando motociclisti e
skateboarder ad atterrare e attraversare la
“base” da lui appositamente preparata. In
mostra, oltre a 9 grandi opere su parete,
anche 2 sculture in ferro e oro.
Emily Verla Bovino, On Promissory Futures and Speculative
Pasts, as Observed by the Hyperthymesic RK, 2011 / Viafarini
Aaron Young, una veduta della mostra, 2011 / Studio
Visconti
22
WANNABEE GALLERY
Via Thaon de Revel 3 – tel 0236518733
www.wannabee.it
Claudio Monnini La sindrome di Ulisse
a cura di Viviana Siviero
fino al 20 giugno
ZERO...
via Tadino 20 – tel 0287234577
www.galleriazero.it
segalega
fino al 22 luglio
Anello di congiunzione tra le due sedi della
mostra – una collettiva che propone 18 artisti e che nasce dalla collaborazione tra Zero...
e Giò Marconi – è la condivisione di spazi
limitrofi, di una medesima realtà territoriale e
culturale, sottolineata nel giorno dell’inaugurazione dalla performance “ubiqua” di
Marcello Maloberti, realizzata sfruttando le
sale di entrambe le gallerie.
JEROME ZODO CONTEMPORARY
Via Lambro 7 – tel 0220241935
www.jerome-zodo.com
Jaša Bloom
fino al 10 settembre
L’azione di Jaša interviene nel nuovo spazio
della project room – inaugurata per accogliere giovani artisti italiani ed internazionali
in un luogo liminare e sperimentale –
costruendo una “stanza nella stanza”, con un
allestimento che richiama l’ambiente privato
di un salotto sui generis: le pareti decorate si
oppongono all’apertura della saracinesca,
che funge da collegamento significante tra
esterno e interno.
Jaša, una veduta della mostra Bloom, 2011 / Jerome Zodo
Contemporary
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / U-BS
tima allo spazio di galleria. Qui ritroviamo
Samuel Fortunato e le foto disorientanti di
Paolo Baraldi; Jacopo Sana con autoritratti in
molteplici ruoli, e Martina Viganò e Anna
Arzuffi impegnate sulla condizione femminile.
Davide Tranchina, Camera vista cosmo, 2010 / Traffic
Gallery
una veduta della mostra di Felice Levini / Zonca & Zonca
ZONCA & ZONCA ARTE CONTEMPORANEA
Via Ciovasso 4 – tel 0272003377
www.zoncaezonca.com
Felice Levini Camere da viaggio
testo di Marco Meneguzzo
fino al 18 luglio
L'artista romano presenta alcuni disegni, 2
grandi dipinti e un'installazione/scrigno
apparentemente chiusa nell'esteriorità parallelepipeda, ma al contrario all'interno ricca di
indizi su una dimensione "altra": opere in
miniatura curate da occhio attento al minimo
dettaglio. A corredo della mostra il catalogo
omonimo.
quattro artisti che attraverso formalità e tecniche differenti sono però accomunati dall'indagine sui concetti di spazio, luce, percezione e colore.
TRAFFIC GALLERY
Via San Tomaso 92 – tel 0350602882
www.trafficgallery.org
Tracciabili. Segni di apparenti
sparizioni e ritrovamenti
a cura di Sara Mazzocchi
fino al 18 giugno
Il binomio perdita/ritrovamento è il fil rouge
degli 11 lavori esposti a Porta Sant'Agostino
e lungo il percorso che congiunge quest'ul-
BRESCIA
A PALAZZO GALLERY
Piazza Tebaldo Brusato 35 – tel 0303758554
www.apalazzo.net
Isabelle Cornaro
Nikolas Gambaroff
Oscar Tuazon & Eli Hansen
fino al 13 settembre
Tre personali per tre artisti che affrontano con
mezzi differenti una pluralità di temi: se
Cornaro si serve di molteplici media per
visualizzare gli esiti della contaminazione di
reperti della storia dell’arte, Tuazon vira la
riflessione sulle istanze legate all’occupazione e alla costruzione dello spazio –
stavolta in collaborazione con Hansen –,
mentre Gambaroff investe la pittura di
rimandi metalinguistici.
da sinistra: Oscar Tuazon & Eli Hansen, Half way theme,
2010; Oscar Tuazon, An Error, 2010 / A Palazzo
BERGAMO
GALLERIA FUMAGALLI
Via Paglia 28 – tel 035210340
www.galleriafumagalli.com
The artists will be present
Giovanni Anselmo / Enrico Castellani /
Maurizio Mochetti / Maurizio Nannucci
a cura di Annamaria Maggi
fino al 22 ottobre
In mostra lavori storici, dalla fine degli anni
'60 a quella degli anni '80 e più recenti, dei
23
GALLERIE E ASSOCIAZIONI / BS-CO
GALLERIA AGNELLINI ARTE MODERNA
Via Soldini 6/a – tel 0302944181
www.agnelliniartemoderna.it
Jim Dine
a cura di Dominique Stella
fino al 24 settembre
MASSIMO MININI
Via Apollonio 68 – tel 030383034
www.galleriaminini.it
Paolo Novelli Interiors
a cura di Arturo Carlo Quintavalle
fino al 17 settembre
In mostra fotografie inedite realizzate con la
paziente, e ossessiva, attesa tipica del mezzo
analogico, in cui Novelli ha impresso immagini evocative di gallerie, dove a fatica si
riesce a distinguerne i tratti.
Ian Hamilton Finlay Mean Terms
fino al 17 settembre
La selezione di opere dall’archivio di Hamilton
Finlay si riferisce ai temi principali affrontati
nelle sue installazioni, come la natura, il mare,
o il classicismo.
24
PACI ARTE
Via Trieste 48 – tel 0302906352
www.paciarte.com
Staged Photography
fino al 20 settembre
Una collettiva dedicata alla fotografia scenografica di artisti che, aderendo ad una visione
mimetica e anti-naturalistica della realtà,
imbastiscono performance sullo sfondo di un
set minuziosamente allestito.
COMO
ROBERTA LIETTI
Via Diaz 3 – tel 031242238
www.robertalietti.com
Valerio Gaeti Reggo lo specchio alla natura
fino all’11 giugno
Scultura e artigianato si fondono nel lavoro di
Gaeti, che si accosta alla citazione shakespeariana del titolo per esplicare il proprio convincimento estetico, orientato a concepire l’oggetto
artistico come l’immagine della natura riflessa
nello specchio dell’artista. La Vita Felice edita il
catalogo/diario/album con testi di Levi, Dorfles,
Belpoliti, Cerritelli, Cecchetti, Porro e Peduzzi.
sotto: Valerio Gaeti, I mali mutano lenti, 2008 / Roberta Lietti;
a destra Paolo Novelli, The hole, 2007 / Massimo Minini
ALLEGRETTI ARTE CONTEMPORANEA
Via S. Francesco d’Assisi, 14
tel 011 5069646
www.allegretticontemporanea.it
Sergio Ragalzi Nero
fino al 21 giugno
GALLERIA MARTANO
Via Principe Amedeo, 29 – tel 011 8177987
www.galleriamartano.it
Ketty La Rocca
Un’artista concettuale negli anni ’70
fino al 30 giugno
GUIDO COSTA PROJECTS
Via Giuseppe Mazzini, 24 – tel 011 8154113
www.guidocostaprojects.com
Peter Friedl
fino al 31 Luglio
FRANCO NOERO
Via Giulia di Barolo, 16/d – tel 011 882208
www.franconoero.com
NewProjectSpace. Piazza Santa Giulia, 0/F
Jeff Burton
fino al 30 giugno
SiteSpecific. Piazza Santa Giulia 5
Simon Starling
fino al 20 ottobre
E/STATIC c/o BLANK
Via Parma, 31– tel 011 235140 – www.estatic.it
Luca Vitone Una domenica a Wiepersdorf
fino al 6 novembre
c/o Blank - Via Reggio, 27
Rolf Julius Gray Music #1
fino al 16 luglio
GAGLIARDI ART SISTEM
Corso Vittorio Emanuele II, 90
tel 011 19700031 – www.gasart.it
Arte contemporanea tra Venezia e Torino
fino al 23 luglio
GALLERIA FRANCO SOFFIANTINO
Via Rossini, 23 – tel 011 837743
www.francosoffiantino.it
Melanie Gilligan Popular unrest
fino al 16 luglio
ERMANNO TEDESCHI
Via Carlo Ignazio Giulio, 6 – tel 011
4369917
www.etgallery.it
Collage
a cura di Luca Beatrice
fino al 30 giugno
IN ARCO
Piazza Vittorio Veneto, 3 – tel 011 8122927
www.in-arco.com
Europa / America
La fotografia al femminile
Vanessa Beecroft / Candida Höfer / Cindy
Sherman / Francesca Woodman
fino al 16 luglio
NORMA MANGIONE GALLERY
Via Matteo Pescatore, 17 – tel 011 5539231
www.normamangione.com
Michael Bauer Horns (Tungs)
fino al 16 luglio
PHOTO & CONTEMPORARY
Via dei Mille, 36 – tel 011889884
[email protected]
Luigi Cariglio Sleeping beauties
fino al 27 giugno
PAOLO TONIN ARTE CONTEMPORANEA
Via San Tommaso, 6 – tel 011 19710514
www.toningallery.com
Radu Dragomirescu Mezzobosco
fino al 20 luglio
ALBERTO PEOLA
Via della Rocca, 29 – tel 011 8124460
www.albertopeola.com
Gabriele Arruzzo L’affossamento
fino al 26 luglio
GIORGIO PERSANO
Via Principessa Clotilde, 45 – tel 011
4378178
www.giorgiopersano.org
Susan Norrie Notes for transit
fino al 27 luglio
TUCCI RUSSO
Torre Pellice. Via Stamperia, 9
tel 012 1953357 – www.tuccirusso.com
Gianni Caravaggio L’isola del giorno dopo
Tony Cragg It is, it isn’t
fino al 30 settembre
WEBER & WEBER
Via San Tommaso, 7 – tel 011 19500694
Jean Revillard Jungles
fino al 23 luglio
25
FIRENZE.
BIAGIOTTI PROGETTO ARTE
Via delle Belle Donne, 39/r
tel 055 214757 – www.artbiagiotti.com
Bangkok Density
Pattara Chanruechachai / Kornkrit Jianpinidnan
/ Arin Rungjang
a cura di Pierluigi Tazzi
dal 23 giugno
LA CORTE ARTE CONTEMPORANEA
Via de’ Coverelli 27/r – tel 348 6401164
www.lacorteartecontemporanea.it
Linda Lieberman A Sea of Awareness
fino al 15 giugno
SANTO FICARA
Via Ghibellina, 164/r – tel 055 2340239
www.santoficara.it
Ennio Ludovico Chiggio
Alternanze dinamiche
fino a fine giugno
SUN STUDIO74ROSSO
Via San Zanobi, 74 rosso – tel 055 487246
www.sunsite.it
“dove è la città?” “where is the
city?”
Lapo Binazzi (U.F.O.) / Fabio Cresci /
Ingrid Hora / Tassilo Letzel / Robert Pettena
/ Kevin Van Braak
a cura di Lorenzo Bruni
fino al 20 giugno
LIVORNO.
GALLERIA PECCOLO
Piazza della Repubblica, 12 – tel 0586 888509
Agenore Fabbri La materia
a cura di Roberto Peccolo
fino al 30 giugno
LUCCA.
GALLERIANUMERO38
Via del Battistero, 38 – tel 0583 491104
www.gallerianumero38.com
Luca Gaddini Lo sguardo celibe
a cura di Alessandro Romanini
fino al 14 giugno
PIETRASANTA.LU
GALLERIA CARDI
Via Padre Eugenio Barsanti, 45/47
tel 0584 793578 – www.galleriacardi.com
Domenico Bianchi
fino al 19 giugno
Giuseppe Uncini Opere anni ’60 - anni ’90
26
25 giugno - 24 luglio
Italian Artists
30 luglio - 21 agosto
Cabinet. Piazza Duomo 5
Cabinet 02 Peter Wuthrich
9 - 28 giugno
Cabinet 03 Bertozzi & Casoni
1 - 31 luglio
Cabinet 04 Paolo Canevari
5 - 31 agosto
FORTE DEI MARMI.LU
POLESCHI ARTE
Via Giuseppe Mazzini, 9b
tel 0584876161 – www.poleschiarte.com
Ala Trame Esistenziali
a cura di Luciano Caprile
18 giugno - 31 luglio
PRATO.
GALLERIA GENTILI
Via del Carmine, 11 – tel 0574 606986
www.galleriagentili.it
Olaf Metzel Stai zitto quando parli
fino al 30 giugno
PISTOIA.
SPAZIO A
Via Modenese, 165 – tel 0573 977354
www.spazioa.it
Adrien Missika Tropical Prospects
fino al 30 giugno
SIENA.
GALLERIA ZAK
via San Martino, 25/27 – tel 05771656902
www.galleriazak.com
Ronald Moran
Terrible Softness / Terribile morbidezza
a cura di Antonio Arevalo e Gaia Pasi
fino al 20 giugno
SAN GIMIGNANO.SI
CONTINUA
Via del Castello,11 – tel 0577 943134
ww.galleriacontinua.com
Sabrina Mezzaqui
ciò che la primavera fa con i ciliegi
Sun Yuan & Peng Yu
the world is a fine place for you to fight for
Nari Ward Domino Men
fino al 27 agosto
Chen Zen
10 settembre - 28 gennaio 2012
OTTO GALLERY
Via Massimo D’Azeglio, 55 – tel 051 6449845
www.otto-gallery.it
Luigi Carboni Sembianze di cose
fino a fine giugno
P420
Piazza dei Martiri, 5/2 – tel 051 4847957
www.p420.it
Richard Nonas No-Water-In
fino al 24 settembre
BOLOGNA.
GALLERIA ENRICO ASTUNI
Via Jacopo Barozzi, 3 – tel 051 4211132
www.galleriaastuni.com
Museums, galleries, homes and
other stories
Roberto Ago / Martin Borowski / David Shaw /
Kamen Stoyanov / Martin Creed / Jan Dibbets /
Jimmie Durham / Darius Miksys
a cura di Lorenzo Bruni
10 giugno - 30 settembre
FABIO TIBONI ARTE CONTEMPORANEA
Via del Porto, 50 – tel 051 6494586
www.fabiotiboni.it
Yorgos Stamkopoulos Positive Pollution
testo di Marina Fokidis
10 giugno - 30 luglio
MODENA.
EMILIO MAZZOLI
Via Nazario Sauro, 62 – tel 059 243455
www.galleriamazzoli.com
OPERA - Paintings from Berlin
Christian Achenbach / Jonas Burgert
fino al 30 luglio
REGGIO EMILIA.
DISPARI E DISPARI
Via Vincenzo Monti, 51/a – tel 339 8813110
www.dispariedispari.org
Fountain Show
Steven Claydon / Flavio Favelli / Peter Goi /
Brian Griffiths / Thomas Kilpper / Erik van
Lieshout / Katrin Plavcak / Cullinan Richards /
Patrick Tuttofuoco / Gavin Turk /
Alterazioni Video / Klaus Weber
fino a settembre
CAR PROJECTS
Via Pietramellara, 4 – tel 051 6592522
www.carprojects.it
Cullinan Richards Black lights
9 giugno - 30 luglio
VENEZIA.
MICHELA RIZZO
San Marco, 2597 – tel 041 2413006
www.galleriamichelarizzo.net
Roman Opalka Il Tempo della Pittura
a cura di Ludovico Pratesi
4 giugno - 8 ottobre
CATERINA TOGNON
San Marco, 2671 – tel 041 5207859
www.caterinatognon.com
Interloqui
Neil Brownsword /Edmund de Waal /
Rose English / Claire Fontaine / Paul Noble /
Lawrence Weiner / Cerith Wyn Evans
a cura di Grainne Sweeney
2 giugno - 26 novembre
GALLERIA TRAGHETTO
Campo Santa Maria del Giglio.
San Marco, 2543 – tel 041 5221188
www.galleriatraghetto.it
Maria Elisabetta Novello
a cura di Martina Cavallarin
fino al 29 giugno
LA GIARINA
Interrato dell’Acqua Morta, 82
tel 045 8032316 – www.lagiarina.it
Deniz Üster / Tom Harrup
Encrypting Signs on the Fabric of a Rhizome
a cura di Elena Forin
fino al 17 settembre
VERONA.
STUDIO LA CITTÀ
Lungadige Galtarossa, 21 – tel 045 597549
www.studiolacitta.it
Jacob Hashimoto Armada
a cura di Leah Ollman
fino al 17 settembre
FAMA GALLERY
Corso Cavour, 25 – tel 045 8030985
www.famagallery.com
Phantasmagoria
Sam Buxton / Tim Noble & Sue Webster /
Barry Reigate / Conrad Shawcross
a cura di James Putnam
fino al 16 luglio
27
VICO MAGISTRETTI E IL SUO READY MADE DESIGN
DESIGN
Cosa accomuna l’operazione progettuale del designer Vico Magistretti – creatore di storiche
invenzioni per marchi italiani come Artemide, Cassina, De Padova, Flou, Oluce e Schiffini
Mobili Cucine – con la poetica dada e surrealista dell’objet trouvée è subito chiarito dalla
definizione, spesso attribuita ai suoi brevetti, di “ready made design”: l’idea che da una
catena di bicicletta possa nascere un comodo sofa, o che una tapparella diventi la base di un
altrettanto comodo letto fa pensare a quanto la sua ricerca, estemporanea e intuitiva, abbia
risentito dell’immediatezza di certe analogie visive. Progetti al telefono è una lunga mostra
che la Fondazione Magistretti dedica agli inediti materiali d’archivio e ai pezzi della collezione dell’architetto milanese, riuniti in un allestimento materiale e progettuale curato dai
giovani progettisti Paolo Imperatori, Davide Fornari e Luca Poncellini.
a sinistra: uno scrittoio di Lorenzo Damiani / Plusdesign
PLUSDESIGN
Via Giovanni Ventura 6 – tel 3487458072
www.plusdesigngallery.com
Edizioni limitate 2011
Emmanuel Babled / Sam Baron / Lorenzo
Damiani / Alice Guareschi / Julia Lohmann /
Jens Praet / Luca Vitone
fino al 30 giugno
Lo spazio presenta gli oggetti d’arredo realizzati da artisti e designer per l’edizione limitata
2011: dalla lampada Anywhere Else di Emmanuel Babled – tubi di neon curvati – a Salomè,
tavolo ovoidale di Sam Baron, fino al componibile paravento in legno e ottone di Alice
Guareschi, al pouf/ruota di Luca Vitone e allo
scrittoio in forma di scrigno, retto da sedie
angolari, concepito da Lorenzo Damiani.
TRIENNALE DESIGN MUSEUM
Viale Alemagna 6 – tel 02724341
www.triennaledesignmuseum.it
China New Design
a cura di Jérôme Sans e Cui Quiao
8 giugno - 11 settembre
a sinistra: un pezzo di Yung Ho Chang Atelier / Triennale
Design; a destra: Sala riunioni, modelli di architettura. Foto
di Matteo Carassale / Fondazione Vico Magistretti
ALLA TRIENNALE IL NUOVO DESIGN CINESE SI MOSTRA
FONDAZIONE VICO MAGISTRETTI
Via Conservatorio 20 – tel 0276002964
www.vicomagistretti.it
Vico Magistretti Progetti al telefono
fino al 24 febbraio 2012
In China New Design sono stati raccolti lavori dei designer cinesi contemporanei, molti ancora
mai presentati all’estero. In occasione dell’anno culturale della Cina in Italia l’evento offre
un’ampia panoramica sulle varie forme di cultura delle giovani generazioni cinesi. Per la cura
di Jérôme Sans e Cui Quiao gli spazi del MINI&Triennale CreativeSet dedicano una finestra sul
New Far East Design, con una selezione di mostre sul design orientale. Si passa da “classici”
oggetti d’uso e elementi d’arredo alle nuove forme del gioiello e dell’ultimo design multimediale, da vere e proprie realizzazioni d’arte a produzioni seriali, sino a lavori, e ad artisti, ad oggi
mai prodotti. Dunque una possibilità di conoscere un’espressività spesso “non ancora inquinata dalla commercializzazione”, come sottolinea il curatore Quiao, e progettisti che altrettanto
spesso non hanno la possibilità di mostrare e, nel migliore dei casi, esportare il proprio lavoro.
NHOW HOTEL
Via Tortona 35 – tel 024898861
www.nhow-hotels.com
Rooms
a cura di Francesca Cauti e Valentina Riva
fino al 16 settembre
Alcuni brand del design d’arredo propongono
allestimenti domestici che si inseriscono nello
stile Minimal dei quattro piani dell’albergo.
28
ITINERARI DEL DESIGN
a cura di Marco San Martino
In occasione della mostra Espressioni di Gio Ponti alla Triennale (curata da Germano Celant in collaborazione con Gio Ponti Archives e gli
eredi), un percorso cittadino alla scoperta del maestro milanese
ceramica Ponti
Chiesa di San Francesco al Filipponio
GIO PONTI, IL FASCINO DELLA CERAMICA
Palazzo Pirelli
fino al 31 luglio
Nel grattacielo per uffici noto come “Pirellone”, icona incontrastata del capoluogo e
opera più conosciuta del maestro di via Dozza,
si tiene una mostra dedicata alla prolifica
vicenda progettuale e artistica con il nobile
materiale della ceramica. L’esposizione, curata
da Dario Matteoni con il coordinamento artistico di Piero Addis e tecnico di Sandra
Rovello, ruota intorno alla produzione realizzata alla Richard Ginori contraddistinta da un
chiaro segno neoclassico, “alla milanese”
come amava ricordargli il pittore Carlo Carrà.
Molteplici i riferimenti, da Palladio a un certo
gusto teatrale d’ispirazione rinascimentale.
UFFICI MONTEDORIA
Via Pergolesi ang. piazza Caiazzo
Sede di uffici. Qui la pelle dell’edificio è la
sua cifra stilistica, una teoria di ceramiche e
vetri. Come scriveva sua figlia Lisa Licitra
Ponti (Leonardo Editore, 1990): “per le città
fumose con vie strette, facciate lucenti illuminate dal cielo. Queste sono le facciate che
mio padre ‘promuove’, o suggerisce. Facciate
in ceramica (la pioggia le lava), e ceramica
che sia ‘a diamante’ (vi si riflette il sole);
facciate piane con i vetri a filo (rispecchiano
il cielo, lo portano dentro la strada), facciate
‘aeree’, che ‘appaiono’ senza peso e senza
spessore, perché il gioco non è più fra pieni
e vuoti ma fra superfici riflettenti e non”.
TORRE RASINI
Bastioni di Porta Venezia
Architettura residenziale completata nel 1935,
ultimo progetto svolto in collaborazione con
Emilio Lancia. I due volumi, un corpo basso
a sei piani e la torre affacciata sui bastioni,
sono intrisi di codici linguistici degli anni
Venti in cui la tessitura dei mattoni rossi per
la torre e di marmo bianco per l’altro edificio
riveste l’intera architettura disegnando
terrazze e giardini pensili. L’ingresso semicircolare con tre portali d’accesso contrapposti,
le finestre d’angolo, gli infissi e i pavimenti
arricchiscono l’edificio di dettagli di design.
CHIESA DI S. FRANCESCO AL FOPPONINO
Via Paolo Giovio
Accantonato un progetto di Muzio, Ponti
ebbe la meglio nel 1961 con un’architettura la
cui pianta assomiglia ad una geometrica
fusoleria, praticamente due trapezi. Il fronte
con finestre aperte sul cielo, anche a ricordo
delle antiche facciate “a vento”, è una monumentale quinta collegata a due palazzi ai lati.
Per arredi, poli liturgici, lampade Ponti si
avvalse della collaborazione delle maestranze
della Beato Angelico, mitica scuola di arti
applicate.
a sinistra: una veduta esterna della Torre Rasini; sotto: una
veduta della facciata degli uffici Montedora in via Pergolesi
ang. piazza Caiazzo
29
TORINO.
CASTELLO DI RIVOLI
Piazza Mafalda di Savoia – tel 011 9565222
www.castellodirivoli.org
John McCracken Retrospettiva
a cura di Andrea Bellini
fino al 19 giugno
CARAGLIO.CN
CESAC
Via dei Cappuccini, 29 – tel 017 1618260
www.cesac-caraglio.com
Il popolo che manca
Andrea Fenoglio e Diego Mometti
a cura di a.titolo
2 luglio - 18 dicembre
00 Italia. Non c’è un’ombra nella
quale scomparire
a cura di a.titolo
2 luglio - 30 ottobre
Opere dalla Collezione La Gaia
a cura di a.titolo
2 luglio - 18 dicembre
LA SPEZIA.
CAMEC
Piazza Cesare Battisti, 1 – tel 018 7734593
http://camec.spezianet.it
Michelangelo Consani
Ancora ancora la nave in porto
a cura di Francesca Cattoi, Mario Commone,
Lara Conte e Matteo Lucchetti
10 giugno - 31 agosto
TRENTO.
GALLERIA CIVICA. CENTRO DI RICERCA
SULLA CONTEMPORANEITÀ
Via Belenzani, 46 – tel 0461 985511
www.fondazionegalleriacivica.tn.it
Rosa Barba Stage Archive
a cura di Chiara Parisi e Andrea Viliani
Clemens von Wedemeyer
The Repetition Festival Show
a cura di Andrea Viliani
fino al 28 agosto
ROVERETO.TN
MART
Corso Bettini, 43 – tel 800 397760
www.mart.trento.it
Rosa Barba Stage Archive
a cura di Chiara Parisi e Andrea Viliani
fino al 28 agosto
Percorsi riscoperti dell’arte italiana
nella VAF-Stiftung 1947 - 2010
a cura di Gabriella Belli e Daniela Ferrari
2 luglio - 30 ottobre
30
BOLZANO.
RAVENNA.
MUSEION
Via Dante, 6 – tel 0471 223411
www.museion.it
Teresa Margolles Frontera
a cura di Rein Wolfs e Letizia Ragaglia
Image to be projected until it vanishes
a cura Minhea Mircan
fino al 28 agosto
MAR
Via di Roma, 13 – tel 0544 482487
www.museocitta.ra.it
L’Italia s’è desta 1945-1953
a cura di Claudio Spadoni
fino al 26 giugno
MERANO.BZ
KUNST MERANO ARTE
Portici, 163 – tel 0473 212643
www.kunstmeranoarte.org
Hugo Vallazza Colore. Forma. Natura
a cura di Markus Klammer
11 giugno - 25 settembre
Elliott Erwitt Icons
a cura di Valerio Dehò
24 giugno - 25 settembre
VENEZIA.
BASILICA DI SAN GIORGIO
Isola di San Giorgio Maggiore
www.galleriacontinua.com
54. Biennale di Venezia
Anish Kapoor Ascension
1 giugno - 27 novembre
PALAZZO MICHIEL DAL BRUSÀ
Strada Nova 4391/a, Canareggio
www.museopinopascali.it
54. Biennale di Venezia
Pino Pascali Ritorno a Venezia /
Puglia Arte Contemporanea
a cura di Rosalba Branà e Giusy Caroppo
1 giugno - 7 agosto
BOLOGNA.
MAMBO
Via Don Minzoni, 14 – tel 051 6496611
www.mambo-bologna.org
zimmerfrei campo | largo
a cura di Stefano Chiodi
fino al 28 agosto
MODENA.
GALLERIA CIVICA D’ARTE MODERNA
Corso Canalgrande, 103
tel 059 2032911/2940
www.comune.modena.it/galleria
Kindergarten
Futura / Mode2 / Os Gêmeos / Tom Sachs /
Kostas Seremetis / Boris Tellegen (aka Delta)
a cura di Giorgio De Mitri
30 giugno - 18 settembre
FAENZA.RA
MUSEO INTERNAZIONALE DELLE
CERAMICHE
Viale Baccarini 19 – tel 0546 697311
www.micfaenza.org
Premio Faenza
Concorso Internazionale della Ceramica
d'Arte Contemporanea
19 giugno - 25 settembre
FIRENZE.
EX3
Viale Giannotti, 81-85 – tel 055 0114971
www.ex3.it
Marzia Migliora Rada
a cura di Arabella Natalini
Salla Tykkä White Depths
a cura di Marinella Paderni
9 giugno - 11 settembre
STROZZINA CCC
Piazza Strozzi, 1 – tel 055 2776461/06
www.strozzina.org
Identità virtuali
fino al 17 luglio
VILLA ROMANA
Via Senese, 68 – tel 055 221654
www.villaromana.org
After Prisma
a cura di Paolo Emilio Antognoli Viti
giugno
FORTE DEI MARMI.LU
FORTINO
Piazza Garibaldi, 1 – tel 0584 4876277
Vittorio Corsini qualcosa accade
a cura di Enrico Mattei
4 agosto - 4 settembre
PRATO.
CENTRO LUIGI PECCI
Viale della Repubblica, 277 – tel 0574 5317
www.centropecci.it
LIVE! L’arte incontra il rock
a cura di Luca Beatrice e Marco Bazzini
fino al 7 agosto